Storia ecclesiastica (Eusebio di Cesarea)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Storia ecclesiastica
Eusebius-of-caesarea.jpg
ritratto di Eusebio
Autore Eusebio di Cesarea
1ª ed. originale IV secolo
Genere saggio
Lingua originale greco antico

La Storia ecclesiastica, in greco Ἐκκλησιαστικῆς ἱστορίας (nota in latino come: Historia Ecclesiastica o Historia Ecclesiae), è un'opera di Eusebio di Cesarea.

In quest'opera Eusebio, secondo quanto dichiara nell'introduzione (I.i.1), vuole presentare la storia della Chiesa dal tempo degli apostoli fino ai suoi giorni, in modo particolare per quanto riguarda questi aspetti:

  1. le successioni episcopali nelle sedi più importanti
  2. la storia dei teologi cristiani
  3. la storia delle eresie
  4. la storia degli ebrei
  5. il rapporto con le genti
  6. i martiri

Egli raggruppa il materiale secondo le epoche degli imperatori, presentandolo direttamente come lo ha rinvenuto nelle fonti (pertanto nella sua opera vi si trova materiale più antico di quello scritto da lui).

  • Libro I: dettagliata introduzione su Gesù Cristo
  • Libro II: la storia dei tempi apostolici fino alla distruzione di Gerusalemme da parte di Tito
  • Libro III: l'epoca successiva fino a Traiano
  • Libro IV e V: Il II secolo
  • Libro VI: l'epoca da Severo a Decio
  • Libro VII: l'epoca fino alla persecuzione di Diocleziano
  • Libro VIII: ancora sulla persecuzione di Diocleziano
  • Libro IX: storia fino alla vittoria di Costantino su Massenzio in occidente e su Massimino in oriente
  • Libro X: il ristabilimento della chiese e la ribellione e conquista di Licinio

Nella sua forma attuale l'opera si conclude prima della morte di Crispo (luglio del 326), poiché il libro X è dedicato a Paolino di Tiro, morto prima del 325, verso la fine del 323 o nel 324. Quest'opera ha richiesto da parte di Eusebio studi preparatori molto ampi e lo ha probabilmente impegnato per anni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]