Wikia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wikia
Wikia Logo.svg
Logo dell'azienda
URL http://it.wikia.com
Tipo di sito Wiki farm
Registrazione Opzionale
Proprietario nessuno
Creato da Jimmy Wales, Angela Beesley
Lancio 2004
Stato attuale Attivo
Slogan Creating Communities

Wikia (nota precedentemente come Wikicities) è un servizio di web hosting gratuito che consiste in una collezione di wiki della società Wikia, Inc. Creata nel 2004 da Jimmy Wales e da Angela Beesley, i proventi di Wikia provengono dalla pubblicità presente sul sito.

Wikia permette di richiedere la creazione di nuove wiki. La maggior parte dei progetti proposti è accettata, anche se solo dopo un vaglio che considera le finalità del progetto e la sua attrattiva in termini di contributori, mentre alcuni soggetti sono proibiti, come la promozione di droghe, alcool, tabacco e gioco d'azzardo. Per ottenere l'approvazione di un nuovo progetto Wikia, i proponenti devono fornire informazioni riguardo allo scopo del loro progetto. Wikia richiede che tutto il contenuto sia rilasciato sotto licenza Creative Commons.[1] Sebbene si tratti di due entità completamente distinte ed indipendenti l'una dall'altra, Wikia ha delle inter-relazioni con Wikipedia, in quanto le comunità di Wikia sono spesso collegate ad essa.

Wikia funziona con il software MediaWiki tramite server GNU/Linux. Wikia fornisce sia supporto tecnico che sociale per tutti gli aspetti di funzionamento della comunità wiki.

Il centesimo progetto di Wikia è stato creato il 3 febbraio 2005[2]; a luglio 2007 contava wiki in più di 50 lingue[3], e ad aprile 2010 si è giunti a più di 100.000 wiki[4].

Il 27 marzo 2006 Wikia ha annunciato di aver ricevuto 4 milioni di dollari in capitale da un gruppo di investitori.[5]

Motori di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Wikiasari[modifica | modifica wikitesto]

Wikiasari, termine composto dalla parola hawaiiana wiki ("velocemente") e giapponese asari ("ricerca accurata"), è il nome (scelto in un concorso del novembre 2004) di un progetto lanciato da Jimmy Wales (già co-fondatore di Wikipedia) che mirava a creare un nuovo motore di ricerca per il World Wide Web i cui criteri di classificazione (e quindi anche la logica di presentazione agli utenti) fossero open source. Esso avrebbe dovuto consentire una interazione con gli utenti, che avrebbero potuto valutare le pagine proposte per attinenza con la ricerca effettuata e per qualità, mettendo a disposizione questa informazione per ricerche successive e modificando (o superando) così il concetto di PageRank di una pagina.

Il progetto venne terminato nel 2005.

Wikia Search[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Wikia Search.

Il 23 dicembre 2006, Jimmy Wales ipotizzò la creazione di un motore di ricerca basato su wiki. Il progetto fu descritto dai media come un annuncio ufficiale, tanto da far decidere Wikia di ricreare il progetto precedentemente portato avanti con il nome di "Search Wikia".[6]

Ad una conferenza del 31 gennaio 2007, Wales annuncia che Wikia progetta un motore di ricerca che possa competere con Google e Yahoo basato sul meccanismo cooperativo di Wikipedia.[7][8][9]

Il 24 dicembre 2007, Wales annuncia che Wikia Search è entrata in un "private pre-alpha"[10][11] e la "public alpha" è stata lanciata il 7 gennaio 2008.[12]

Gli utenti possono contribuire in due modi: votando le singole voci e migliorando l'algoritmo del motore di ricerca. L'algoritmo Grub è stato acquisito nel luglio 2007, ed è di pubblico dominio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wikia - Terms of use
  2. ^ Community Central:Press: 100 Wikicities - Wikia Community Central
  3. ^ http://www.technewsworld.com/story/Vkg5Q8W8POblL7/Wikipedia-Founder-Staffs-For-Profit-Wikia-Spinoff.xhtml
  4. ^ User blog:Sarah Manley/100,000 wikis on Wikia - Wikia Community Central
  5. ^ Search results for "Press releases/March 2006" - Wikis from Wikia - Join the best wiki communities
  6. ^ About search
  7. ^ Wales: Search Wikia Will Succeed Where Google Cannot, InformationWeek.
  8. ^ Wikipedia founder says to challenge Google, Yahoo, Reuters.
  9. ^ Jonathan Thaw, Wikia plans editable Web search engine, Bloomberg News.
  10. ^ Jimmy Wales, private pre-alpha invites available, 24 dicembre 2007. URL consultato il 24 dicembre 2007.
  11. ^ Wikia Search Project to Launch Jan. 7, Wales says in The Washington Post, 24 dicembre 2007. URL consultato il 24 dicembre 2007.
  12. ^ Wikianswers - Find and edit the best answers. Add your questions here

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Web