Ottoboni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ottoboni
Ikkon-ottoboni mini 199-270pixel.JPG
Stato bandiera Repubblica di Venezia
bandiera Stato Pontificio
Titoli Patrizi veneti, duchi di Fiano
Data di estinzione 1740
Etnia Italiana

Gli Ottoboni furono una famiglia veneziana, ascritta al patriziato dal 1646 ed estinta in linea diretta mascolina nel 1740, ma tuttora rappresentata per discendenza femminile.

Documenti esistenti nell'archivio di famiglia al Vicariato di Roma e ripresi dal Card. Pietro di Antonio dicono esistenti a Firenze nel 13° sec. Aldobrandino e Bonaccio Ottoboni, ma non è provata la loro appartenenza a questa famiglia.

Diedero il pontefice Alessandro VIII, grazie al quale si trapiantarono a Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Motivo araldico degli Ottoboni, copyrighted

Originari, secondo la tradizione, di Padova o della Dalmazia, gli Ottoboni entrarono nel ceto aristocratico solo in epoca tarda. Prima del patriziato appartenevano al gruppo dei cittadini originari, vale a dire l'alta borghesia solitamente impiegata nel sistema burocratico della Serenissima. Tre suoi membri ricoprirono la prestigiosa carica di cancelliere grande[1][2][3][4].

Primo esponente in vista della famiglia fu Antonio, il quale combatté l'impero Ottomano partecipando alla guerra di Negroponte come capitano di nave (1470). Seguì le sue orme il figlio Stefano che morì in battaglia nella guerra turco-veneziana del 1499. Nello stesso anno il governo veneziano, per sostenere i suoi nove figli rimasti orfani, assegnò a uno di loro, Ettore, l'ufficio della Deposisteria del sale. È da questo momento che gli Ottoboni cominciarono a distinguersi nell'ambito della burocrazia[3][4].

Il figlio di Ettore, Giovan Francesco, divenne nel 1533 segretario del Senato, nel 1544 del Consiglio dei Dieci e nel 1559 cancelliere grande. Un altro figlio di Ettore, Giacomo, ebbe Leonardo che eguagliò la carriera dello zio divenendo pure segretario del Senato (1570), dei Dieci (1588) e cancelliere grande (1610). Quest'ultima carica fu ricoperta anche da Marco di Marcantonio (1639)[3].

Altri esponenti furono impegnati nella diplomazia; nel 1588 i loro meriti vennero riconosciuti dall'imperatore Rodolfo II che concesse agli Ottoboni di inserire l'aquila imperiale nello stemma[2].

Nel frattempo la famiglia aveva acquisito un patrimonio non indifferente. La gestione dei beni avveniva sul modello della "fraterna" in cui tutto veniva condiviso, comprese le strategie matrimoniali che ne garantivano l'indivisibilità e la crescita[5].

Nel 1646 la casata entrò nel ceto patrizio grazie alla consueta offerta di centomila ducati da impiegare nella guerra di Candia. Questa scelta, voluta dal già citato Marco e dai figli Marcantonio, Giovan Battista, Agostino e Pietro, si rivelò disastrosa dal punto di vista finanziario e i suoi effetti vennero acuiti dall'emergere di dissapori familiari[5][1]. Solo le rendite di Pietro, creato cardinale da Innocenzo X, riuscirono in parte a risanare gli ingenti debiti[2].

Fu proprio Pietro a divenire il membro più illustre della casata, venendo eletto papa con il nome di Alessandro VIII (1689). Questo evento fu assolutamente favorevole alla famiglia: dei suoi pronipoti, Pietro di Antonio (quest'ultimo principe, Assistente al Soglio e Generale di S.R.C.) venne fatto cardinale, mentre Marco di Agostino fu nominato prima generale delle galere e della marina pontificia, quindi castellano di Castel Sant'Angelo e infine il 6 marzo 1690 duca di Fiano[2][6][7][4].

Marco ebbe solo due figlie. Di queste, Maria Francesca sposò Gregorio Boncompagni Ludovisi e trasmise alla sua discendenza titoli, stemma e cognome[4].

Boncompagni Ludovisi Ottoboni[modifica | modifica wikitesto]

I Boncompagni Ludovisi Ottoboni amministrarono il ducato di Fiano per circa duecento anni. Con la morte (1909), senza figli maschi, di Marco anche questa linea si estinse e l'eredità passò dapprima al genero Augusto Ruspoli, dei principi di Cerveteri. Morto anche quest'ultimo senza discendenza, titoli, nome e stemma vennero trasmessi con R.D. all'altro genero Cesare Rasponi che ebbe l'autorizzazione a sostituire il proprio cognome con quello di Ottoboni. Con R.D. 15 lug. 1923 furono riconosciuti i titoli: principe, duca, duca di Fiano, nobile romano coscritto, patrizio veneto,genovese, napolitano e di Pisa.

Deceduto anche questo senza figli (1957), in conformità all'istituto della "surrogazione romana" e alle norme successorie previste nel "fedecommesso familiare perpetuo Ottoboni" istituito direttamente da Alessandro VIII il 6 marzo 1690, un discendente della famiglia per via femminile (da Giovanna Ottoboni moglie di Gerolamo Serlupi Crescenzi), Domenico Serlupi Crescenzi (1939-viv.), ha assunto il cognome (D.P.R. 22 novembre 1977) e l'eredità araldica degli Ottoboni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Antonio Menniti Ippolito, Antonio Ottoboni in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 79, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  2. ^ a b c d Flavia Matitti, Pietro Ottoboni in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 79, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  3. ^ a b c Antonio Menniti Ippolito, Marco Ottoboni in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 79, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  4. ^ a b c d Ottobòni in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  5. ^ a b Antonio Menniti Ippolito, Marcantonio Ottoboni in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 79, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  6. ^ Armando Petrucci, Papa Alessandro VIII in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 2, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1960. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  7. ^ Marco Ottobòni, duca di Fiano in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 23 ottobre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Spreti, Enciclopedia Italiana storico-nobiliare.
  • Antonio Menniti Ippolito, Fortuna e sfortune di una famiglia veneziana nel Seicento. Gli Ottoboni al tempo dell'aggregazione al patriziato, Venezia, Istituto di Scienze, lettere ed arti, 1996, isbn 88-86166-30-3
  • Annuario della Nobiltà Italiana, ed. SAGI
  • Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, ed. Collegio Araldico Romano
  • Libro d'Oro del Campidoglio
  • Elenco Storico della Nobiltà Italiana, ed. SMOM, 1960
  • Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana, 1935
  • Claudio Rendina, Le grandi famiglie di Roma
  • Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia