Mondìo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Mondìo (o Mondjo) sono una famiglia nobile italiana originaria della Spagna e trapiantata a Messina nel XVI secolo, durante la terza dominazione spagnola.

Secondo il Mango di Casalgerardo, la famiglia fu aggregata alla nobilità messinese nel XIX secolo e risulta iscritta alla mastra nobiliare di Messina del 1798-1807[1]. Possedette il marchesato di Navarri, tenuta situata nei pressi di Pistunina.

Tra gli esponenti della famiglia si contano vari senatori messinesi, un console del Regio Consolato dell’Arte della Seta[non chiaro], Cavalieri dell'Ordine di Malta, numerosi Consoli del Mare, avvocati fiscali, notari e giudici straticoziali. Un Don Paolo Maria, dottore in sacra teologia e in diritto canonico, fu nominato nel 1850 abate, prelato di Santa Lucia del Mela e vescovo di Miriofidi in partibus [2].

Tra i discendenti della famiglia Mondìo che si sono distinti nell'ultimo secolo si ricordano il Prof. Guglielmo Mondìo Tricomi (1862-1960), docente universitario di malattie nervose e mentali nelle università di Messina e di Napoli; il Dott. Umberto Mondìo Landi (1902-1981), figlio di quest'ultimo, cavaliere magistrale dell’Ordine di Malta e cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana, che fu prefetto di Rovigo [3] di Latina [4] di Salerno[5] e di Parma, e che si trovò a dover fronteggiare l'emergenza dell'alluvione del Polesine nel 1951 e il disastro di Salerno nel 1956.

Dalla famiglia Mondìo discendevano anche, per parte di madre, i politici messinesi Michele Crisafulli Mondìo, sindaco di Santa Teresa di Riva e podestà di Messina durante il Fascismo, e Vincenzo Michele Trimarchi, giurista, docente universitario, senatore della Repubblica per il PLI e giudice della Corte Costituzionale.

Il Palazzo dei Mondio, situato nel villaggio Contesse, risale al XVI secolo ed ha subito nel corso dei secoli vari rifacimenti; nel 1735 ospitò per quasi un mese Carlo III di Borbone in visita a Messina e nel 1860 ospitò per venti giorni Nino Bixio durante la guerra per l'Unità d'Italia [6].

Parentele[modifica | modifica sorgente]

I Mondìo si imparentarono, a Messina, con le nobili famiglie La Corte, Laudamo, Gordone, Crisafulli e, in tempi recenti, con la famiglia Crisafi.

Arma[modifica | modifica sorgente]

Blasonatura: d'azzurro, al mondo d'oro centrato in banda, caricato sopra da una corona all'antica e sotto da un volo spiegato nel secondo, sostenuto da due leoni sulla fascia in divisa; il tutto d'oro col mare al naturale, fluttuoso, movente dalla punta.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Galluppi, Nobiliario della città di Messina
  • G.B. di Crollalanza, Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane, Pisa, 1886-90, vol. II, p. 154
  • G. Mondio, La famiglia Mondio, Messina, 1907
  • S. Calleri, Messina Moderna, Soveria Mannelli, Rubbettino, 1991

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I Mondìo nel nobiliario di Messina del Casalgerado
  2. ^ Nobiliario di Sicilia
  3. ^ Cfr. Prefetti della provincia di Rovigo
  4. ^ Cfr. Prefetti della provincia di Latina
  5. ^ Cfr. Prefetti della provincia di Salerno
  6. ^ Nota su Palazzo Mondìo

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia di famiglia