Signore (titolo nobiliare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Heraldic Crown of Spanish Lords.svg

Corona per il titolo nobiliare di signore nell'araldica italiana e spagnola.

Signore era un titolo nobiliare che spettava a coloro che, nel Medioevo, detenevano il diritto di svolgere funzioni, amministrare territori e/o beni grazie ad una concessione o “beneficio” ricevuto da un'istanza superiore, che poteva essere un re, un nobile o un'autorità religiosa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le signorie furono di diversi tipi, si va dal diritto di coniare moneta e amministrare la giustizia su un determinato territorio a quello di riscuotere pedaggi su strade e ponti. Questo genere di diritti concessi dall'alto prendevano anche il nome di feudi. Le signorie venivano concesse da un potere centrale quando questo si rendeva conto di non essere in grado di controllare direttamente un territorio, di amministrarlo e difenderlo. In cambio del beneficio ottenuto il signore dichiarava la propria fedeltà personale a colui che glielo concedeva creando un sistema sociale basato su una gerarchizzazione piramidale che partiva da un re (il quale comunque molte volte deteneva meno potere reale rispetto ai suoi vassalli) e dopo diversi passaggi arriva fino alla nobiltà piccola o piccolissima.

Il titolo di signore (seigneur o sire in francese, Herr in tedesco, Lord in inglese, señor in spagnolo, senhor in portoghese) era molto diffuso nel Medioevo e nel Rinascimento per indicare i feudatari di rango più basso, ovvero quelli senza altro titolo.

Nell'età dell'Assolutismo il titolo di “signore” venne gradualmente abbandonato man mano che i titolari venivano elevati al titolo di barone (o superiori) e spesso in molti paesi i due titoli erano equivalenti e si confondevano.

Oggi[modifica | modifica wikitesto]

Oggigiorno il titolo di signore sopravvive solo in Spagna ed ha rango immediatamente inferiore a quello di barone.

Il titolo di Signore nell'ordinamento nobiliare del Regno d'Italia, è collocato dopo quello di barone, e prima di quello di patrizio. In Sicilia, in epoca borbonica ed anche in precedenza, il titolo di signore e di barone erano equivalenti.

In Germania sotto il primo impero fu grado nobiliare codificato dalle stesse leggi costituzionali dal XIV secolo fino al 1806, tanto da costituire insieme alla classe dei conti un proprio collegio elettorale in seno al Reichstag avente 4 voti collettivi (Wetterau, Svevia, Franconia, Westfalia). Infine ai signori tedeschi facevano parte anche la piccola nobiltà terriera che spesso con il titolo di cavaliere (Ritter) si era organizzata dal XVI secolo nel collegio dei cavalieri dell'impero con una notevole autonomia feudale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Titoli nobiliari Successore
patrizio signore barone

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia