Valéry Giscard d'Estaing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valéry Giscard d'Estaing
Valéry Giscard d’Estaing 1978.jpg

20° Presidente della Repubblica Francese
Durata mandato 27 maggio 1974 –
21 maggio 1981
Primo ministro Jacques Chirac,
Raymond Barre
Predecessore Georges Pompidou
Successore François Mitterrand

Presidente della Convenzione europea
Durata mandato 15 marzo 2002 –
10 luglio 2003
Vice presidente Giuliano Amato,
Jean-Luc Dehaene

Dati generali
Partito politico Centro Nazionale degli Indipendenti e dei Contadini
(fino al 1962)
Repubblicani Indipendenti
(1962-1977)
Partito Repubblicano
(1977-1995)
Partito Popolare per la Democrazia Francese
(1995-1997)
Democrazia Liberale
(1997-1998)
Unione per la Democrazia Francese
(1978-2002)
Firma Firma di Valéry Giscard d'Estaing
Valéry Marie René Georges Giscard d'Estaing d'Andorra
S.E. Coprincipe ex officio del
Principato di Andorra
In carica 1974 - 1981
Incoronazione 1974
Predecessore Georges Pompidou d'Andorra
Successore François Mitterrand d'Andorra
Altri titoli ex-presidente della Repubblica francese
Nascita Coblenza, 2 febbraio 1926

Valéry Marie René Georges Giscard d'Estaing [vale'ʁi ʒis'kaʁ dɛs'tɛ̃] (Coblenza, 2 febbraio 1926) è un politico francese. È stato Presidente della Repubblica francese dal 27 maggio 1974 al 21 maggio 1981. Noto per il suo sostegno al federalismo europeo, Valéry Giscard d'Estaing è stato il presidente della Convenzione europea.

Ministro dell'economia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Edmond Giscard d'Estaing, un alto funzionario di banca[1] che al momento della sua nascita si trovava in missione nella Germania di Weimar, compie studi brillanti a Parigi (Liceo Janson-de-Sailly, Liceo Louis-le-Grand, École polytechnique, École nationale d'administration). Diciottenne, partecipa a qualche azione della Resistenza francese e dopo la Liberazione di Parigi nell'agosto 1944 è inquadrato nell'esercito francese impegnato a combattere le ultime settimane di guerra contro i nazisti. Funzionario dell'amministrazione finanziaria dal 1952, consigliere ufficioso, quindi consigliere tecnico e poi vice direttore di gabinetto di Edgar Faure, ministro delle Finanze e presidente del consiglio tra il 18 giugno 1954 e il 24 gennaio 1956.

Eletto deputato all'Assemblée Nationale nel 1956 per il Centre national des indépendants et paysans (CNI), una formazione di centrodestra. È nominato sottosegretario alle Finanze nel governo formato il 18 ottobre 1957 da Antoine Pinay, che tuttavia non ottiene l'investitura dell'Assemblée Nationale. Rieletto deputato nel 1958,[2] è favorevole all'avvento della Quinta Repubblica francese. Segretario di Stato alle Finanze dal 1959 al 1962[3]. È ministro delle Finanze e degli Affari economici dal 1962 al 1966 e dell'Economia e delle Finanze dal 1969 al 1974, diventando in pratica l'uomo forte dell'economia francese. Nel 1966 esce dal CNI - da cui aveva già iniziato a prendere le distanze dal 1962 - e fonda il movimento dei Républicains Indipéndents (RI), d'ispirazione liberale.

Il distacco da De Gaulle[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966, escluso dal governo, incomincia a prendere le distanze dal presidente della Repubblica Charles de Gaulle e, in occasione del referendum indetto da quest'ultimo per il 27 aprile 1969, avente ad oggetto la riforma del Senato e delle Regioni, si schiera nettamente per il "no", che sarà infatti prevalente costringendo l'ormai anziano capo dello Stato a dimettersi all'indomani della consultazione.

Presidente della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

La marcia verso l'Eliseo[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni presidenziali del 1969 appoggia la candidatura di Georges Pompidou, che una volta eletto presidente della Repubblica richiamerà Giscard al governo affidandogli il ministero dell'Economia e delle Finanze. Giscard asseconda la linea economica promossa da Pompidou, che mira a favorire in tutti i modi il processo di industrializzazione della Francia e la piena occupazione, ma affronta blandamente la galoppante inflazione. In occasione di un rimpasto del governo di Pierre Messmer, nel marzo 1973 Giscard è promosso al rango di ministro di Stato[4]. Pochi giorni dopo la morte di Pompidou, avvenuta in corso di mandato il 2 aprile 1974, si candida alle elezioni presidenziali presentandosi come l'espressione dello schieramento liberale, estraneo alle idee golliste. La sua candidatura ha immediatamente l'effetto di spaccare il centrodestra: in rotta con i "baroni del gollismo",[5] il ministro dell'Interno Jacques Chirac dichiara che voterà per Giscard, e insieme a lui 39 deputati e tre membri del governo appartenenti al suo partito. Con l'effetto di spiazzare il candidato ufficiale del partito gollista, l'ex Primo Ministro Jacques Chaban-Delmas, già indebolito da una campagna di stampa diffamatoria e da alcuni errori tattici.[6] Dal suo canto, Giscard sperimenta per la prima volta una campagna presidenziale all'americana, e anche grazie al suo aspetto giovanile riesce a "bucare" perfettamente il teleschermo.

Al primo turno, Giscard conquista il 32,6%, entrando nel ballottaggio contro François Mitterrand che ha il 43,2% dei voti. Chaban-Delmas ha solo il 15,1%, ed è quindi escluso. Al dibattito televisivo che precede il secondo turno Giscard ha la meglio sul candidato socialista, grazie anche a una frase assassina assestata alla sprovvista: "Lei, signor Mitterrand, non ha il monopolio del cuore". Il 19 maggio, giorno del ballottaggio, Giscard ha il 50,8% dei voti battendo, sia pur di misura, Mitterrand. A 48 anni, è il più giovane presidente della Quinta Repubblica francese, primato che a tutt'oggi è rimasto imbattuto. Come da tradizione, l'elezione a presidente lo eleva altresì al rango di coprincipe del principato di Andorra.

Il "cambiamento nella continuità"[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 maggio 1974, una volta insediatosi all'Eliseo,[7] Giscard si sdebita con Jacques Chirac nominandolo Primo ministro.[8] Ma i rapporti fra i due finiscono per deteriorarsi. Chirac si dimette sbattendo la porta il 25 agosto 1976,[9] ed è sostituito dall'economista liberale Raymond Barre.

Giscard, consapevole di essere stato eletto per un'incollatura, soprattutto nel corso dei primi dodici mesi del suo settennato cerca di stemperare il clima conservatore della Francia dell'epoca adottando dei provvedimenti di stampo progressista (il changement dans la continuité) e accettando il confronto diretto con i maggiori rappresentanti dell'opposizione (la décrispation). Due donne dalla forte personalità entrano a far parte del governo: Simone Veil e Françoise Giroud[10]. La maggiore età è abbassata da 21 a 18, le possibilità di chiedere il divorzio sono ampliate, l'adulterio è depenalizzato ed è legalizzata l'interruzione volontaria della gravidanza. Sono unificati gli studi medi (il "college unique"). Sono resi più incisivi i poteri delle due Camere, con l'istituzione del question time e della possibilità attribuita a un gruppo formato da almeno 60 deputati o senatori di impugnare le leggi appena approvate e non ancora promulgate davanti al Consiglio costituzionale. E a far parte di questo organismo, chiama l'eminente costituzionalista Georges Vedel, rompendo la tradizione che dal 1958 vedeva la nomina di uomini politici di provata fede gollista. Parigi è dotata di uno statuto speciale, che prevede il ripristino dopo un secolo della carica di sindaco (le prime elezioni si terranno nel 1977). E uno dei primi atti di Giscard presidente, è di raccomandare al governo di porre un freno alla realizzazione nella Capitale di uffici, grattacieli e autostrade urbane[11]. Sono finanziati i lavori del TGV Parigi-Lione, che sarà inaugurato il 27 settembre 1981 dal suo successore François Mitterrand.

Da sinistra Giulio Andreotti, Takeo Fukuda, Jimmy Carter, Helmut Schmidt e Valéry Giscard d'Estaing all'incontro del G7 a Bonn 1978

Europeista convinto da sempre, è su suo impulso se dal 1979 il Parlamento europeo è eletto a suffragio universale. Promuove l'istituzione del Consiglio d'Europa e la nascita della moneta unica (con Helmut Schmidt condivide la paternità dell'ECU). Grazie alle sue competenze nel campo economico e alla sua padronanza delle lingue straniere, Giscard tiene sempre banco nel corso dei primi summit fra i paesi più industrializzati del mondo (i G6, divenuti in seguito G7 e poi G8), organismo cui è promotore nel novembre 1975.[12] Per attenuare la sua apparenza di tecnocrate freddo e altezzoso,[13] non esita ad adottare espedienti di carattere demagogico come, ad esempio, quello di accettare gli inviti a pranzo da parte dei francesi qualunque. Risale al suo settennato l'organizzazione di un garden party per migliaia di invitati nei giardini dell'Eliseo ogni 14 luglio, tradizione che sarà sospesa nel 2010 da Nicolas Sarkozy. Arriva al punto da pilotare personalmente l'elicottero presidenziale, e a volte lascia nottetempo la sua abitazione privata, forse per recarsi ad appuntamenti galanti (in una di queste occasioni la sua automobile sarà coinvolta in un incidente automobilistico avvenuto alle prime luci dell'alba).

Ma il suo settennato è messo a dura prova dalla crisi economica internazionale innescata dalle due successive crisi petrolifere: la prima, scoppiata nel 1973, alla fine del settennato interrotto di Georges Pompidou, e la seconda esplosa nel 1979.[14] Con la nomina di Barre, la linea economica del governo muta di rotta, passando dal dirigismo al liberalismo, sia pure temperato da una politica di rigore vòlta alla stabilizzazione del franco. All'interno, il finire degli années Giscard è caratterizzato da alcune morti mai sufficientemente chiarite: il misterioso suicidio del ministro del lavoro Robert Boulin e l'assassinio di due ex ministri, Jean de Broglie (tra l'altro lontanamente imparentato con la moglie di Giscard) e Joseph Fontanet. Non mancheranno gli episodi terroristici : il 3 ottobre 1980 un attentato alla sinagoga della rue Copernic a Parigi provoca 3 morti e 46 feriti. In quell'occasione, sia Giscard che Barre commettono dei passi falsi : il primo astenendosi dal recarsi sul luogo dell'attentato e il secondo, giunto sul posto, rendendo una dichiarazione maldestra alla stampa.

La pena di morte[modifica | modifica wikitesto]

Quella di Giscard d'Estaing è l'ultima presidenza francese nel corso della quale è applicata la pena di morte. In tre casi su sette, Giscard respinge la richiesta di grazia presentata dai legali del condannato. E così tra il 1976 e il 1977, durante il suo mandato, hanno luogo le ultime esecuzioni per ghigliottinamento in luogo chiuso al pubblico.[15] Nel contempo Giscard - che nel corso della campagna per le presidenziali del 1974 aveva manifestato pubblicamente la sua avversione per la pena capitale - costituisce nel 1977 un comitato di riflessione, affidandone la presidenza a Alain Peyrefitte. Il gruppo di lavoro elaborerà un disegno di legge nel quale è prevista, tra l'altro, l'abolizione della condanna a morte. Tuttavia, quando nel marzo del 1977 lo stesso Peyrefitte è nominato guardasigilli, la soluzione abolizionistica è ritirata dal provvedimento.[16]

La sconfitta del 1981[modifica | modifica wikitesto]

Non riuscirà a farsi rieleggere alle presidenziali del 1981. Da una parte, è l'obiettivo di una campagna spesso violenta di stampa che gli rimprovera, fra l'altro, il gusto un po' antiquato per le forme protocollari e l'incauta frequentazione dell'ex dittatore centrafricano Bokassa. Il secondo argomento sarà ripreso durante la campagna elettorale dai militanti dei suoi principali contendenti.[17] Dall'altra, al primo turno si trova come avversario, oltre a un agguerrito François Mitterrand, il suo ex Primo ministro Jacques Chirac. Dall'autunno del 1978, infatti, quest'ultimo conduce una guerra senza quartiere contro Giscard e il Primo ministro Barre.[18]

Il 26 aprile, al primo turno, Giscard ha il 28,3% dei voti e il candidato socialista il 25,8%. Chirac, con il suo 17,9%, non riesce a entrare nel ballottaggio, tuttavia si attiverà per provocare una forte erosione di consensi ai danni del presidente uscente. A tutt'oggi, Giscard afferma di avere la certezza che, grazie all'azione sotterranea degli uomini di Chirac,[19] al secondo turno una frangia consistente dell'elettorato neo-gollista avrebbe riversato i suoi voti su Mitterrand, con l'effetto di far pendere la bilancia a favore di quest'ultimo. Tale versione dei fatti è stata confermata da Raymond Barre in un libro-intervista uscito poco prima della sua scomparsa.[20]

Chirac - che poco prima delle elezioni presidenziali si era incontrato segretamente con Mitterrand[21] - al momento in cui sono resi noti i risultati del primo turno dichiara che voterà per Giscard "a titolo personale", con un tono di una tale freddezza da suonare come un'aperta presa di distanza nei riguardi del presidente uscente.

Questa volta, nel faccia-a-faccia televisivo è Mitterrand ad avere la meglio. Il 20 maggio, i risultati del ballottaggio confermeranno le previsioni degli ultimi sondaggi: Mitterrand conquista il 51,8% battendo Giscard che ha il 48,2% dei voti.

Dopo l'Eliseo[modifica | modifica wikitesto]

Giscard D'Estaing a colloquio col Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, 20 giugno 2006.

In una prima fase, si discosta dalla politica dedicandosi ai viaggi all'estero. Ma dal 1982 riprende a fare vita politica attiva, partecipendo a tribune televisive e presentandosi alle elezioni per il consiglio generale del Puy-de-Dôme. Nel 1984 è eletto all'Assemblée nationale in occasione di una suppletiva. Nel 1986, rieletto deputato, presenta la sua candidatura all'elezione a presidente dell'Assemblée Nationale condidando nei voti di tutto il centrodestra, ma è costretto a ritirarla allorché la componente della maggioranza, il RPR, decide di votare per Jacques Chaban-Delmas.

Nel corso del primo settennato di François Mitterrand (1981-1988), diventa un consigliere occulto del presidente della Repubblica, che non ha mai fatto mistero della grande stima che nutre nei confronti del suo predecessore.[22] Nel marzo 1986, in occasione della formazione del primo governo di coabitazione guidato da Jacques Chirac, declina l'offerta di diventare ministro degli Esteri,[23] e lo stesso Mitterrand, contrario alla presenza di capi partito in un governo espressione dello schieramento politico a lui ostile, è restio a sottoscrivere tale nomina.[24]

Il 1º dicembre 1986, è a fianco di Mitterrand[25] alla cerimonia d'inaugurazione a Parigi del Museo d'Orsay. L'apertura del cantiere della riconversione della Gare d'Orsay in un museo dedicato all'arte della seconda metà del XIX secolo, infatti, risale alla presidenza Giscard.[26] Appartiene alla presidenza Giscard anche la concezione della Cité des sciences et de l'industrie alla Villette, anch'essa inaugurata nel 1986 da Mitterrand.

Deputato all'Assemblée Nationale dal 1984, nel 1989 si dimette per incompatibilità con il triplo mandato (è anche deputato europeo e presidente della sua Regione). Rieletto deputato nel 1993 e 1997, non si ripresenta alla elezioni legislative del 2002 cedendo il collegio elettorale a uno dei figli.

Presidente della commissione Esteri dell'Assemblée Nationale dal 1987 al 1989 e dal 1993 al 1997.

È parlamentare europeo dal 1989 al 1993.[27]

Presidente del Consiglio regionale dell'Alvernia dal 1986, è rieletto nel 1992 e nel 1998, ma nel 2004 è battuto dal candidato socialista. Nel 1995 tenta di farsi eleggere sindaco del capoluogo Clermont-Ferrand, ma senza successo.

Dal 1988 al 1995 è presidente dell'Unione per la Democrazia Francese (UDF), formazione politica fondata nel 1978 su suo impulso a cui aderiscono i partiti liberali e quelli centristi.

Alla vigilia delle elezioni presidenziali del 1988 Giscard non si ripresenta, ma sostiene - sia pure senza entusiasmo - la candidatura del suo ex Primo ministro Raymond Barre. Dal suo canto, Mitterrand fa di Giscard il suo candidato a Primo ministro nell'eventualità di una sua rielezione all'Eliseo. L'ipotesi è successivamente scartata giacché Mitterrand, riconfermato presidente della Repubblica per altri sette anni, preferisce sciogliere l'Assemblea Nazionale e indire le elezioni anticipate, che vedranno l'affermazione (sia pure di stretta misura) di una maggioranza a lui favorevole.

Negli ultimi mesi del 1992, approssimandosi le elezioni legislative previste per il marzo dell'anno successivo, e in vista di una maggioranza schiacciante all'insieme dei partiti centristi e di quelli di destra all'Assemblée Nationale, Mitterrand domanda all'allora ministro Bernard Tapie di sondare Giscard su una sua eventuale disponibilità a guidare un governo di coabitazione.[28] I risultati elettorali confermano la previsione della vittoria del centrodestra, tuttavia Mitterrand preferirà nominare Primo ministro l'esponente del RPR Edouard Balladur.

Alle elezioni presidenziali del 1995 Giscard appoggia la candidatura di Jacques Chirac, e in occasione di quelle del 2007 e del 2012 dichiara di votare per Nicolas Sarkozy.

Il 4 febbraio 2011, il presidente della Repubblica Sarkozy lo incarica di presiedere una commissione di dieci esperti, con il compito di stabilire la destinazione dell'Hôtel de la Marine a Place de la Concorde.

Dal 2002 è presidente del comitato consultivo dell'agenzia Fitch. Dal 2009 è presidente onorario del think thank Atomium Culture. In Italia, è presidente onorario del comitato TEBE (Tutela enti lasciti benefici).

Presidente della Convenzione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Da quando ha lasciato la presidenza della Repubblica nel 1981, Giscard non ha più rivestito cariche istituzionali. Alle elezioni presidenziali del 1995 negozia il suo sostegno alla candidatura di Jacques Chirac in cambio della nomina a un importante incarico europeo. E infatti, nel dicembre 2001 è designato alla presidenza della Convenzione Europea. Lo scopo di questa Convenzione è di unificare i diversi trattati europei e creare una bozza di costituzione. Il testo finale è messo a punto nel 2003, e quindi firmato a Roma dai capi di Stato e di governo dei paesi dell'Unione Europea nell'ottobre 2004. Ma il voto contrario del 55% dei francesi al referendum del 29 maggio 2005 sulla ratifica, oltre a seppellire la costituzione europea, è uno smacco per Giscard. Il Trattato di Lisbona del 2007 riprenderà in gran parte le disposizioni della costituzione.[29]

Nel 2002 rilevando le forti differenze culturali dichiara pubblicamente la sua decisa contrarietà all'entrata della Turchia nell'UE, sostenendo che un suo eventuale ingresso segnerebbe la fine dell'Unione europea rendendo impraticabile una vera integrazione politica (la Turchia diverrebbe lo stato più grande e popoloso dell'Unione), nella stessa circostanza Giscard d'Estaing fa inoltre notare come la Turchia non possa essere considerata un paese europeo avendo il 95% della propria popolazione (oltre che la propria capitale) in un altro continente.[30]

Accademico di Francia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 è eletto membro dell'Académie Française, succedendo a Léopold Sédar Senghor che fu il primo presidente del Senegal.

Accademico di Spagna e accademico del Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 è eletto membro dell'Accademia reale delle Scienze economiche e finanziarie di Spagna, e nel 2008 è eletto membro aggregato dell'Accademia Reale del Belgio, classe delle Lettere e delle Scienze morali e politiche.

Membro del Consiglio costituzionale[modifica | modifica wikitesto]

In quanto ex presidente della Repubblica, è membro di diritto del Consiglio costituzionale. Ma ha accettato di entrare a far parte del prestigioso organismo solo dal 2005.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con Anne-Aymone Sauvage de Brantes, ha quattro figli, uno dei quali, Louis, dal 2002 è deputato all'Assemblée Nationale, della quale è eletto vice presidente il 7 luglio 2011.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Valéry Giscard d'Estaing indossa sempre dei completi grigi o bleu marine dal taglio perfetto che ne mettono in risalto la figura alta e snella, ma si concede a volte qualche eccentricità, come sfoggiare uno smoking verde.

Il 27 maggio 1974, giorno dell'insediamento, rivoluziona il cerimoniale recandosi a piedi all'Eliseo e, alla fine della giornata, risalendo sempre a piedi gli Champs-Elysées fino all'Arc de Triomphe. Anziché il frac, indossa un completo scuro, e al momento in cui gli viene consegnato il collare di Gran Maestro della Legion d'Onore si rifiuta d'indossarlo. Anche in occasione della posa per la foto ufficiale abbandona la tradizione che dal 1870 vuole che il presidente della Repubblica si faccia ritrarre in frac e decorazioni. Infine, impone alla banda della Guardia Repubblicana di eseguire la Marsigliese in una versione meno marziale.[31]

Giscard ha sempre fatto sfoggio dei suoi interessi nel campo della musica classica e della letteratura.

Meno esibita la sua passione per la caccia, soprattutto in paesi esotici.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

È autore di numerosi saggi e perfino di un romanzo rosa: Le passage (1994). Una versione ridotta dei primi due tomi delle sue memorie Le pouvoir et la vie è stata pubblicata in Italia nel 1994 con il titolo Il potere e la vita. Il terzo volume, Choisir, è uscito in Francia nel 2006, ma non è stato ancora tradotto in italiano.

Nel settembre 2009 è annunciata l'uscita di un suo nuovo romanzo, La Princesse et le Président, nel quale è narrata la love story fra due personaggi ricalcati sulla stessa figura dell'ex presidente della Repubblica e di Lady Diana.[32]. Nel 1996, l'allora principessa di Galles aveva preso parte a un gala di beneficenza a Versailles promosso dalla fondazione presieduta da Anne-Aymone Giscard d'Estaing. Dal canto suo, l'ex capo dello Stato ha dichiarato che il suo libro è basato su fatti di pura fantasia.[33]

Principali riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Medaglia d'oro della fondazione Jean Monnet pour l'Europe (2001)
  • Premio De Gaulle-Adenauer (2006)

Onorificenze[34][modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran maestro e cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore
Gran maestro e cavaliere di gran croce dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e cavaliere di gran croce dell'Ordine Nazionale al Merito
Croix de guerre 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945
Valéry Giscard d'Estaing, Cavaliere dell'Ordine dei Serafini

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 1962
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 1º ottobre 1973[35]
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1976
Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 1978[36]
Cavaliere dell'Ordine dell'elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'elefante (Danimarca)
— 12 ottobre 1978[37][38]
Gran collare dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo)
— 21 ottobre 1978[39]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 6 giugno 1980[40]
Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg (Baden-Wuerttemberg) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg (Baden-Wuerttemberg)
— 8 aprile 2005
Balì gran croce di onore e di devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì gran croce di onore e di devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La famiglia Giscard non appartiene all'aristocrazia. Nel 1922, Edmond Giscard aveva ottenuto dal Consiglio di Stato il diritto di aggiungere il secondo cognome "d'Estaing", in virtù di una lontana parentela con un'omonima di un'amante di Luigi XV e di un ammiraglio di Luigi XVI.
  2. ^ Costantemente rieletto a tutte le elezioni successive, lascia il seggio all'Assemblée Nationale ogni qualvolta ricopre una carica di governo o di parlamentare europeo o allorché eletto presidente della Repubblica.
  3. ^ In tale veste, è il principale collaboratore di Antoine Pinay, ministro fino al 13 gennaio 1960.
  4. ^ Ossia numero due del governo
  5. ^ I seguaci della prima ora del generale De Gaulle, come Jacques Chaban-Delmas, Michel Debré, Jacques Foccart, Roger Frey, Olivier Guichard e André Malraux.
  6. ^ In particolare, una campagna elettorale maldestra e un'infelice sortita televisiva a fianco di un André Malraux visibilmente alticcio.
  7. ^ L'uomo forte nel corso di una prima fase del settennato giscardiano sarà Michel Poniatowski (1922-2002), ministro di Stato e dell'Interno fino al 1977.
  8. ^ Appena eletto, Giscard non si avvarrà della prerogativa di sciogliere l'Assemblée Nationale e indire nuove elezioni, cosa che in quel frangente avrebbe avuto conseguenze catastrofiche sul partito gollista. Eviterà di fare lo stesso passo nella primavera del 1976, nonostante Chirac premesse per le elezioni anticipate.
  9. ^ È il primo, e finora unico caso nella storia della Quinta Repubblica francese di un Primo ministro che si dimette di propria iniziativa. Nella conferenza stampa con la quale annunciò le sue dimissioni, Chirac disse senza mezzi termini di non essere stato messo nelle condizioni di esercitare le proprie funzioni.
  10. ^ Quest'ultima sarà nominata segretario di Stato alla condizione femminile. Nel 1977 passerà alla Cultura, dove rimarrà per poco tempo.
  11. ^ Lettera di incarico dell'11 settembre 1974.
  12. ^ Secondo gli intenti iniziali il summit avrebbe sovuto essere circoscritto a Francia, Germania Ovest, Giappone, Inghilterra e Stati Uniti. Fu Olivier Stirn, all'epoca segretario di Stato ai Dipartimenti e ai Territori d'oltremare, a sottolineare l'opportunità della partecipazione dell'Italia (Olivier Stirn: Mes Présidents, Editions du félin 2004). E infatti, in occasione del vertice di Rambouillet del novembre 1975 Valéry Giscard d'Estaing fece invitare anche l'allora presidente del Consiglio Aldo Moro. (Georges Valance: VGE une vie, Flammarion 2011).
  13. ^ Come anche il suo predecessore, abbandona la retorica aulica della tradizione gollista nella comunicazione mediatica, per la quale adotta un approccio più dimesso: cfr. Michel, Franck, "Breaking the Gaullian Mould: Valéry Giscard d'Estaing and the Modernisation of French Presidential Communication" in Modern & Contemporary France, 13, no. 3 (August 2005): 291-306.
  14. ^ All'inizio del 1974, i disoccupati in Francia erano 450 mila, che diverranno 900 mila alla fine del 1975 e 1,7 milioni nel 1981. Il numero di disoccupati continuerà a crescere in maniera inarrestabile durante il doppio settennato del suo successore, François Mitterrand, superando la quota di tre milioni (« Comment la crise économique a "giscardisé" Nicolas Sarkozy », Bertrand Le Gerdre, Le Monde, 7 aprile 2010).
  15. ^ A quell'epoca la Francia ammette ancora, nel suo codice penale, la pena di morte, e le corti d'assise continuano a infliggere la pena capitale. Al presidente della Repubblica spetta in ultima istanza di decidere se concedere la grazia al condannato, commutandogli la pena in ergastolo, oppure lasciare che la giustizia segua il suo corso. La pena di morte sarà abolita in Francia nel 1981, durante la presidenza di François Mitterrand, a seguito dell'iniziativa del ministro della giustizia Robert Badinter.
  16. ^ Nel 2010, nel corso di una trasmissione televisiva a lui dedicata, l'anziano ex presidente rivelerà che, se fosse rieletto nel 1981, non avrebbe abolito la condanna a morte
  17. ^ Secondo un articolo uscito il 10 ottobre 1979 su Le Canard enchaîné, all'epoca in cui era ministro delle Finanze Giscard avrebbe accettato in regalo da Bokassa dei diamanti. L'argomento è addirittura ripreso dal pur cauto Le Monde. Giscard replica, sia pure con un certo ritardo, sostenendo che si sarebbe trattato di minuscoli brillanti. In seguito tornerà sull'argomento nel suo libro di memorie Le pouvoir et la vie, precisando che le pietre sarebbero state vendute all'asta e il ricavato devoluto in beneficenza.
  18. ^ Secondo Roger Chinaud, all'epoca uno dei principali collaboratori di Giscard, l'allora presidente della Repubblica commise soprattutto l'errore di trascurare la preparazione del comitato per la rielezione, che partì in ritardo e a capo del quale chiamò Jean-François Deniau, personalità prestigiosa ma poco portata all'organizzazione. In un'intervista televisiva del 2002, lo stesso Giscard definirà "cattiva" la sua campagna per le presidenziali del 1981.
  19. ^ Ne Le pouvoir et la vie - Choisir (2006). Valéry Giscard d'Estaing ha riprodotto il testo di una lettera-circolare in cui un autorevole esponente del "gollismo di sinistra" nonché capofila della massoneria, l'ex ministro Philippe Dechartre, chiede di votare per il candidato socialista.
  20. ^ Raymond Barre: L'Expérience du pouvoir - Conversations avec Jean Bothorel (2007).
  21. ^ Ne Le pouvoir et la vie - Choisir (2006) Valéry Giscard d'Estaing ha fatto il resoconto del suo ultimo incontro con François Mitterrand nel dicembre 1995, nel corso del quale quest'ultimo avrebbe ammesso di essersi visto con Chirac poco prima delle elezioni presidenziali e di aver preso conoscenza in quella sede della sua intenzione di far battere il presidente della Repubblica in carica. Chirac ha riconosciuto l'esistenza dell'incontro segreto con Mitterrand solo in occasione dell'uscita del primo volume delle sue memorie nel 2009.
  22. ^ Franz-Olivier Giesbert: François Mitterrand, une vie, (1996).
  23. ^ Jacques Chirac, Chaque pas doit être un but, 2009, pag. 313.
  24. ^ Jacques Attali, Verbatim II 1986-1988, (1995).
  25. ^ Telegiornale di Antenne 2 del 1º dicembre 1986 [1].
  26. ^ In realtà, l'idea apparteneva a Jacques Rigaud, direttore di gabinetto di Jacques Duhamel, ministro della Cultura negli anni della presidenza di Georges Pompidou. Nel 1971 Albin Chalandon, ministro di Pompidou, annullò il permesso di costruire che avrebbe dato il via alla demolizione della vecchia stazione allo scopo di realizzare al suo posto un grande albergo. Nel 1973 Pompidou fece in tempo a dare il via libera al progetto di riconversione in museo, che dopo la sua morte fu realizzato dal suo successore, per poi essere portato a termine durante la presidenza di François Mitterrand.
  27. ^ Dal 1989 al 1991 è presidente del gruppo parlamentare dei liberali europei.
  28. ^ Nel 2010, nel corso di una trasmissione televisiva su France 2, l'ex presidente parlerà per la prima volta dei passi di Mitterrand tramite Tapie
  29. ^ « La boîte à outils du traité de Lisbonne », di Valéry Giscard d'Estaing, Le Monde, 26 ottobre 2007.
  30. ^ Giscard chiude alla Turchia Per l'Europa sarebbe la fine (La Repubblica, 9/11/2002)
  31. ^ Marie-France Lecherbonnier, Le protocole, Histoire et coulisses, (2001).
  32. ^ « Les amours romanesques de la princesse et du président », Le Figaro, 21 settembre 2009.
  33. ^ « Giscard sur Lady Di : “J'ai inventé les faits” », Le Figaro, 23 settembre 2009.
  34. ^ Sito web dell'Accademia: dettaglio membro.
  35. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  36. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  37. ^ borger.dk, Ordensdetaljer, Valéry Giscard d'Estaing, Hans Excellence, fhv. præsident for Republikken Frankrig
  38. ^ Frederiksborg
  39. ^ Estrangeiros com Ordens Portuguesas
  40. ^ Serafini

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Christiane Rimbaud: Traversées du désert (Albin Michel 1997)
  • Jean-Pierre Corcelette - Frédéric Abadie: Valéry Giscard d'Estaing (Nouveau Monde 2009)
  • Roger Chinaud: De Giscard à Sarkozy (l'Archipel 2009)
  • Georges Valance: VGE une vie (Flammarion 2011)
  • Raymond-François Le Bris: Une modernisation interrompue (France Empire 2013)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Georges Pompidou 1974 - 1981 François Mitterrand
Predecessore Coprincipe di Andorra Successore Coat of arms of Andorra 3d.svg
Georges Pompidou 1974 - 1981 François Mitterrand
Predecessore Seggio 16 dell'Académie française Successore
Léopold Sédar Senghor 2003

Controllo di autorità VIAF: 89736626 LCCN: n80045870