Organizzazione mondiale della sanità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Organizzazione mondiale della sanità
(EN) World Health Organization
(FR) Organisation mondiale de la Santé
(ES) Organización Mundial de la Salud
(PT) Organização Mundial da Saúde
(RU) Всемирная организация здравоохранения
(AR) منظمة الصحة العالمية
(ZH) 世界卫生组织
(TH) องค์การอนามัยโลก
(KO) 세계 보건기구
Organizzazione mondiale della sanità
Bandiera dell'OMS
Abbreviazione OMS, WHO
Tipo Agenzia specializzata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite
Fondazione 7 aprile 1948
Sede centrale Svizzera Ginevra
Area di azione 193 Paesi aderenti
Presidente Hong Kong Margaret Chan
Lingue ufficiali arabo, cinese, inglese, francese, russo, spagnolo
Sito web

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS, o World Health Organization, WHO in inglese), agenzia specializzata dell'ONU per la salute, è stata fondata il 22 luglio 1946 ed entrata in vigore il 7 aprile 1948 con sede a Ginevra.

L'obiettivo dell'OMS, così come precisato nella relativa costituzione, è il raggiungimento da parte di tutte le popolazioni del livello più alto possibile di salute, definita nella medesima costituzione come condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non soltanto come assenza di malattia o di infermità.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della sua fondazione, la costituzione dell'organizzazione fu ratificata da 25 stati.

L'OMS è governata da 195 stati membri[1] attraverso l'Assemblea mondiale della sanità (World Health Assembly - WHA), convocata annualmente in sessioni ordinarie nel mese di maggio. Questa è composta da rappresentanti degli stati membri, scelti fra i rappresentanti dell'amministrazione sanitaria di ciascun paese (Ministeri della sanità). Le principali funzioni dell'Assemblea consistono nell'approvazione del programma dell'organizzazione e del bilancio preventivo per il biennio successivo, e nelle decisioni riguardanti le principali questioni politiche.

È un soggetto di diritto internazionale, vincolato, come tale, da tutti gli obblighi imposti nei suoi confronti da norme generali consuetudinarie, dal suo atto istitutivo o dagli accordi internazionali di cui è parte.

La giurisprudenza internazionale ha precisato che esiste, a carico degli stati, un "obbligo di cooperare in buona fede per favorire il perseguimento degli scopi e degli obiettivi dell'Organizzazione espressi nella sua costituzione"[2].

Caso singolare è la Repubblica di Cina (Taiwan), poiché è uno dei membri fondatori dell'OMS ma fu costretta ad uscirne dopo che, nel 1972, la Repubblica Popolare Cinese (Cina) fu ammessa all'ONU e Taiwan ne uscì. Dal 1997 Taiwan ha fatto richiesta ogni anno per esservi riammessa, ma gli fu ripetutamente negata perché Taiwan risultava rappresentata dalla Repubblica Popolare Cinese. A causa dei rapporti difficili fra i due territori, a medici ed ospedali di Taiwan è stata negata la partecipazione alle attività dell'OMS ed i giornalisti di questo paese non hanno potuto partecipare alle attività dell'OMS. Nel 2009, dopo 40 anni di interruzione, una rappresentanza di Taiwan (sotto il nome di Taipei) ha infine potuto riprendere la sua partecipazione all'Assemblea dell'OMS, a seguito di un accordo con la Repubblica Popolare Cinese[3].

Uffici regionali dell'OMS[modifica | modifica wikitesto]

Mappa uffici regionali dell'OMS

██ Africa

██ Americhe

██ Mediterraneo orientale

██ Europa

██ Sud-est asiatico

██ Pacifico occidentale

L'OMS suddivide il mondo in sei strutture organizzative regionali, ognuna facente capo ad un proprio Comitato Regionale. Le regioni sono:

Stati d'allerta[modifica | modifica wikitesto]

L'OMS, nella sua funzione di vigilanza sanitaria, può emettere avvisi alle autorità sanitarie dei paesi membri relativi ai rischi pandemici.

Le fasi di allarme per i pericoli di pandemia utilizzate dall'OMS sono le seguenti[4][5]:

  • Fase 1: nessuno dei virus che normalmente circola fra gli animali è causa di infezione per l'uomo
  • Fase 2: un virus che sta circolando fra animali domestici o selvatici ha infettato persone venute a stretto contatto con animali infetti
  • Fase 3: un virus animale ha infettato un gruppo di persone, ma la trasmissione fra uomo ed uomo è assente o fortemente limitata
  • Fase 4: per un virus è possibile la trasmissione umana
  • Fase 5: per un virus è possibile la trasmissione umana e sono presenti gruppi di persone infette in almeno due stati appartenenti alla stessa regione OMS (vedi sezione precedente)
  • Fase 6: per un virus è possibile la trasmissione umana e sono presenti gruppi di persone infette in almeno due regioni, oltre alla condizione della fase 5

Le fasi successive avvengono a pandemia conclusa, e sono quelle di post-picco e post-pandemia.

Divisione delle sostanze terapeutiche, profilattiche e diagnostiche[modifica | modifica wikitesto]

All'interno dell'OMS operano diverse divisioni operative.

Alla Divisione delle sostanze terapeutiche, profilattiche e diagnostiche sono demandate alcune attività in campo farmaceutico:

  • la compilazione della Farmacopea Internazionale
  • la redazione di una lista di Denominazioni Comuni Internazionali dei Medicamenti (DCI), raccomandate agli Stati membri per uniformare la nomenclatura farmaceutica dei principi attivi su base internazionale
  • la redazione della lista delle sostanze stupefacenti e il suo costante aggiornamento
  • l'istituzione di un servizio internazionale per la raccolta, l'elaborazione e la diffusione delle segnalazioni di intolleranza ed effetti collaterali dei farmaci
  • l'elaborazione di un certificato internazionale di qualità, basato sull'applicazione delle Norme di Buona Fabbricazione da parte dei produttori di medicamenti
  • la compilazione e l'aggiornamento di un repertorio internazionale delle piante medicinali.
  • la compilazione e l'aggiornamento della Lista dei medicamenti essenziali.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna)
— 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Countries
  2. ^ CIG, 20 dicembre 1980, Parere relativo alla interpretazione dell'accordo del 25 marzo 1951 tra OMS ed Egitto
  3. ^ Taiwan hopes WHO assembly will help boost its profile | Reuters
  4. ^ (EN) Current WHO phase of pandemic alert, OMS. URL consultato il 29 aprile 2009.
  5. ^ (EN) WHO pandemic phase descriptions and main actions by phase (PDF), OMS. URL consultato il 29 aprile 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Sede dell'Organizzazione mondiale della sanità, Ginevra, Svizzera

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]