Ordine della Stella di Romania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine della Stella di Romania
Ordinul naţional Steaua României
Star-of-Romania-Order-Collar.jpg
Collare dell'Ordine della Stella di Romania
Royal standard of Romania (King, 1922 model).svg Flag of the President of Romania.svg
Re di Romania, Presidente della Romania
Tipologia Ordine cavalleresco statale
Status attivo
Capo Traian Băsescu
Istituzione Parigi, 24 gennaio 1864
Primo capo Alexandru Ioan Cuza
Gradi Collare
Cavaliere di Gran Croce
Grand'Ufficiale
Commendatore
Ufficiale
Cavaliere
Ordine più alto Ordine di Michele il Coraggioso
Ordine più basso Ordine del Fedele Servizio
Star of Romania Ribbon.PNG
Nastri dell'ordine

L'Ordine della Stella di Romania (Ordinul Naţional "Steaua României") è la più alta onorificenza rumena. Essa venne fondata durante il periodo regio, ma viene ancora oggi concessa dal presidente della repubblica di Romania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1863 Alexandru Ioan Cuza chiese alla rappresentanza rumena a Parigi di contattare una nota casa di gioielli per la creazione di una nuova decorazione statale. La Krétly presentò un progetto che venne subito approvato dal domnitor e, sulla base del suo accordo, vennero creati i primi 1000 pezzi su cinque classi di benemerenza:

  • Cavaliere di Gran Croce
  • Grand'Ufficiale
  • Commendatore
  • Ufficiale
  • Cavaliere

A differenza degli altri ordini mondiali esistenti, ispirati al modello della Legion d'Onore francese od alla classica croce maltese, il modello proposto consisteva in una croce potenziata smaltata di blu, mai utilizzata in una decorazione sino a quel momento.

Cuza decise che il nome della decorazione sarebbe stato quello di "Ordine dell'Unione" ("Ordinul Unirii"). Venne istituita il 24 gennaio 1864, quando si commemorava il 5º anniversario della sua elezione. Il motto fu "GENERE ET CORDES FRATRES" ("Fratelli per origine e sentimenti"). Sul retro si trovavano i numeri "5" e "24", i giorni di gennaio quando venne eletto in Moldavia e Valacchia.

Non essendo in grado dalla sua posizione di istituire un'onorificenza, Cuza concesse le medaglie come riconoscimento personale. Gran parte delle insegne rimanevano però nelle prigioni del palazzo reale rumeno in attesa di conferimento.

Nell'aprile del 1877, la guerra con l'Impero Ottomano, venne ravvivata dalla legittimità delle decorazioni. Mihail Kogălniceanu, Ministro degli Esteri nel gabinetto di I. C. Brătianu, prese parte a questi dibattiti presso la Camera dei Deputati di stato circa l'istituzione di una decorazione nazionale. La mozione venne approvata, ma il motto venne cambiato in "IN FIDE SALUS" ("Nella fede la salvezza"). Riguardo al nome, Kogălniceanu insistette per il cambiamento in "Steaua Dunării" ("Stella del Danubio").

Diploma di concessione dell'onorificenza ad Ernesto Burzagli in nome di Re Ferdinando I.

Il nome di "Steaua României" ("Stella di Romania") apparve per la prima volta il 10 maggio 1887, quando una legge votata dal parlamento, approvò così il primo atto legislativo del nuovo sovrano di Romania.

Con Decreto Reale n°1545/1932, Re Carol II modificò la forma della decorazione nella gerarchia nazionale. Come risultato, nel 1932, passò dal primo posto che aveva ricoperto dal 1906, al quarto, venendo preceduta dagli ordini di Carlo I e da quello di Ferdinando I. Nel 1937, passò al settimo posto.

Durante questi cambiamenti, la forma della decorazione rimase la medesima, ma le si aggiunsero semplicemente delle aquile araldiche tra le braccia della croce, come insegna del re Carol I, mentre sul retro venne posta la data "1877", a ricordo della rifondazione dell'Ordine. Le classi di benemerenza vennero stabilite in maniera più precisa:

  • Cavaliere di Gran Croce: 35 civili e 10 militari
  • Cavaliere di I Classe: 50 civili e 15 militari
  • Grand'Ufficiale: 75 civili e 25 militari
  • Commendatore: 200 civili e 75 militari
  • Ufficiale: 500 civili e 150 militari
  • Cavaliere: 1000 civili e 350 militari

Le regole stabilite da re Carol II vennero cambiate dal generale Ion Antonescu (che divenne dittatore del paese dal 4 settembre 1940), divenendo nel contempo il secondo ordine statale per importanza dopo quello di Michele il Coraggioso.

Ispirato alla Croce di Ferro tedesca, Ion Antonescu decise che i primi tre gradi dell'ordine venissero conferiti con delle corone d'alloro nel caso di particolari atti di coraggio militari.

Dopo il 1948, tutte le decorazioni statali esistenti vennero dichiarate fuorilegge e divenne vietato indossarle pubblicamente: erano quegli gli anni della repressione del regime comunista rumeno.

Dopo vari tentativi, nel 1998/1999 l'Ordine venne ristabilito col nome di "Ordine Nazionale della Stella di Romania", con lo stesso disegno utilizzato nel 1932 ma senza le insegne del Re Carol I che vennero sostituite dalle insegne repubblicane. Fu in questa occasione che venne introdotto anche l'uso del Collare sopra la Gran Croce.

Il nastro è rosso con due strisce blu per ciascun lato.

Insigniti notabili[modifica | modifica wikitesto]

Primo periodo (1877-1948)[modifica | modifica wikitesto]

Secondo periodo (1998-)[modifica | modifica wikitesto]

Collare[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce[modifica | modifica wikitesto]

Grand'Ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]