Falda freatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La falda freatica è un tipo di falda acquifera.

La presenza di accessi naturali, (in greco phréar, phréatos, cioè "pozzo") permette l'estrazione di acqua dalle profondità del terreno.

Geologia[modifica | modifica sorgente]

La formazione della falda freatica è dovuta all'acqua dei fiumi o della pioggia che viene lentamente trasportata in profondità dalla forza di gravità finché non giunge ad uno strato argilloso impermeabile dove si ferma. Dopo l'arresto forzato, si forma un accumulo di acqua. Tale formazione è alimentata tramite il fenomeno della capillarità superficiale che mantiene il livello costante. La forma di solito non è regolare ed è dettata dal limite inferiore, cioè il limite della camera impermeabile, e dal limite superiore, ossia dalla superficie del terreno che la sovrasta.

La falda freatica svolge un ruolo fondamentale nell'agricoltura o per il rifornimento d'acqua tramite l'utilizzo dei pozzi. La quantità d'acqua ovviamente può variare con il cambio delle stagioni (in inverno il livello è maggiore dato che il bisogno di acqua in genere è minore) o con l'aumento o la diminuzione delle intensità della pioggia. Anche l'intensità della vegetazione superficiale è causa di variazione del livello dell'acqua, così come l'utilizzo della stessa da parte di una comunità di esseri umani che possono estrarre l'acqua per un utilizzo civile o industriale oltre che per irrigare i campi.[1] Nel caso il livello di acqua della falda freatica si abbassi troppo, è possibile immettere artificialmente altra acqua con un processo denominato "impinguamento" o "ravvenamento" che può prevedere la deviazione di un corso d'acqua o l'immissione di acqua da un lago vicino tramite irrigazione e vasche costruite in superficie.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. G. Pazardjklian, Dizionario Collins dell'ambiente, Gremese Editore, 1998, pp. 113-114. URL consultato l'8 agosto 2011.
  2. ^ Ardito Desio, Geologia applicata all'ingegneria, Hoepli Editore, 1973, p. 298. URL consultato l'8 agosto 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]