Cattedrale di Notre-Dame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cattedrale di Notre-Dame (disambigua).
Cattedrale metropolitana di Nostra Signora
(FR) Cathédrale métropolitaine Notre-Dame
La facciata
La facciata
Stato Francia Francia
Regione Île-de-France Île-de-France
Località Grandes armes de la ville de Paris.svg Parigi
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Parigi
Consacrazione 19 maggio 1182
Stile architettonico gotico
Inizio costruzione 1163
Completamento 1344
Sito web notredamedeparis.fr
La cattedrale e la Senna
Il fianco destro di notte
Veduta da sud-est al tramonto
Veduta dalla Tour Montparnasse

La cattedrale metropolitana di Nostra Signora (in francese: Cathédrale métropolitaine Notre-Dam; in latino: Ecclesia Cathedralis Nostrae Dominae[1]), conosciuta anche come cattedrale di Notre-Dame o più semplicemente Notre-Dame (pronuncia [nɔtʁə dam]), è il principale luogo di culto cattolico di Parigi, sede vescovile dell'arcidiocesi di Parigi,[2][3][4] il cui arcivescovo metropolita è anche primate di Francia.

La cattedrale, ubicata nella parte orientale dell'Île de la Cité, nel cuore della capitale francese, nella piazza omonima,[5] rappresenta una delle costruzioni gotiche più celebri del mondo ed è uno dei monumenti più visitati di Parigi.

In base alla Legge francese sulla separazione tra Stato e Chiesa del 1905, l'edificio è proprietà dello Stato francese, come tutte le altre cattedrali fatte costruire dal Regno di Francia, ed il suo utilizzo è assegnato alla Chiesa cattolica.[6]

La cattedrale, basilica minore dal 27 febbraio 1805,[7] è monumento storico di Francia dal 1862[8] e Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO dal 1991.[9]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Base di una colonna del III secolo sotto il sagrato della cattedrale

Nell'area in cui sorge la cattedrale, originariamente si trovava un tempio pagano dedicato a Giove,[10] frutto della ricostruzione di Lutezia da parte di Gaio Giulio Cesare dopo la resa di Vercingetorige del 52 a.C.[11] Il primo luogo di culto cristiano venne eretto nel IV secolo e dedicato a santo Stefano.[12] In stile paleocristiano, aveva cinque navate separate da colonne marmoree e sorgeva più ad ovest rispetto alla cattedrale odierna; annesso vi era un battistero dedicato a san Giovanni Battista, con il nome di Saint-Jean-le-Rond, demolito nel 1715.[12] La cattedrale di Santo Stefano venne affiancata da un'altra dedicata alla Vergine Maria, costruita dal re merovingio Childeberto I intorno al 528.[3] Nel VII secolo la cattedrale venne restaurata in stile romanico oppure, secondo un'altra ipotesi, ricostruita utilizzando materiali provenienti dall'edificio paleocristiano.[12] In seguito ad un incendio nell'857, la chiesa di Nostra Signora venne ricostruita in stile carolingio.[13]

La costruzione[modifica | modifica sorgente]

Maurice de Sully

Il 12 ottobre 1160 il teologo Maurice de Sully[14] divenne vescovo di Parigi.[15] Egli promosse subito la costruzione di una nuova e più ampia cattedrale, risultando quella di Santo Stefano in rovina[16] e la chiesa di Nostra Signora insufficiente per la popolazione in crescita:[17] la città, infatti, oltre ad essere diventata con Filippo I capitale del regno di Francia, era anche un importante centro economico e culturale.[12] Vennero demolite le due chiese di Santo Stefano e di Nostra Signora e la prima pietra venne posata alla presenza di papa Alessandro III,[N 1] che soggiornò a Parigi dal 24 marzo al 25 aprile 1163,[3] sotto il regno di Luigi VII il Giovane.

Il nuovo edificio sarebbe sorto in stile gotico, che si era già affermato in Francia con la costruzione della basilica di Saint-Denis (1136-XIII secolo) e delle cattedrali di Sens (1135-1534), di Noyon (1145-1235) e di Laon (1155-1235).[18] La chiesa avrebbe avuto una pianta simile a quella della cattedrale di Santo Stefano, con cinque navate senza cappelle laterali ad eccezione di tre cappelle radiali.[19] Il progetto non si limitava solo alla nuova chiesa, ma si estendeva anche sull'area circostante: infatti, prevedeva l'apertura di una grande piazza di fronte alla cattedrale raggiungibile da una nuova strada più larga per agevolare l'accesso dei fedeli, nonché la ricostruzione del palazzo vescovile.[12]

La costruzione della cattedrale fu condotta in due fasi: entro il 1250 venne completato l'edificio, mentre fino alla metà del XIV secolo si ebbe una serie di interventi alla struttura sia interna, sia esterna, fino a raggiungere l'aspetto attuale.[3] L'edificazione dell'edificio venne finanziata sia dalla Chiesa, sia dalla corona di Francia e lavorarono al cantiere molti cittadini prestando la loro opera come fabbri, muratori e carpentieri.[20]

1163-1250[modifica | modifica sorgente]

Sezioni e piante
Sezione longitudinale della navata con il cleristorio originario (a destra) e del 1225-1250 (a sinistra)
Assonometria esterna della navata con il cleristorio originario (a destra) e del 1225-1250 (a sinistra)
Pianta secondo il progetto originario
Pianta attuale

La costruzione della nuova cattedrale cominciò sotto la supervisione del vescovo Maurice de Sully a partire dal coro. La struttura, a cinque navate con doppio deambulatorio intorno all'abside, venne portata a termine nel 1182;[12] il 19 maggio dello stesso anno, Henri de Château-Marçay, legato pontificio di papa Lucio III, consacrò l'altare maggiore, e nel 1185, nel corso della prima celebrazione all'interno della cattedrale,[3] il patriarca di Gerusalemme Eraclio di Cesarea convocò la Terza Crociata.[21]

Conclusi i lavori del coro, iniziarono quelli per la costruzione del transetto e delle navate con i relativi matronei. Si fermarono nel 1190 dopo la costruzione delle tre campate più vicine alla crociera.[12] In seguito, il cantiere si spostò nell'area della facciata, edificata a partire dal 1208 dopo lo scavo delle sue fondamenta e completata nel 1218.[3] A partire dallo stesso anno si procedette al completamento delle navate. Queste avevano uno schema differente da quello odierno:[19] il matroneo era illuminato da finestre poste in modo tale da essere più in alto rispetto alla chiave di volta, e di conseguenza la volta a crociera era asimmetrica; inoltre il cleristorio della navata centrale presentava un doppio ordine di finestre, con rosoni circolari in basso, che davano su un locale posto sopra il matroneo, e monofore in alto, che davano sull'esterno.[N 2] Poiché in seguito a ciò l'interno della navata era buio, tra il 1225 e il 1250, contemporaneamente al completamento della facciata, al posto delle doppie finestre del cleristorio vennero aperte alte bifore;[12] inoltre fu ridotta l'altezza delle finestre del matroneo, così da avere volte a crociera con le vele simmetriche. Negli stessi anni, tra i contrafforti, lungo le navate esterne, vennero aperte delle cappelle laterali e il transetto venne allungato.

Nel 1220 la costruzione della facciata era arrivata alla galleria dei Re.[22] In seguito al completamento della parte superiore, iniziò l'edificazione della torre sud, terminata nel 1240 e poi della torre nord, portata a compimento nel 1250.[23] Il progetto originale prevedeva per ciascuna torre un alto coronamento a cuspide, poi mai realizzato.

Dal 1250 alla metà del XIV secolo[modifica | modifica sorgente]

Gli archi rampanti del coro

Dopo il 1250, la cattedrale, ormai terminata, fu oggetto di una serie di importanti restauri e modifiche fino a farle acquisire, alla metà del XIV secolo, la struttura odierna.

I primi lavori furono intrapresi per volere di Renaud Mignon de Corbeil, vescovo di Parigi dal 1250 e il 1268:[4] le due facciate del transetto, i cui portali erano in stile romanico, vennero ricostruite in stile gotico su progetto di Jean de Chelles, quella nord a partire dal 1250 circa e quella sud a partire dal 1258;[24] quest'ultima venne completata da Pierre de Montereau che subentrò a de Chelles alla sua morte, nel 1265.[25] Dagli stessi architetti fu curata la realizzazione del portale di Santo Stefano[26] e del portale del chiostro.

Dopo la morte di de Montereau, nel 1267, divenne architetto della cattedrale Pierre de Chellese, nipote di Jean,[25] che portò avanti la costruzione dei contrafforti e degli archi rampanti del coro;[12] il lavoro venne completato da Jean Ravy, architetto della cattedrale dal 1318 al 1344, che si occupò anche delle transenne del presbiterio. Lo jubé venne realizzato da Raymond du Temple, successore di Jean le Bouteiller, nipote di Ravy.

Vicende successive alla costruzione[modifica | modifica sorgente]

Dal XV al XVIII secolo[modifica | modifica sorgente]

La facciata nel 1699

A partire dal Rinascimento, la cattedrale fu oggetto di una serie di restauri di entità minore, secondo i gusti delle varie epoche: questi interventi, nei secoli XV e XVI si limitarono all'aggiunta di decorazioni prima rinascimentali, poi barocche, di altari laterali e di monumenti funebri.

Il primo grande restauro lo si ebbe alla fine del XVII secolo, per volere del re di Francia Luigi XIV, che così avrebbe adempiuto ad un voto fatto da suo padre Luigi XIII che, nel 1638, in seguito alla nascita, dopo ventitré anni di matrimonio, del primo figlio ed erede Luigi Deodato,[27] dedicò il regno di Francia alla Madonna e si impegnò a costruire un nuovo altare per la cattedrale di Parigi.[28] Il progetto viene affidato a Robert de Cotte:[12] venne demolito lo jubé e sostituito da una cancellata in ferro battuto con decorazioni in oro;[29] le tombe a pavimento del coro vennero rimosse e l'antico altare maggiore demolito, sostituito da uno nuovo in stile barocco, opera di Nicolas Coustou con statue di Guillaume Coustou e Antoine Coysevox;[30] le colonne intorno ad esse furono dotate di un rivestimento marmoreo.

Nuovi interventi vi furono nella seconda metà del XVIII secolo. Nel 1756, su richiesta del capitolo dei canonici della cattedrale, le vetrate policrome del cleristorio furono sostituite con vetri bianchi dai fratelli Le Vieil per far entrare più luce all'interno della chiesa; a questo scopo, le pareti furono ricoperte con intonaco chiaro.[12] Successivamente l'architetto Jacques-Germain Soufflot alterò il portale centrale eliminando la colonna centrale e parte dell'apparato decorativo della lunetta, per favorire il passaggio delle processioni.[31]

La Rivoluzione francese[modifica | modifica sorgente]

La festa della Ragione all'interno della cattedrale nel 1793

Durante la Rivoluzione francese (1789-1799), la chiesa venne devastata: dopo che tutti gli oggetti in metalli preziosi vennero inviati alla zecca per essere fusi,[3] nell'ottobre del 1793, per ordine della Commune di Parigi, tutte le statue della facciata, sia quelle della galleria dei Re, sia quelle dei portali, vennero distrutte e così anche la flèche.[12] Nel dicembre dello stesso anno, il filosofo Henri de Saint-Simon, fondatore del movimento politico-religioso detto Sansimonismo, era in procinto di acquistare la cattedrale per poi distruggerla.[3]

Il 10 novembre 1793, con una celebrazione della libertà organizzata da Pierre-Gaspard Chaumette, la chiesa divenne tempio della Ragione; in seguito, dal 1798, ospitò anche gli uffici del clero costituzionale.[3]

In seguito al Concordato del 1801, firmato il 15 luglio da Napoleone Bonaparte e papa Pio VII, la cattedrale tornò alla Chiesa cattolica e, dopo un sommario restauro, la prima messa fu celebrata il 18 aprile 1802[12] alla presenza di Napoleone e del legato pontificio Giovanni Battista Caprara Montecuccoli.[32]

Il 2 dicembre 1804 venne solennemente celebrata nella cattedrale l'incoronazione di Napoleone come imperatore dei Francesi[3] al termine di una messa votiva della Vergine celebrata da papa Pio VII.[33] In tale occasione, davanti alla facciata, per coprirne lo stato di forte degrado, venne installato un protiro posticcio a pianta quadrata in stile neogotico posto in corrispondenza del portale maggiore e affiancato da due portici con archi ogivali.[34]

I restauri ottocenteschi[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale prima dei restauri
I portali della facciata occidentale prima del 1850: si notino il portale centrale senza trumeau dopo la modifica di Soufflot e l'assenza delle statue della base dei portali e della galleria dei Re
Interno della cattedrale nel 1845 circa: si notino le pareti imbiancate, le vetrate trasparenti e gli arredi barocchi

Dopo i danni inflitti alla cattedrale durante la Rivoluzione francese e le sommosse anti-legittimiste del 29 luglio 1830 e del 14 febbraio 1831,[35] era necessario un importante intervento di restauro: sebbene fosse stata riaperta al culto, la chiesa versava in pessime condizioni, tanto che, sotto il Primo Impero, le bandiere della battaglia di Austerlitz furono appese alle pareti per nasconderne il degrado.[36] Alcuni interventi locali erano stati effettuati nel 1817 con il restauro del telaio del tetto e degli archi rampanti del coro; negli stessi anni venne incrementato l'arredo interno della cattedrale.[37] Un importante ruolo nella campagna di sensibilizzazione per il restauro della cattedrale lo ebbe lo scrittore Victor Hugo con il suo romanzo Notre-Dame de Paris,[3] pubblicato nel 1831; l'opinione pubblica si schierò a favore dell'impresa, come era nelle intenzioni di Hugo, e vi fu un grande interesse nei confronti dell'edificio.[17]

In seguito all'approvazione del ministro degli Affari religiosi, al quale, il 31 maggio 1842 era stata presentata una petizione firmata da vari personaggi illustri, tra i quali Victor Hugo, Alfred de Vigny e Jean-Auguste-Dominique Ingres,[38] vennero scelti gli architetti Jean-Baptiste-Antoine Lassus e Eugène Viollet-le-Duc, che si erano distinti nel restauro della Sainte-Chapelle,[39] quest'ultimo già facente parte della Commissione per la salvaguardia delle opere d'arte, costituita sotto la direzione di Prosper Mérimée in seguito alla pubblicazione del libro di Hugo. I due architetti incaricati, nel 1845, presentarono all'Assemblea Nazionale un preventivo di 388.850 franchi che dovettero abbassare a 265.000 franchi per ottenere il finanziamento;[40][N 3] l'inadeguatezza dei fondi, che dovevano servire non solo al restauro della cattedrale, ma anche alla costruzione di una nuova sacrestia,[12] fece sì che nel 1850 i lavori dovettero essere sospesi per poi riprendere. Nel 1857, alla morte di Lassus, Viollet-le-Duc divenne il direttore unico dei lavori.[41]


La facciata prima del restauro (1841)
La facciata durante il restauro (anni 1850)
Progetto non realizzato di Viollet-le-Duc
La facciata dopo il restauro (1916)

Il restauro[42] ebbe come scopo quello di ricondurre la cattedrale alle originarie caratteristiche medioevali, creando un'unità di stili e integrando, tuttavia, elementi architettonici ed artistici di epoche successive a quella medievale.[43] Vennero quindi eliminati l'intonaco delle pareti e il rivestimento marmoreo degli archi nell'area dell'abside; le finestre dei matronei e delle cappelle laterali vennero sostituite da vetrate policrome e quelle danneggiate restaurate.[44] Vi fu la realizzazione degli affreschi delle cappelle laterali e la riedificazione della cantoria dell'organo maggiore, costruito tra il 1862 e il 1867 da Aristide Cavaillé-Coll.[N 4]

Esternamente, i contrafforti e gli archi rampanti vennero restaurati e rinforzati e, quelli che non li avevano più, completati con pinnacoli. Venne inoltre ricostruita la flèche sulla crociera su progetto di Viollet-le-Duc.[45] La facciata, in avanzato stato di degrado,[46], fu oggetto di un importante restauro, che comportò il ripristino dei bassorilievi dei portali e la ricostruzione delle varie statue, tra le quali quelle della galleria dei Re, affidata ad un gruppo di scultori guidati da Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume;[12] gli stessi realizzarono anche il resto dell'apparato decorativo statuario esterno. Le bifore alla base delle due torri vennero aperte nuovamente e realizzata una bassa copertura a spioventi per i due campanili; Viollet-le-Duc aveva ideato per le due torri due alte cuspidi di coronamento, che non vennero mai realizzate.[47]

Émile Harrouart, La riviera di Montebello e l'abside di Notre-Dame, 1860 circa: si notino la sacrestia ultimata e la flèche ancora da costruire

Terminati i lavori, la cattedrale venne solennemente consacrata il 31 maggio 1864 da Georges Darboy, arcivescovo di Parigi.[12]

Il restauro di Viollet-le-Duc non fu esente da polemiche, criticato sia perché, secondo i romantici, le aggiunte successive alla costruzione della cattedrale andavano mantenute, sia perché l'architetto aveva fatto delle aggiunte alla struttura ritenute arbitrarie.[48] In particolare, vi furono critiche alla realizzazione delle chimere della facciata, volute dall'architetto ma non presenti in origine, e allo spostamento di cinque gradi della parte centrale dell'intelaiatura del rosone del transetto sud per farle assumere un orientamento cruciforme.[49]

Tra il 1860 e il 1870, nell'ambito della riqualificazione urbanistica della città, su progetto di Georges Eugène Haussmann, venne aperta una grande piazza di fronte al sagrato della cattedrale demolendo vari antichi edifici, tra le quali alcune case con intelaiatura a traliccio del XV secolo e e l'antico Hôtel-Dieu.[50]

Dal XIX al XXI secolo[modifica | modifica sorgente]

L'interno della cattedrale in una fotografia del 1903

Durante la Comune di Parigi del 1871, nella cattedrale, da poco restaurata e riaperta al culto, vennero incendiate alcune panche e sedie, senza gravi danni;[51] l'edificio venne risparmiato durante le due guerre mondiali.[12]

Nel 1935, il cardinale Jean Verdier, arcivescovo di Parigi, incaricò dodici artisti contemporanei[N 5] della realizzazione di ventiquattro vetrate, dodici per il cleristorio della navata centrale ed altrettante per il matroneo; queste vennero realizzate in stile moderno ispirandosi al Credo ed installate nel 1938; furono poi rimosse in seguito ad una serie di aspre critiche.[52] Nel 1952, al solo Jacques Le Chevallier venne dato l'incarico, dall'amministrazione dei monumenti storici, di realizzare un progetto per delle nuove vetrate basate sul disegno di quelle degli anni trenta; le nuove finestre vennero realizzate tra il 1961 e il 1965 ed inaugurate il 26 aprile 1966.[52]

Negli anni novanta la cattedrale fu oggetto di restauri sia interni, con l'ampliamento dell'organo maggiore, sia esterni, con una radicale pulizia della facciata principale, terminata in occasione del giubileo del 2000.[12]

Nel 2004, per volere del cardinale Jean-Marie Lustiger, arcivescovo di Parigi, venne realizzato il nuovo presbiterio[12] e, a partire dallo stesso anno, l'emittente televisiva francese KTO trasmette in diretta dalla cattedrale i vespri nei giorni feriali e la messa la domenica sera e nelle feste più importanti.[53]

Il Cammino del Giubileo e la cattedrale

In occasione dell'850º anniversario della fondazione della cattedrale[54] è stata fatta una serie di migliorie all'edificio, con la realizzazione di un nuovo allestimento per il museo del Tesoro, il restauro dell'organo[55] e l'installazione di un nuovo apparato di illuminazione interna. Inoltre, la chiesa è stata dotata di un nuovo concerto di nove campane, benedetto dall'arcivescovo di Parigi, cardinale André Armand Vingt-Trois, il 2 febbraio 2013.[56][57] I festeggiamenti sono stati solennemente aperti il 12 dicembre 2012 con la celebrazione di una messa solenne presieduta dal cardinale Vingt-Trois.[58] In occasione di questo anniversario è stato installato, nella piazza antistante la cattedrale, il Cammino del Giubileo (in francese: Chemin du Jubilé), comprendente te vetrate del 1937 di Jacques Le Chevallier raffiguranti Santa Genoveffa, San Marcello e lo Spirito Santo; il cammino culmina con una gradinata dalla quale si può ammirare la facciata della cattedrale e che viene utilizzata per spettacoli.[59]

Papa Giovanni Paolo II ha visitato la cattedrale e vi ha celebrato la messa il 30 maggio 1980[60] e, in occasione della beatificazione di Frédéric Ozanam, il 22 agosto 1997[61]; papa Benedetto XVI, il 12 settembre 2008, ha presieduto nella cattedrale la celebrazione dei vespri.[62][63]

Un luogo importante[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale, fin dalla sua fondazione, fu luogo di importanti eventi di rilevanza nazionale;[64] proprio per questo venne scelta nel 1239 da re Luigi IX il Santo, in attesa del completamento della Sainte-Chapelle, come collocazione, al tempo provvisoria e poi diventata definitiva dopo il Concordato del 1801, della reliquia della Corona di spine.[65]

Il battesimo di Napoleone II di Francia in un dipinto di Hippolyte Sebron

All'interno della cattedrale sono state celebrate molte cerimonie religiose legate ai re di Francia: tra queste il matrimonio tra Maria Stuarda, regina di Scozia e Francesco di Valois, delfino di Francia (24 aprile 1558)[66]; quello per procura tra Elisabetta di Valois e Filippo II di Spagna (22 giugno 1559)[67]; le cosiddette nozze di sangue tra Enrico III di Navarra, poi Enrico IV di Francia, e Margherita di Valois, così chiamate perché vennero celebrate il 18 agosto 1572, sei giorni prima della Notte di San Bartolomeo;[68] il matrimonio tra l'imperatore Napoleone III e Eugenia de Montijo (30 gennaio 1853).[69] Nel XIX secolo, in Notre-Dame furono celebrati i battesimi del re di Roma Napoleone II (1811)[70] e del principe imperiale Napoleone Eugenio Luigi Bonaparte (1856).[71]

L'edificio è stato anche il luogo di eventi politici, come la prima convocazione degli Stati Generali, il 10 aprile 1302 da parte di Filippo il Bello,[72] e il canto del Te Deum per varie imprese militari: nel 1447 per la riconquista di Parigi da parte di Carlo VII,[72] il 22 maggio 1594 da Enrico IV per lo stesso motivo, il 9 maggio 1945 per la vittoria della Francia durante la seconda guerra mondiale, preceduto, il 26 agosto 1944, dal canto del Magnificat per la Liberazione di Parigi.[73] La chiesa è stata inoltre luogo dell'incoronazione illegittima di Enrico VI d'Inghilterra[74] a re di Francia (16 dicembre 1431), del processo di riabilitazione di Giovanna d'Arco (1456)[72] e dell'abiura del Maresciallo di Francia Henri de La Tour d'Auvergne-Bouillon (1668).[75]

All'interno della cattedrale sono stati celebrati vari funerali di Stato e cerimonie commemorative, come quella per Charles de Gaulle (12 novembre 1970)[76] e quella, ecumenica, per le vittime del volo Air France 447 (3 novembre 2009).[77][78]

La cattedrale è stata anche luogo di atti clamorosi come suicidi, ad esempio quello del saggista e scrittore Dominique Venner, che si è ucciso il 21 maggio 2013 con un colpo di pistola in bocca nei pressi dell'altare maggiore;[79][80] similmente, l'11 febbraio 1931 un giovane intellettuale messicano in esilio a Parigi si era ucciso sparandosi al cuore all'interno della chiesa.[81]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione[modifica | modifica sorgente]

Veduta aerea della cattedrale e della parte sud-orientale dell'Île de la Cité

La cattedrale è situata nella parte orientale dell'Île de la Cité, che si trova sulla Senna, nel centro della città di Parigi;[82] l'edificio è collocato nell'area orientale dell'isola, all'interno del territorio del IV arrondissement.[83]

La cattedrale è posta fra due piazze: Parvis Notre-Dame - place Jean-Paul-II e Square Jean-XXIII. La prima, situata davanti alla facciata, era originariamente chiamata soltanto parvis Notre-Dame (in italiana: corte di Notre-Dame) ed è stata intitolata, non senza polemiche,[84] a papa Giovanni Paolo II il 3 settembre 2006.[85] La piazza è caratterizzata dalla pavimentazione e dalle aiole disposte asimmetricamente, che ricalcano la posizione delle antiche case quattrocentesche prima della loro demolizione nella seconda metà del XIX secolo.[50] Nella piazza si trova il point zéro des routes de France (in italiano: punto zero delle strade di Francia), dal quale vengono calcolate le distanze chilometriche da e per Parigi.[86] Alle spalle della cattedrale, sorge un'ampia piazza dedicata a papa Giovanni XXIII,[87] risalente, nel suo assetto attuale, al 1844; al centro dell'area vi è la neogotica fontana della Vergine, realizzata nel 1845 da Alphonse Vigoureux.[88]

Architettura[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale di Parigi, costruita tra il 1163 e il 1250, è stata una delle prime grandi chiese gotiche, venuta immediatamente dopo la ricostruzione del coro della basilica di Saint-Denis da parte dell'abate Sugerio, considerato il "padre" del gotico.[89] Notre-Dame, a sua volta, divenne esempio per moltissime costruzioni gotiche successive.[16]

La cattedrale ha pianta a croce latina con transetto poco sporgente, profondo coro terminante con un'abside semicircolare e cinque navate; le quattro navate laterali si congiungono intorno all'abside formando un doppio deambulatorio.[90]

Archi rampanti

La cattedrale parigina si presenta in uno stile non ancora del tutto maturo, ancora con elementi di derivazione romanica, tra cui soprattutto le colonne cilindriche: la sua navata, infatti, non risulta slanciata e luminosa come quella delle cattedrali del gotico maturo, in cui i pilastri polistili permettono la presenza di volte più alte e di grandi vetrate;[91] con l'aggiunta delle cappelle, non presenti nel progetto originario, venne meno l'illuminazione delle navate laterali e quindi si dovettero sostituire le monofore della navata centrale con più grandi bifore.[92] Notre-Dame presenta anche alcune differenze rispetto alla basilica di Saint-Denis, come nell'area del deambulatorio, doppio per entrambe le chiese, dove nella prima le cappelle radiali sono ben definite, mentre nella seconda sono leggermente sporgenti ed integrate nelle campate, condividendo con queste la volta a crociera;[93] inoltre vi è la presenza di un matroneo ben definito, differente da quello della cattedrale di Sens (delle bifore che danno su un locale sottotetto)[94] e con finestre più articolate rispetto a quelle del matroneo della cattedrale di Noyon (bifore nella navata e nel coro, monofore nell'abside).[95]

Un elemento architettonico peculiare della cattedrale di Parigi sono gli archi rampanti, secondo alcuni autori qui sperimentati per la prima volta;[96] secondo altri, invece, sarebbero stati utilizzati per la prima volta nella chiesa abbaziale di Saint-Germain-des-Prés, poco distante da Notre-Dame, il cui coro venne consacrato nel 1163 da papa Alessandro III.[97]

Misure e dimensioni[modifica | modifica sorgente]

[98][99]

Parametro Misura
Lunghezza totale 128 m
Lunghezza della navata 60 m
Lunghezza del coro 36 m
Lunghezza del transetto[N 6] 48 m
Parametro Misura
Larghezza totale 40 m
Larghezza della navata 12 m
Larghezza delle navate laterali 6 m
Larghezza del transetto[N 7] 14 m
Parametro Misura
Altezza della volta 33 m
Altezza del tetto 43 m
Altezza delle torri 69 m
Altezza della flèche 96 m

Esterno[modifica | modifica sorgente]

Facciata occidentale[modifica | modifica sorgente]

La facciata di giorno
La facciata di notte

La facciata principale della cattedrale è rivolta ad ovest[23] e venne costruita a partire dall'episcopato di Eudes de Sully, successore di Maurice de Sully ma con lui non imparentato:[4] iniziata nel 1208, venne completata nel 1250 con la costruzione della torre sud.[12]

Il prospetto della cattedrale misura 43,5 metri di larghezza e 45 di altezza (escluse le torri) ed è suddiviso in quattro ordini orizzontali da cornicioni.[100] In basso, si aprono i tre portali, che da sinistra sono il portale della Vergine (l'unico dei tre sormontato da una ghimberga), il portale del Giudizio universale e il portale di Sant'Anna.[101] Essi sono ogivali e strombati e le porte sono divise in due fornici da un trumeau.[102] I portali sono alternati a contrafforti quadrangolari, ciascuno dei quali decorato da una nicchia all'interno della quale vi è una scultura, risalente ai restauri ottocenteschi; le statue nelle nicchie raffigurano, da sinistra, Santo Stefano,[103] l'Allegoria della Chiesa[104] (con in mano la croce e il calice), l'Allegoria della Sinagoga[105] (con gli occhi bendati da un serpente) e San Dionigi.[106][23] Al di sopra dei portali, si apre la galleria dei Re,[107] costituita da 28 statue dei re di Giudea separate da colonnine. Più in alto, vi sono tre finestre, al centro un rosone e ai lati due bifore, precedute da una balconata con balaustra. L'ultimo livello della facciata è costituito da una serie di slanciate bifore sorrette da colonne con capitelli scolpiti, sormontata da una balconata detta galleria delle Chimere, posta a 46 metri di altezza e così chiamata per le statue raffiguranti delle chimere volute da Eugène Viollet-le-Duc;[108] tra queste, ve n'è una raffigurante Strige che, nelle leggende dell'antica Roma, era un uccello notturno di cattivo auspicio che si nutriva di sangue e carne umana.[109]

Alla facciata della cattedrale di Parigi è ispirata quella della cattedrale dell'Assunzione di Covington, nel Kentucky (USA), costruita su progetto di Leon Coquard tra il 1908 e il 1910 e rimasta incompleta delle torri.[110]

Portale del Giudizio universale[modifica | modifica sorgente]
Il portale del Giudizio universale

Il portale del Giudizio universale è il portale centrale della facciata occidentale.[22] È il più recente dei tre portali della facciata e venne realizzato tra il 1220 e il 1230;[111] nel 1771, su progetto di Jacques-Germain Soufflot venne alterato con la creazione di un unico fornice e ricondotto alle caratteristiche originarie durante il restauro ottocentesco diretto da Viollet-le-Duc.[12]

La decorazione della lunetta, ordinata su tre fasce decorative sovrapposte, tratta il tema del giudizio finale che, secondo l'escatologia cattolica avverrà alla fine dei tempi, quando Dio giudicherà tutti gli uomini in base alle azioni da loro compiute durante la vita, e destinerà ciascuno al Paradiso oppure all'Inferno (Mt 25,31-46). Nell'architrave è raffigurata la risurrezione dei morti che, svegliati da due angeli che suonano la tromba, escono dalle rispettive tombe.[112] Nella fascia decorativa superiore vi sono, al centro, l'arcangelo Michele e Satana che, con una bilancia, pesano le anime;[22] al lato, due schiere di individui: a sinistra i beati e a destra i dannati, questi ultimi legati con delle catene e condotti da due demoni verso l'Inferno.[111] In alto, al centro, assiso in trono, si trova Cristo giudice, vestito con una tunica che lascia vedere le stigmate; ai suoi lati stanno, in piedi, due angeli che portano i segni della sua Passione: la Croce (angelo di destra) e i chiodi e la Lancia di Longino (angelo di sinistra).[113] Alle due estremità sono raffigurati la Madonna e Giovanni Evangelista inginocchiati. Gran parte delle sculture dei due ordini inferiori sono state distrutte nel 1771 da Soufflot e ricostruite nel secolo successivo in base ai disegni di quelle originarie.[111]

La lunetta e l'archivolto

Nella parte inferiore della strombatura vi sono dodici statue, sei per lato, raffiguranti i Dodici Apostoli,[111] gravemente danneggiate durante la Rivoluzione francese ed in seguito restaurate. Gli apostoli di sinistra, dall'esterno, sono Bartolomeo, Simone, Giacomo il Minore, Andrea, Giovanni, Pietro; quelli di destra, dall'esterno, sono Matteo, Giuda Taddeo, Filippo, Tommaso, Giacomo e Paolo di Tarso. Al di sotto degli apostoli, si trovano ventiquattro bassorilievi disposti su due ordini sovrapposti e raffiguranti virtù (ordine superiore) e vizi (ordine inferiore, entro dei tondi).[114]

L'archivolto è decorato con le Schiere celesti, ad eccezione della fascia inferiore di destra, ove vi è una raffigurazione dell'Inferno e delle vergini stolte, contrapposte alle vergini sagge.[111]

A ridosso del trumeau vi è la statua detta Le Beau-Dieu (in italiano: il Dio bello), opera di Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume che la realizzò su disegno di Viollet-le-Duc. Essa raffigura Cristo in posizione eretta, con la mano destra in atto di benedizione e la sinistra che tiene il libro dei Vangeli, e poggia su un piedistallo raffigurante le Arti liberali.[36]

Portale della Vergine[modifica | modifica sorgente]
Il portale della Vergine

Il portale della Vergine è il portale di sinistra della facciata. Venne realizzato tra il 1210 e il 1220 e, danneggiato durante la Rivoluzione francese, è stato ripristinato nel corso dei restauri ottocenteschi.[115].

La decorazione a rilievo della lunetta è disposta su tre ordini sovrapposti. Nell'architrave vi è, al centro, la raffigurazione dell'Arca dell'Alleanza posta sotto un baldacchino gotico sorretto da colonnine; ai lati, trovano posto a sedere a sinistra tre profeti e a destra tre re di Giudea, con in mano le prefigurazioni della venuta di Cristo.[116] Nella fascia superiore è raffigurata la scena della dormizione di Maria, ovvero la teoria sostenuta da una parte dei teologi, che Maria non sarebbe veramente morta, ma sarebbe soltanto caduta in un sonno profondo prima di essere assunta in cielo.[117] Al centro della scena, vi è il corpo di Maria che viene sollevato dal sepolcro da due angeli per essere portato in Paradiso; intorno e alle spalle di esso si trovano gli apostoli[115] tra i quali all'estrema sinistra Paolo, sotto un fico, e Pietro e, all'estrema destra, sotto un olivo, Giovanni. Al centro, Gesù che indica il ventre della madre, dal quale venne generato.[118] Nella parte superiore della lunetta, è raffigurata l'Incoronazione di Maria: la Madonna siede in trono di fianco a Cristo e viene da lui benedetta e le consegna lo scettro, mentre un angelo pone sulla sua testa una corona. Ai lati, due angeli cerofori inginocchiati.[115]

La tentazione di Adamo ed Eva

Nella parte inferiore della strombatura, si trovano otto statue. Quelle di sinistra raffigurano, dall'esterno, l'imperatore Costantino e San Dionigi, affiancato da due angeli e con la testa in mano, simbolo del suo martirio;[119] a destra, dall'esterno, sono raffigurati San Silvestro papa, Santa Genoveffa, Santo Stefano e San Giovanni Battista.[120] Intorno alla porta e sotto le statue sono raffigurati il ciclo della vita dell'uomo con i segni zodiacali, i mesi dell'anno e le stagioni.[121] L'archivolto è decorato con figure di santi ricostruite durante il restauro del XIX secolo.[116]

Il trumeau è decorato con una statua raffigurante la Madonna col Bambino, strettamente collegata alla soprastante Arca dell'Alleanza in quanto Maria è, come l'arca, il frutto di una promessa fatta da Dio al suo popolo[115] e alle sculture sottostanti, in quanto nuova Eva.[122] La statua poggia su piedistallo poligonale con scene di Adamo ed Eva nel Giardino dell'Eden: a sinistra la creazione di Eva da una costola di Adamo (Gen 2,20-22), a destra la cacciata di Adamo ed Eva (Gen 3,22-24) e al centro la tentazione di Adamo, dove al posto del serpente si trova Lilith, personaggio non presente nel racconto biblico considerato dagli antichi ebrei la prima moglie di Adamo poi ripudiata per aver rifiutato di obbedire al marito; in seguito a ciò sarebbe diventata un demone notturno.[123]

Portale di Sant'Anna[modifica | modifica sorgente]
Il portale di Sant'Anna

Il portale di Sant'Anna è il portale di destra della facciata occidentale. È il più antico dei tre ingressi e l'apparato scultoreo venne realizzato tra il 1140 e il 1150 per uno spazio più piccolo ed in seguito completato.[124] Anche questo portale subì danneggiamenti durante la Rivoluzione francese e venne restaurato nel XIX secolo.

L'apparato decorativo scultoreo della lunetta tratta di Maria e dei suoi genitori Anna e Gioacchino ed è articolato su tre piani sovrapposti. Nell'ordine inferiore, scolpito nel XIII secolo per raccordare la decorazione già esistente al nuovo portale, sono raffigurate Scene del matrimonio di Gioacchino ed Anna;[125] in quello mediano, invece, del XII secolo, da sinistra l'Annunciazione a Maria, la Visitazione ad Elisabetta, la Natività di Gesù, l'Annuncio ai Pastori, Erode e i Magi.[124] Nella parte superiore, all'interno di una lunetta di dimensioni minori rispetto a quelle della lunetta del portale, è raffigurata al centro, sotto un baldacchino, la Madonna in trono col Bambino, con ai lati due angeli turiferari e, alle estremità della composizione, il vescovo Maurice de Sully con il decano del capitolo Barbedour e, sul lato opposto, inginocchiato, Luigi VII;[126] secondo un'altra interpretazione, potrebbero essere il vescovo San Germano e il re Childeberto I.[125] Intorno alla lunetta del XII secolo vi è un rilievo del secolo successivo con ai lati elementi vegetali e al centro due angeli.

Alla base della strombatura trovano luogo otto statue ottocentesche disposte in due gruppi di quattro ciascuna: quelle di sinistra, dall'esterno, raffigurano il profeta Elia, la vedova di Sarepta (Lc 4,25), Salomone e Pietro apostolo; quelle di destra, dall'esterno, il profeta Isaia, una Sibilla, (oppure un re e Betsabea)[125], il re Davide e Paolo apostolo.[124]

Il trumeau presenta una statua raffigurante San Marcello che schiaccia il drago;[127] le due porte dispongono di finiture in ferro battuto risalenti al XIII secolo.[125]

Galleria dei Re[modifica | modifica sorgente]

Notre-Dame Cathedral, Paris, France February 19, 2007.jpg

Magnify-clip.png
La galleria dei Re
La galleria dei Re e la parte superiore della facciata

La galleria dei Re è posta al di sopra dei portali e consiste in un loggiato formato da ventotto archi trilobati poggianti su colonnine; all'interno di ciascuno di essi si trova una statua, alta 3,5 metri,[128] raffigurante uno dei re di Giudea;[129] sebbene questi siano stati venti, probabilmente il loro numero venne arbitrariamente accresciuto fino a farlo coincidere con quello dei re di Francia fino a Filippo il Bello.[130] L'unico re identificabile è Davide, il quattordicesimo da sinistra, che poggia i piedi sopra un leone.[130] Gli archi sono disposti asimmetricamente nei tre campi dettati dai quattro contrafforti della facciata: al centro e a sinistra sono in gruppi di otto, mentre a destra sono sette.[129]

Le statue attualmente visibili risalgono al restauro ottocentesco e furono realizzate su disegno di Eugène Viollet-le-Duc dopo che quelle originarie erano andate distrutte nel 1793 durante la Rivoluzione francese in quanto ritenute raffigurazioni dei re di Francia;[130] nel 1977, nell'ambito della riqualificazione della piazza, i resti di quest'ultime sono stati rinvenuti sotterrati davanti alla facciata della cattedrale e sono conservati presso il Museo di Cluny.[128]

Cerniere delle porte[modifica | modifica sorgente]
Particolare delle cerniere del portale centrale

Le porte lignee della facciata occidentale sono caratterizzate dalle cerniere in ferro battuto, riccamente decorate; queste vennero realizzate non come una scultura unitaria, ma come l'unione di pezzi più piccoli saldati fra di loro anche attraverso passanti e uniti al legno della porta attraverso dei chiodi; il loro spessore è di 2 centimetri, mentre la loro larghezza è compresa tra il 16 e i 18 centimetri.[131]

Secondo una leggenda, le cerniere sarebbero opera di un unico fabbro, Biscornet, il quale, dopo molti giorni di lavoro, insoddisfatto del risultato, avrebbe invocato il demonio in un momento di rabbia e questi lo avrebbe aiutato, tanto che le porte, terminate nell'arco di una notte, non poterono esser aperte se non dopo esser state benedette con l'acqua santa.[132] Un'altra leggenda vuole che le cerniere siano state forgiate dal demonio stesso nella fucina infernale.[133]

In realtà, il manufatto attualmente in loco non è più quello originario medievale, risalente al XIII secolo ma, per quanto riguarda le porte laterali, rimaneggiato nel corso del XVIII secolo; le cerniere del portale del Giudizio sono invece integralmente opera del fabbro Pierre François Marie Boulanger che le realizzò tra il 1859 e il 1867; infatti, con l'eliminazione del trumeau su progetto di Jacques-Germain Soufflot, fu necessaria la costruzione e l'installazione di una porta adatta alle nuove dimensioni del portale, con cerniere costruite ex novo raffiguranti la Madonna e Gesù.[134]

Rosone[modifica | modifica sorgente]
Il rosone dall'esterno
Il rosone dall'interno

Al di sopra della galleria dei Re, in asse con il portale del Giudizio universale, si apre il rosone, che dà luce alla navata centrale della cattedrale ed è il punto focale di tutta la facciata.[100] Questo ha un diametro di 9,7 metri[98] ed è posto dietro ad un gruppo scultoreo ottocentesco composto da una Madonna col Bambino al centro e da due Angeli ai lati.[135]

La vetrata, già restaurata nel XVI secolo, è stata in gran parte rifatta durante i restauri di Viollet-le-Duc. L'iconografia[136] si sviluppa su tre cerchi concentrici con, nel mezzo, la Madonna in trono col Bambino.[137] Nel cerchio interno, sono raffigurati dodici profeti; in quello mediano, entro ventiquattro tondi, vi sono i vizi e i segni zodiacali; in quello esterno, entro altrettanti campi a forma di croce greca con angoli smussati, si trovano le virtù e i mesi dell'anno.

Torri[modifica | modifica sorgente]
Le torri

Al di sopra della galleria delle chimere, si elevano le due torri campanarie a pianta quadrangolare, leggermente asimmetriche, con quella di destra (torre sud, terminata nel 1250) leggermente più stretta rispetto a quella di sinistra (torre nord, terminata nel 1240).[138]

All'altezza del cleristorio della navata centrale della chiesa, all'interno di ciascuna delle due torri, vi è una sala coperta con volta a crociera con otto vele ed illuminata dalla rispettiva bifora di facciata posta al fianco del rosone.[108]

Esternamente sono caratterizzate dalle celle campanarie che danno sull'esterno con due monofore ogivali per ogni facciata. Il coronamento, che si trova a 69 metri di altezza dal suolo[98] e che si raggiunge tramite 378 gradini,[99] è piano, con un basso tetto ad ottuplo spiovente di dimensioni minori e balaustra scolpita decorata con gargolle.

Secondo vari architetti e studiosi, tra i quali Eugène Viollet-le-Duc, nel progetto originario era previsto un coronamento a cuspide, come nelle altre cattedrali gotiche francesi.[139] Lo stesso Viollet-le-Duc aveva presentato un progetto per realizzare tale copertura ispirata alla cuspide della torre di destra della cattedrale di Chartres, che però non venne eseguito.[47]

Fiancate[modifica | modifica sorgente]

Fianco destro

Le fiancate della cattedrale rispecchiano la struttura interna della chiesa, a cinque navate con matroneo e cappelle laterali,[19] con tre livelli distinti: il più alto corrisponde al cleristorio della navata centrale; quello intermedio corrisponde al matroneo con finestre a lunetta ogivale; quello inferiore corrisponde alle cappelle, con quadrifore fornite di ghimberga.

Le cappelle sono ricavate nello spazio tra i contrafforti.[140]Questi sono a pianta rettangolare e sono sormontati da pinnacoli aggiunti nel XIV secolo[141] e restaurati ed in parte ricostruiti da Eugène Viollet-le-Duc.[49] I contrafforti vennero costruiti insieme agli archi rampanti a partire dal 1220 per assolvere ad un doppio scopo: il primo di carattere statico, il secondo di carattere pratico.[96] Poiché erano state aperte nel cleristorio della navata centrale grandi bifore al posto del doppio ordine di rosoni e monofore, i contrafforti e gli archi rampanti avevano il compito di rafforzare la struttura scaricando al suolo le spinte dell'edificio.[142] Dal punto di vista pratico, gli archi vennero concepiti ed utilizzati anche come scolo delle acque meteoriche[140] e perciò dotati di una gargolla, un doccione avente le sembianze di un mostro.[143] Gli archi rampanti sono doppi: quello superiore corrisponde alla navata centrale, quello inferiore al matroneo.[140]

Transetto[modifica | modifica sorgente]

Facciata nord[modifica | modifica sorgente]
Scorcio della facciata nord del transetto

La facciata del transetto rivolta verso settentrione venne costruita in stile gotico a partire dal 1250 su progetto di Jean de Chelles in sostituzione di quella precedente, in stile romanico.[24]

Il prospetto dà su Rue du Cloître Notre Dame[144] ed è suddiviso orizzontalmente in più ordini. In basso si apre il portale del chiostro,[145] posto fra due apparati decorativi con tre nicchie ciascuno, i resti delle cui statue, raffiguranti i Re Magi (a sinistra) e le Virtù teologali (a destra) si trovano al Museo di Cluny.[146] Il portale è strombato ed è sormontato da una ghimberga decorata con, al centro, un oculo. Il trumeau è decorato con una statua del XIII secolo raffigurante la Madonna, risparmiata durante la Rivoluzione francese,[12] sebbene sia stato distrutto il Bambino Gesù che teneva in braccio. L'iconografia della lunetta è incentrata sulla figura di Maria e si sviluppa su tre piani sovrapposti. In basso, da sinistra, vi sono la Natività di Gesù, la Presentazione di Gesù al Tempio, Re Erode, la Strage degli Innocenti e la Fuga in Egitto; nella fascia mediana, è riportata la leggenda di Teofilo di Andana, trattata anche nel dramma liturgico di Rutebeuf Il miracolo di Teofilo, secondo la quale Teofilo, dopo aver venduto la propria anima al demonio per diventare vescovo, attraverso l'invocazione della Madonna avrebbe ottenuto il perdono.[147]

Al di sopra del portale, vi è una serie di nove bifore poggianti su colonnine e sormontate da un rosone il cui diametro è di 13,10 metri.[98] L'iconografia di quest'ultimo è incentrata sulla glorificazione di Maria[148] e si sviluppa su tre circonferenze concentriche entro tondi. Al centro è raffigurata la Madonna in trono con il Bambino[149], nella circonferenza interna i profeti, nella circonferenza mediana e in quella esterna personaggi dell'Antico Testamento, tra i quali giudici e re.[148]

La facciata termina con una slanciata cuspide decorata con un rosone circolare affiancato da quattro più piccoli a forma di croce; ai suoi lati vi sono due guglie con base ottagonale formata da archi ogivali poggianti su colonnine.[150]

Facciata sud[modifica | modifica sorgente]
La facciata del transetto nord

La facciata del transetto rivolta verso sud e la Senna venne iniziata, come reca un'iscrizione posta sopra la soglia della porta, il 12 febbraio 1258[151] su progetto di Jean de Chelles e, dopo la sua morte (1265), portata a compimento da Pierre de Montereau;[24] è stata interessata dai restauri condotti da Viollet-le-Duc che ruotò di cinque gradi la parte centrale dell'intelaiatura del rosone per farle assumere un aspetto cruciforme.[49]

Il prospetto, suddiviso orizzontalmente in più ordini, presenta al centro della parte inferiore il portale di Santo Stefano,[152] terminato nel 1270 con il compito di collegare la cattedrale al palazzo vescovile[153] Il portale è strombato ed è sormontato da una ghimberga al centro della quale si apre un oculo. Il trumeau è decorato da una statua raffigurante Santo Stefano, scolpita nel XIX secolo da Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume in sostituzione di quella medievale, danneggiata durante la Rivoluzione francese e attualmente al Museo di Cluny.[154] La lunetta raffigura gli avvenimenti inerenti al martirio del santo,[155] narrati nei capitoli sesto e settimo degli Atti degli Apostoli.[156] La decorazione a bassorilievo si sviluppa su tre fasce sovrapposte: in quella inferiore a sinistra vi è la Predicazione di Santo Stefano, a destra la Condanna alla lapidazione; in quella mediana vi sono a sinistra il Martirio e a destra la Sepoltura; in alto, Gesù fra due angeli.[153] L'intradosso della strombatura è decorato con sculture di Martiri ed Angeli, mentre le statue alla base e ai lati del portale raffigurano, a gruppi di tre, gli Apostoli e la Leggenda di San Martino;[157] sono presenti anche bassorilievi con scene dalla vita quotidiana di studenti e professori dell'Università di Parigi,[158] fondata intorno al 1170.[159]

Il rosone visto dall'interno

Al di sopra del loggiato di otto bifore soprastante il portale, vi è il rosone, di 12,90 metri di diametro,[160] ricostruito nel XIX secolo da Eugène Viollet-le-Duc al posto di quello precedente, danneggiato durante la Rivoluzione francese, e caratterizzato da un'ossatura marmorea più spessa in confronto a quella degli altri rosoni della cattedrale per resistere meglio alle intemperie.[161] La vetrata,[162] in parte con elementi originari del XIII secolo, è opera di Alfred Gérente che si ispirò a quella medioevale, con un'iconografia basata sui testimoni di Cristo.[160] Al centro, vi è il Cristo dell'Apocalisse[163] assiso in trono fra i simboli degli Evangelisti e con in bocca una spada, simbolo di separazione della sua Parola dalla menzogna;[160] nei due cerchi interni vi sono figure di santi, martiri ed apostoli, in quello successivo anche scene tratte dai Vangeli, mentre l'ultimo è prevalentemente costituito da angeli che portano doni; in basso, a sinistra la Discesa agli inferi e a destra la Resurrezione di Cristo. Le bifore sottostanti il rosone sono decorate con vetrate raffiguranti sedici profeti; al centro vi sono Isaia, Geremia, Ezechiele e Daniele, i quali portano rispettivamente sulle spalle gli evangelisti Marco, Matteo, Luca e Giovanni.[160]

La facciata termina in alto con uno slanciato timpano triangolare, realizzato nel 1257 e caratterizzato dalla presenza di un rosone circolare che ne alleggerisce il peso dando allo stesso tempo luce all'ambiente sottotetto soprastante le volte del transetto.[164] La composizione è decorata da due guglie ottagonali con alla base monofore ogivali[165] e da tre sculture che richiamano quelle del portale: al centro Cristo appare in sogno a San Martino, con quest'ultimo situato in basso a destra e che, secondo la leggenda, indossa solo metà mantello; in basso a sinistra vi è Santo Stefano.[157]

Coro e abside[modifica | modifica sorgente]

Porta rossa[modifica | modifica sorgente]
La porta rossa prima dei restauri

In corrispondenza della terza campata del deambulatorio, si apre sul fianco sinistro del coro un portale detto porta rossa (in francese: porte rouge) per il particolare colore dei suoi battenti. Venne costruito da Pierre de Montereau nel 1270 grazie ad una donazione del re Luigi IX, con la funzione di ingresso alla cattedrale riservato ai canonici.[166]

Oggetto di un importante restauro effettuato nel primo semestre del 2012,[167] la porta è priva di trumeau ed è sormontata da una ghimberga affiancata da due guglie; gli archi ogivali dell'intradosso sono sottolineati dalla presenza di decorazioni vegetali.[168] La lunetta è ornata da un altorilievo con l'Incoronazione della Vergine, nella quale spiccano le figure della Madonna e di Gesù al centro e, ai lati, di Luigi IX (a sinistra) e di sua moglie Margherita di Provenza (a destra); in alto, un angelo.[169] L'intradosso è decorato da sei bassorilievi raffiguranti scene della vita di san Marcello di Parigi: da sinistra: la Nascita di San Marcello; San Marcello battezzato dal vescovo Prudenzio; San Marcello che assiste alla Messa; Ammissione agli ordini sacri e lettorato di San Marcello; San Marcello che uccide il drago; San Marcello circondato dai chierici.[168]

Bassorilievi del fianco sinistro[modifica | modifica sorgente]
Glorificazione della Vergine

Sul fianco sinistro del coro, oltre la porta rossa, si trovano sette bassorilievi scolpiti intorno al 1320, dopo la fine della costruzione delle cappelle radiali, secondo alcune ipotesi collocati nella loro posizione attuale dopo la demolizione del muro di recinzione del coro ligneo all'interno della cattedrale, ove le sculture si sarebbero trovate in origine.[170] Integrate nel XIX secolo dopo i danni causati dalla Rivoluzione francese, esse seguono tutte uno stesso schema, con la scena raffigurata all'interno di un quadrilobo decorato con motivi vegetali e affiancato da due piccole semi-guglie. L'iconografia è incentrata sulla gloria di Maria trattata raffigurando la sua morte e gli avvenimenti ad essa successivi.[171]

La prima scena raffigura la Morte della Vergine: il corpo di Maria è disteso sopra un letto coperto con un sudario ed è circondato dagli apostoli, in piedi, con espressioni di dolore; sopra di loro, vi sono due angeli che si lamentano. Segue il Funerale della Vergine, la cui bara è portata a spalla dagli apostoli; al centro, è raffigurato l'episodio, narrato nella Legenda Aurea, del sommo sacerdote Ieconia: egli, per bruciare il corpo della Madonna, si aggrappa al feretro e l'arcangelo Michele gli taglia le mani, che rimangono attaccate alla bara; la sua guarigione, non rappresentata nel rilievo, avverrà per intercessione di San Pietro.[171] La terza scena tratta dell'Assunzione di Maria, la quale è portata in cielo da otto angeli all'interno di una mandorla fatta di nuvole. Quella successiva è, a causa del suo stato di conservazione, di interpretazione incerta: potrebbe raffigurare, infatti, o la Glorificazione del Cristo Risorto, oppure la Glorificazione di Maria col Bambino.[171] Segue l'Incoronazione della Vergine: Gesù, seduto vicino alla madre, pone sul suo capo una corona, andata perduta, mentre sopra di loro ci sono due angeli musicisti che suonano un organo portativo (sopra la Madonna) e probabilmente una viola. Gli ultimi due bassorilievi raffigurano rispettivamente l'Intercessione della Vergine e il Miracolo di Teofilo. Nel primo, al centro si vede Gesù giudice in trono coronato di spine e affiancato da due angeli, mentre ai suoi piedi, inginocchiati, vi sono la Madonna e un personaggio identificabile in San Giovanni evangelista; nel secondo, invece, a destra si vede Teofilo in potere del diavolo, a sinistra lo stesso inginocchiato davanti a Maria.[171]

Abside[modifica | modifica sorgente]
Esterno dell'abside

L'abside, costruita tra il 1163 e il 1180, è la parte più antica della cattedrale ed è stata rimaneggiata nel XIII secolo con la costruzione delle cappelle radiali, dei contrafforti e degli archi rampanti.[12]

L'abside si articola su tre livelli che seguono la struttura interna della chiesa:[172] quello inferiore corrisponde alle cappelle radiali e alla navata esterna del deambulatorio ed è caratterizzato da quadrifore, ciascuna sormontata da una ghimberga; quello mediano, costituito dal matroneo presenta delle trifore, anch'esse con ghimberga; l'ultimo corrisponde al cleristorio dell'abside, formato da alte bifore leggermente strombate.[92]

Gli archi rampanti, in totale quattordici, sono frutto di un rifacimento trecentesco di quelli del XIII secolo ed hanno un raggio di 15 metri.[142] La loro particolarità è quella di essere doppi, con un unico contrafforte sormontato da un pinnacolo che serve due archi: l'arco superiore, più ampio rispetto a quello inferiore, collega il contrafforte alla navata centrale, quello inferiore al matroneo; in corrispondenza della cappella centrale, vi sono due piccoli archi disposti ad angolo acuto.[96]

Non si ha la certezza se gli archi rampanti dell'abside e del transetto siano stati costruiti contemporaneamente o successivamente rispetto alla chiesa; tuttavia, secondo l'ipotesi più accreditata, essi furono costruiti soltanto in un secondo momento, a partire dal 1230, essendo la struttura in grado di sorreggersi autonomamente.[173]

Copertura[modifica | modifica sorgente]

Tetto[modifica | modifica sorgente]
Il tetto della navata centrale e del transetto

Il tetto della cattedrale è ancora quello originario, sostituzione della copertura provvisoria dei tempi del vescovo Maurice de Sully (il quale alla sua morte lasciò per la sua costruzione 50.000 livre tournois) terminata nel 1326 con l'installazione delle tegole, costituite da lastre di piombo con uno spessore di 5 millimetri; il suo peso totale è di 210.000 chilogrammi.[174]

Il telaio di sostegno della copertura è in legno di quercia; è stimato che per realizzarlo siano state necessarie circa 1.300 querce, corrispondenti a 21 ettari di foresta. Esso, insieme a quello della chiesa di Saint-Pierre-de-Montmartre (1147), è uno dei più antichi della città, essendo stato ricostruito a partire dal 1220 con il materiale (risalente al VIII o al IX secolo) di uno più antico. Attualmente rimangono i telai originari solo nell'area della navata e del coro, realizzati tra il 1220 e il 1240, mentre quelli del transetto e di sostegno alla flèche sono frutto di una ricostruzione ottocentesca, sotto la direzione di Eugène Viollet-le-Duc. L'inclinazione dei due spioventi è di 55° e, alla loro sommità, si trova una ringhiera metallica riccamente decorata.[174]

Flèche[modifica | modifica sorgente]
La flèche

Sulla crociera, in corrispondenza dell'incontro tra il tetto del transetto, quello del coro e quello della navata centrale, si eleva la flèche (in italiano: freccia), un'alta guglia di 45 metri d'altezza e pesante 750 tonnellate, la cui struttura lignea portante non poggia sulle capriate del tetto delle navate, ma direttamente sui quattro pilastri della crociera.[175]

La guglia attuale venne realizzata a partire dal 1860 dal falegname Bellu e dagli Ateliers Monduit su disegno di Eugène Viollet-le-Duc, realizzato ispirandosi alla cattedrale di Orléans: quella originaria, infatti, costruita nel 1250 con la funzione di terzo campanile, era stata demolita tra il 1786 e il 1792.[176]

La sua base è costituita da un doppio ordine di finestre, bifore in quello inferiore e monofore in quello superiore. La copertura degli spioventi è in piombo, e dello stesso materiale è l'intero rivestimento esterno della guglia.[175] Sulla sua sommità, a 93 metri di altezza da terra, si trova una statua in rame raffigurante un gallo, all'interno della quale si trovano dal 1935, per volere dell'allora cardinale arcivescovo di Parigi Jean Verdier, tre reliquie: una di San Dionigi, una di Santa Genoveffa e parte della Corona di spine.[176]

La flèche è affiancata da quattro gruppi di statue in rame. Queste vennero realizzate da Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume e raffigurano i dodici apostoli (in ciascun gruppo le tre statue interne) e i simboli dei quattro evangelisti (la statua più esterna di ogni gruppo).[176] A differenza di tutte le altre, che sono rivolte verso la città, la statua di San Tommaso guarda verso la guglia ed il suo volto ha le fattezze del progettista di quest'ultima, Eugène Viollet-le-Duc.[177]

Interno[modifica | modifica sorgente]

Piedicroce[modifica | modifica sorgente]

Navate[modifica | modifica sorgente]
Interno

Il piedicroce è diviso in cinque navate.[90]

La navata maggiore, alta 32 metri e larga 12,[98] si articola in cinque campate, ciascuna delle quali è coperta da una volta a crociera a sei vele; le navate laterali, invece, sono coperte con volta a crociera a quattro vele ed hanno ciascuna otto campate; sotto ognuna delle due torri della facciata occidentale si trova un'unica campata quadrata con volta a crociera a otto vele, comune alla coppia di navate laterali corrispondenti.[19] Nella prima campata della navata esterna di destra, addossato alla parete, si trova il cosiddetto Crocifisso di Napoleone III; la scultura, commissionata da Napoleone III di Francia, è in bronzo e poggia su una colonna marmorea.[178] Sul lato opposto, nella prima campata della navata esterna di sinistra, vi è una statua marmorea raffigurante la Madonna col Bambino, di scultore anonimo, sostenuta anch'essa da una colonna.[179] La prima campata della navata centrale è occupata dalla cantoria in pietra che sorregge l'organo maggiore, con parapetto ligneo scolpito, ricostruita su progetto di Viollet-le-Duc.[180] Sotto la settima arcata di destra della navata centrale, si trova il pulpito ligneo neogotico, anch'esso realizzato su progetto di Viollet-le-Duc.[30]

Le navate sono divise da pilastri di forme differenti. I cinque pilastri più vicini al transetto, risalenti alla fine del XII secolo, sono quelli più antichi e riprendono la forma cilindrica di quelli dell'abside e del coro; la parte superiore è costituita da un capitello scolpito con foglie d'acanto.[181] I quattro pilastri più vicini alla facciata, invece, vennero costruiti intorno al 1220 e, mentre i primi tre sono polistili, il quarto riprende la forma dei pilastri antichi con l'aggiunta di una colonnina dalla parte della navata centrale; anche gli otto pilastri del XIII secolo terminano in alto con capitelli con foglie d'acanto.[181]

Interno verso la controfacciata

Al di sopra delle navate laterali interne, vi è il matroneo, coperto da volta a crociera con quattro vele, che affianca il transetto e continua intorno all'abside e il coro. Le due gallerie, nell'area relativa al piedicroce, si aprono sulla navata centrale con trifore ogivali (nella prima campata con una bifora per lato). Soltanto le finestre del matroneo di destra dispongono di un'ulteriore apertura circolare, nel caso delle trifore sopra il fornice centrale, nel caso delle bifore in asse con la colonnina.[182] Il matroneo è illuminato dall'esterno attraverso delle finestre a forma di lunetta ogivale all'interno della quale si articolano più rosette circolari; solo nella prima campata si trova una monofora; le vetrate sono opera di Jacques Le Chevallier, che le realizzò tra il 1961 e il 1965 in stile moderno.[52]

Il cleristorio della navata centrale è costituito da due finestre per parete per ciascuna campata (ad eccezione della prima, priva di aperture all'infuori di due piccoli oculi a forma di quadrilobo); esse sono di tre tipologie: monofore, bifore e rosoni. Le monofore appartengono al cleristorio originale del XII secolo e sono poste all'inizio e alla fine della navata; nei pressi del transetto, sotto di esse vi sono dei rosoni che non danno sull'esterno, ma su un ambiente sottotetto;[19] la ricostruzione del cleristorio originario è frutto dei restauri ottocenteschi.[183] le bifore, in totale sei per lato, vennero aperte tra il 1225 e il 1250 per favorire una migliore illuminazione dell'interno della navata.[12] Le vetrate, in stile astratto, vennero realizzate da Jacques Le Chevallier contemporaneamente a quelle del matroneo e sono tutte l'una diversa dall'altra.[184] Esse sono ideate in progressione, dalla controfacciata, dove predomina il colore blu, al transetto, dove vi è prevalenza del colore rosso, e hanno come tema la Gerusalemme celeste in relazione al XX secolo.[52]

Cappelle laterali[modifica | modifica sorgente]

Lungo le navate laterali esterne, si aprono varie cappelle, ricavate tra il 1235 e il 1245 nello spazio tra i contrafforti:[185] nell'area del piedicroce esse sono complessivamente quattordici, sette per lato, a pianta quadrangolare, coperte con volta a crociera a quattro vele e illuminate ciascuna da una bifora o quadrifora esternamente sormontata da una ghimberga.[19]

Tra il 1630 e il 1707, quasi ogni anno, la corporazione degli orafi parigini donò alla cattedrale il 1 maggio, come omaggio alla Madonna, un dipinto con scene tratte dagli Atti degli Apostoli; tali pitture, chiamate Mays, erano in totale settantasei e trovavano collocazione nelle cappelle laterali, nelle cappelle radiali e sopra le arcate della navata e del deambulatorio; attualmente rimangono nella cattedrale tredici dipinti, situati nel transetto e nelle cappelle del piedicroce.[186]

Cappelle di sinistra
Discesa dello Spirito Santo di Jacques Blanchard (1634)

La prima cappella di sinistra è il battistero;[187] al centro di essa si trova il fonte battesimale, realizzato in bronzo dallo scultore Bachelet su disegno di Eugène Viollet-le-Duc; caratterizzato dalla forma a quadrilobo della vasca, la quale è sorretta da colonnine, è decorato alla base dalle statue degli Evangelisti ed è sormontato da una statua raffigurante San Giovanni Battista.[188] Di fianco al fonte, si trova il cero pasquale, poggiante su un candelabro in stile moderno, opera di Jean e Sébastien Touret.[189] Sulle pareti laterali dell'ambiente si trovano due dipinti: a sinistra vi è la Discesa dello Spirito Santo di Jacques Blanchard, donata dalla corporazione degli orafi per il maggio 1634;[190] a destra, invece, la Natività di Jérome Franck (1585).[191]

La seconda cappella di sinistra è dedicata a San Carlo Borromeo;[192] all'interno di essa si trovano due dipinti: sulla parete di sinistra vi è uno dei quadri dono della corporazione degli orafi, raffigurante San Paolo che acceca il falso profeta Barjesu e converte il proconsole Sergio, di Nicolas Loir (1650);[193] sulla parete di destra, soprastante l'altare, vi è una tavola di Lubin Baugin, raffigurante la Pietà, risalente alla prima metà del XVII secolo.[194] Davanti alla quadrifora, poggiante su un piedistallo, vi è una statua marmorea raffigurante San Carlo Borromeo.[195]

La terza cappella di sinistra, già dedicata a Santa Genoveffa,[196] prende il nome attuale di cappella della Santa Infanzia dal gruppo scultoreo posto a ridosso della parete di destra, sopra l'altare, raffigurante l'episodio biblico del Sinite parvulos ad me venire.[197] Sulla parete opposta, vi è la tavola della Flagellazione di San Pietro e San Silvano, di Louis Testelin, donata dalla corporazione degli orafi nel 1655.[198] Dà le spalle alla quadrifora un gruppo scultoreo in marmo raffigurante la Vergine con Gesù fanciullo.[199] Nella cappella si trova una reliquia di San Paolo Tchen, martire in Cina.[200]

Segue la cappella dedicata a San Vincenzo de' Paoli,[201] anch'essa ospitante uno dei quadri donati dalla corporazione degli orafi, raffigurante la Crocifissione di Sant'Andrea, opera di Charles Le Brun (1647), posto sulla parete di sinistra.[202] A pavimento, invece, si trova il Monumento funebre di Léon-Adolphe Amette, cardinale e arcivescovo di Parigi dal 1908 al 1920;[203] la statua, realizzata da Hippolyte Lefèbvre nel 1923, raffigura il cardinale inginocchiato rivestito della cappa magna.[204] Sull'altare, la cui mensa è sorretta da due colonnine, vi è una statua, anch'essa marmorea, di San Vincenzo de' Paoli.[205]

La cappella di Nostra Signora di Guadalupe

La cappella successiva, già dedicata a San Giuliano l'ospitaliere e a Santa Maria Egiziaca, è attualmente dedicata a Nostra Signora di Guadalupe, la cui immagine è raffigurata nel mosaico collocato sopra l'altare.[206] Sulla parete opposta, invece, vi è il dipinto donato dalla corporazione degli orafi per il maggio 1687, il quale raffigura la Predicazione del profeta Agabo a San Paolo, di Louis Chéron.[207] Nella cappella si trova anche un ritratto di San Juan Diego Cuauhtlatoatzin, colui che, secondo la tradizione, avrebbe ricevuto l'apparizione della Madonna di Guadalupe.[208]

La sesta cappella di sinistra, già di Santa Caterina d'Alessandria[209], è dedicata a San Landerico, il quale è raffigurato in una statua in atteggiamento benedicente, con i paramenti liturgici e le insegne episcopali.[210] posta davanti alla parete di fondo. Sulla parete di sinistra, di fronte all'altare, vi è la tavola Il figlio di Sceva percosso dal demonio,[211] realizzata da Mathieu Elyas nel 1702 per conto della corporazione degli orafi.

L'ultima cappella di sinistra è dedicata a santa Clotilde, la cui statua policroma è posta sopra l'altare.[212] Sotto la quadrifora che si apre nella parete di fondo, trova luogo la Lapide del canonico Etienne Yver, opera di anonimo, risalente al 1468[213] e monumento storico di Francia dal 1905.[214] Già situata nella demolita cappella di San Nicola adiacente al chiostro, la lastra marmorea è decorata con un bassorilievo raffigurante il cadavere del defunto mangiato dai vermi e, sopra, il canonico nel suo sarcofago affiancato da Santo Stefano e San Giovanni; in alto, Cristo giudice in trono benedicente circondato dalle schiere angeliche mentre con la sinistra tiene il libro della vita e in bocca ha due spade incrociate.[214]

Cappelle di destra

La prima cappella di destra, già cappella della corporazione degli orefici, è dedicata al loro patrono, Sant'Eligio di Noyon.[215] Nel 1953, gli orefici di Parigi donarono a questa cappella due elementi decorativi presenti all'interno di essa e caratterizzati dalla colorazione dorata: il Crocifisso, posto sulla parete di sinistra, e la statua del santo, la quale viene portata in processione all'interno della cattedrale di 13 dicembre di ogni anno, memoria liturgica di Sant'Eligio.[216] Sulla parete di destra, vi è il dono degli orefici per il maggio del 1651, una tavola raffigurante la Lapidazione di Santo Stefano, opera di Charles Le Brun.[217]

La cappella che segue è dedicata a San Francesco Saverio; priva di decorazioni, come la cappella successiva, dedicata a Santa Genoveffa, è adibita a luogo per la Confessione e per il dialogo con i sacerdoti.[218]

La cappella di Santa Genoveffa, che si trova dopo quella di San Francesco Saverio, ospita varie opere d'arte. Sulla parete di destra vi è la Crocifissione di San Pietro, dipinto donato per il maggio 1643 dalla corporazione degli orafi e realizzato da Sébastien Bourdon; la composizione è caratterizzata da un'elevata dinamicità dei personaggi, tipica dello stile barocco.[219] Sulla parete opposta, al centro, vi è una statua marmorea raffigurante la santa dedicataria della cappella;[220] questa è affiancata da due dipinti: a sinistra il Martirio di Santa Caterina d'Alessandria e a destra il Martirio di San Bartolomeo, di Lubin Baugin (prima metà del XVII secolo).[221]

Predicazione di San Pietro a Gerusalemme di Charles Poërson (1642)

La quarta cappella di destra è dedicata a San Giuseppe, il quale è raffigurato insieme a Gesù fanciullo in una statua policroma, posta al di sopra dell'altare, sulla parete di sinistra dell'ambiente.[222] Sulla parete opposta vi è un dipinto raffigurante la Predicazione di San Pietro a Gerusalemme, opera di Charles Poërson e dono della corporazione degli orafi per il maggio 1642; San Pietro è raffigurato mentre predica all'interno del Tempio di Gerusalemme, caratterizzato quest'ultimo dalla presenza di due colonne tortili simili a quelle del baldacchino della basilica di San Pietro in Vaticano, di Gian Lorenzo Bernini.[223] Su una mensola addossata alla parete di fondo vi è un ostensorio,[224] dono degli orafi parigini per il maggio dell'anno 1949.[186]

Segue la cappella di San Pietro apostolo.[225] Il suo altare, addossato alla parete di sinistra, è caratterizzato dalla presenza di una boiserie in legno scuro, risalente al XVI secolo; questa presenta una fitta decorazione a bassorilievo, con figure di santi ciascuna all'interno di una propria nicchia con arco a tutto sesto. Sulla sommità, vi è una statua lignea di San Pietro che tiene in mano la croce, simbolo del suo martirio.[226] Sulla parete opposta vi è il dipinto di Aubin Vouet Il centurione Cornelio ai piedi di San Pietro, donato dagli orafi parigini per il maggio 1639.[227]

La sesta cappella che si apre sulla navata laterale di destra è quella dedicata a Sant'Anna, madre di Maria.[228] Sulla parete di destra si trova il dipinto del maggio 1637, la Conversione di San Paolo, opera di Laurent de La Hyre.[229] Sopra l'altare, il quale è addossato alla parete di sinistra, vi è la Natività della Vergine, pala dei Fratelli Le Nain (inizi del XVII secolo).[230]

La settima e ultima cappella di destra è dedicata al Sacro Cuore di Gesù ed ospita un dipinto su tela dell'artista contemporaneo Hubert Damon raffigurante Gesù Crocifisso, Albero della Vita (2004).[231]

Transetto e crociera[modifica | modifica sorgente]

Il transetto e la crociera

Il transetto della cattedrale si compone di due bracci simmetrici e della crociera, per una lunghezza totale di 48 metri ed una larghezza di 14 metri (2 metri in più rispetto alla larghezza della navata).[98] Ciascuno dei due bracci laterali si compone di due campate; quella esterna, sporgente dal corpo di fabbrica della cattedrale, è coperta con volta a crociera a quattro vele e, nella parte superiore delle pareti laterali, è decorata con finestre cieche disposte su due ordini, una quadrifora in quello superiore e tre bifore in quello inferiore.[232] Le pareti della prima campata, invece, presentano uno schema analogo a quello della navata, con in basso due arcate che danno sulle navate laterali e sul deambulatorio (quest'ultime sormontate da ghimberga); al di sopra di esse il matroneo con trifore nella parete occidentale e bifore in quella orientale; più in alto il cleristorio, composto da due livelli, quello inferiore con rosoni circolari e quello superiore con monofore.[233] La crociera, esternamente sormontata dalla flèche, è coperta con volta a crociera con quattro vele sorretta da spessi pilasti polistili; la chiave di volta è decorata con l'immagine di Nostra Signora di Parigi[234] Fino agli inizi del XXI secolo, dalla volta della crociera pendeva la Grande corona luminosa (in francese: Grande couronne de lumière), ora nel deambulatorio, un lampadario realizzato dall'orafo Poussielgue-Rusand su disegno di Eugène Viollet-le-Duc.[235]

Braccio destro del transetto

Nel braccio destro del transetto, ai lati del portale, si trovano, ciascuna sopra un proprio piedistallo, due statue: quella di destra raffigura a grandezza naturale Santa Teresa di Gesù Bambino e venne realizzata in stucco dallo scultore Louis Castex nel 1929;[236] la scultura di destra, raffigurante Santa Giovanna d'Arco, è in marmo ed è opera di Charles Desvergnes, che la fece tra il 1900 e il 1920.[237] Sulla parete di sinistra, vi è un dipinto di Antoine Nicolas, raffigurante San Tommaso d'Aquino (1648), donato dal convento domenicano dell'Annunciazione di Parigi nel 1947, in occasione del settimo centenario della morte del santo; questi è raffigurato seduto su un trono posto sopra un piedistallo sul quale sta scritto l'appellativo di Doctor angelicus e intorno al quale vari religiosi si protendono verso la fonte della saggezza, posta davanti a Tommaso.[238] Addossato ad uno dei pilastri vi è una lapide che ricorda i caduti britannici durante la prima guerra mondiale. Nel braccio destro del transetto si trovava la scultura medievale in pietra policroma dell'Adamo, risalente al 1260 e facente parte dell'antico jubé della cattedrale; considerato uno dei capolavori della scultura gotica, attualmente si trova al Museo di Cluny.[239]

Nel braccio sinistro del transetto, sulla parete di sinistra, si trova il quadro che fu donato dalla corporazione degli orafi parigina per il maggio dell'anno 1635: realizzato da Laurent de La Hyre, esso raffigura San Pietro che guarisce i malati con la sua ombra.[240] Sotto di esso vi è un'icona raffigurante la Madonna col Bambino. Davanti alla parete di fondo, alla destra del portale, vi è una statua marmorea raffigurante San Dionigi di Parigi, opera di Nicolas Coustou (1713),[241] in precedenza collocata nella crociera, all'interno dell'area presbiterale, a ridosso del pilastro di sinistra del coro.[242] Ai piedi della statua, vi è il Reliquiario di Santa Genoveffa, pregevole manufatto d'oreficeria in stile neogotico, opera di Placide Poussielgue-Rusand che lo realizzò nel 1850 su disegno di Arthur Martin.[243] Alla sinistra della statua, invece, vi è la Madonna degli Studenti, statua marmorea del XVII secolo. Sulla parete di destra del transetto si trova una tela di Guido Reni, raffigurante il Trionfo di Giobbe.[244] L'opera era stata commissionata al pittore italiano dall'Arte della Seta di Bologna per esser collocata nella propria cappella, all'interno della chiesa di Santa Maria della Pietà; giunse a Parigi in un secondo tempo e venne collocata all'interno della cattedrale, prima nei pressi della controfacciata, poi nel transetto.[245]

Coro e abside[modifica | modifica sorgente]

Il cleristorio dell'abside

Il coro, dal punto di vista architettonico, segue lo schema della navata. Esso è composto da due campate, ciascuna delle quali è coperta da volta a crociera con sei vele, e termina con l'abside semicircolare, divisa da pilastri polistili in cinque sezioni, ciascuna delle quali corrisponde ad una vela della volta e ad una cappella radiale del deambulatorio.[19] Le pareti del coro e dell'abside seguono anch'esse lo schema della navata centrale del piedicroce: in basso si trovano le arcate ogivali poggianti su pilastri cilindrici con capitello che li mettono in comunicazione con il deambulatorio; più in alto vi è il matroneo, che si apre sull'interno della chiesa con delle bifore, particolarità peculiare della cattedrale di Parigi, della collegiata di Mantes-la-Jolie e dell'abbazia di Saint-Remi a Reims, e, sull'esterno, nell'area dell'abside con delle trifore,[92] in quella del coro da rosoni circolari.[182] Il cleristorio è interamente composto da alte bifore, ad eccezione della coppia composta da monofora e rosone presente nella prima campata del coro.[19] Oltre il transetto, le due coppie di navate laterali continuano fino a congiungersi intorno all'abside formando un doppio deambulatorio.[246]


Il coro e l'abside
L'assetto originario del XIII secolo

L'attuale assetto del coro e dell'abside è dovuto prevalentemente agli importanti lavori di restauro condotti su progetto di Robert de Cotte tra il 1708 e il 1725 per adempiere al voto di Luigi XIII,[28] con alcune modifiche successive. Nel corso dei restauri settecenteschi, vennero realizzati in stile barocco il nuovo altare maggiore e il rivestimento marmoreo delle arcate intorno ad esso.[12] Già nel secolo precedente, su commissione del cardinale Richelieu, erano stati realizzati quattordici arazzi raffiguranti scene della vita della Vergine, poi venduti nel 1739 alla cattedrale di Strasburgo; quattro di essi, raffiguranti l'Annunciazione, la Visitazione, l'Assunzione e l'Incoronazione di Maria, sono stati esposti all'interno del transetto della cattedrale di Parigi dal 27 luglio 2013 all'8 settembre successivo per gli 850 anni dalla fondazione della chiesa.[247] A partire dal 1715, anno in cui vennero realizzate e installate le tre grandi sculture della Pietà, di Luigi XIII e Luigi XIV, il canonico de La Porte commissionò vari artisti otto tele per decorare le pareti del coro: l'Annunciazione a Claude Guy Hallé, la Visitazione a Jean Jouvenet, la Natività e l'Adorazione dei Magi a Charles de La Fosse, l'Assunzione e Gesù nel tempio a Antoine Coypel, la Fuga in Egitto e la Purificazione a Louis Boullogne II.[N 8][248] Nel 1753 vennero realizzati i nuovi stalli lignei del coro e venne demolito lo jubé, costruito nel XIV secolo da Raymond du Temple ed in seguito modificato con aggiunte barocche.[249] Durante i restauri ottocenteschi, Eugène Viollet-le-Duc eliminò il rivestimento barocco degli archi e sostituì la mensa barocca dell'altare con una nuova in stile neogotico.[12]

Luigi Filippo di Francia, nel 1841, donò alla cattedrale un tappeto monumentale per coprire il pavimento del coro; il manufatto era stato realizzato tra il 1825 e il 1833 su disegno di Saint-Ange dalla prestigiosa manifattura di Savonnerie. Esso consiste in una superficie di 200 metri quadrati sulla quale sono raffigurati elementi architettonici, floreali e simboli della Chiesa cattolica. In seguito ad un intervento di restauro, l'opera viene esposta per la prima volta dopo trent'anni nel gennaio 2014.[250]

Al centro del coro vi è un semplice altare marmoreo cubico, utilizzato per le liturgie nei giorni feriali; in asse con questo è posto l'ambone realizzato da Jean e Sébastien Touret per il presbiterio della crociera.[189]

Presbiterio[modifica | modifica sorgente]
Il presbiterio barocco

Il presbiterio originario della cattedrale, secondo la ricostruzione di Eugène Viollet-le-Duc, si trovava nell'abside, separato dal coro da una balaustra traforata:[251] l'antico altare maggiore, del XIII secolo, era circondato da una tenda e, dietro ad esso, in posizione sopraelevata all'interno di un baldacchino in stile gotico, vi era il reliquiario di San Marcello, al quale si accedeva tramite una scala a chiocciola in legno.[252] Tra il 1698 e il 1700, era stato elaborato da Jules Hardouin Mansart un progetto, mai realizzato, per un nuovo presbiterio da collocarsi non più nell'abside, ma nell'area della crociera; questo sarebbe stato notevolmente sopraelevato rispetto al resto della chiesa con una confessione davanti all'altare maggiore, il quale sarebbe stato sovrastato da un baldacchino simile a quello della chiesa del Val-de-Grâce, opera di François Mansart, prozio di Jules Hardouin,[253] ispirato al baldacchino della basilica vaticana del Bernini.[254] Nel corso dei restauri della prima metà del XVIII secolo condotti da Robert de Cotte, venne costruito un nuovo altare in sostituzione di quello medievale con paliotto raffigurante l'Ultima Cena e, alle sue spalle, il gruppo scultoreo La Pietà con Luigi XIII e Dio Padre (rimosso entro il 1715).[255] Nel 1803, in sostituzione dell'altare distrutto durante la Rivoluzione francese, ne venne costruito uno nuovo, in marmo bianco, decorato con bassorilievi dorati raffiguranti la Resurrezione di Gesù al centro e Angeli con gli strumenti della Passione ai lati e, sul tabernacolo, l'Agnello di Dio.[256] Viollet-le-Duc costruì un nuovo altare in stile neogotico, attualmente in loco.[257]

Il moderno altare maggiore

Dopo il Concilio Vaticano II, su progetto di monsignor Jehan Revert, canonico e maestro di cappella, il presbiterio venne spostato dall'abside, dove tuttavia rimase l'altare antico, alla crociera, dove venne costruita una struttura provvisoria con un altare in legno,[258] sostituito, durante l'episcopato di Jean-Marie Lustiger, arcivescovo di Parigi dal 1981 al 2005, da uno più piccolo, il cui paliotto era costituito da un bassorilievo in pietra.[259] Nel 1989 l'allestimento del presbiterio venne ulteriormente cambiato, con nuovi arredi in stile moderno, opera di Jean e Sébastien Touret: l'altare, in bronzo, venne posizionato sopra una pedana ottagonale preceduta da cinque gradini, con sulla destra l'ambone e sul lato opposto sette candelabri;[189] la nuova cattedra era addossata al pilastro di sinistra della crociera, di fianco alla statua marmorea di San Dionigi di Parigi.[260] Successivamente, nel 2004, l'area è stata ulteriormente modificata su progetto di Jean-Marie Duthilleul e Benoît Ferré, con la rimozione della statua di San Dionigi, della cattedra moderna e della cancellata di divisione fra la crociera e il coro, la realizzazione di nuovi ambone e sede e lo spostamento dell'altare.[261][262]

Il presbiterio attuale

Il presbiterio della cattedrale è rialzato rispetto al piedicroce; al centro, ulteriormente sopraelevato da due gradini, si trova l'altare maggiore. Realizzato da Jean e Sébastien Touret in stile moderno, è in bronzo ed ha la forma di un parallelepipedo rettangolo;[263] la parte anteriore e i due lati sono decorati ad altorilievo con i Quattro Evangelisti (lato anteriore), Ezechiele e Geremia (lato sinistro) e Isaia e Daniele. A ridosso del pilastro di sinistra del coro, vi è l'ambone con base in marmo e leggio in bronzo, sovrastato da tre sculture lignee raffiguranti San Dionigi di Parigi tra i Santi Eleuterio e Rustico, anch'esse dei Touret.[189] Sul lato opposto, di fianco al parallelepipedo marmoreo che costituisce la sede per i celebranti non vescovi, vi è la statua marmorea di Nostra Signora di Parigi, poggiante su una colonna, risalente al XIV secolo e portata nella cattedrale nel 1818 per decorare il trumeau del portale della Vergine, poi collocata da Viollet-le-Duc nella sua posizione attuale, ove nel XII secolo si trovava un altare dedicato alla Vergine.[264] La statua, in marmo un tempo dipinta policroma,[265] raffigura Maria incoronata che tiene sul braccio sinistro il Gesù Bambino con il globo e nella mano destra un fiore.[266]

Coro ligneo[modifica | modifica sorgente]

In corrispondenza delle prime tre arcate del coro, sui due lati, si trovano gli stalli che compongono il coro ligneo; in totale 78 (52 nell'ordine superiore e 26 in quello inferiore), il loro ordine venne invertito dopo la demolizione dello jubé, che comportò anche l'eliminazione di parte dei seggi, che in origine erano 114.[267] I primi due seggi di entrambe le serie sono sormontati da un baldacchino e circondati da un parapetto; quello di destra ospita la cattedra dell'arcivescovo di Parigi, mentre quello di sinistra viene utilizzato durante le concelebrazioni da vescovi ospiti.[259]


Stalli lignei del coro
Stalli di sinistra
Stalli di destra
Cattedra dell'arcivescovo di Parigi

I seggi superiori sono sormontati da un'elaborata boiserie, realizzata su disegni di René Charpentier e Jean Dugoulon da Luois Marteau (a destra) e di Jean Noel (a sinistra); la decorazione si articola all'interno di riquadri con un'iconografia incentrata sulla vita della Vergine, intorno ai quali si trovano dei bassorilievi raffiguranti gli strumenti della Passione di Gesù e i simboli del re di Francia.[268] All'interno dei riquadri di sinistra, a partire dalla crociera sono raffigurate le seguenti scene: la Natività della Vergine, la Presentazione di Maria al Tempio, Sant'Anna che istruisce sua figlia, lo Sposalizio della Vergine con Giuseppe, l'Annunciazione, la Visitazione, la Natività di Gesù, e l'Adorazione dei Magi.[269] All'interno dei riquadri di destra, a partire dall'abside, sono raffigurati i seguenti episodi: Maria ai piedi della Croce, la Deposizione di Gesù dalla Croce, la Discesa dello Spirito Santo sugli apostoli, l'Assunzione della Vergine, l'Allegoria della Religione (raffigurata con una donna inginocchiata), l'Allegoria della Prudenza (rappresentata da una donna con in mano un serpente), l'Allegoria dell'Umiltà (raffigurata con una donna con in mano lo scettro miracoloso) e l'Allegoria del Dolore (rappresentata da una donna con la testa bassa).[270] La boiserie dei due seggi vescovili presenta due bassorilievi: a sinistra San Dionigi e i compagni Rustico ed Eleuterio; a destra la Guarigione di Clodoveo I per intercessione di San Germano.[271] Le parti della boiserie rimosse dopo la demolizione dello jubé si trovano nella torre sud della facciata, nella sala soprastante la prima campata delle due navate laterali.[272]

Transenna di sinistra

Esternamente, il coro è chiuso da due transenne, realizzate tra il XIII e il XIV secolo, terminate mentre erano architetti della cattedrale Pierre de Chelles, Pierre de Montreuil e Jean de Chelles; mutilate durante i restauri settecenteschi, sono state restaurate nel secolo successivo nell'ambito dei lavori condotti da Eugène Viollet-le-Duc.[273] Verso il deambulatorio, esse presentano una decorazione policroma a bassorilievo disposta su due fasce: in quella inferiore vi è una serie di archetti con, dipinti, gli stemmi degli arcivescovi di Parigi; in quella superiore, invece, scene tratte dai Vangeli.[274] La narrazione comincia nella transenna di sinistra a partire dall'abside; qui sono raffigurate scene della Natività e delle vita di Gesù disposte secondo il seguente ordine: la Visitazione, l'Annuncio ai pastori, la Natività di Gesù, l'Adorazione dei Magi, la Strage degli Innocenti, la Fuga in Egitto, la Presentazione di Gesù al Tempio, Gesù che discute con i dottori, il Battesimo di Gesù, le Nozze di Cana, l'Ingresso di Gesù a Gerusalemme, l'Ultima Cena, la Lavanda dei piedi e Gesù nell'Orto degli Ulivi. La narrazione continua sulla transenna di destra, più antica rispetto a quella di sinistra, saltando la Crocifissione (che si trovava sullo jubé) e trattando le vicende successive alla risurrezione di Gesù: Gesù appare alla Maddalena, Gesù appare alle pie donne, Gesù appare a San Pietro, Gesù appare ai discepoli di Emmaus, Gesù appare ai discepoli nel Cenacolo, Gesù appare a San Tommaso, la Pesca miracolosa, Cristo appare agli apostoli in Galilea, Gesù appare agli apostoli presso il Giardino degli Ulivi.[273]

Altare della Pietà[modifica | modifica sorgente]
Altare della Pietà

Nell'abside si trova ancora il presbiterio settecentesco, con pavimento in marmi policromi raffigurante lo stemma del re di Francia;[275] al centro, vi è il neogotico altare della Pietà, già altare maggiore, decorato con archetti trilobati poggianti su semicolonnine; alla sua sinistra vi è il tabernacolo nel medesimo stile.[276]

Sotto l'arcata centrale dell'abside, vi è il gruppo scultoreo della Pietà, opera di Nicolas Coustou che lo realizzò tra il 1714 e il 1715.[277] La scultura è in marmo di Carrara e poggia su un basamento decorato da un bassorilievo dorato raffigurante Gesù deposto dalla Croce e portato nel sepolcro. Maria appare addolorata per la morte del figlio, il cui corpo lei tiene sulle ginocchia; di fianco a lei si trovano due angeli, l'uno sostiene la mano sinistra di Gesù, l'altro porta la Corona di spine.[278] Alle spalle del gruppo scultoreo, vi è la Croce gloriosa, costituita da una grande croce dorata realizzata da Marc Couturier nel 1993.[30] Sotto di essa, nel deambulatorio, vi è il monumento funebre del vescovo Simon Matifas de Bucy.[279] Ai lati della Pietà, vi sono altre due statue in marmo bianco entrambe del 1715: la statua di sinistra raffigura Luigi XIV inginocchiato, di Antoine Coysevox;[280] la statua di destra, invece, ritrae Luigi XIII nell'atto di offrire la corona alla Vergine, di Guillaume Coustou.[281] Queste ultime due statue e quella della Pietà vennero rimosse nel 1793 e ricollocate nella cattedrale nel 1815, quelle dei sovrani su nuovi piedistalli completati nel 1816 con lo stemma del re di Francia.[282]

Davanti ai sei pilastri dell'abside vi sono altrettante statue in bronzo raffiguranti degli angeli. Ognuno di essi tiene in mano un oggetto specifico di quelli usati durante la Passione di Gesù: da sinistra, il primo porta la Lancia di Longino, il secondo i Chiodi, il terzo la canna per bere , il quarto la Corona di spine, il quinto la spugna e il sesto il Titulus crucis.[283]

Cappelle del deambulatorio[modifica | modifica sorgente]

Lungo il deambulatorio esterno si aprono in corrispondenza del coro cinque cappelle a pianta rettangolare per lato, dell'abside cinque cappelle radiali.[185] Nel progetto originario, secondo la ricostruzione di Eugène Viollet-le-Duc, queste dovevano essere tre ed avere forma semicircolare; i loro santi dedicatari sarebbero stati rispettivamente alla Vergine, a Santo Stefano e alla Santissima Trinità.[19]

Cappelle laterali di sinistra
Monumento funebre di François-Nicolas-Madeleine Morlot

Le prime due cappelle laterali di sinistra sono adibite ad ambiente di servizio, mentre la terza corrisponde alla porta rossa.[284]

Segue la cappella di San Ferdinando; al suo interno si trovano le tombe dell'arcivescovo di Parigi Christophe de Beaumont du Repaire e del maresciallo di Francia Jean-Baptiste Budes de Guébriant e il monumento funebre del cardinale François-Nicolas-Madeleine Morlot, il quale è ritratto in posizione orante.[285] La quinta cappella di sinistra è dedicata a San Germano; essa ospita il monumento funebre dell'arcivescovo Antoine-Eléonore-Léon Le Clerc de Juigné, progettato da Eugène Viollet-le-Duc.[279]

Cappelle radiali

Le cappelle radiali seguono l'andamento semicircolare del matroneo e sono adornate da affreschi in stile neomedioevale di Viollet-le-Duc. Le cappelle esterne si compongono di due campate ciascuna, le tre centrali di tre ciascuna.[185]

La prima cappella da sinistra è dedicata a San Luigi IX di Francia e alle pareti presenta affreschi raffiguranti immagini di santi.[286] Di fronte all'altare, a pavimento, è posto il settecentesco monumento funebre del cardinale Louis Antoine de Noailles; esso è costituito dalla figura del cardinale inginocchiata in marmo bianco, posta sopra un sarcofago in marmo nero.[287] Di fianco all'altare, poggiante su una colonnina, vi è una moderna statua lignea di Sant'Antonio di Padova.[288]

Segue la cappella di San Marcello, illuminata da tre quadrifore.[289] Al suo interno trovano posto i monumenti funebri, entrambi in marmo bianco e nero, di due arcivescovi di Parigi: addossato alla parete di sinistra vi è quello di Hyacinthe-Louis de Quélen, opera di Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume che lo fece nel 1839-1840 circa;[290] sulla parete opposta vi è quello del cardinale Jean-Baptiste de Belloy-Morangle, realizzato nel 1819[279] circa da Louis-Pierre Deseine.[291]

Corona di spine

La cappella posta in asse con l'altare maggiore è dedicata alla Madonna dei Sette Dolori.[292] Al centro di essa trova luogo l'altare, in stucco dipinto policromo; mentre sul suo dossale è raffigurata la Deposizione di Gesù dalla Croce, al di sopra di esso vi è la statua della Vergine Addolorata.[293] Alla sua sinistra vi è il seicentesco monumento funebre del maresciallo di Francia Alberto Gondi;[294] posto simmetricamente ad esso si trova quello di Pierre de Gondi, cardinale e arcivescovo di Parigi. Dal 2008 all'interno della cappella è custodita la reliquia della Corona di spine.[295] Questa venne portata a Parigi nel 1239 da Luigi IX di Francia, il quale, per custodirla, fece costruire la Sainte-Chapelle, dove la reliquia rimase fino alla Rivoluzione francese, quando venne prima depositata presso l'abbazia di Saint-Denis, poi, in seguito al Concordato del 1801, consegnata nel 1804 all'arcidiocesi di Parigi.[65] Il 6 marzo 2009, con una celebrazione presieduta da Fouad Twal, patriarca di Gerusalemme dei Latini, l'ambiente è divenuto cappella capitolare dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, al quale è affidata la reliquia della Corona di Spine, collocata al centro di un anello a sezione circolare in vetro e metallo dorato con pietre preziose, posto all'interno di una moderna teca in vetro e metallo.[296]

La cappella alla destra di quella della Madonna dei Sette Dolori è adibita a cappella del Santissimo Sacramento[297] e dedicata a San Giorgio e il suo altare, con nelle due campate laterali stalli lignei disposti su più file[298] e, in quella centrale, l'altare marmoreo, sormontato dai sei candelabri e dal crocifisso che furono utilizzati per ornare l'altare maggiore durante l'incoronazione di Napoleone;[299] il santo titolare è raffigurato in una statua posta nell'angolo nord-orientale dell'ambiente sopra un proprio piedistallo.[300] Gli affreschi che adornano le volte e le pareti sono opera di Louis Charles Auguste Steinheil, al quale si deve anche la vetrata che chiude una delle tre quadrifore; le altre due sono invece opera rispettivamente di Adolphe-Napoléon Didron e di Eugène Oudinot.[298] A ridosso della parete di destra vi è il marmoreo monumento funebre dell'arcivescovo Georges Darboy, di Jean-Marie Bonnassieux (1872 circa).[301]

Incontro coniugale di Jean-Baptiste Pigalle

Segue la cappella di San Guglielmo,[302] già dedicata a San Pietro e a Santo Stefano. Nel 1746, essa venne concessa dal capitolo al decano onorario Abraham-Louis d'Harcourt-Beuvron affinché vi collocasse la tomba della sua famiglia; alla morte del conte Charles-Henry d'Harcourt (1769), la moglie volle che fosse collocato all'interno dell'ambiente il monumento funebre; la sua realizzazione fu affidata allo scultore Jean-Baptiste Pigalle, che lo iniziò nel 1771 per terminarlo cinque anni più tardi, nel 1776.[303] Il gruppo scultoreo, intitolato Incontro coniugale, si articola su due piani: in quello inferiore è raffigurata la vedova protesa verso il marito; quest'ultimo si trova nel piano superiore, in parte all'interno di un sarcofago in marmo scuro affiancato dalle figure dell'angelo custode (a sinistra) e della morte (a destra).[304] Nella cappella vi sono anche il monumento funebre di Jean Juvenel des Ursins et de Michelle de Vitry, raffigurati inginocchiati, della seconda metà del XV secolo,[305] e la Visitazione di Jean Jouvenet (1716)..[248]

Cappelle laterali di destra
Monumento funebre di Marie-Dominique-Augustin Sibour

Le cappelle laterali del deambulatorio di destra, a differenza delle altre, non presentano quadrifore, ma trifore.[185]

La prima cappella a partire dalle cappelle radiali è dedicata a Santa Maria Maddalena.[306] Addossato alla parete di destra, poggiante su un proprio piedistallo, vi è il marmoreo monumento funebre dell'arcivescovo Marie-Dominique-Augustin Sibour, risalente al 1858: il defunto è raffigurato inginocchiato, rivolto verso l'altare, con il proprio stemma sopra il drappo che copre l'inginocchiatoio.[307]

Mentre la cappella più vicina al transetto è adibita a locale di servizio, la seconda e la quarta mettono in comunicazione la chiesa con la sacrestia.[185] La cappella mediana è dedicata a San Dionigi di Parigi.[308] L'altare è in pietra ed è addossato alla parete di sinistra, la quale è decorata da un affresco in stile neomedioeveale progettato da Eugène Viollet-le-Duc; questo raffigura scene della vita e del martirio del santo: a destra Il Papa invia Dionigi e i suoi compagni ad evangelizzare la Gallia; al centro Benedizione abbaziale di Dionigi; a sinistra Martirio di Dionigi; al di sopra della scena centrale, vi è San Dionigi in gloria.[309] Sul lato opposto della cappella c'è il monumento funebre dell'arcivescovo Denis-Auguste Affre, opera di Auguste-Hyacinthe Debay (1850 circa).[310]

Sacrestia[modifica | modifica sorgente]

Esterno della sacrestia

Alla sinistra della cattedrale si trova la sacrestia, costruita tra il 1845 e il 1850 su progetto di Eugène Viollet-le-Duc in sostituzione di quella barocca, edificata nel 1758 su progetto di Jacques-Germain Soufflot e andata distrutta durante le sommosse anti-legittimiste del 29 luglio 1830 e del 14 febbraio 1831.[35]

L'edificio è in stile neogotico e, dalla parte della cattedrale, presenta un piccolo chiostro, con gallerie coperte con volte a crociera e che si aprono sul cortile con bifore; queste presentano delle vetrate policrome raffiguranti la Storia di Santa Genoveffa e vennero realizzate da Alfred Gérente basandosi su cartoni di Louis Steinheil.[35]

Sopra il tetto della sacrestia, dalla primavera del 2013, è ospitato un alveare di Apis mellifera x Buckfast, installato e gestito dall'apicultore Nicolas Géant.[311]

Museo del Tesoro[modifica | modifica sorgente]

Nella galleria orientale del chiostro, nella Sacrestia del capitolo e nella Sala capitolare[312] si trova il museo del Tesoro, il cui ultimo allestimento risale ai mesi di gennaio-febbraio dell'anno 2013.[313] Al suo interno, si trovano oggetti liturgici, paramenti e alcune reliquie.

Reliquiario della Corona di spine

Tra di esse sono di notevole importanza quelle, custodite nella Sacrestia del capitolo, della Passione di Gesù costituite dalla punta di uno dei chiodi e dalla pregevole Croce della Principessa Palatina, stauroteca ottocentesca all'interno della quale si trova un frammento della croce di Cristo, donata da Anna Maria di Gonzaga-Nevers nel 1683 all'abbazia di Saint-Germain-des-Prés e facente parte del tesoro della cattedrale dal 1828.[312] Fa parte del Tesoro anche il Reliquiario della Corona di spine, realizzato nel 1862 su disegno di Viollet-le-Duc in oro, argento, bronzo dorato, diamanti e pietre preziose da Placide Poussielgue-Rusand, con sculture di Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume; quest'ultime sono poste alla base del manufatto e raffigurano Sant'Elena, Baldovino II di Gerusalemme e San Luigi IX di Francia; la parte superiore, che costituisce il vero e proprio reliquiario all'interno del quale fino al 2008 era custodita la Corona di Spine, è decorata con le statue dei Dodici Apostoli, ciascuna all'interno di una nicchia.[314] Nella stessa sala vi è la statua argentea della Vergine col Bambino, donata nel 1826 da Carlo X di Francia e portata in processione ogni anno per le vie della città in occasione della solennità dell'Assunzione di Maria.[312]

La Sala capitolare è costituita da un ambiente di due campate coperte con volta a crociera e illuminato da quattro trifore, con gli stalli lignei del canonici disposti lungo tre pareti. Al suo interno, sono esposti oggetti liturgici in argento precedenti alla Rivoluzione francese e la collezione dei Cammei dei Papi, costituita 268 cammei raffiguranti i papi da Pietro e Benedetto XVI: i primi 258 (fino a Pio IX) vennero realizzati dagli artisti di Torre del Greco e donati al capitolo della cattedrale di Parigi nel 1887; i restanti (da Leone XIII a Benedetto XVI) sono stati fatti in occasione della visita di quest'ultimo a Parigi (settembre 2008) dall'orafo Goudji e dall'incisore Pierre Rouge-Pullon.[312]

Musica[modifica | modifica sorgente]

Musica vocale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scuola di Notre-Dame.

Un coro a servizio della cattedrale di Parigi esisteva prima della costruzione dell'edificio gotico ed era legato alla scuola vescovile, nata intorno al 350 per volere del vescovo Marcello, dove venivano insegnate le sette arti liberali; nei secoli successivi, fecero parte della schola personaggi importanti, come Pietro Abelardo.[315] Nella seconda metà del XIII secolo, dopo l'inizio della costruzione della cattedrale, la Scuola di Notre-Dame, anche grazie al vicino Collegio della Sorbona fondato nel 1957 dal canonico della cattedrale Robert de Sorbon,[316] ebbe una notevole fioritura caratterizzata dalla nascita della polifonia e dalla presenza dei compositori Léonin e Pérotin, inventori rispettivamente dell'organum e del discanto; nell'ambito della Scuola nacque anche il mottetto, del quale Filippo il Cancelliere è considerato uno degli iniziatori.[317]

Laudate dominum di Antoine Brumel

Nel XIV secolo, la scuola vescovile fu oggetto di un'importante riforma che, dal punto di vista musicale, vide l'abbandono del discanto in favore del canto gregoriano e del contrappunto; assunse maggiore importanza l'organo a canne, con la costruzione del primo strumento di cospicue dimensioni, mentre fino ad allora erano stati utilizzati soltanto organi portativi. Inoltre, con Antoine Brumel, nominato maestro di cappella nel 1498, venne introdotta la polifonia franco-fiamminga.[318] I secoli XVII e XVIII furono caratterizzati dall'organo che acquisiva sempre più importanza e spazio all'interno della liturgia, spesso con musiche di carattere profano.[319]

Dopo la Rivoluzione francese, nel 1807, venne fondata la nuova scuola musicale della cattedrale, finanziata dallo Stato: questa aveva sia il compito di educare i suoi allievi in tutte le discipline, sia quello di prestare servizio presso la cattedrale. Con la Legge francese sulla separazione tra Stato e Chiesa del 1905, i finanziamenti pubblici vennero diminuiti e la scuola, mantenuta in parte dalla diocesi, in parte dal capitolo e in parte dalle famiglie degli studenti, divenne una sorta di preseminario.

Cantore durante una celebrazione

Il 1991 è l'anno di fondazione, da parte di Michel-Marc Gervais, dell'associazione Musique sacrée à Notre-Dame de Paris, il cui ruolo è quello di gestire il coro e gli avvenimenti musicali della cattedrale.[320]

Presta servizio presso la cattedrale la Maîtrise Notre-Dame de Paris, sia maschile, sia femminile, la quale è così composta: Chœur d’Enfants, formato da 35-40 bambini dagli 8 ai 14 anni;[321] Jeune Ensemble, formata da 15-20 studenti e studentesse;[322] Chœur d’adultes, formato da una ventina di adulti;[323] Ensemble vocal de Notre-Dame de Paris, costituita da cantori professionisti e specializzata nella musica medioevale.[324]

Strumenti musicali[modifica | modifica sorgente]

Organi a canne[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Organi della cattedrale di Notre-Dame a Parigi.
Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima volta in cui è registrata la presenza di un organo a canne all'interno della cattedrale di Parigi risale al 1299 quando lo strumento, avente un'unica tastiera e collocato sopra una cantoria a nido di rondine su una parete laterale della navata centrale, venne suonato dal compositore e teorico della musica Petrus de Cruce.[325] Questo strumento, ritenuto inadeguato, venne affiancato nel 1403 e poi sostituito nel 1425 da uno nuovo, opera di Frédéric Schambantz, posto sulla cantoria in controfacciata e con blockwerk per l'unica tastiera e pedaliera costantemente unita alla prima.[326] Nei secoli successivi, l'organo quattrocentesco venne più volte restaurato e notevolmente ampliato nel 1609 da Valéran de Héman che aggiunse una nuova tastiera[327] e nuovamente nel 1620, quando lo stesso organaro dotò lo strumento di un'ulteriore tastiera, portandolo a 20 registri.[328] Nel medesimo secolo l'organo fu interessato da due ulteriori ampliamenti, quello del 1672 ad opera di Jacques Carouge, che aggiunse una quarta tastiera e rese indipendente la pedaliera con registri propri,[329] e quello condotto da Alexandre Thierry e Hippolyte Ducastel tra il 1689 e il 1691.[330]

L'organo maggiore

Nell'ambito dei restauri in stile barocco della cattedrale, nel 1730 François Thierry fu incaricato della costruzione di un nuovo strumento mantenendo di quello precedente soltanto la cassa e parte del materiale fonico del positivo tergale.[331] Il nuovo organo, terminato nel 1733, aveva 47 registri su cinque tastiere e pedaliera, con ripieno su base di 32'.[332] Restaurato ed ulteriormente ampliato nel 1788 da François-Henri Clicquot, durante la Rivoluzione francese non subì danneggiamenti, ma venne utilizzato nell'ambito delle cerimonie del culto della Ragione e patriottiche.[331] Dopo la riapertura al culto dell'edificio, l'organo venne restaurato e adeguato ai nuovi canoni da Louis-Paul Dallery (1833-1838) e affiancato da uno strumento costruito dalla ditta Daublaineet et Callinet per l'accompagnamento del coro durante le liturgie.[331]

Nel luglio 1863, l'organaro Aristide Cavaillé-Coll venne incaricato della costruzione di un nuovo strumento per la cattedrale riutilizzando la cassa di quello barocco; la sua costruzione, caratterizzata da un cambio di progetto in corso d'opera, terminò del 1867; l'organo, inaugurato il 6 marzo 1688, aveva 86 registri su cinque tastiere e pedaliera.[333] Nel 1863 l'organaro Joseph Merklin, che nel 1862 era stato interpellato per la costruzione dell'organo maggiore, costruì sostituì l'organo Daublaineet et Callinet con uno nuovo, posizionato sul lato sinistro del coro, con 17 registri su due tastiere e pedaliera.[334] L'organo Cavaillé-Coll subì, nel corso dei Novecento, una serie di restauri e rifacimenti, i più importanti nel 1931-1932 ad opera di Joseph Beuchet (che cambiò l'ordine dei manuali e modificò la disposizione fonica su progetto di Louis Vierne),[335], e nel 1990-1992 da parte di Jean-Loup Boisseau e Bertrand Cattiaux su progetto di Pierre Cochereau.[336] Tra il 2012 e il 2013 lo strumento è stato restaurato e dotato di una nuova consolle e di una sezione Résonance, assegnabile ai vari manuali e al pedale; il lavoro è stato condotto da Bertrand Cattiaux e Pascal Quoirin.[337]

Organo maggiore[modifica | modifica sorgente]

L'organo a canne principale della cattedrale è situato in controfacciata, sulla cantoria appositamente costruita su progetto di Eugène Viollet-le-Duc.[180]

Lo strumento è composto da 8000 canne le quali sono situate all'interno della cassa lignea in stile barocco costruita nel 1733 su progetto di François Thierry ed in seguito modificata; la mostra, dell'ordine dei 32', è composta da canne di Principale, con ance en chamade. La consolle è anch'essa in cantoria ed ha cinque tastiere di 58 note ciascuna e pedaliera dritta di 30 note. L'organo dispone di una doppia trasmissione: elettronica numerica per i manuali e il pedale e MIDI per i registri.[338]

Organo del coro[modifica | modifica sorgente]
Organo del coro

L'organo del coro è situato sotto la seconda arcata di sinistra, al di sopra degli stalli lignei settecenteschi.

Lo strumento attuale, integralmente ricostruito nel 1969 da Robert Boisseau e successivamente ampliato, è a trasmissione elettronica. Il materiale fonico è situato all'interno di una cassa in stile neogotico, mentre la consolle, avente due tastiere di 56 note ciascuna e pedaliera dritta di 30 note, si trova a pavimento, tra gli stalli di sinistra del coro.[334]

Campane[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]
Interno della torre nord con la campana Emmanuel

La presenza di campane all'interno del complesso della cattedrale di Parigi è testimoniata fin dal XII secolo. Nel 1769, venne installato un grande concerto formato da venti campane: nella torre sud si trovavano le due campane con il suono più grande, chiamate Emmanuel (del XIV secolo, originariamente chiamata Jacqueline) e Marie (fusa per la prima volta nel 1378); nella torre nord vi erano otto campane; nella flèche sette; l'orologio posto sul transetto di destra disponeva di tre campane. Durante la Rivoluzione francese, tra il 1791 e il 1792, andarono perdute tutte le campane ad eccezione dell'Emmanuel.[56] In sostituzione delle altre, nel 1856 vennero realizzate per la torre nord dalla fonderia Fonderia Guillaume-Besson di Angers quattro campane in Re♭ maggiore:[98]

Nome Nota Peso
Angélique Françoise Re♭3 1765 kg
Antoinette Charlotte Mi♭3 1185 kg
Hyacinte Jeanne Fa3 813 kg
Denise David Sol♭3 670 kg

Nel 1867, vennero aggiunte tre campane nella flèche e altre tre nel sottotetto[56]

Le campane all'interno della cattedrale per la benedizione

In occasione dell'850º anniversario della fondazione della cattedrale, è stato deciso di dotare la cattedrale di un nuovo concerto e le quattro campane della torre nord sono state rimosse il 20 febbraio 2012 facendole passare attraverso un'apertura circolare della volta sotto la torre appositamente ideata da Eugène Viollet-le-Duc.[339] La realizzazione delle nuove otto campane per la torre nord è stata affidata alla fonderia Cornille-Havard di Villedieu-les-Poêles e a Virginie Bassetti per le decorazioni, mentre quella per la campana Marie, da collocarsi nella torre sud, è opera della fonderia olandese Royal Eijsbouts.

Le nuove campane sono arrivate nella cattedrale il 31 gennaio 2013 e sono state posizionate lungo la navata centrale per la benedizione, presieduta dall'arcivescovo di Parigi, cardinale André Armand Vingt-Trois, il 2 febbraio 2013.[57] Successivamente sono state installate nelle torri ed inaugurate il successivo 23 marzo, vigilia della domenica delle Palme, alla presenza di autorità politiche e religiose.[340] Il costo complessivo della rimozione delle vecchie campane, della realizzazione di quelle nuove e della loro installazione è stato di 3,5 milioni di dollari,[341]

Campane attuali[modifica | modifica sorgente]

Attualmente la cattedrale dispone di undici campane (in passato ne erano 20): due nella torre sud, sette nella torre nord, tre nella flèche e tre nel sottotetto, le quali si odono dall'interno della chiesa.[342]. Le sette campane installate nel 2013 hanno ciascuna un nome proprio, riferito a personaggi e a santi legati alla storia dell'arcidiocesi di Parigi e della Chiesa cattolica. Le attuali campane della cattedrale sono le seguenti:[343]

Nome Nota Anno di fusione Fonditore Peso Diametro Dedicatario Immagine
Torre sud[343]
Emmanuel Fa♭2 1685 Florentin Le Guay 13271 kg 262 cm Gesù Bourdon-notre-dame-paris-tour-sud.jpg
Marie La♭2 2012 Royal Eijsbouts 6023 kg 206,5 cm Vergine Maria Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 004.jpg
Torre nord[343]
Gabriel Si♭2 2012 Cornille-Havard 4162 kg 182,8 cm Arcangelo Gabriele 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 025.jpg
Anne-Geneviève Do♭3 3477 kg 172,5 cm Sant'Anna, Santa Genoveffa Présentation des nouvelles cloches de Notre-Dame de Paris en 2013 58.jpg
Denis Re♭3 2502 kg 153,6 cm San Dionigi di Parigi 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 010.jpg
Marcel Mi♭3 1925 kg 139,3 cm San Marcello di Parigi 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 009.jpg
Étienne Fa3 1494 kg 126,7 cm Santo Stefano 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 008.jpg
Benoît-Joseph Sol♭3 1309 kg 120,7 cm Papa Benedetto XVI 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 007.jpg
Maurice La♭3 1011 kg 109,7 cm Maurice de Sully 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 004.jpg
Jean-Marie Si♭3 782 kg 99,7 cm Jean-Marie Lustiger 20130214 - Notre-Dame de Paris - Les nouvelles cloches - 001.jpg
Flèche[344]
HF 1 Sol3 1867 Dubuisson-Gallois 450 kg 91,5 cm
HF 2 Si♭3 1867 Dubuisson-Gallois 250 kg 74,5 cm
Cloche du Chapitre Re4 1867 Dubuisson-Gallois 130 kg 63,5 cm
Sottotetto[342]
HC 1 La4 1867
HC 2 Do#5
HC 3 Re5

Le campane della cattedrale suonano non soltanto prima delle celebrazioni liturgiche, ma anche, tra le 8 e le 21, ogni quarto d'ora. L'Emmanuel e la Marie, oltre che nell'ambito del Grand Solemnel, del Gros Solemnel e del Grand Vésperal, suonano in occasione delle ordinazioni nel momento dell'imposizione delle mani: insieme per le ordinazioni episcopali, l'Emmanuel per quelle presbiterali, la Marie per quelle diaconali. Inoltre, quando muore una personalità, una delle campane della cattedrale, in base all'importanza del defunto, suona tanti rintocchi quanti gli anni di vita della persona morta.[345]

Nelle arti[modifica | modifica sorgente]

Pittura[modifica | modifica sorgente]

Le più antiche raffigurazioni pittoriche della cattedrale sono presenti nel Libro d'Ore di Étienne Chevalier di Jean Fouquet (1452-1460), in particolare nelle scene La mano di Dio che protegge i fedeli, la Discesa dello Spirito Santo (entrambe al Metropolitan Museum of Art di New York) e il Miracolo di San Verano (al Musée Marmottan Monet di Parigi); la cattedrale appare anche nelle Très riches heures du Duc de Berry dei Fratelli Limbourg (inizi del XV secolo).[346]

Successivamente, la cattedrale è stata raffigurata in varie opere. Tra queste, la Messa del canonico de La Porte di Jean Jouvenet (1708-1711), dipinto in cui si vede l'allestimento del presbiterio barocco prima della realizzazione delle tre statue marmoree della Pietà, di Luigi XIII e di Luigi XIV, risalenti al 1714-1715.[347]

All'interno della cattedrale è ambientata la scena raffigurata ne L'incoronazione di Napoleone, di Jacques-Louis David (1805-1807), conservata al Museo del Louvre: i personaggi si trovano nell'abside, ancora con le sovrastrutture barocche e l'altare del 1803.[348]

La cattedrale è presente nelle opere di vari artisti della seconda metà dell'Ottocento e del Novecento: viene raffigurata in alcune opere degli impressionisti Albert Lebourg e Eugène Galien-Laloue[349] e da Honoré Daumier ne Il pittore davanti a Notre-Dame.[350]

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Prima pagina manoscritta di Notre-Dame de Paris

La cattedrale di Parigi dà il titolo al romanzo storico Notre-Dame de Paris, scritto da Victor Hugo e pubblicato nel 1831:[3] l'autore, infatti, vi ambienta gran parte della vicenda presente nella sua opera, che volle scrivere per sensibilizzare l'opinione pubblica circa la necessità di restaurare l'edificio che, dopo la Rivoluzione francese, versava in pessime condizioni.[17] Tra i protagonisti del romanzo compaiono il campanaro deforme della cattedrale (Quasimodo) e l'arcidiacono (Claude Frollo).[351]

La chiesa appare anche in altre opere letterarie: fra queste, Les Proscrits (1831)[352] e L'Envers de l'histoire contemporaine (1848)[353] di Honoré de Balzac, entrambe ambientate nei pressi della cattedrale; Les pigeons de Notre-Dame (2001) di Patrick Virelles, con scene che si svolgono sulle torri della chiesa.[354]

Musica[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale di Parigi è presente nell'opera popolare di Luc Plamondon e Riccardo Cocciante Notre-Dame de Paris, tratta dall'opera di Victor Hugo. È inoltre citata nelle seguenti canzoni:[355]

  • Notre-Dame de Paris (Paul Burani et Alfred Isch-Wall);
  • Notre-Dame de Paris, chanson (Édith Piaf);
  • Au Pied Des Tours De Notre-Dame (Francis Carco)
  • Les cloches de Notre-Dame (Léo Ferré)
  • Les oiseaux de Notre-Dame (Suzy Solidor)
  • Oct. 61 (La Tordue)

Note[modifica | modifica sorgente]

Note al testo
  1. ^ Victor Hugo, nel suo romanzo Notre-Dame de Paris, afferma erroneamente che la prima pietra venne posata da Carlo Magno in persona.
  2. ^ Questa bipartizione è visibile ancora nel transetto, nell'ultima campata della navata centrale e nella prima del coro, dove è stata ricostruita durante i lavori di restauro ottocenteschi; soltanto i rosoni dell'ultima campata della navata e della parete ovest del transetto danno su un locale sottotetto come nel progetto originario; gli altri, invece, danno sull'esterno.
  3. ^ Tra il 1815 e il 1914, il valore del franco (detto germinal, al tempo corrispondente a 0,3225 grammi di oro al 90%) è rimasto stabile e può essere stimato come equivalente di 10 euro (2008). Il credito concesso dall'Assemblea era dunque pari a circa 2,5 milioni di euro, il che, data l'entità dei lavori, era del tutto inadueguato.
  4. ^ La cantoria, già criticata dall'organaro perché posta troppo in alto, si rivelò inadatta alla mole dello strumento tanto che questo, nel 1882, in seguito ad un cedimento della balconata, dovette essere smontato e non poté essere rimontato che nel 1894.
  5. ^ Reyere, Le Chevallier, Grüber, Ingrand, Ray, Gaudin, Mazeltier, Barillet, Hébert-Stevens, Rinuy, Louzier, R.P. Couturier.
  6. ^ Da facciata a facciata.
  7. ^ Da parete laterale a parete laterale.
  8. ^ I dipinti vennero rimossi in parte durante la Rivoluzione francese e in parte da Eugène Viollet-le-Duc; mentre la Visitazione, è stata restituita alla cattedrale nel 1947, gli altri si trovano al Museo del Louvre.
Fonti
  1. ^ V. Hugo, op. cit., p. 328.
  2. ^ (ENFR) C'est quoi une cathédrale? in notredamedeparis.fr. URL consultato il 22 giugno 2013.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Paris in Catholic Encyclopedia, Encyclopedia Press, 1917.
  4. ^ a b c (EN) Metropolitan Archidiocese of Paris in gcatholic.org. URL consultato il 18 giugno 2013.
  5. ^ Notre Dame Cathedral in maps.google.it. URL consultato il 17 giugno 2013.
  6. ^ La legge di separazione tra Stato e Chiesa (1905) in renneslechateau.it. URL consultato il 17 giugno 2013.
  7. ^ (EN) Basilicas - France in gcatholic.org. URL consultato il 19 giugno 2013.
  8. ^ (FR) Monuments historiques - Cathédrale Notre-Dame in culture.gouv.fr. URL consultato il 17 giugno 2013.
  9. ^ (ENFR) Paris, Banks of the Seine in whc.unesco.org. URL consultato il 17 giugno 2013.
  10. ^ A. Angela, op. cit., pp. 79-80.
  11. ^ F. Borsari; M. Gibellini (trad.), op. cit., p. 7.
  12. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z (ENFR) Historique de la construction in notredamedeparis.fr. URL consultato il 17 giugno 2013.
  13. ^ V. Mortet, op. cit., pp. 5-6.
  14. ^ (ENFR) Maurice de Sully in notredamedeparis.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  15. ^ M.M. Martin, op. cit.
  16. ^ a b (ENFR) Paris 3D - Dassault Systèmes in paris.3ds.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  17. ^ a b c (FR) Marc Fourny, Les dix secrets de Notre-Dame de Paris in Le Point.fr, 12 dicembre 2012. URL consultato il 17 giugno 2013.
  18. ^ (FR) Notre-Dame de Paris. Une des premières cathédrales gothiques de France in andurand.net. URL consultato il 17 giugno 2013.
  19. ^ a b c d e f g h i E. Viollet-le-Duc, op. cit., Cathédrale.
  20. ^ Winston, op. cit., pp. 51-52.
  21. ^ Winston, op. cit., pp. 162-163.
  22. ^ a b c G. Pampaloni, op. cit., p. 20.
  23. ^ a b c (ENFR) La façade occidentale in notredamedeparis.fr. URL consultato il 18 giugno 2013.
  24. ^ a b c G. Pampaloni, op. cit., p. 35.
  25. ^ a b André Clément, Deux Architectes de Notre-Dame de Paris: Jean et Pierre de Chelles, in AA.VV. (1959), op. cit., pp. 29–31.
  26. ^ G. Pampaloni, op. cit., p. 41.
  27. ^ (FR) Geneviève Viollet-le-Duc, Le voeu de Louis XIII à Notre-Dame in Les Monuments historiques de la France, n° 3, 1969.
  28. ^ a b G. Pampaloni, op. cit., pp. 50-51.
  29. ^ E. Viollet-le-Duc, op. cit., Jubé.
  30. ^ a b c (ENFR) Cathédrale d'art et d'histoire in notredamedeparis.fr. URL consultato il 18 giugno 2013.
  31. ^ (ENFR) Le portail du Jugement in notredamedeparis.fr. URL consultato il 18 giugno 2013.
  32. ^ Antonino Spoto, Napoleone Bonaparte in pdsm.altervista.org. URL consultato il 18 giugno 2013.
  33. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 382.
  34. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 131.
  35. ^ a b c (ENFR) Les vitraux du cloître in notredamedeparis.fr. URL consultato il 18 giugno 2013.
  36. ^ a b (FR) Histoire de Notre-Dame de Paris in insecula.com. URL consultato il 18 giugno 2013.
  37. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 131
  38. ^ (FR) Pétition en faveur de la restauration de la cathédrale Notre-Dame de Paris in merimee.culture.fr. URL consultato il 19 giugno 2013.
  39. ^ G. Pampaloni, op. cit., p. 6.
  40. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 136
  41. ^ J.M. Leniaud, op. cit.
  42. ^ (FR) La restauration des cathédrales, l'exemple de Notre-Dame de Paris in merimee.culture.fr. URL consultato il 19 giugno 2013.
  43. ^ (EN) Aron Vinegar, Viollet-le-Duc and Restoration in the Future Anterior in Future Anterior, n° 2, vol. 3, inverno 2006. URL consultato il 19 giugno 2013.
  44. ^ Hervé Cabezas, Du vitrail archéologique in AA.VV. (1988), op. cit., pp. 118-120.
  45. ^ (ENFR) La flèche in notredamedeparis.fr. URL consultato il 19 giugno 20.
  46. ^ come testimoniano immagini dell'epoca
  47. ^ a b G.L. Ciagà, op. cit., p. 68.
  48. ^ (FR) Charlotte Denoël, Viollet-le-Duc et la restauration monumentale - Polémiques autour des restaurations in histoire-image.org. URL consultato il 19 giugno 2013.
  49. ^ a b c B. Foucart, op. cit.
  50. ^ a b P.P. Penzo, op. cit.
  51. ^ P. Fontoulieu, op. cit.
  52. ^ a b c d (ENFR) Jacques Le Chevallier - Peintre verrier in notredamedeparis.fr. URL consultato il 19 giugno 2013.
  53. ^ (ENFR) Messes et offices télévisés et radiodiffusés in notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  54. ^ Notre Dame de Paris 2013 - 850 ans. URL consultato il 19 giugno 2013.
  55. ^ (EN) Notre-Dame-de-Paris in organsofparis.vhhil.nl. URL consultato il 19 giugno 2013.
  56. ^ a b c (ENFR) De nouvelles cloches pour Notre-Dame de Paris in notredamedeparis2013.com. URL consultato il 19 giugno 2013..
  57. ^ a b  KTOTV. (FR) Messe et bénédiction des huit nouvelles cloches. youtube.com, 2 febbraio 2013. URL consultato in data 19 giugno 2013.
  58. ^  KTOTV. (FR) Ouverture Chemin du Jubilé et messe solennelle. youtube.com, 12 dicembre 2012. URL consultato in data 19 giugno 2013.
  59. ^  Cathédrale Notre-Dame de Paris. en fr Une journée sur le parvis. youtube.com, 23 novembre 2012. URL consultato in data 19 giugno 2013.
  60. ^ (ESFRITPT) Omelia di Giovanni Paolo II - Notre Dame, Parigi, 30 maggio 1980 in vatican.va, Libreria Editrice Vaticana. URL consultato il 19 giugno 2013.
  61. ^ (ENESFRITPT) Beatificazione di Federico Ozanam - Omelia di Giovanni Paolo II - Cattedrale di Notre Dame de Paris - Venerdì, 22 agosto 1997 in vatican.va, Libreria Editrice Vaticana. URL consultato il 19 giugno 2013.
  62. ^ (DEENESFRITPLPT) Celebrazione dei Vespri con i sacerdoti, i religiosi, le religiose, i seminaristi e i diaconi - Omelia del Santo Padre Benedetto XVI - Cattedrale di Notre-Dame - Parigi, 12 settembre 2008 in vatican.va, Libreria Editrice Vaticana. URL consultato il 19 giugno 2013.
  63. ^  KTOTV. (FR) Vêpres à Notre Dame. youtube.com, 12 settembre 2012. URL consultato in data 19 giugno 2013.
  64. ^ G. Pampaloni, op. cit., p. 9.
  65. ^ a b (ENFR) Vénération e la Sainte Couronne d'épines in notredamedeparis.fr. URL consultato il 19 giugno 2013.
  66. ^ Primo piano su una regina: Maria Stuarda, Scuola Media Statale "Ugo Foscolo" di Genova. URL consultato il 20 giugno 2013.
  67. ^ Filippo II (re di Spagna) in sapere.it. URL consultato il 20 giugno 2013.
  68. ^ Ugonotti in treccani.it, Treccani, l'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 20 giugno 2013.
  69. ^ Sibour, Marie Dominique in sapere.it. URL consultato il 19 giugno 2013.
  70. ^ Guido Bellenghi, Varietà storiche: Napoleone II in Emporium: rivista mensile illustrata d'arte e di cultura, n°367 (Bergamo), Istituto Italiano d'Arti Grafiche, luglio 1925. URL consultato il 21 giugno 2013.
  71. ^ G.C. Volkmann, op. cit.
  72. ^ a b c G. Pampaloni, op. cit., p. 10.
  73. ^ Le Figaro n°228, 10 maggio 1945.
  74. ^ (EN) The Cardinals of the Holy Roman Church - Luxembourg, Louis de in fiu.edu. URL consultato il 20 giugno 2013.
  75. ^ Bouillon, Henri de La Tour d'Auvergne visconte di Turenne duca di in treccani.it, Treccani, l'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 20 giugno 2013.
  76. ^ (EN) Charles De Gaulle in findagrave.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  77. ^ (FR) Hommage oecuménique à Notre-Dame de Paris in leparisien.fr, 2 giugno 2009. URL consultato il 19 giugno 2013.
  78. ^  afpfr. (FR) Vol AF447: cérémonie d'hommage à Notre-Dame. youtube.com, 25 novembre 2009. URL consultato in data 19 giugno 2013.
  79. ^ Il suicidio a Notre-Dame in ilpost.it, 21 maggio 2013. URL consultato il 19 giugno 2013.
  80. ^ Un suicidio a Notre-Dame in internazionale.it, 21 maggio 2013. URL consultato il 19 giugno 2013.
  81. ^ C.S., Un précédent en 1931 in Le Figaro, n° 21.398, 22 maggio 2013.
  82. ^ Notre Dame - Ile de La Cité in airbnb.it. URL consultato il 20 giugno 2013.
  83. ^ Arrondissement 4: Notre-Dame, Hôtel de Ville in parigi.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  84. ^ (FR) RE, Inauguration mouvementée de la place Jean Paul II à Paris in capital.fr, 3 settembre 2006. URL consultato il 20 giugno 2013.
  85. ^ (FR) Inauguration de la place Jean-Paul II à Paris in catholique.org, 4 settembre 2006. URL consultato il 20 giugno 2013.
  86. ^ (EN) Point Zero, Paris, France in waymarking.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  87. ^ (FR) Square Jean XXIII in equipement.paris.fr/. URL consultato il 20 giugno 2013.
  88. ^ (ENFR) Paris 4ème - La Fontaine de la Vierge in paristoric.com. URL consultato il 20 giugno 2013.
  89. ^ (LA) De Scriptoribus Ecclesiae Relatis - 1081-1152- Sugerius Sancti Dionysii Abbas in documentacatholicaomnia.eu. URL consultato il 20 giugno 2013.
  90. ^ a b La Cattedrale di Notre-Dame in frammentiarte.it. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  91. ^ W. Müller, G. Vogel, op. cit.
  92. ^ a b c G.L. Ciagà, op. cit., p. 70.
  93. ^ (FR) Basilique de Saint-Denis (Seine-Saint-Denis) in architecture.relig.free.fr. URL consultato il 20 giugno 2013.
  94. ^ (FR) Saint Etienne de Sens in architecture.relig.free.fr. URL consultato il 20 giugno 2013.
  95. ^ (FR) Notre-Dame de Noyon in architecture.relig.free.fr. URL consultato il 20 giugno 2013.
  96. ^ a b c R. De Fusco, op. cit., p. 88.
  97. ^ N. Nußbaum, S. Lepsky, op. cit.
  98. ^ a b c d e f g (ENFR) La cathédrale en chiffres in notredamedeparis.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  99. ^ a b (FR) Notre Dame en long et en large: chiffres et anecdotes in ndparis.free.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  100. ^ a b G. Pampaloni, op. cit., p. 30.
  101. ^ Notre Dame de Paris in aparigi.it. URL consultato il 21 giugno 2013.
  102. ^ Trumeau in treccani.it, Treccani, l'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 21 giugno 2013.
  103. ^ (FR) Saint-Denis in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  104. ^ (FR) L'Eglise in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  105. ^ (FR) La Synagogue in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  106. ^ (FR) Saint-Etienne in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  107. ^ (FR) La galerie des Rois de Notre-Dame de Paris in sculpturesmedievales-cluny.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  108. ^ a b Le torri di Notre-Dame. URL consultato il 21 giugno 2013.
  109. ^ Isidoro di Siviglia, op. cit., XII, 42.
  110. ^ (EN) Cathedral Basilica of the Assomption in nps.gov. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  111. ^ a b c d e (ENFR) Le portail du Jugement in notredamedeparis.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  112. ^ (ENFR) Portal Of The Last Judgement in professor-moriarty.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  113. ^ (FR) Le portail du Jugement dernier in lesguidesnemo.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  114. ^ (EN) West Front, Central Portal, Notre Dame (the Cathedral of Paris) in bluffton.edu. URL consultato il 21 giugno 2013.
  115. ^ a b c d (ENFR) Le portail de la Vierge in notredamedeparis.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  116. ^ a b G. Pampaloni, op. cit., p. 26.
  117. ^ Giovanni Claudio Bottini, O.F.M., La tomba di Maria a Gerusalemme, christusrex.org. URL consultato il 21 giugno 2013.
  118. ^ (EN) West Front, Left and Right Portals, Notre Dame (the Cathedral of Paris) in bluffton.edu. URL consultato il 21 giugno 2013.
  119. ^ San Dionigi di Parigi in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  120. ^ (FR) Portail de la Vierge in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  121. ^ (FR) Portail de la Vierge de la cathédrale Notre-Dame de Paris, découverte in expo-musee.sorties.francetv.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  122. ^ V. Gasperoni Panella; M.G. Cittadini Fulvi, op. cit., p. 87.
  123. ^ Lilith, la prima donna e madre di demoni in latelanera.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  124. ^ a b c A. Erlande-Brandenburg, op. cit., pp. 28 e segg.
  125. ^ a b c d (ENFR) Le Portail Sainte-Anne in notredamedeparis.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  126. ^ G. Pampaloni, op. cit., p. 27.
  127. ^ San Marcello di Parigi in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  128. ^ a b (FR) Têtes de rois de Juda in musee-moyenage.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  129. ^ a b (FR) Galerie des Rois in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  130. ^ a b c (FR) La galerie des Rois de Notre-Dame de Paris in sculpturesmedievales-cluny.fr. URL consultato il 21 giugno 2013.
  131. ^ E. Viollet-le-Duc, op. cit., Serrurerie - Pentures.
  132. ^ (FR) Les Vantaux Diaboliques de Notre-Dame (75004 – Paris) in parciparla.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  133. ^ R.F.M. Nolasque; E. Viollet-le-Duc, op. cit., p. 73
  134. ^ (FR) Petit Pierre, Les portes de Notre-Dame in Le Petit journal, n° 1666, 24 agosto 1867. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  135. ^ (FR) Etage de la rose in insecula.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  136. ^ (EN) Notre Dame, Paris - West rose window in therosewindow.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  137. ^ (EN) Notre Dame, Paris - West rose window - The Virgin Mary in therosewindow.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  138. ^ (FR) Eléonore Veillas, Découverte des tours de la cathédrale, Radio Notre-Dame, 23 dicembre 2012.
  139. ^ A. Erlande-Brandenburg, op. cit., p. 215.
  140. ^ a b c G. Pampaloni, op. cit., p. 38.
  141. ^ E. Viollet-le-Duc, op. cit., Contre-fort.
  142. ^ a b E. Viollet-le-Duc, op. cit., Arc-boutant.
  143. ^ E. Viollet-le-Duc, op. cit., Gargouille.
  144. ^ (FR) Le Cloître Notre-Dame in paris-promenades.com. URL consultato il 24 giugno 2013.
  145. ^ (FR) La façade nord - Le portail du cloître et la statue de la vierge in ndparis.free.fr. URL consultato il 24 giugno 2013.
  146. ^ (FR) Statuaire du bras Nord du transept in insecula.com. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  147. ^ G. Cohen, op. cit.
  148. ^ a b (EN) (EN) Notre Dame, Paris - North transept rose window in therosewindow.com. URL consultato il 12 luglio 2013.
  149. ^ (EN) Notre Dame, Paris - North transept rose window in therosewindow.com. URL consultato il 12 luglio 2013.
  150. ^ (FR) Rosace Nord in insecula.com. URL consultato il 12 luglio 2013.
  151. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 221.
  152. ^ (FR) Portail Saint-Etienne in insecula.com. URL consultato il 13 ottobre 2013.
  153. ^ a b (FR) Notre-Dame de Paris - Portail St-Etienne in art-sacre.net. URL consultato il 13 ottobre 2013.
  154. ^ (FR) Statuaire du bras Sud du transept in insecula.com. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  155. ^ (FR) La façade sud: le portail Saint Etienne, ndparis.free.fr. URL consultato il 13 ottobre 2013.
  156. ^ Santo Stefano Primo martire in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  157. ^ a b E. Viollet-le-Duc, op. cit., Pignon.
  158. ^ (ENFR) La façade et les portails in notredamedeparis.fr. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  159. ^ John Edwin Sandys, The University of Paris, in A. W. Ward, A. R. Waller (a cura di), op. cit., cap. X § 1.
  160. ^ a b c d (ENFR) Rose sud in notredamedeparis.fr. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  161. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 290.
  162. ^ (EN) Paris, Notre Dame - South transept rose window in therosewindow.com. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  163. ^ Paris, Notre Dame - South transept rose window - Christ of the Apocalypse. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  164. ^ (ENFR) La charpente - Rose de pierre au niveau du transept sud in notredamedeparis.fr. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  165. ^ (FR) Rosace sud in insecula.com. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  166. ^ M. Cecilia Gaposchkin, The King of France and the Queen of Heaven: the Iconography of the Porte Rouge of Notre-Dame de Paris, in AA.VV., op. cit., p. 58.
  167. ^  Cathédrale Notre-Dame de Paris. (FR) La Porte Rouge. youtube.com, 10 agosto 2012. URL consultato in data 23 dicembre 2013.
  168. ^ a b (ENFR) La porte rouge in notredamedeparis.fr. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  169. ^ (FR) Le Couronnement de la Vierge in insecula.com. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  170. ^ Françoise Baron, La partie orientale détruite du tour du chœur de Notre-Dame de Paris in Revue de l'Art, n° 128, 2000, p. 21.
  171. ^ a b c d (ENFR) Travaux d'étude sur les bas-reliefs de l'abside in notredamedeparis.fr. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  172. ^ (FR) Chevet de Notre-Dame de Paris in insecula.com. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  173. ^ A. Erlande-Brandenburg, op. cit., pp. 74 e 80
  174. ^ a b (ENFR) La charpente in notredamedeparis.fr. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  175. ^ a b E. Viollet-le-Duc, op. cit., Flèche.
  176. ^ a b c (ENFR) La flèche in notredamedeparis.fr. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  177. ^ (ENFR) La flèche - Viollet-le-Duc sous les traits de Saint Thomas in notredamedeparis.fr. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  178. ^ (FR) Crucifix de Napoléon III in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  179. ^ (FR) La Vierge et l'Enfant in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  180. ^ a b (ENFR) Le Grand Orgue - L’orgue symphonique 1868-1932 in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  181. ^ a b A. Gilbert, op. cit., pp. 155-157.
  182. ^ a b A. Gilbert, op. cit., pp. 157-158
  183. ^ Alain Erlande-Brandenburg, Architettura in, op. cit., p. 17.
  184. ^ (FR) Sabine Marchand, Vignt-quatre nouveaux vitraux posés à Notre-Dame de Paris in Les Arts, 16 giugno 1965.
  185. ^ a b c d e (FR) Plan de Notre Dame de Paris in ndparis.free.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  186. ^ a b (ENFR) Les grands «Mays» de Notre-Dame de Paris in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  187. ^ (FR) Chapelle des Fonts baptismaux in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre.
  188. ^ (FR) Fonts baptismaux in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  189. ^ a b c d (ENFR) Jean et Sébastien Touret in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  190. ^ (ENFR) La descente du Saint-Esprit in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  191. ^ (FR) La Nativité in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  192. ^ Chapelle Saint-Charles, insecula.com.
  193. ^ (FR) Saint Paul rend aveugle le faux prophète Barjesu et convertit le proconsul Sergius in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  194. ^ (FR) Vierge de Pitié in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  195. ^ (FR) Chapelle Saint-Charles - Photos in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  196. ^ (FR) Chapelle de la Sainte-Enfance in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  197. ^ (FR) Autel in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  198. ^ (FR) La Flagellation de saint Paul et saint Sislas in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  199. ^ (FR) La Vierge et l'Enfant in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  200. ^ (ENFR) Saint Paul Tchen in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  201. ^ (FR) Chapelle Saint-Vincent-de-Paul in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  202. ^ Le Crucifiement de Saint André, noredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  203. ^ (EN) Léon-Adolphe Cardinal Amette in catholic-hierarchy.org. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  204. ^ (FR) Monument du cardinal L.A. Amette in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  205. ^ (FR) Autel in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  206. ^ (FR) Chapelle Notre-Dame de Gadalupe in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  207. ^ (FR) La Prédication du Prophète Agabus à Saint Paul in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  208. ^ (ENFR) Installation du potrait de San Juan Diego Cuauhtlatoatzin en la Cahtédrale Notre-Dame de Paris in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  209. ^ (FR) Chapelle Saint-Landry in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre.
  210. ^ (FR) Saint Landry bénissant in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  211. ^ (FR) Les fils de Sceva battus par le Démon in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  212. ^ (FR) Chapelle Sainte-Clotilde in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  213. ^ (FR) Dalle funéraire du chanoine Etienne Yver in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  214. ^ a b (FR) Dalle funéraire du chanoine Etienne Yver in culture.gouv.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  215. ^ (FR) Chapelle Saint-Eloi in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  216. ^ (ENFR) Messe de Saint Éloi in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  217. ^ (ENFR) La Lapidation de Saint Etienne in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  218. ^ (ENFR) Rencontrer un prêtre in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  219. ^ (ENFR) Le Crucifiement de Saint Pierre in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  220. ^ (FR) Chapelle Sainte-Geneviève in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  221. ^ (FR) Lubin Baugin in larousse.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  222. ^ (FR) Chapelle Saint-Joseph in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  223. ^ (ENFR) La Prédication de Saint Pierre à Jérusalem in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  224. ^ (FR) Cathédrale Notre Dame de Paris - Notre Dame Cathedra - Chapelle Saint-Joseph in flickr.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  225. ^ (FR) Chapelle Saint-Pierre in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  226. ^ (FR) Décor de menuiserie du XVIème siècle in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  227. ^ (ENFR) Le Centurion Corneille aux pieds de Saint Pierre in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  228. ^ (FR) Chapelle Sainte-Anne in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  229. ^ (ENFR) La Conversion de Saint Paul in notredamedeparis.fr. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  230. ^ (FR) Chapelle Sainte-Anne - Photos in insecula.com. URL consultato il 29 dicembre 2013.
  231. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 272.
  232. ^ (EN) France. Notre Dame de Paris. Interior view of the south transept from the west in learn.columbia.edu. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  233. ^ R.F.M. Nolasque; E. Viollet-le-Duc, op. cit., pp. 92-93.
  234. ^ (FR) Cle voute croisee transept.JPG in patrimoine-religieux.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  235. ^ (ENFR) La Couronne de lumière in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  236. ^ (ENFR) Statue de Sainte Thérèse de l'Enfant-Jesus in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  237. ^ (FR) Sainte Jeanne d'Arc in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  238. ^ (ENFR) Saint Thomas d'Aquin in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  239. ^ (FR) Adam in musee-moyenage.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  240. ^ (ENFR) Saint Pierre guérissant des malades de son ombre in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  241. ^ (EN) Nicolas Coustou in britannica.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  242. ^ (FR) Saint Denis in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  243. ^ (ENFR) Restauration de la châsse de sainte Geneviève in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  244. ^ (FR) Le Triomphe de Job in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  245. ^ M.C. Terzaghi, op. cit., p. 172.
  246. ^ R.F.M. Nolasque; E. Viollet-le-Duc, op. cit., p. 106.
  247. ^ (ENFR) Tapisseries de la vie de la Vierge in notredamedeparis.fr. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  248. ^ a b (ENFR) La «Visitation» in notredamedeparis.fr. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  249. ^ (FR) Paris, cathédrale Notre-Dame: élévation de la porte du coeur et des chapelles aux deux cotez, telles qu'elles étaient aussi anciennement in gallica.bnf.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  250. ^ (ENFR) Tapis monumental du chœur in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  251. ^ E. Viollet-le-Duc, op. cit., Chœur.
  252. ^ E. Viollet-le-Duc, op. cit., Autel.
  253. ^ A. Gady (a cura di), op. cit., pp. 468-469.
  254. ^ C. Grell; M. Stanič (a cura di), op. cit., p. 377.
  255. ^ (FR) Paris, cathédrale Notre-Dame : élévation du maître-autel de laditte église, tel qu'il est présentement, esquisse pour le projet définitif et variantes in gallica.bnf.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  256. ^ A. Gilbert, op. cit., pp. 232-233.
  257. ^ (ENFR) Eugène Viollet-le-Duc in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  258. ^ (ENFR) Mgr Jehan Revert in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  259. ^ a b (FR) Jubilé - 25e anniversaire de la consécration épiscopale du Cardinal Vingt-Trois et de Mgr Soubrier in paris.catholique.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  260. ^ (FR) Notre-Dame de Paris - Transept - Photos in insecula.com. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  261. ^ (EN) Notre-Dame de Paris Cathedral in architype.org. URL consultato l'8 marzo 2014.
  262. ^ B. Browne (a cura di), op. cit., pp. 158-161.
  263. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 149.
  264. ^ (ENFR) Notre Dame de Paris in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  265. ^ (ENFR) Traces de polychromie entre les ornements du manteau in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  266. ^ (ENFR) Vierge à l’Enfant dite Notre-Dame de Paris in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  267. ^ (FR) Plan particulier du choeur de laditte église tel qu'il est présentement in gallica.bng.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  268. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 221.
  269. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 222.
  270. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 223.
  271. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 224.
  272. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 92
  273. ^ a b (ENFR) (ENFR) La cloture du choeur in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  274. ^ (FR) Une clôture en lumiere in templedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  275. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 240.
  276. ^ (ENFR) Vues panoramiques 360° in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  277. ^ (FR) Louis XIV: l'idée de vertu des princes in pocombelles.over-blog.com. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  278. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 236.
  279. ^ a b c (FR) Cathédrale Notre-Dame in a-paris.net. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  280. ^ (FR) Luis XIV in insecula.com. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  281. ^ (FR) Luis XIII in insecula.com. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  282. ^ A. Gilbert, op. cit., p. 239.
  283. ^ A. Gilbert, op. cit., pp. 239-240.
  284. ^ (EN) Notre Dame: left fresco in fromparis.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  285. ^ (FR) Chapelle Saint-Ferdinand in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  286. ^ (FR) Chapelle Saint-Louis in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  287. ^ , op. cit.
  288. ^ (ENFR) Statue de Saint Antoine in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  289. ^ (FR) Chapelle Saint-Marcel in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  290. ^ (FR) Monument de Hyacinthe Louis de Quelen in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  291. ^ (FR) Monument du Cardinal Jean-Baptiste de Belloy in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  292. ^ (FR) Chapelle Notre-Dame des Sept Douleurs in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  293. ^ (FR) Notre-Dame de Paris - Chapelle Notre-Dame des Sept Douleurs - Photos in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  294. ^ (FR) Monument funéraire d'Albert de Gondi, duc de Retz in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  295. ^ (ENFR) Muséographie in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  296. ^ (ENFR) Les chevaliers du Saint-Sépulcre in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  297. ^ (FR) Visite en photos de la Cathédrale Notre Dame de Paris in paroissestlucenchateaugiron.blogspot.it. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  298. ^ a b (FR) Chapelle Saint-Georges in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  299. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 274.
  300. ^ (FR) Notre-Dame de Paris - Chapelle Saint-Georges - Photos in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  301. ^ (FR) Statue de Monseigneur Georges Darboy in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  302. ^ (FR) Chapelle Saint-Guillaume in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  303. ^ (ENFR) Mausolée du comte d'Harcourt in notredamedeparis.fr. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  304. ^ (FR) Mausolée d'Henri-Claude d'Harcourt in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  305. ^ (FR) Monument funéraire de Jean Juvenel des Ursins et de Michelle de Vitry in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  306. ^ (FR) Chapelle Sainte-Madeleine in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  307. ^ (FR) Monument de Monseigneur Marie-Dominique-Augustin Sibour in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  308. ^ (FR) Chapelle Saint-Denis in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  309. ^ (FR) Peintures murales in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  310. ^ (FR) Monument de Monseigneur Denys Affré in insecula.com. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  311. ^ (ENFR) Les abeilles de Notre-Dame de Paris in notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  312. ^ a b c d (ENFR) Muséographie in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  313. ^ (ENFR) Le trésor in notredamedeparis.fr. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  314. ^ (ENFR) Châsse de la Sainte couronne d’épines dessinée par Viollet-le-Duc in notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  315. ^ (FR) Fondation de l’école épiscopale in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  316. ^ Sorbon ‹sorbõ´›, Robert de in treccani.it, Treccani, l’Enciclopedia Italiana. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  317. ^ (FR) Premières polyphonies in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  318. ^ (FR) De l’école épiscopale à la maîtrise in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  319. ^ (FR) De l’école épiscopale à la maîtrise in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  320. ^ (FR) Difficultés et renouveau in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  321. ^ (FR) Le Chœur d’Enfants in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  322. ^ (FR) Le Jeune Ensemble in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  323. ^ (FR) Le Chœur d’adultes in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  324. ^ (FR) Ensemble vocal de Notre-Dame de Paris in musique-sacree-notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  325. ^ (ENFR) Le Grand Orgue - L’orgue médiéval 1357-1609 in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  326. ^ (FR) Le Grand Orgue - 1403 : Frédéric Schambantz in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  327. ^ (FR) Le Grand Orgue - 1610 : Valéran de Héman in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  328. ^ (FR) Le Grand Orgue - 1620 : Valéran de Héman in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  329. ^ (FR) Le Grand Orgue - 1672 : Jacques Carouge in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  330. ^ (ENFR) Le Grand Orgue - Vers l’orgue classique 1609-1730 in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  331. ^ a b c (ENFR) Le Grand Orgue - L’orgue classique 1730-1838 in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  332. ^ (FR) Le Grand Orgue - 1733 : François Thierry in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  333. ^ Charles Mutin, L'Orgue, in L. de la Laurencie (a cura di), op. cit., p. 1082.
  334. ^ a b (ENFR) L’orgue de chœur - Historique in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  335. ^ (FR) Le Grand Orgue - L'orgue de Louis Vierne en 1932 in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  336. ^ (ENFR) Le Grand Orgue - La restauration de 1992 in notredamedeparis.fr. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  337. ^ (EN) Notre-Dame-de-Paris in organsofparis.vhhil.nl. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  338. ^ (FR) Synaptel - Descriptif technique de la réalisation du projet in orgue.free.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  339. ^ (FR)  Pèlerin Vidéo. La dépose des cloches de Notre-Dame de Paris. vimeo.com, 20 febbraio 2012. URL consultato in data 1 gennaio 2014.
  340. ^  KTOTV. (FR) Inauguration du nouvel ensemble campanaire et sonnerie des cloches. youtube.com. URL consultato in data 19 giugno 2013.
  341. ^ (EN) Maïa de la Baume, A Melodic Emblem Falls Out of Tune in nytimes.com, 18 ottobre 2011. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  342. ^ a b (ENFR) Cloches et Bourdons in notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  343. ^ a b c (ENFR) Projet de nouvelle sonnerie pour les tours de la cathédrale in notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  344. ^ A. Vingt-Trois et al., op. cit., p. 207.
  345. ^ (ENFR) Ordre de sonnerie des cloches de Notre-Dame in notredamedeparis.fr. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  346. ^ S. Zuffi, op. cit.
  347. ^ (ENFRJAZH) La Messe du chanoine de La Porte ou Le Maître-autel de Notre-Dame in crtelfr.louvre.fr. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  348. ^ C. Porcu, I capolavori in AA.VV., op. cit., pp. 152-153.
  349. ^ (ENFR) Notre-Dame in peintre-galien-laloue.com. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  350. ^ (FR) Le peintre devant Notre-Dame in galerie-peintures.com. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  351. ^ "Notre-Dame de Paris", capolavoro di Victor Hugo in letteratu.it. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  352. ^ (FR) Robert Tranchida, Les proscrits in v1.paris.fr. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  353. ^ (FR) Bernard Leuilliot, L'Envers de l'histoire contemporaine in v1.paris.fr. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  354. ^ (FR) Daniel Arnaut, Pigeons peu, mais pigeons bien in promotiondeslettres.cfwb.be. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  355. ^ (FR) Martin Pénet, La chanson de la Seine in Sociétés & Représentations, nº 17, 2004, p. 51-66. URL consultato il 1º gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia in lingua italiana
Bibliografia in altre lingue
  • (LA) Isidoro di Siviglia, Etymologiarum sive Originum, liber XII, penelope.uchicago.edu, ISBN non esistente.
  • (FR) Antoine Gilbert, Description historique de la Basilique métropolitaine de Paris, Parigi, LeClerc, 1821, ISBN non esistente.
  • (FR) Roch François Marie Nolasque baron de Guilhermy, Eugène Viollet-le-Duc, Description de Notre-Dame, cathédrale de Paris, Parigi, Librairie d'architecture de Bance, 1856, ISBN non esistente.
  • (FR) Eugène Viollet-le-Duc, Dictionnaire raisonné de l'architecture française du XIe au XVIe siècle, 1856, ISBN non esistente.
  • (FR) Paul Fontoulieu, Les Églises de Paris sous la Commune, Parigi, E. Dentu, 1873, ISBN non esistente.
  • (FR) Victor Mortet, Étude historique et archéologique sur la cathédrale et le palais épiscopal de Paris du VIe au XIIe siècle, Parigi, A. Picard, 1888, ISBN non esistente.
  • (EN) Adolphus William Ward, Alfred Rayney Waller (a cura di), The Cambridge history of English literature, vol. I, New York/Londra, G. P. Putnam's Sons, 1910, ISBN non esistente.
  • (FR) Lionel de la Laurencie (a cura di), Encyclopédie de la musique et dictionnaire du connservatoire, Parigi, Librairie Delagrave, 1925, ISBN non esistente.
  • (FR) Gustave Cohen, Le miracle de Théophile, Parigi, Centre de documentation universitaire, 1933, ISBN non esistente.
  • (FR) Lauriane Le Louzic, Le tresor de Notre-Dame de Paris, Lione, M. Lescuyer, 1951, ISBN non esistente.
  • (FR) Jean Roubier, Notre-Dame de Paris, Parigi, Challamel, 1954, ISBN non esistente.
  • (FR) AA.VV., Chelles. Quelques évocation de son passé, Chelles, 1959, ISBN non esistente.
  • (FR) Maurice Aubert, Les Vitraux de Notre-Dame et de la Sainte Chapelle de Paris, Parigi, Caisse nationale des monuments historiques, Centre national de la recherche scientifique, 1959, ISBN non esistente.
  • (FR) Marie-Madeleine Martin, Un grand eveque d'Occident: Maurice de Sully, 12. siecle eveque de Paris, ne a Sully sur Loire, Reconquista Collections Cluny Hippone, 1974, ISBN non esistente.
  • (FR) Jean-Michel Leniaud, Jean-Baptiste Lassus, 1807-1857: ou le temps retrouvé des cathédrales, Ginevra, Librairie Droz, 1980, ISBN 978-2-600-04613-8.
  • (FR) Jean-Robert Armogathe, Notre-Dame de Paris, Rennes, Ouest France, 1982, OCLC 461606567.
  • (FR) AA.VV., Revue d'archéologie moderne et d'archéologie générale, vol. 6, Parigi, Università la Sorbonna, 1988, ISBN non esistente.
  • (FR) François Collombet, Les plus belles cathédrales de France, Parigi, Sélection du Readers Digest, 1997, ISBN 2-7098-0888-9.
  • (FR) Alain Erlande-Brandenburg, Notre-Dame de Paris, Parigi, Éditions de la Martinière, 1997, ISBN 2-7324-2392-0.
  • (FR) Bruno Foucart, Viollet-le-Duc et la restauration, Parigi, Gallimard, 1997, ISBN non esistente.
  • (FR) Norbert Nußbaum, Sabine Lepsky, Das gotische Gewölbe. Die Geschichte seiner Form und Konstruktion, Monaco e Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1999, ISBN non esistente.
  • (FR) AA.VV., Gesta, Chicago, University of Chicago Press, 2000, ISBN non esistente.
  • (FR) Thierry Crépin-Leblond, Paris: la cathédrale Notre-Dame, Parigi, Editions du patrimoine, 2000, ISBN 2-85822-364-5.
  • (FR) Jean-Charles Volkmann, La généalogie des Bonaparte, Parigi, Jean-Paul Gisserot, 2001, ISBN 978-2-87747-586-0.
  • (FR) Chantal Grell; Milovan Stanič (a cura di), Le Bernin et l'Europe: du baroque triomphant à l'âge romantique, Parigi, Presses de l'Université de Paris-Sorbonne, 2002, ISBN 2-84050-211-9.
  • (ENFR) Beth Browne (a cura di), Jean-Marie Duthilleul and Etienne Tricaud: AREP, Mulgrave, Images Publishing, 2008, ISBN 978-1-86470-164-7.
  • (FR) Alexandre Gady (a cura di), Jules Hardouin-Mansart - 1646-1708, Parigi, Maison des sciences de l'homme, 2010, ISBN 978-2-7351-1187-9.
  • (FR) A. Vingt-Trois, P. Jacquin; D. Sandron; J.P. Cartier; G. Pelletier; J. Dore, Notre-Dame de Paris - La grâce d'une cathédrale, Strasburgo, La Nuée Bleue, 2012, ISBN 2-8099-0798-6.
  • (FR) D. Sandron, A. Tallon, Notre-Dame de Pari, neuf siècles d'histoire, Parigi, Parigramme, 2013, ISBN 978-2-84096-768-2.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 48°51′10″N 2°20′59″E / 48.852778°N 2.349722°E48.852778; 2.349722