L'amore in città

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'amore in città
Amore in citta.png
Titoli di testa del film
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1953
Durata 105 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico
Regia Michelangelo Antonioni, Federico Fellini, Alberto Lattuada, Carlo Lizzani, Francesco Maselli, Dino Risi e Cesare Zavattini
Sceneggiatura Michelangelo Antonioni, Aldo Buzzi, Dino Risi, Luigi Chiarini, Federico Fellini, Marco Ferreri, Alberto Lattuada, Cesare Zavattini, Vittorio Veltroni, Luigi Malerba, Tullio Pinelli
Produttore Roma Faro Film; Marco Ferreri, Riccardo Ghione, Cesare Zavattini per la rivista cinematografica semestrale Lo spettatore n. 1
Distribuzione (Italia) DCN
Fotografia Gianni Di Venanzo
Montaggio Eraldo Da Roma
Musiche Mario Nascimbene
Scenografia Gianni Polidori
Interpreti e personaggi
Agenzia matrimoniale
Episodi

L'amore in città è un film in sei episodi diretti dai registi Michelangelo Antonioni, Federico Fellini, Alberto Lattuada, Carlo Lizzani, Francesco Maselli, Dino Risi e Cesare Zavattini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Film costruito interamente su un progetto di Zavattini con sei storie/episodi che dovrebbero documentare il reale usando attori non professionisti che interpretano i loro ruoli nella vita. Il risultato è diseguale: non è cinema neorealista, fenomeno spontaneo che si chiude proprio nel momento in cui viene teorizzato, e non è ancora il cinema documento praticato negli anni Sessanta-Settanta. Rimane la testimonianza storica di un'epoca di passaggio in cui autori come Fellini, Antonioni, Risi, Lattuada si stavano muovendo verso stili più personali e meno 'oggettivi'.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

  • Amore che si paga di Carlo Lizzani (11') è una inchiesta sulla prostituzione a Roma;
  • Tentato suicidio di Michelangelo Antonioni (22') inchiesta su protagonisti di tentati suicidi;
  • Paradiso per tre ore di Dino Risi (11') descrive l'ambiente delle sale da ballo dei quartieri periferici, frequentate la domenica da giovani in libera uscita;
  • Agenzia matrimoniale di Federico Fellini (16'), sceneggiatura dello stesso Fellini e Tullio Pinelli, inchiesta sulle agenzie matrimoniali;
  • Storia di Caterina (27') di Francesco Maselli e Cesare Zavattini, in cui una madre nullatenente abbandona il figlio per poi recuperarlo, pentita, dalle suore il giorno dopo;
  • Gli italiani si voltano (14') di Alberto Lattuada, sorta di candid camera nelle vie di Roma che riprende le reazioni degli uomini al passaggio di belle ragazze.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema