Il Pireo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Pireo
comune
О Πειραιάς
Il Pireo – Stemma
Il Pireo – Veduta
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Attica
Unità periferica Pireo
Amministrazione
Sindaco Vasileios Michaloliakos (ND)
Territorio
Coordinate 37°57′N 23°38′E / 37.95°N 23.633333°E37.95; 23.633333 (Il Pireo)Coordinate: 37°57′N 23°38′E / 37.95°N 23.633333°E37.95; 23.633333 (Il Pireo)
Altitudine 2/6 m s.l.m.
Superficie 10,9 km²
Abitanti 163 688 (2011)
Densità 15 017,25 ab./km²
Altre informazioni
Lingue greco
Cod. postale 185xx
Prefisso +30 210
Fuso orario UTC+2
Targa Y
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Il Pireo
Il Pireo – Mappa
Sito istituzionale

Il Pireo[1] (in greco О Πειραιάς, traslitterato in O Pireás), con tanto di articolo; nome ufficiale: Δήμου Πειραιά) è un comune greco dell'Attica situato a poco più di 10 km a sud-est del centro di Atene, con la quale è unito senza soluzione di continuità per il tramite di una serie di sobborghi.
Si tratta del comune più popoloso dell'Attica dopo Atene, con una popolazione di 163.688 abitanti su 10.9 km², mentre la sua prefettura ha 466.065 abitanti su un totale di 50 km².[2] Insieme ad Atene e ai sobborghi attici fa parte dell'hinterland ateniese, che conta 4.013.368 abitanti.[3]

È il più grande porto della Grecia e il maggiore d'Europa per numero di passeggeri,[4][5] nonché il terzo del mondo, con un traffico di oltre 20 milioni di passeggeri l'anno.[5][6] Con un traffico di 1,4 milioni di TEU è inoltre uno dei più grandi porti commerciali d'Europa nonché il maggiore dell'est del Mediterraneo per traffico di container.[6]

Porto naturale con diverse insenature e porticcioli secondari, la sua importanza nell'economia dell'Attica e della Grecia si può rintracciare fin dall'antica Grecia. In particolare dal V secolo a.C., quando divenne il porto dell'Atene classica, contribuendo così alla sua crescita economica e militare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pireo (demo).

Il Pireo divenne il porto principale di Atene nel V secolo a.C., quando Temistocle lo fortificò.[7][8] La storia del porto è strettamente legata con quella dell'omonimo demo: in età ellenistica una guarnigione era di stanza sulla collina Munichia, che dominava il porto, data l'importanza della posizione: questa venne più volte cacciata e richiamata sul luogo, fino ad andarsene definitivamente alla fine del IV secolo a.C.[9][10]

Il Pireo fu quasi completamente distrutto da Silla e, da quel momento, iniziò per il demo un periodo di degrado che lo portò ad essere, nel I secolo d.C., semplicemente "un piccolo villaggio, situato intorno al porto e al tempio di Zeus Soter" (uno dei templi presenti nella zona).[11]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Conurbata nell'Area metropolitana di Atene, è situata a sud-ovest della capitale ellenica. Il Pireo aveva tre porti: quello più grande, Cantaro, era finalizzato al commercio, mentre gli altri due, Munichia e Zea, erano militari.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Università del Pireo.

Citato ne La Repubblica di Platone: il dialogo inizia infatti con la voce di Socrate, il quale afferma di essere sceso (viene usato il verbo katabaino per sottolineare una discesa pericolosa e insidiosa, come quella di Ulisse agli inferi) al Pireo il giorno precedente.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il porto centrale del Pireo
Stazione del Pireo: metropolitana per Atene

Porto[modifica | modifica wikitesto]

Il porto del Pireo è il principale porto della Grecia, a cui fanno capo sia i traghetti di collegamento internazionali che i traghetti diretti alle numerose isole dell'Egeo; dal luglio 2010 uno dei moli del porto commerciale (a pochi km di distanza dal porto passeggeri) è stato preso in gestione per la durata di 35 anni dalla compagnia cinese COSCO, che già da anni era attiva in Grecia. [1]

Ormai parte della periferia ateniese è raggiungibile dalla città tramite una delle tre linee della metropolitana.

I collegamenti urbani filoviari sono gestiti dall'azienda di trasporto "ILPAP".

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista amministrativo il Pireo costituisce un comune. È anche sede di una prefettura autonoma dalla città di Atene che ricomprende, oltre a comuni dell'area metropolitana della capitale greca anche porzioni litoranee dell'Argolide, tutte le isole del golfo Argosaronico e altre più distanti, poste tra il Peloponneso e Creta.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

  • Ethnikos Pireo - fondata nel 1910
  • Ionikos - fondata nel 1925
  • Olympiakos Pireo - fondata nel 1925 è la squadra greca con più titoli (41 al 2014) nella storia del campionato nazionale.

Personaggi celebri nati al Pireo[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Pireo è gemellata con:

Omonimia[modifica | modifica wikitesto]

Con la variante onomastica Pireo è chiamato talvolta Piroo, un personaggio della mitologia greca: condottiero trace, partecipò col giovane figlio Rigmo alla guerra di Troia, in soccorso della città, trovandovi la morte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Pireo è uno dei pochi nomi di città che in italiano vogliono l'uso dell'articolo (come La Spezia o L'Aquila in Italia, si veda il DOP)
  2. ^ http://www.ypes.gr/topiki.htm
  3. ^ Urban Audit, Athina (PDF). URL consultato il 28 dicembre 2007.
  4. ^ Piraeus by Maritime Database
  5. ^ a b World Port Source - Port of Piraeus
  6. ^ a b Piraeus port in Athens - Greek island ferries
  7. ^ Diodoro, XI, 41, 2.
  8. ^ Pausania, I, 1, 2.
  9. ^ Plutarco, Vite parallele: Arato, vol. 34.
  10. ^ Pausania, II, 8, 5.
  11. ^ Strabone, IX, 395.
  12. ^ (EN) Shanghai Foreign Affairs, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  13. ^ gemellaggi dal sito ufficiale. URL consultato il 23 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]