Latitudine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappamondo con indicazione di alcune latitudini

La latitudine è la coordinata geografica pari all'altezza del polo celeste sull'orizzonte.

La latitudine è pari all'angolo che la verticale di un punto sulla superficie della Terra (o di un pianeta) forma con il piano equatoriale. Tale angolo viene misurato in gradi sessagesimali e può assumere valori nell'intervallo da 0 a 90° N e da 0 a 90° S.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

I punti la cui latitudine è un angolo retto sono detti poli. Il polo dal quale la rotazione del pianeta è vista come antioraria è detto polo nord, l'altro polo sud. La latitudine nell'emisfero centrato sul polo nord si indica come latitudine nord, l'altra come latitudine sud, e i rispettivi emisferi come boreale e australe.

I punti che hanno la stessa latitudine si trovano sullo stesso parallelo.

A causa dello schiacciamento dei poli terrestri i meridiani non sono dei cerchi perfetti, bensì delle ellissi. Questo implica che i gradi di latitudine non hanno lunghezze uguali.

Misurazione[modifica | modifica sorgente]

La latitudine si calcola con la misura dell'altezza del Sole o della Stella Polare sull'Orizzonte, in gradi. Si potrebbe utilizzare un sestante per tale operazione.

Nell'emisfero australe si deve prendere come riferimento l'altezza del polo sud celeste, trovato tramite la Croce del Sud, sull'Orizzonte.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia