Tricolore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Tricolore (disambigua).

Il termine tricolore designa una bandiera di tre colori. In lingua italiana il Tricolore per antonomasia è ovviamente quello italiano,[1] ciò nonostante con lo stesso termine possono essere indicate anche altre bandiere formate da tre colori.

Tricolore italiano e negli stati preunitari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Origini del Tricolore e Bandiera d'Italia.

Il tricolore italiano nacque quando l'adozione di una bandiera nazionale soppiantò l'utilizzo di un drappo con le insegne reali come simbolo patrio. L'origine del tricolore italiano va ricercata nei moti giacobini che avvennero in Italia a fine XVIII secolo ed al richiamo alle libertà comunali che parevano vicine agli ideali della Rivoluzione francese.[senza fonte] Il tricolore italiano fu decretato a Reggio Emilia come bandiera della Repubblica Cispadana il 7 gennaio 1797. I colori nazionali hanno tuttavia alcuni precedenti nei tricolori di Bologna, Modena, Felina, Novellara e nel primo tricolore cispadano. Il blu del vessillo francese fu sostituito dal verde probabilmente in relazione ai colori delle divise della Guardia Nazionale milanese. La disposizione era orizzontale con il rosso in alto. L'11 maggio 1798 la Repubblica Cisalpina introdusse una versione a bande verticali.

Nel 1799 la Repubblica Napoletana adottò a sua volta una bandiera tricolore, sempre mutuandola dal tricolore francese, cambiandone il colore bianco in giallo.

Nel 1848, bandiere tricolori vennero fatte sventolare sulla barricate milanesi durante le Cinque giornate di Milano e re Carlo Alberto, prima di iniziare la Prima guerra di indipendenza italiana, adottò come bandiera del suo regno il tricolore verde bianco e rosso, con le bande di colore verticali, inserendovi al centro lo stemma sabaudo.

Lo stesso anno anche l'effimero Regno di Sicilia adottò il tricolore verde bianco e rosso, con al centro la Triscele simbolo dell'isola siciliana; il tricolore venne adottato anche dal Granducato di Toscana con sovrimpresse le armi della casata degli Asburgo-Lorena, dalla Repubblica Romana con la scritta di ispirazione mazziniana Dio e Popolo.

Nel 1861 il Tricolore, caricato dello stemma di Casa Savoia, divenne bandiera ufficiale del Regno d'Italia. Alla nascita della Repubblica lo stemma sabaudo fu abolito e il Tricolore, seppure con proporzioni diverse, tornò ad essere quello del 1798.[2]

L'uso di questa bandiera è puntualmente sancito da un'apposita norma della Costituzione:

« La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni. »
(art. 12 della Costituzione della Repubblica Italiana)

Altri tricolori[modifica | modifica wikitesto]

Tricolori transnazionali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colori colombiani, Colori panafricani, Colori panarabi e Colori panslavi.

Alcuni tricolori a bande orizzontali hanno costituito il modello di altrettante famiglie di bandiere, grazie all'adozione dei loro colori da parte di nazioni e popoli diversi ma vicini per etnia o per altre ragioni. Così, il tricolore russo (bianco, blu e rosso) è diventato matrice dei colori panslavi, quello hashemita (bianco, nero e verde con triangolo rosso) dei colori panarabi, quello etiopico (oro, rosso e verde) dei colori panafricani, e lo storico tricolore di Francisco de Miranda (blu, giallo e rosso) dei colori adottati dalle nazioni della Grande Colombia. Non sempre, tuttavia, le bandiere appartenenti a queste famiglie rispettano lo schema del classico tricolore a bande orizzontali di uguali dimensioni e contigue.

Altri tricolori nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Tricolori a bande verticali[modifica | modifica wikitesto]

Tricolori a banda orizzontale[modifica | modifica wikitesto]

Altri tricolori non nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Tricolori a bande verticali[modifica | modifica wikitesto]

Tricolori a bande orizzontali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione del sostantivo tricolore in lingua italiana
  2. ^ Origine della bandiera italiana

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia