Nicosia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune italiano in provincia di Enna, vedi Nicosia (Italia).
Nicosia
comune
(EL) Λευκωσία - Leukōsia
(TR) Lefkoşa
Nicosia – Bandiera
Nicosia – Veduta
Localizzazione
Stato Cipro Cipro
Distretto Nicosia
Amministrazione
Sindaco Eleni Mavrou (Ελένη Μαύρου)
Territorio
Coordinate 35°10′N 33°21′E / 35.166667°N 33.35°E35.166667; 33.35 (Nicosia)Coordinate: 35°10′N 33°21′E / 35.166667°N 33.35°E35.166667; 33.35 (Nicosia)
Abitanti 430 616[1] (2011/2006)
Altre informazioni
Cod. postale 1010–1107
Prefisso (+357)22
Fuso orario UTC+2
ISO 3166-2 CY-01
Cartografia
Mappa di localizzazione: Cipro
Nicosia
Sito istituzionale

Nicosia (in greco Λευκωσία, Leukōsia, in turco Lefkoşa) è la capitale e la sede del governo della Repubblica di Cipro. Il nome deriva dalla dizione francese Nicosie usata sotto il regno dei Lusignano. Nicosia è la città più popolosa di Cipro e il centro dell'economia cipriota.

È inoltre l'unica capitale divisa al mondo (così come fu Berlino dal 1945 al 1990), con la parte sud greco-cipriota e la parte nord turco-cipriota divise dalla Green Line.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

A differenza delle altre principali città cipriote, Nicosia non sorge sulla costa ma in una posizione relativamente centrale dell'isola, all'interno della piana della Mesaoria, separata dal mare dalla catena montuosa del Pentadattilo.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 15,5 15,9 19,2 24,0 29,7 34,3 37,2 36,9 33,5 29,0 22,1 17,0 16,1 24,3 36,1 28,2 26,2
T. mediaC) 10,6 10,6 13,1 17,1 22,3 26,9 29,7 29,4 26,2 22,3 16,3 12,0 11,1 17,5 28,7 21,6 19,7
T. min. mediaC) 5,7 5,2 7,0 10,2 14,8 19,4 22,2 21,9 18,8 15,6 10,4 7,1 6,0 10,7 21,2 14,9 13,2
Precipitazioni (mm) 54,7 41,6 28,3 19,9 23,5 17,6 5,8 1,3 11,7 17,4 54,6 65,8 162,1 71,7 24,7 83,7 342,2

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Piazza di Faneromeni: Centro Storico di Nicosia

Nicosia è stata fondata dai Greci provenienti dalla regione della penisola del Peloponneso, chiamato Acaia (in greco antico Ἀχαΐα, Acaia, Αχαΐα greco moderno), dopo la Guerra di Troia. Conosciuta come Ledra o Ledrae nei tempi antichi, la città fu sede dei re della casata dei Lusignano dal 1192.

Entra a far parte della Repubblica di Venezia nel 1489 ed è conquistata dai Turchi ottomani nel 1571. Nicosia ha subito un periodo di estrema violenza prima dell'indipendenza, e dopo l'invasione del 1974 la parte settentrionale della città è sotto occupazione militare turca, divisa dalla parte meridionale da una zona controllata dalle Nazioni Unite, la cosiddetta linea verde o "linea di Attila".

Nonostante la devastazione causata dagli invasori turchi, Nicosia, come altre grandi città di Cipro, conserva dei resti archeologici greci del periodo definito "arcaico". A questi si aggiunge l'interessante architettura gotica, costruita durante il regno dei Lusignano e l'epoca delle Crociate, tra questi edifici figura la cattedrale di Nicosia, in stile gotico.

Piazza della Libertà (greco:Πλατεία Ελευθερίας): Municipio, Mura Veneziana e Torre 25 (Tower 25) di Jean Nouvel nel fondo.

Città divisa[modifica | modifica wikitesto]

Una ex garitta al centro di Nicosia

Dopo l'invasione turca del 1974 la città è divisa in una zona sud amministrata dalla Repubblica di Cipro (greco-cipriota) e da una zona nord sotto occupazione militare turce e gestita dall'auto-proclamata Repubblica Turca di Cipro Nord. La linea di demarcazione tra le due zone è comunemente chiamata Green Line e si compone di fili spinati, guarnigioni militari ed alcuni tratti di vero e proprio muro: tra le linee militari greco-cipriote e turco-cipriote vi è una terra di nessuno pattugliata dalla missione UNFICYP delle Nazioni Unite che ha il suo quartier generale nel Ledra Palace, un tempo il miglior albergo della città ed ora checkpoint per il passaggio tra zona "greca" e zona "turca". Nicosia è l'ultima città d'Europa divisa per le conseguenze di una guerra. La città non ha un municipio, che fino ad ora è stato ospitato da sei differenti immobili: attualmente si sta progettando la sua costruzione. L'attuale sindaco di Nicosia è Eleni Mavrou.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Banco Ellenico: Ingresso alla città di Nicosia
Viale Makariou in Nicosia

Nicosia è la sede finanziaria e amministrativa della Repubblica di Cipro e uno dei centri economici e finanziari più importanti del Mediterraneo orientale.

Nella città si trovano le sedi di tutte le Banche cipriote, come la Marfin Popular Bank, la Banca di Cipro (greco: Τράπεζα της Κύπρου), il Banco Ellenico (greco: Ελληνική Τράπεζα) e la Banca Centrale di Cipro (greco: Κεντρική Τράπεζα της Κύπρου).

A Nicosia si trovano anche delle società di revisione e di organizzazione contabile e consulenza fiscale e legale, come PWC, Deloitte, KPMG ed Ernst & Young.

Secondo un recente studio condotto dalla UBS (agosto 2011) Nicosia, in termini di parità dei poteri d'acquisto, è la città più ricca del Mediterraneo e la decima al mondo nel 2011.[2].

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Vista del campus principale della Università di Cipro.

L'Università di Cipro, fondata nel 1989, ammise i primi studenti nel 1992; è la più vecchia università dell'isola. Oggi è la più grande istituzione universitaria pubblica di Cipro e, assieme all'Università Aperta di Cipro e all'Università di Tecnologia di Cipro (con sede a Limassol), è una delle uniche tre Università pubbliche della Repubblica di Cipro.

Personaggi celebri[modifica | modifica wikitesto]

Nicosia è la città natale della cantante rap-francese Diam's.

Relazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre principali della città sono l'APOEL, l'Olympiakos Lefkosias e l'Athlitikos Syllogos Omonoia Leykosias.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] , http://nufussayimi.devplan.org/Census%202006.pdf
  2. ^ http://www.citymayors.com/economics/usb-purchasing-power.html The most expensive and richest cities in the world - A report by UBS

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]