Porto Rico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Puerto Rico)

Coordinate: 18°02′N 66°04′W / 18.033333°N 66.066667°W18.033333; -66.066667

bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Porto Rico (disambigua).
bussola Disambiguazione – "Puerto Rico" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Puerto Rico (disambigua).
Porto Rico
Porto Rico - Bandiera Porto Rico - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto: Joannes Est Nomen Ejus
(Giovanni è il suo nome)
Porto Rico - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Stato Libero Associato di Porto Rico
Nome ufficiale Estado Libre Asociado de Puerto Rico
Dipendente da Stati Uniti Stati Uniti
Lingue ufficiali Inglese, spagnolo
Capitale San Juan  (395.326 ab. / cens 2010)
Politica
Status Territorio non incorporato
Presidente Barack Obama
Governatore Alejandro García Padilla
Superficie
Totale 9.104 km² (169º)
 % delle acque 1,6 %
Popolazione
Totale 3.749.009 ab. (2012)
Densità 268 ab./km²
Geografia
Continente America Centrale
Fuso orario UTC-4
Economia
Valuta Dollaro statunitense
PIL (nominale) 93 520[1] milioni di $ (2010)
PIL (PPA) 64 840[1] milioni di $ (2010)
PIL pro capite (PPA) 16 300[1] $ (2010)
Fecondità 1,8 (2010)[2]
Varie
TLD .pr
Prefisso tel. +1 (787) e +1 (939)
Inno nazionale La Borinqueña
Festa nazionale 25 luglio
Porto Rico - Mappa
 

Porto Rico o Portorico[3] (in spagnolo Puerto Rico) è un territorio non incorporato degli Stati Uniti d'America, situato nel nord-est del mar dei Caraibi tra la Repubblica Dominicana e le isole Vergini. A seguito di un referendum popolare, con il 61,15% delle preferenze favorevoli, gli abitanti del luogo hanno scelto di divenire uno Stato Federato degli Stati Uniti d'America. È stato così avviato l'iter legislativo che potrebbe trasformare l'isola nel 51º Stato degli USA.

È la più piccola isola delle Grandi Antille ed è costituito dall'isola maggiore di Porto Rico e da altre isole minori e arcipelaghi, tra cui Mona, Vieques e Culebra. La capitale è San Juan, che al censimento del 2000 contava quasi 848.000 abitanti e raggiungeva i 2.000.000 considerando l'area metropolitana.[4]

Denominata Borikén dagli indigeni Taino e Borinquen quando divenne una colonia spagnola, oggi Porto Rico vive un'altalenante situazione politica che lo vede in bilico tra il suo attuale stato di Commonwealth e la possibilità di diventare uno stato federato statunitense a tutti gli effetti. In qualità di territorio non incorporato Porto Rico è dotato di una propria autonomia di governo ma non è né completamente indipendente né uno Stato degli Stati Uniti d'America. I sostenitori del Commonwealth insistono sul fatto che Porto Rico sia uno Stato volontariamente associato agli Stati Uniti attraverso una convenzione di diritto internazionale. Al contrario, secondo un rapporto redatto da un'apposita task force presidenziale,[5] Porto Rico è un territorio soggetto ai pieni poteri del Congresso statunitense con facoltà di dotarsi di una propria Costituzione interna per la mera amministrazione degli affari locali. Gli abitanti di Porto Rico posseggono la cittadinanza statunitense dal 1917. Tuttavia, poiché nei territori d'oltremare non si svolgono elezioni presidenziali, i residenti di Porto Rico non votano per eleggere il presidente degli Stati Uniti d'America.

Dagli anni settanta l'economia ha registrato un forte incremento, soprattutto grazie all'industria e al turismo, essendo una meta molto rinomata dei Caraibi, tanto da meritarsi l'appellativo di "isola dell'incanto" (isla del encanto).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Porto Rico.

Era pre-colombiana[modifica | modifica sorgente]

Parco cerimoniale indigeno Taino di Caguana

La storia dell'isola di Porto Rico prima dell'arrivo di Cristoforo Colombo non è molto chiara. Ciò che oggi si sa viene fondamentalmente dalle scoperte archeologiche e dalle trascrizioni dei racconti orali degli spagnoli. Il primo libro approfondito sulla storia di Porto Rico fu scritto da Fray Íñigo Abbad y Lasierra soltanto nel 1776, ovvero 283 anni dopo l'insediamento degli spagnoli sull'isola.[6]

La prima colonia indigena di Porto Rico fu costituita dagli Ortoiroid, un popolo dell'era arcaica, stanziatosi sull'isola già intorno al 2000 a.C.[7] Successivamente, tra il 120 e il 400, gli Igneri, provenienti dalla regione dell'Orinoco, arrivarono sull'isola.[8] Tra il VII e l'XI secolo la cultura dei Taino si sviluppò notevolmente e, approssimativamente attorno all'anno 1000, divennero il popolo dominante di Porto Rico. Essi mantennero questo dominio fino all'arrivo degli spagnoli, nel 1493.

L'arrivo degli spagnoli[modifica | modifica sorgente]

Il conquistador Juan Ponce de León

Quando gli europei giunsero per la prima volta, l'isola era ancora abitata dalle tribù indiane Arawak dei Taino; il nome che essi avevano dato all'isola era Borikén.[9] Il primo contatto con gli europei avvenne per opera di Cristoforo Colombo, durante il suo secondo viaggio alle Antille, il 19 novembre del 1493. Tuttavia alcuni sostengono che non fu Colombo a scoprire Porto Rico, bensì Martín Alonso Pinzón, che nel 1492 si era separato da Colombo continuando da solo le sue esplorazioni. La Corte spagnola diede quindi alla famiglia Pinzón un anno di tempo per poter iniziare l'opera di insediamento e colonizzazione che avrebbe permesso loro la rivendicazione dell'isola, ma essi fallirono.

Originariamente battezzata San Juan Bautista, dallo stesso Colombo, in onore di San Giovanni Battista, l'isola alla fine prese il nome di Puerto Rico (che letteralmente significa "porto ricco"); il nome originale rimase a designare la città più grande, nonché capitale, San Juan. Il conquistador spagnolo Juan Ponce de León divenne l'effettivo governatore in carica di Porto Rico, poiché Vicente Yáñez Pinzón, eletto governatore prima di Juan Ponce, non raggiunse mai l'isola.[10]

Porto Rico fu subito colonizzata dagli spagnoli, i quali vi portarono un gran numero di schiavi africani che furono obbligati a lavorare per la corona spagnola, rimpiazzando così la popolazione indigena dei Taino, che stava progressivamente scomparendo. L'isola divenne in breve un'importante roccaforte e porto strategico dell'Impero spagnolo nei Caraibi. Preoccupati per la continua minaccia dei nemici europei, nel corso dei secoli gli spagnoli costruirono numerosi forti e muraglioni per proteggere la capitale: furono erette fortezze quali La Fortaleza, il forte San Felipe del Morro e il forte San Cristóbal; fu grazie a queste opere di difesa che gli olandesi, i francesi e gli inglesi fallirono nei loro tentativi di conquistare l'isola.

Una garitta difensiva del forte San Cristóbal, nella Vecchia San Juan

Nel 1809, mentre Napoleone occupava la maggior parte della penisola iberica, un'assemblea popolare tenutasi a Cadice riconobbe Porto Rico come territorio spagnolo d'oltreoceano con il diritto di inviare deputati alla Corte spagnola. Il deputato Ramón Power y Giralt divenne vice presidente della corte di Cadice e le sue riforme costituzionali del XIX secolo favorirono l'incremento demografico e la crescita economica, e soprattutto conferirono una maggiore notorietà all'isola. In seguito all'indipendenza nazionale ottenuta dai paesi del centro e sud America, Porto Rico e Cuba rimanevano le uniche due colonie del Nuovo Mondo appartenenti al grande Impero spagnolo. La povertà e l'allontanamento politico dalla Spagna portarono a una piccola ma significativa insurrezione, nel 1868, conosciuta come Grito de Lares (Pianto di Lares): la sommossa fu facilmente e prontamente stroncata. Promotori di questo movimento indipendentista furono Ramón Emeterio Betances, considerato il "padre" della nazione portoricana, e altri personaggi politici, tra i quali Segundo Ruiz Belvis. Pochi anni dopo sorse il movimento autonomo portoricano, iniziato da Román Baldorioty de Castro e portato avanti da Luis Muñoz Rivera verso la fine del secolo. Nel 1897, Muñoz Rivera e altri indipendentisti persuasero il governo liberale spagnolo a riconoscere e accettare lo Statuto per l'autonomia di Porto Rico. L'anno seguente venne organizzato il primo, anche se di breve durata, governo autonomo portoricano. Si raggiunse quindi il compromesso di mantenere un governatore nominato dalla Spagna, il quale aveva il potere di annullare qualsiasi decisione legislativa con cui non era d'accordo, e una struttura parlamentare parzialmente eletta.

Porto Rico sotto il controllo statunitense[modifica | modifica sorgente]

La nave da guerra USS Massachusetts (BB-2) che scortò la flotta americana nello sbarco a Guánica

Il 25 luglio 1898, con lo scoppio della Guerra ispano-americana, Porto Rico, essendo una colonia spagnola, fu invasa dagli Stati Uniti d'America con uno sbarco a Guánica. Con il Trattato di Parigi del 1898 la Spagna fu obbligata a cedere Porto Rico, assieme a Guam e alle Filippine, agli USA.[11] Il XX secolo iniziò sotto il regime militare statunitense con i funzionari statali, incluso il governatore, nominati dal Presidente degli Stati Uniti. Nel 1917, la Legge Jones-Shafroth approvata dal Congresso americano garantiva ai cittadini portoricani la nazionalità statunitense, in modo che essi potessero essere arruolati come soldati nella Prima guerra mondiale.

Negli anni successivi alla grande depressione del 1929 alcuni leader politici pretesero dei cambiamenti e tra questi spiccò Pedro Albizu Campos che capeggiò un importante movimento nazionale a favore dell'indipendenza: il Partito Nazionalista Portoricano.[12] Ma per assistere a un radicale cambiamento nella struttura governativa del paese bisogna attendere gli ultimi anni delle amministrazioni Roosevelt e Truman. In tale periodo ci fu una sorta di compromesso, portato avanti da Luis Muñoz Marín e altri politici, che culminò nel 1946 con la nomina, da parte del presidente Truman, del primo governatore di origine portoricana, Jesus Piñero. Nel 1947 gli Stati Uniti concessero il diritto di eleggere democraticamente il governatore di Porto Rico e finalmente il 2 gennaio 1949 Luis Muñoz Marín divenne il primo governatore di Porto Rico ad essere eletto dal popolo.

Il 1º novembre 1950 due nazionalisti portoricani, Griselio Torresola e Oscar Collazo, tentarono di assassinare il presidente Truman. Era evidente il desiderio di una maggiore autonomia, e come conseguenza immediata egli autorizzò un autentico referendum democratico in Porto Rico, al fine di stabilire se desiderassero una sorta di propria costituzione.[13] Ciò avvenne nel 1952, e tale costituzione assunse i connotati di un Commonwealth politico, termine spesso usato a designare l'attuale rapporto tra i due stati.[14] Finalmente durante gli anni cinquanta l'isola conobbe una rapida industrializzazione, grazie ad ambiziosi progetti quali l'operazione Bootstrap, che si proponeva di cambiare le basi dell'economia portoricana da agricole a manifatturiere.

Ultimi decenni. Verso l'adesione agli USA[modifica | modifica sorgente]

Oggi l'isola è diventata una rinomata meta turistica e un importante centro industriale farmaceutico e manifatturiero. Tuttavia la "lotta" per definire lo status politico non si è mai arrestata. Negli ultimi decenni sono stati autorizzati localmente tre plebisciti per decidere se Porto Rico dovesse consolidare il Commonwealth oppure richiedere di diventare uno stato federato statunitense a tutti gli effetti; ma dopo tre vittorie di stretta misura, da parte dei sostenitori del Commonwealth, di fatto nulla è mutato nei rapporti con gli Stati Uniti.

In due referendum tenutisi nel 1967 e 1993 i portoricani hanno rifiutato di unirsi agli Stati Uniti d'America.

Nel referendum statale del 1998, il Commonwealth ha vinto contro lo Stato federato con il 50,3% dei voti, e grossomodo si sono divisi con le stesse percentuali i sostenitori del partito a favore della federazione (Nuovo Partito Progressista o PNP) e del partito a favore del Commonwealth (Partito Popolare Democratico o PPD). Il Partito Indipendentista Portoricano o PIP ha raggiunto il 2,5% dei voti ed è stato per questo confermato tra i tre partiti politici più importanti di Porto Rico.[15]

Il 6 novembre 2012 Porto Rico ha votato due referendum sullo status dell'isola. In un primo quesito il 54% si è espresso per il cambiamento dello status. Nel secondo quesito il 61,82% dei portoricani si è dichiarato a favore dell'adesione agli Stati Uniti d'America come 51º stato federale, il 5,29% per l'indipendenza e il 32,89% per il mantenimento dello status. Grosso modo i favorevoli all'adesione sono stati i repubblicani e i favorevoli al mantenimento dello status i democratici.

I referendum non sono vincolanti e ora spetta al Congresso degli Stati Uniti decidere se accettare l'adesione di Porto Rico.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Geologia[modifica | modifica sorgente]

Mappa delle formazioni carsiche di Porto Rico (USGS)

Il territorio portoricano è costituito da rocce vulcaniche e plutoniche del Cretaceo e dell'Eocene, sepolte dai più recenti carbonati dell'Oligocene e da altre rocce sedimentarie. La maggior parte delle caverne e delle formazioni carsiche si trovano nella regione settentrionale che risale al periodo dell'Oligocene e dei recenti carbonati. Le rocce più antiche, che appartengono al Giurassico e hanno approssimativamente centonovanta milioni di anni, sono localizzate nella Sierra Bermeja, una piccola catena montuosa nella zona sud-occidentale dell'isola. Queste rocce possono far parte della crosta oceanica e si pensa che siano giunte dalla piattaforma oceanica del Pacifico. Porto Rico si trova praticamente lungo il margine di subduzione tra la placca caraibica e la placca nordamericana. Ciò significa che è in continua trasformazione a causa dei movimenti tettonici causati dall'attrito di queste due zolle, e che, proprio a causa di questi movimenti, possono verificarsi terremoti e tsunami. Questi eventi sismici, assieme agli smottamenti del terreno, rappresentano i disastri naturali potenzialmente più pericolosi per l'isola e per i Caraibi nord-orientali. L'ultimo terremoto di notevole entità avvenne l'11 ottobre 1918 quando fu registrata una magnitudine pari a 7,5 della Scala Richter. L'epicentro fu localizzato al largo di Aguadilla e il sisma fu accompagnato da uno tsunami.[16] Circa 127 km a nord della costa portoricana, esattamente al margine di confine tra le zolle caraibica e nordamericana, giace la fossa di Porto Rico, la più grande e la più profonda dell'Atlantico: è lunga 1754 km e larga 96 km; il suo punto più profondo, chiamato abisso Milwaukee (Milwaukee Deep o Milwaukee Depth), si trova a 8.380 metri sotto il livello del mare.[17]

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia di Porto Rico e Isole di Porto Rico.
Immagine satellitare di Porto Rico (NASA)

Porto Rico è un arcipelago costituito dall'omonima isola principale e da una moltitudine di isole minori, tra cui le più importanti sono Vieques, Culebra, Mona, Desecheo e Caja de Muertos. Di queste cinque solamente Culebra e Vieques hanno abitanti fissi che vi risiedono durante tutto l'anno, mentre Mona risulta abitata praticamente solo durante la stagione turistica e dai dipendenti del Dipartimento delle Risorse Naturali e Ambientali.[18]

L'isola maggiore misura all'incirca 170 km per 60 km. È in gran parte montagnosa, con estese zone costiere soprattutto nella parte settentrionale e meridionale. La catena montuosa principale è chiamata Cordillera Central, nella quale si trova la vetta più alta di Porto Rico, il Cerro de Punta (1.338 metri).[19] Un altro monte di rilievo è El Yunque, nella Foresta nazionale caraibica, con un'altitudine massima di 1.080 metri. La capitale, San Juan, si affaccia sulla costa settentrionale. In Porto Rico ci sono diciassette laghi artificiali[20] e più di 50 fiumi; la maggior parte di essi nasce dalla Cordillera Central. I fiumi nella regione settentrionale dell'isola sono generalmente più lunghi e hanno una portata maggiore rispetto a quelli della regione meridionale, che risulta quindi avere un clima più caldo e secco. Vi sono infine numerose zone lacustri sia nel sud che nel nord del paese. Il clima è tipicamente tropicale, abbastanza gradevole e costante. Si registrano consistenti precipitazioni durante tutto l'arco dell'anno e, per fortuna solo saltuariamente, i tanto temuti quanto devastanti uragani.

Geografia politica[modifica | modifica sorgente]

Divisioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Comuni di Porto Rico e Circoscrizioni di Porto Rico.
Suddivisione dei 78 comuni di Porto Rico

Essendo un territorio non incorporato, come stabilito dalla Casa Bianca, Porto Rico non può avere divisioni amministrative di "primo livello" (secondo la definizione del governo statunitense), ma solo divisioni amministrative di "secondo livello".[21] Per questo motivo non ci sono regioni, dipartimenti e nemmeno province. Porto Rico è quindi suddiviso in 78 comuni (municipios) che vengono chiamati anche più semplicemente città. I comuni sono a loro volta suddivisi in circoscrizioni (barrios) che sono ulteriormente divise in quartieri, settori o zone. Ciascun comune elegge il proprio sindaco (alcalde) e un'assemblea legislativa (legislatura municipal) per un periodo di quattro anni. Il primo comune, San Juan, che è anche la capitale di Porto Rico, fu fondato nel 1521. Nel XVI secolo ne furono fondati altri due, Coamo e San Germán, entrambi nel 1570. I tre successivi risalgono al XVII secolo: Arecibo nel 1614, Aguada e Ponce nel 1692. I due secoli a venire registrano un notevole incremento: 30 nuovi comuni nel XVIII secolo e 36 nel XIX secolo. Solo 6 comuni sono stati fondati nel secolo scorso e l'ultimo, Florida, risale al 1971.[22]

Geografia umana[modifica | modifica sorgente]

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

La costante crescita demografica (dati aggiornati al 2003)
Flussi migratori verso Porto Rico
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Demografia di Porto Rico.

Nel 2004 la popolazione di Porto Rico, in costante crescita, raggiungeva i 3.920.000 abitanti, mentre il numero di emigrati portoricani residenti negli Stati Uniti superava quota 4.300.000. Dagli anni sessanta si è assistito a un incremento demografico pari allo 0,47% annuo, con una speranza di vita decisamente alta: 81,77 anni per le donne e 73,67 anni per gli uomini, con una media nazionale di 77,62 anni.[23] L'attuale popolazione portoricana è un miscuglio di europei, africani e amerindi con una piccola presenza di asiatici. L'etnia dominante è rappresentata dai bianchi meticci, per la maggior parte meticci appunto, nati dall'incrocio principalmente tra spagnoli (ed altri europei) e dai taino, gli indigeni dell'isola, ma anche dagli abitanti delle Canarie. Recentemente, infatti, l'università di Porto Rico ha fatto una ricerca sul DNA mitocondriale degli abitanti dell'isola caraibica ed è risultato che il 61% dei portoricani vanta discendenze dirette dai taino, il 27% dagli africani ed il 12% di origine europea, quindi questo gruppo etnico di bianchi (o sarebbe meglio dire bianco-taino) possiede un'alta percentuale di tratti somatici degli amerindi Taino.[24] L'altra importante etnia dell'isola è rappresentata dai discendenti degli schiavi neri africani, portati sull'isola dai conquistadores spagnoli. Tra questi si possono individuare le etnie yoruba e bantu originarie dell'Africa Occidentale. L'ultima etnia, che corrisponde a circa l'1% della popolazione totale, è rappresentata dagli asiatici provenienti soprattutto dalla Cina e dal Giappone. Tra le minoranze etniche vanno infine citati gli immigrati cubani, dominicani, colombiani e venezuelani giunti sull'isola in tempi molto recenti.[25]

Lingua[modifica | modifica sorgente]

Le lingue ufficiali di Porto Rico sono lo spagnolo e l'inglese: lo spagnolo è la lingua principale mentre l'inglese viene insegnato nelle scuole come lingua straniera. Nel 1996 furono stimate in 3.437.120 le persone che parlavano spagnolo come madrelingua, e solamente in 82.000 quelle che invece consideravano l'inglese la loro lingua principale. La maggioranza dei residenti nelle aree metropolitane è bilingue. Nel 1991 il governatore Rafael Hernández Colón firmò una legge secondo la quale si stabiliva che l'unica lingua ufficiale dell'isola dovesse essere lo spagnolo. L'effetto immediato fu che l'inglese non era più la seconda lingua ufficiale. Se da un lato furono in molti ad applaudire la decisione del governatore, dall'altro i sostenitori del Commonwealth e dei partiti a favore dello Stato federato statunitense interpretarono questa legge come una minaccia per le loro ideologie. Ma la nuova legge trovò anche il consenso unanime dell'isola, dal momento che i portoricani, nello stesso anno, vinsero il prestigioso premio Principe delle Asturie per la letteratura (Premios Príncipe de Asturias), un'onorificenza che viene conferita annualmente dal Principe delle Asturie ad individui o ad organizzazioni di livello mondiale che contribuiscono alla crescita della lingua spagnola.[26] Tuttavia il monopolio della lingua spagnola durò solo fino al 1993, anno in cui il nuovo governatore Pedro Rosselló annullò la legge e ristabilì il bilinguismo; questo fatto fu inteso da molti come un passo molto significativo verso la federazione statunitense.

Religione[modifica | modifica sorgente]

San José, nel Viejo San Juan, risale al 1532, ed è la seconda più vecchia chiesa cattolica dell'intero continente americano

Il cattolicesimo è stato storicamente dominante per l'isola ed è, di fatto, la religione professata dalla maggioranza dei portoricani, con circa 2,8 milioni di battezzati, ovvero il 73% della popolazione.[27] Tuttavia, sotto l'influenza statunitense, è aumentata considerevolmente la presenza di Protestanti, Mormoni (Santi degli Ultimi Giorni) e Testimoni di Geova. La sede metropolitana della Chiesa cattolica in Porto Rico è l'arcidiocesi di San Juan che ha cinque diocesi suffraganee: la diocesi di Arecibo, la diocesi di Caguas, la diocesi di Mayagüez, la diocesi di Ponce e la diocesi di Fajardo-Humacao.

Vi sono poi le comunità minori di fedeli e seguaci di altre dottrine religiose:

  • Ebraismo: a San Juan e nei suoi dintorni c'è una relativamente piccola comunità ebraica.
  • Islamismo: esiste anche una discreta comunità islamica con diversi luoghi di culto sparsi per tutta l'isola. Le tre moschee principali si trovano a Río Piedras, Ponce e Vega Alta.
  • Religioni indigene: le pratiche religiose dei Taino sono state riscoperte e reinventate, fino a un certo punto, da un ristretto numero di fedeli.
  • Religioni africane: sebbene la Santeria, più conosciuta e professata a Cuba, sia praticata da un certo numero di persone, è il Palo Mayombe della regione del Congo, religione africana di origine Bantu, ad avere il maggior numero di seguaci tra coloro che praticano una qualche forma di religione tradizionale africana. Questa religione, conosciuta comunemente come Palo, è infatti stata praticata sin dal primo arrivo degli schiavi africani sull'isola.

Geografia economica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Economia di Porto Rico.
Quartier generale della R-G Financial Corporation, in Hato Rey, San Juan
La Milla de Oro

Agli inizi del XX secolo l'economia di Porto Rico si basava essenzialmente sull'agricoltura, e in particolar modo era incentrata sulla canna da zucchero, che ne costituiva il raccolto principale. Verso la fine degli anni quaranta una serie di progetti, facenti parte dell'operazione Bootstrap, favorirono la nascita di numerose fabbriche, permettendo all'industria manifatturiera di prevalere sull'agricoltura. Infatti, dopo la grande depressione del 1929 le condizioni economiche di Porto Rico migliorarono nettamente, grazie agli investimenti stranieri nell'industria petrolchimica, farmaceutica e nella ricerca tecnologica. Tali industrie furono inizialmente avvantaggiate dal fatto che beneficiavano di un trattamento particolare da parte delle imposte statunitensi; successivamente si vennero a trovare a competere con le altre industrie di quei paesi economicamente arretrati nei quali non c'era la tassazione sui salari. Come conseguenza alcuni imprenditori stranieri rilevarono alcune industrie di Porto Rico per spostarle in altri paesi del centro e sud America o in Asia. Attualmente Porto Rico è soggetto a tutte le leggi e restrizioni commerciali degli Stati Uniti. Nel 2004 il prodotto interno lordo pro-capite dei portoricani è stato di 17.700 dollari, cifra che mette in risalto un notevole aumento considerando i 14.412 dollari del 2002, stimati dal censimento sulla popolazione ad opera del Puerto Rican Legal Defense and Education Fund. Dallo stesso censimento è emerso che il tasso di povertà si aggirava intorno al 48,2%.[28] In termini di paragone, il Mississippi, lo Stato più povero della federazione americana, nel triennio 2002-2004 ha avuto un prodotto interno lordo medio pro-capite di 21.587 dollari.[29] È dal 1952 che questo divario rimane tendenzialmente invariato; Il 1º maggio 2006 il governo portoricano ha dovuto far fronte a un significante deficit monetario, che lo ha costretto a chiudere il Dipartimento dell'Educazione e altri 42 enti governativi, nonché tutti i 1.536 istituti scolastici pubblici, per un totale di 95.762 addetti statali mandati a casa in licenza, in quello che è stato il primo crollo parziale del governo nella storia dell'isola.[30] Il 10 maggio 2006 la crisi finanziaria è stata risolta con l'introduzione di una tassa pari all'1% sull'acquisto di qualsiasi bene. Il 15 novembre, per stabilizzare il bilancio, il governo ha dovuto aumentare questa tassa al 5,5% lasciando la possibilità ai singoli comuni di incrementarla ulteriormente dell'1,5% come tassa municipale, fino ad un massimo, quindi, del 7%.[31]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Una spiaggia sul litorale di Arecibo

Un'altra importante componente dell'economia portoricana è il turismo, con un introito medio annuo di 1,8 miliardi di dollari. Si stima che i turisti che hanno visitato l'isola nel 1999, soprattutto provenienti dagli Stati Uniti, siano stati 5 milioni, di cui quasi un terzo croceristi. Dal 1998 si è registrato un costante incremento nella ricettività alberghiera, in termini di presenze e di nuovi esercizi costruiti. Inoltre la nascita di nuovi progetti turistici, tra cui il Centro Congressi di Porto Rico, evidenzia ancora una volta come questo fenomeno sia fondamentale per l'economia dell'isola. I maggiori luoghi d'interesse turistico sono le chilometriche e bianche spiagge caraibiche lungo tutti i litorali e in particolare le isole di Culebra e Vieques, la capitale San Juan con i forti coloniali spagnoli e il centro storico della Vecchia San Juan, l'osservatorio astronomico di Arecibo, dove si trova il più grande radiotelescopio del mondo, le grotte del Río Camuy, poste in una profonda dolina in mezzo alla giungla, le pittoresche città di Ponce e San Germán, la foresta pluviale caraibica del Yunque e i siti archeologici di Caguana e di Tibes.

Infrastrutture[modifica | modifica sorgente]

Porto Rico vanta le infrastrutture più tecnologicamente avanzate dei Caraibi e dell'America Latina. Le sue principali città, tra cui San Juan, Bayamón, Caguas, Guaynabo, Carolina e Ponce, sono caratterizzate da edifici moderni e dalla presenza di numerose e importanti fabbriche industriali. Per lo stesso motivo la salute e l'istruzione hanno raggiunto un elevato standard qualitativo, grazie alla presenza su tutto il territorio di edifici ospedalieri, cliniche specializzate e istituti scolastici di ogni grado e livello, tra cui 47 centri universitari.[32] Tuttavia la corsa all'innovazione e alla ricerca del benessere ha condotto Porto Rico al limite massimo di contenimento di infrastrutture, intaccando notevolmente l'ambiente; studi recenti hanno dimostrato che, se lo sviluppo continuerà con i ritmi attuali e senza imporsi delle determinate leggi a protezione delle risorse naturali, l'isola in meno di settant'anni diventerà un'enorme "città-isola".[senza fonte]

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trasporti a Porto Rico.
Il Tren Urbano nella stazione di Bayamón

Porto Rico possiede una rete di strade, superstrade e autostrade di competenza del Dipartimento dei Trasporti e delle Opere Pubbliche e sotto la sorveglianza della Polizia di Stato. L'area metropolitana dell'isola è interconnessa da un servizio pubblico di autobus e dalla metropolitana, chiamata Tren Urbano (treno urbano). I collegamenti pubblici tra le varie città sono garantiti dai taxi collettivi e privati che operano anche nei singoli comuni assieme agli autobus delle linee municipali. I collegamenti aerei sono ampiamente garantiti dalla presenza di 21 aeroporti, di cui 10 destinati ad uso privato o militare, 8 a scala nazionale (comprese le isole limitrofe), due a scala internazionale ad Aguadilla e a Ponce e uno a scala intercontinentale, l'aeroporto Luis Muñoz Marín, a Carolina, nelle immediate vicinanze di San Juan.[33] Via mare i collegamenti sono supportati da un numero elevato di porti e moli d'attracco per qualsiasi nave commerciale e imbarcazione privata o turistica; il principale scalo marittimo è il porto di San Juan, in cui trovano ormeggio anche le navi crociera più grandi del mondo.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Politica di Porto Rico.

Governo e linee generali[modifica | modifica sorgente]

Il Porto Rico ha una forma di governo repubblicana, di tipo parlamentare, ma sui generis, poiché soggetta alla giurisdizione e sovranità degli Stati Uniti d'America. Pur esistendo la classica tripartizione dei poteri essi sono variamente divisi. Infatti, i suoi poteri sono esercitati dal Congresso federale statunitense, sotto la protezione della Costituzione degli Stati Uniti. Il capo dello Stato è il Presidente statunitense, ma nel territorio portoricano questi è rappresentato da un governatore, liberamente eletto, che detiene il potere esecutivo. Attualmente il Governatore è Luis Fortuño.

Il potere legislativo, in ambito locale, pur sottoposto alle leggi del Congresso USA, è rappresentato da un'Assemblea Legislativa bicamerale, formata dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti. Il Senato è presieduto dal Presidente del Senato, mentre la Camera dei Rappresentanti è presieduta dallo Speaker, similmente alle istituzioni statali USA.

Il potere giudiziario è rappresentato dallo Chief Justice della Corte Suprema di Puerto Rico, ma con poteri a metà strada tra un Procuratore generale ed un ministro della giustizia.

Il Campidoglio di Porto Rico, sede del Senato e della Camera dei Rappresentanti

Il sistema giuridico fa riferimento a due ordinamenti: Civil law e Common Law, con una varia commistione. Le elezioni parlamentari e quelle per il Governatore si tengono ogni quattro anni, a suffragio universale. I giudici e i procuratori vengono nominati dal Governatore e approvati dal Senato.

Nel 1950 il Congresso degli Stati Uniti offrì ai portoricani il diritto di organizzare una convenzione costituzionale, dipendente dai risultati di un referendum, dove gli elettori avrebbero scelto se avere o meno un proprio governo, con una propria costituzione. Questo referendum venne organizzato nel 1951, e consisteva nella scelta di rafforzare o meno il Commonwealth, definito come una "associazione permanente con l'unione federale". Nel 1952 ci fu un secondo referendum per approvare la costituzione. Tuttavia, prima di approvarla, si rese necessario specificare il nome con il quale il nuovo ente statuale costituzionale sarebbe stato riconosciuto. Il 4 febbraio 1952 venne approvata la "Risoluzione 22", la quale, per rappresentare l'accordo politico tra Porto Rico e gli Stati Uniti, scelse il termine inglese Commonwealth col significato di "comunità politicamente organizzata" o "Stato legato tramite un accordo o un trattato a un altro sistema politico". Non essendo in grado di tradurre tale concetto con una singola parola in spagnolo, per convenzione ci si ispirò al nome dello Stato Libero Irlandese, traducendolo come Estado Libre Asociado, ovvero Stato Libero Associato.

Commonwealth: pro e contro[modifica | modifica sorgente]

In qualità di Commonwealth, Porto Rico beneficia di alcuni aspetti legislativi degli Stati Uniti e possiede un grado di autonomia simile a quello di uno stato federato dell'unione. Tuttavia non è rappresentato nel Congresso americano e non ha nemmeno un elettore nel Collegio Elettorale Statunitense; di conseguenza i cittadini portoricani non possono partecipare direttamente alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, nonostante i partiti politici abbiano la possibilità, come per gli Stati federati, di avere delle delegazioni per la nomina di entrambi i partiti maggioritari nazionali. Un Delegato Residente, senza il diritto di voto, viene eletto al Congresso statunitense dai cittadini portoricani, in qualità di rappresentante delegato della popolazione portoricana. Se da un lato i residenti sull'isola non pagano le tasse federali sul reddito, dall'altro tutta la rete commerciale d'importazione ed esportazione viene controllata e pesantemente tassata dagli Stati Uniti. Inoltre i portoricani pagano al governo americano un'imposta federale sui ruoli paga, che influenza quindi i dipendenti con un basso reddito salariale, e le tasse sulla sicurezza sociale e quelle federali, escluso il reddito. Nonostante ciò la popolazione è limitata o non ha diritto ad usufruire di alcuni programmi federali. Basti pensare che Porto Rico è escluso dal Supplemental Security Income (SSI) o che per il programma Medicaid riceve meno del 15% dei fondi che riceverebbe se fosse stato federato. Inoltre, per quanto concerne il programma Medicare, Porto Rico riceve benefici solo parziali, pur pagando la quota intera del servizio. I portoricani, infine, essendo considerati legalmente cittadini statunitensi, sono soggetti al servizio militare dello U.S. Army e alla maggior parte delle leggi federali.

Dagli anni sessanta una singolare questione ha dominato la politica portoricana: la sua posizione politica nei confronti degli Stati Uniti. Già stato associato agli USA dal 1952, Porto Rico è combattuto da profonde spaccature ideologiche, rappresentate dai partiti politici, i quali si dividono tra la situazione attuale e altri due possibili futuri scenari politici: il Partito Popolare Democratico (PPD) cerca di mantenere e di rinforzare l'attuale posizione politica, il Nuovo Partito Progressista (PNP) cerca di incorporare totalmente Porto Rico agli Stati Uniti, come 51º Stato federato, mentre il Partito Indipendentista Portoricano (PIP) cerca la totale indipendenza nazionale.

I leader dei partiti, per avere pari opportunità, fecero numerose pressioni negli anni dal 1898 al 1960 fino ad ottenere, nel 1967, ciò che volevano. In quell'anno l'Assemblea Legislativa, per conoscere gli interessi politici dei portoricani, decretò un plebiscito dove si poteva votare per lo stato politico del paese; questo plebiscito fu il primo della storia della legislatura portoricana dove vennero proposte le tre scelte. La maggioranza confermò il desiderio di rimanere un Commonwealth e lo stesso risultato si ebbe con le successive votazioni, nei referendum del 1993 e 1998.[15] Nel novembre del 2012, in concomitanza con le elezioni presidenziali negli U.S.A., si è tenuto a Porto Rico un referendum dove la popolazione ha espresso il proprio consenso ad un'adesione agli Stati Uniti.

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Flora di Porto Rico.

La presenza di numerose aree protette, foreste statali e riserve naturali ha permesso di preservare numerose specie a rischio e di limitare i danni ecologici che negli ultimi anni hanno intaccato l'ecosistema ambientale di Porto Rico.

Flora[modifica | modifica sorgente]

La fitta foresta pluviale del Yunque

La flora portoricana, come quella di molte altre isole, è caratterizzata da un elevato endemismo e da una bassa biodiversità. Il clima tropicale, con le sue abbondanti precipitazioni durante tutto l'arco dell'anno, permette la crescita di una rigogliosa e fitta vegetazione spontanea, in particolar modo nella regione centrale dell'isola. Si hanno quindi numerose specie di piante epifite e di felci, nonché di palme, soprattutto in prossimità delle zone costiere e nei litorali. Nella regione meridionale, che presenta un clima leggermente più secco e arido, vi sono alcune specie di piante succulente, tra cui molti cactus, e la vegetazione è, in media, più bassa e rada. La Ceiba e il Flor de Maga, entrambi simboli nazionali, sono presenti in tutto il territorio.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

La fauna di Porto Rico, caratterizzata anch'essa da un elevato endemismo, presenta numerose specie soprattutto tra gli insetti, gli uccelli, gli anfibi e i rettili. Tra i mammiferi terrestri, gli unici ad essere endemici di Porto Rico sono i pipistrelli; tutti gli altri mammiferi presenti sul territorio sono stati introdotti dall'uomo nel corso dei secoli. Tra i mammiferi acquatici si trovano delfini, lamantini e balene. Delle 349 specie di uccelli presenti, circa 120 sono originarie dell'arcipelago e il 47,5% di esse sono specie assai rare. L'animale più famoso e conosciuto in Porto Rico è il coquí, una piccola rana arborea facente parte delle 87 specie che costituiscono la fauna erpetologica dell'isola, tra le quali ricordiamo anche l'iguana terrestre di Mona, la più grande lucertola terrestre di Porto Rico. Non esistono pesci d'acqua dolce endemici, e le specie che attualmente popolano i fiumi e i laghi sono state importate, come per i mammiferi, dall'uomo. Infine gli invertebrati, per la maggior parte insetti, costituiscono la maggioranza dell'intera fauna portoricana che, secondo uno studio dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, nel 2002 contava 21 specie a rischio di estinzione.[34]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cultura di Porto Rico.
Monumento al jíbaro portoricano
(ES)
« La tierra de Borinquen
donde he nacido yo
es un jardín florido
de mágico primor. »
(IT)
« La terra di Borinquen[9]
dove sono nato
è un giardino fiorito
d'incantevole bellezza. »
(Manuel Fernández Juncos, La Borinqueña)

La cultura di Porto Rico è il risultato dell'unione di numerose altre culture, tra cui se ne distinguono quattro principali: Taino, spagnola, africana e statunitense. Dagli amerindi Taino i portoricani hanno ereditato molti nomi di città, di alimenti e di altri oggetti; dai coloni spagnoli hanno ereditato la lingua spagnola, la religione cattolica e la maggior parte delle loro tradizioni e dei loro valori culturali e morali; dagli schiavi africani hanno ereditato la bomba e la plena, particolari tipi di musica e di danza che includono l'utilizzo di strumenti di percussione e maracas; dagli statunitensi, infine, hanno ereditato la lingua inglese, il sistema universitario e svariate forme ibride culturali sviluppatesi tra il continente e l'isola. I simboli nazionali ufficiali sono tre: l'uccello reina mora, il fiore flor de maga e l'albero ceiba o kapok. Ma è la piccola rana arborea coquí il simbolo più noto e popolare, sebbene sia un simbolo non ufficiale, così come lo è la figura del jíbaro, anch'essa molto diffusa. Un aspetto molto conosciuto nonché invidiato della cultura portoricana è la bellezza femminile, rappresentata nei concorsi di Miss Mondo, con una vittoria nel 1975, e soprattutto di Miss Universo, con cinque vittorie nel 1970, 1985, 1993, 2001 e 2006.

La festa nazionale di Porto Rico si celebra il 25 luglio, giorno della costituzione dello Stato libero associato (Día de la Constitución del Estado Libre Asociado). Un'altra festività tipicamente locale riguarda la scoperta di Porto Rico (Descubrimiento de Puerto Rico) che si celebra il 19 novembre, giorno in cui Colombo, nel 1493, scoprì effettivamente l'isola. Altre festività nazionali derivano direttamente dalla cultura statunitense, come la festa dell'indipendenza del 4 luglio o il Giorno del Ringraziamento, e dalla cultura cattolica.

Bandiera e stemma[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bandiera di Porto Rico e Stemma di Porto Rico.
Bandiera di Porto Rico

L'attuale bandiera di Porto Rico fu ideata nel 1892 da Francisco Gonzalo Marin che usò la bandiera di Cuba come modello e invertì i colori del triangolo e delle strisce. Essa è costituita da cinque strisce orizzontali, di uguale ampiezza, rosse (in alto, al centro e in basso) e bianche alternate; un triangolo isoscele blu, con la base adiacente al lato dell'asta, include al suo centro una grande stella bianca a cinque punte. Il rosso rappresenta il sangue degli uomini coraggiosi, il bianco rappresenta la vittoria e la pace, il blu rappresenta il cielo e le acque costiere. La stella solitaria rappresenta la nazione. Il triangolo rappresenta le tre suddivisioni del governo.

Lo stemma di Porto Rico fece la sua prima comparsa nel 1511, ad opera della corona spagnola, e oggi risulta essere il più antico stemma d'arme ancora utilizzato tra gli Stati del Nuovo Mondo. Nel 1976 è diventato lo stemma ufficiale del governo del Commonwealth di Porto Rico.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Porto Rico ha una squadra olimpica sia per i Giochi olimpici estivi sia per quelli invernali; gli atleti portoricani hanno vinto otto medaglie, due d'argento e sei di bronzo, la prima delle quali nel 1948 ad opera del pugile Juan Evangelista Venegas. Porto Rico possiede inoltre squadre di livello nazionale in molte altre manifestazioni ed eventi sportivi, tra cui i Giochi panamericani, le Serie dei Caraibi e i Giochi centramericani e caraibici, che nel 2010 si sono tenuti a Mayagüez. Gli sport più popolari sono il pugilato, il wrestling, la pallacanestro, la pallavolo e il baseball, che è anche quello più praticato ed è quindi considerato lo sport nazionale. Porto Rico ha un proprio torneo di baseball professionale che si gioca durante la stagione invernale. Porto Rico partecipa inoltre ai Campionati mondiali di baseball dove ha finora ottenuto una vittoria nel 1951, quattro secondi posti e quattro terzi posti. Il 29 settembre 2005 la Major League Baseball ha annunciato che lo stadio Hiram Bithorn di San Juan avrebbe ospitato una partita del primo turno del campionato e una partita del secondo turno del World Baseball Classic. La squadra portoricana ha partecipato all'evento ma è stata eliminata proprio durante il secondo turno. Il secondo sport più amato e praticato è la pallacanestro. L'8 agosto 2004 è diventata una data memorabile per lo sport a Porto Rico, dal momento che la nazionale di pallacanestro portoricana è riuscita a battere il Dream Team statunitense ad Atene, in Grecia, durante i Giochi olimpici estivi.[35] Tra i protagonisti della vittoria portoricana figurano Carlos Arroyo, il campione degli Orlando Magic, e Daniel Santiago, conosciuto in Italia per aver giocato nella Pallacanestro Virtus Roma e per aver vinto uno scudetto con la Pallacanestro Varese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c The World Factbook Stime della CIA.
  2. ^ Tasso di fertilità nel 2010. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  3. ^ Puerto Rico nell’Enciclopedia Treccani. URL consultato il 29 aprile 2012.
  4. ^ (EN) Censimento di Porto Rico, anno 2000
  5. ^ (EN) Rapporto della task force presidenziale
  6. ^ Íñigo Abbad y Lasierra, Historia Geográfica, Civil y Natural de la Isla de San Juan Bautista de Puerto Rico
  7. ^ (EN) Isola di Vieques - Cosa si nasconde sottoterra
  8. ^ (EN) Breve Cronologia di Porto Rico
  9. ^ a b Da Borikén derivano Boricuas e Borinquen, termini entrambi usati per riferirsi ai portoricani e alla gente di Porto Rico
  10. ^ (ES) I viaggi di Vicente Yáñez Pinzón
  11. ^ (EN) Trattato di Parigi del 1898
  12. ^ (EN) Cronistoria della vita di Pedro Albizu Campos
  13. ^ Act of July 3, 1950, Ch. 446, 64 Stat. 319
  14. ^ (ES) Costituzione del Commonwealth di Porto Rico (versione originale)
  15. ^ a b (EN) Per le statistiche complete sui plebisciti fare riferimento ai Risultati delle Elezioni di Porto Rico
  16. ^ (ENES) Il terremoto del 1918 Dipartimento sismico dell'Università di Mayagüez (UPRM)
  17. ^ (EN) Informazioni sulla fossa di Porto Rico e l'abisso Milwaukee
  18. ^ (ES) Riserva naturale dell'isola della Mona (a cura del DRNA)
  19. ^ (EN) Altitudine delle maggiori vette degli Stati Uniti e Porto Rico (USGS)
  20. ^ (ES) I laghi di Porto Rico (DRNA)
  21. ^ (EN) CIA World Factbook - Divisioni amministrative
  22. ^ (ES) Fondazione dei comuni
  23. ^ (EN) CIA World Factbook - Popolazione
  24. ^ (EN) Analisi del DNA mitocondriale delle migrazioni in Porto Rico
  25. ^ (EN) Profilo delle caratteristiche demografiche generali (2000)
  26. ^ (DEENESFRPT) Fondazione Principe delle Asturie
  27. ^ (EN) Statistiche della Chiesa cattolica
  28. ^ (EN) Puerto Rican Legal Defense and Education Fund (PRLDEF)
  29. ^ (EN) Introiti medi per famiglia
  30. ^ (EN) Il governo di Porto Rico si spegne (BBC news)
  31. ^ (ES) Le nuove tasse portoricane
  32. ^ (ES) Infrastrutture universitarie
  33. ^ (EN) I principali aeroporti di Porto Rico
  34. ^ (EN) Statistiche sulle specie in Porto Rico
  35. ^ (EN) Sconfitta shock per gli USA (BBC sport)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Miguel Barroso, Igor Reyes-Ortiz, Cronache dai Caraibi. Percorso inedito attraverso le Antille, Milano, Feltrinelli, 1996, ISBN 88-7108-135-8.
  • Vanna Ianni, L'universo dei Caraibi. I colori dell'arcipelago, Firenze, Giunti, 1991, ISBN 88-09-60382-6.
  • (EN) Harry S. Pariser, Explore Puerto Rico, 5ª ed., San Francisco, Manatee Press, 2003, ISBN 978-1-893643-52-9.
  • (EN) Kurt Pitzer, Tara Stevens, Adventure Guide to Puerto Rico, 2ª ed., Hunter Publishing, agosto 2001, ISBN 978-1-58843-116-5.
  • (EN) Mark Kurlansky, A Continent of Islands: Searching for the Caribbean Destiny, Addison-Wesley Publishing, 1992, ISBN 0-201-52396-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America