Comore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Comore
Comore – Bandiera Comore - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Unité, Solidarité, Développement
(Unità, Solidarietà, Sviluppo)
Comore - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Unione delle Comore
Nome ufficiale Union des Comores
Udzima wa Komori
الاتحاد ﺍﻟﻘﻤﺮي
Lingue ufficiali arabo, comoriano, francese
Capitale Moroni  (49.000 ab. / 2009)
Politica
Forma di governo Repubblica federale
Presidente Ikililou Dhoinine
Indipendenza dalla Francia, 6 luglio 1975
Ingresso nell'ONU 12 novembre 1975
Superficie
Totale 2.170 km² (167º)
 % delle acque trascurabile
Popolazione
Totale 734.750 ab. (2012) (158º)
Densità 330 ab./km²
Tasso di crescita 2,063% (2012)[1]
Nome degli abitanti Comoriani
Geografia
Continente Africa
Confini Nessuno
Fuso orario UTC +3
Economia
Valuta Franco delle Comore
PIL (nominale) 596[2] milioni di $ (2012) (181º)
PIL pro capite (nominale) 859 $ (2012) (160º)
PIL (PPA) 868 milioni di $ (2012) (182º)
PIL pro capite (PPA) 1 251 $ (2012) (169º)
ISU (2011) 0,433 (basso) (163º)
Fecondità 4,9 (2010)[3]
Varie
Codici ISO 3166 KM, COM, 174
TLD .km
Prefisso tel. +269
Sigla autom. COM
Inno nazionale Udzima wa ya Masiwa
Festa nazionale 6 luglio
Comore - Mappa
 

Coordinate: 12°11′S 44°14′E / 12.183333°S 44.233333°E-12.183333; 44.233333

L’Unione delle Comore (in araboاتحاد جزر القمر) (fino al 2002, Repubblica Federale Islamica delle Comore) è uno stato insulare dell'Africa Orientale posto all'estremità settentrionale del Canale del Mozambico, nell'Oceano Indiano, tra il Madagascar e il Mozambico. La nazione è composta da tre isole vulcaniche: Grande Comore, Moheli e Anjouan, mentre la vicina isola di Mayotte è reclamata dalle Comore ma ha rifiutato l'indipendenza dalla Francia.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Isole Comore è la traduzione dell'espressione araba جزر القُمُر, Giazir al-Qumr, che significa "isole della Luna", ma anche "isole del Madagascar", in quanto nel Medioevo gli arabi chiamavano il Madagascar "luna".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le Comore rimasero disabitate fino al VI secolo quando furono popolate da genti bantu provenienti dalle prospicienti coste africane. In questa fase l'organizzazione sociale era basata sulla famiglia e sul villaggio.

Successivamente, a partire dal IX secolo le Comore furono invase da arabi shirazi, che vi fondarono dei sultanati, il più importante dei quali ad Anjouan, e sottomisero la popolazione bantu.

Nel Cinquecento anche i Malgasci si insediarono nelle Comore, in particolare a Mayotte, dove tuttora si parla malgascio.

Gli esploratori portoghesi visitarono l'arcipelago nel 1505. Arrivarono poi i francesi, gli olandesi e gli inglesi.
Le Comore in quest'epoca furono una base per la tratta degli schiavi, condotta sia dagli arabi che dagli europei.
Per gli europei erano inoltre una tappa sulla rotta dal Capo di Buona Speranza verso il Golfo Persico, l'India e le Indie Orientali.
Inoltre furono anche la base per i pirati che intercettavano le navi sulle rotte sopra descritte.
I sultanati riuscirono a mantenersi indipendenti, pur facendo concessioni agli europei.

Tra il 1841 e 1912 la Francia conquistò i sultanati e pose le isole sotto l'amministrazione del governatore generale del Madagascar.
Più tardi, coloni francesi, compagnie commerciali francesi e ricchi mercanti arabi costruirono un'economia fondata sulle piantagioni che tuttora sfrutta circa un terzo del territorio delle Comore per la coltivazione di prodotti da esportazione.

Nel 1973 fu raggiunto un accordo con la Francia per ottenere l'indipendenza nel 1978, ma il 6 luglio 1975 il parlamento comoriano approvò una risoluzione con la quale fu dichiarata l'indipendenza, con l'astensione dei deputati di Mayotte, che rimase sotto il controllo francese. In due referendum, nel dicembre 1974 e nel febbraio 1976, la popolazione di Mayotte votò contro l'indipendenza dalla Francia (rispettivamente con il 63.8% e il 99.4% dei voti).

Nel 1997, le isole di Anjouan e Moheli dichiararono la loro indipendenza dalle Comore. Un tentativo successivo del governo di ristabilire il controllo sulle isole ribelli con la forza fallì e di conseguenza l'Unione Africana, sotto gli auspici del Presidente Thabo Mbeki del Sudafrica, portò avanti le trattative per arrivare ad una riconciliazione. Questa portò all'autonomia governativa per ciascuna isola, e un governo federale per le tre isole. All'inizio del 2005 venne approvata la Loi des compétences, una legge che definisce le responsabilità di ciascun organismo di governo, attualmente in corso di perfezionamento. Il giorno 25 marzo 2008 l'esercito, con il sostegno di truppe della Unione Africana, ha assunto il totale controllo dell'isola di Anjuan, mettendo fine alla secessione.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia delle Comore.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stato delle Comore è formato da tre delle quattro isole principali dell'Arcipelago delle Comore. La quarta costituisce il territorio francese di Mayotte. L'arcipelago è situato nell'Oceano Indiano, tra la costa africana ed il Madagascar. L'interno delle isole vulcaniche varia dalle montagne ripide alle basse colline. Il Karthala (2316 m) sull'isola di Grande Comore è un vulcano attivo.

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Le Isole Comore sono uno Stato areico.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Tropicale con stagione delle piogge da novembre a maggio.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Le seguenti statistiche demografiche sono tratte dal CIA Factbook e risalgono al 2009.

Popolazione: 752.438 Crescita annua: 2,77%
Incremento naturale: 27,6‰
Natalità: 35,2‰
Mortalità: 7,6‰
Fecondità: 4,84
Mortalità infantile: 66,57‰
Speranza di vita(anni): M 61,1 F 65,9

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

I comoriani che abitano la Grande Comore, Anjouan, e Moheli (86% della popolazione) hanno un'origine etnica mista arabo-africana.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Nella grande maggioranza i comoriani sono di cultura arabo-islamica, tranne una significativa minoranza sull'isola di Mayotte (i Mahorais) costituita da cattolici fortemente influenzati dalla cultura francese. L'unica circoscrizione ecclesiastica cattolica presente è il Vicariato apostolico delle Isole Comore, che ha sostituito il 1º maggio 2010 la precedente amministrazione apostolica eretta nel 1975. Si contano circa 6.000 fedeli molti dei quali immigrati e cittadini francesi.

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

La lingua più diffusa è lo shikomor o comorino, un dialetto swahili, ma sono parlati anche il francese, l'arabo e il malgascio. Circa il 57% della popolazione è istruita nell'alfabeto latino, la restante parte nell'alfabeto arabo.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Famose in tutta l'Africa del sud, le barche tradizionali comoriane, chiamate djahazi, sono oggi oggetto di una rivalutazione storica e culturale. Nel giugno del 2009, l'artista romano Paolo W. Tamburella ha esposto la djahazi nel corso della 53ª Biennale d'Arte di Venezia, in rappresentanza delle Isole Comore.

Ordinamento dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Ciascuna delle tre isole principali (Grande Comore, Anjouan e Moheli) costituisce una unità amministrativa indipendente, con un proprio presidente eletto; le strutture amministrative centrali hanno scarsi poteri.

Le unità amministrative di secondo livello sono i municipi; ogni isola ha uno o due municipi:

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

La capitale delle Comore è Moroni ed è anche la città più popolosa con 49.000 abitanti (2009;dati CIA Factbook).

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Ratifiche ai Trattati internazionali[modifica | modifica wikitesto]

L'unione delle Comore ha ratificato il 25 gennaio 2004 il protocollo alla Carta africana dei diritti, adottato il 9 giugno 1988, permettendo la piena entrata in vigore della Corte africana dei diritti.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Il governo sta tentando di diversificare le esportazioni, di privatizzare le imprese industriali e di ridurre il forte tasso di crescita della popolazione; la sua autorità, tuttavia è indebolita da una cronica instabilità politica e da numerosi tentativi di colpi di stato.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 il prodotto interno lordo ammontava a 367 milioni di dollari USA, pari a un PIL di 620 dollari pro capite. L'economia delle Comore è basata sull'agricoltura e sulla pesca. La manioca, le patate dolci e il riso vengono coltivati per l'alimentazione locale, ma la gran parte dei generi alimentari delle isole sono importati. L'ylang-ylang (un olio essenziale), la vaniglia, la copra (polpa di noce di cocco essiccata), il sisal e il caffè sono destinati all'esportazione. Le foreste ricoprono il 2,2% del territorio e forniscono un modesto quantitativo di legname da costruzione, soprattutto su Grande Comore. Il settore primario fornisce il 41,1% (2004) del prodotto interno lordo, occupando il 77% (1990) della popolazione attiva.

Nel 2000 il valore totale delle esportazioni fu di 6,86 milioni di $

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Tra i principali problemi ambientali che le isole Comore devono affrontare, i più gravi sono rappresentati da deforestazione e degrado del suolo. Il 59,2% (2003) del territorio è coltivato e il depauperamento e l'erosione del suolo sono il risultato della coltivazione sulle pendici senza l'opportuna creazione di terrazze. Anche l'originaria foresta pluviale è ormai circoscritta ad una minima parte del territorio. Una percentuale piuttosto alta della già limitata biodiversità dell'isola è compromessa; la pesca e il turismo stanno danneggiando le barriere coralline. Il governo ha ratificato accordi internazionali sull'ambiente in materia di biodiversità, desertificazione, specie in via d'estinzione, protezione dell'ozonosfera e zone umide.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo sport più diffuso a livello nazionale è il Badminton.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Compagnia di bandiera[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda che gestisce il traffico aereo sulle isole Comore è la Comore Air Services. Fondata per trasportare persone e merci in tutto il mondo, questa piccola azienda non ha trovato mercato ed il progetto è stato convertito al solo traffico interno. Per gli standard di sicurezza, inoltre, è stata inserita, nel 2008, nella lista nera delle compagnie aeree: non può, pertanto, sorvolare i cieli dell'Unione Europea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Population growth rate in CIA World Factbook. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  2. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2010. URL consultato il 12 febbraio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

News
Descrizioni
Cultura
Directory
Turismo
Altro