Città decorate al valor militare per la guerra di liberazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alla fine della seconda guerra mondiale, la neonata Repubblica Italiana sentì «l'obbligo di segnalare come degni di pubblico onore gli autori di atti di eroismo militare»[1], ricompensando, con delle decorazioni al valor militare, non solo i singoli combattenti, militari o partigiani, ma anche quelle istituzioni territoriali (città, comuni, regioni, università) a cui era stato riconosciuto un ruolo rilevante nella Guerra di Liberazione.

Medaglie d'oro al valor militare[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare

Regioni Medaglia d'oro al valore militare[modifica | modifica wikitesto]

Province Medaglia d'oro al valore militare[modifica | modifica wikitesto]

Città Medaglia d'oro al valore militare[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia assegnata a Savona

Medaglie d'argento al valor militare[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare

Medaglie di bronzo[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di bronzo al valor militare

Croce di guerra al valor militare[modifica | modifica wikitesto]

Croce di guerra al valor militare

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio decreto del 4 novembre 1932, n. 1423 e successive modificazioni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

storia d'Italia Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia d'Italia