Oxford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Oxford (disambigua).
Oxford
City (1542)
City of Oxford
Oxford – Stemma
Oxford – Veduta
Dati amministrativi
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Sud Est
Contea County Flag of Oxfordshire (modern version).svg Oxfordshire
Esecutivo Liberal Democratico / Laburista / Verde
Territorio
Coordinate 51°45′07″N 1°15′28″W / 51.751944°N 1.257778°W51.751944; -1.257778 (Oxford)Coordinate: 51°45′07″N 1°15′28″W / 51.751944°N 1.257778°W51.751944; -1.257778 (Oxford)
Superficie 45,59 km²
Abitanti 153 700 (2010)
Densità 3 371,35 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale OX
Prefisso 01865
Fuso orario UTC+0
ISO 3166-2 GB-OXF
Codice ONS 38UC
Nome abitanti Oxonian
Rappresentanza parlamentare Evan Harris, Andrew Smith
Soprannome The City of Dreaming Spires
Motto Fortis est veritas
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Oxford
Localizzazione nella contea dell'Oxfordshire
Localizzazione nella contea dell'Oxfordshire
Sito istituzionale

Oxford (pronuncia [ˈɒksfəd]) è una città di 149.800 abitanti (censimento 2005) del Regno Unito, nella contea dell'Oxfordshire in Inghilterra. È sede dell'Università di Oxford, la più antica università del mondo anglosassone, e dell'Ashmolean Museum.

È conosciuta come "la città dalle sognanti guglie", un termine coniato da Matthew Arnold per l'armonica architettura degli edifici dell'università. A differenza di Cambridge, Oxford è una città industriale, in particolare per la produzione di automobili nel sobborgo di Cowley.

Il nome della città è composto da due parole: Ox (= bue) e ford (= guado) che significa appunto "guado dei buoi". La presenza dell'Università di Oxford comporta un grande afflusso di studenti che nel week-end si rigetta nelle strade animando la città.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Oxford, il Ponte dei Sospiri (Bridge of Sighs)

Villaggio sassone (Oksnaford). Iniziò con la fondazione del monastero femminile di Santa Fridesvida nell'VIII secolo e la prima testimonianza scritta è nelle Cronache Anglosassoni del 912. Nel X secolo Oxford divenne un'importante città militare sul confine tra i regni di Mercia e di Wessex, ed in seguito divenne borgo reale merciano, fu in varie occasioni saccheggiata dai Danesi.

nell'età della pietra viene menzionata per la prima volta in documenti del XII secolo. I primi college furono lo University College (1249), il Balliol College (1263) ed il Merton College (1264). La cattedrale di Christ Church è unica in quanto è allo stesso tempo cattedrale e cappella dell'omonimo college. Sorta come la chiesa del priorato di Santa Fridesvida, l'edificio fu esteso ed incorporato nella struttura del Cardinal's College subito dopo che questo fu rifondato come Christ Church nel 1546. Da allora la cappella svolge la funzione di cattedrale della diocesi di Oxford.

Le relazioni tra città ed università furono spesso conflittuali; molti studenti perirono nella rivolta di Santa Scolastica del 1355. Durante la Guerra Civile, Oxford ospitò la corte di Carlo I nel 1642, dopo che il re fu cacciato da Londra, anche se nella città vi era forte supporto per Oliver Cromwell. La città si arrese alle truppe dei Parlamentaristi sotto il Generale Fairfax nel 1646.

Nel 1790 il Canale di Oxford collegò la città con Coventry, collegandola al Tamigi, e negli anni 1840 le ferrovie "Great Western Railway" e "London and North Western Railway" collegarono Oxford e Londra. Nel XIX secolo la controversia intorno al Movimento di Oxford nella chiesa anglicana fece emergere la città come un centro di pensiero teologico. Il municipio di Oxford fu costruito sotto la regina Vittoria.

All'inizio del XX secolo Oxford ebbe una rapida crescita industriale e demografica. Le industrie editoriali diventarono importanti negli anni 1920. In quel periodo ci furono profonde trasformazioni economiche e sociali quando William Morris fondò la Morris Motor Company per la produzione di massa di automobili a Cowley, nella periferia sud-orientale della città. All'inizio degli anni 1970, più di 20.000 persone erano impiegate presso gli stabilimenti della Morris Motors e della Pressed Steel Fisher. Questo cambiamento nella cultura di Oxford portò al detto "Oxford è la sponda sinistra di Cowley".

L'influenza della manodopera immigrata per l'industria automobilistica, la recente immigrazione dal Sud-Est asiatico ed una grande popolazione studentesca hanno dato ad Oxford un carattere decisamente cosmopolita, specialmente nelle zone di Headington e Cowley Road con i vari bar, ristoranti, discoteche, negozi etnici e fast food. Il 6 maggio 1954 Roger Bannister corse per la prima volta il miglio in meno di 4 minuti sulla pista di Iffley Road. L'altra università di Oxford, la Oxford Brookes University, l'ex Politecnico di Oxford, con sede a Headington, ottenne gli statuti nel 1991.

Quartieri e comuni di Oxford[modifica | modifica sorgente]

Barton, Binsey, Blackbird Leys, Botley, Cowley, Cowley Marsh, Cutteslowe, East Oxford, Godstow, Grandpont, Greater Leys, Headington, Headington Quarry, Iffley, Jericho, Littlemore, Marston, New Headington, New Hinksey, New Marston, Norham Manor, North Hinksey, North Oxford, Osney, Risinghurst, Rose Hill, Sandhills, South Hinksey, Summertown, Temple Cowley, Walton Manor, Wolvercote, Wood Farm.

Parrocchie civili[modifica | modifica sorgente]

Intorno alla città ci sono le seguenti parrocchie:

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Le maggiori attrazioni turistico-culturali della città:

Persone legate a Oxford[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La città di Oxford ricopre un ruolo importante nella trilogia Queste oscure materie dello scrittore Philip Pullman che, tra l'altro, è originario proprio di questa città.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Oxford è gemellata con:

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Oxford - Mini-Portale in italiano su Oxford

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito