Edda Fagni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Edda Fagni
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Livorno
Data nascita 28 marzo 1927
Luogo morte Livorno
Data morte 28 agosto 1996
Titolo di studio Laurea in pedagogia
Professione docente universitario, sindacalista
Partito Partito Comunista Italiano
Democrazia Proletaria
Legislatura IX e X
Gruppo PCI
DP
Circoscrizione Toscana
Collegio Pisa-Livorno
Pagina istituzionale
sen. Edda Fagni
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Partito Partito della Rifondazione Comunista
Legislatura XI e XII
Gruppo RC
Circoscrizione Toscana
Collegio Livorno
Pagina istituzionale

Edda Fagni (Livorno, 28 marzo 1927Livorno, 28 agosto 1996) è stata una politica, docente e sindacalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in Pedagogia, ne è stata anche docente universitario alla facoltà di Magistero di Firenze. È stata attivista sindacale della CGIL scuola e si è iscritta al Partito Comunista Italiano nel 1972. È stata assessore al Comune di Livorno per il PCI dal 1975 al 1980, prima alla cultura poi alla pubblica istruzione.

Alle elezioni regionali del 1980 è stata eletta in Consiglio Regionale della Toscana nella circoscrizione di Livorno nella lista del PCI, con 5.282 preferenze. Si è dimessa da Consigliera regionale nel maggio 1983, per candidarsi alle successive Elezioni politiche al termine delle quali fu eletta deputata. È stata rieletta alla Camera anche alle elezioni del 1987. Allo scioglimento del PCI sceglie di aderire a Rifondazione Comunista, di cui è fra i fondatori in Toscana; con il PRC viene eletta al Senato nel 1992 e nel 1994. Nel 1995 è candidata a Sindaco di Livorno per Rifondazione Comunista, ottenendo il 16,68% dei consensi[1]. Morì nel 1996 all'età di 69 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio storico elezioni elezionistorico.interno.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandra Mancini, Edda Fagni, l'innovazione pedagogica, Edizioni Del Boccale, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]