Carlo Montanari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo dirigente sportivo, vedi Carlo Montanari (dirigente sportivo).
Carlo Montanari

Il Conte Carlo Montanari (Verona, 1810Belfiore, 3 marzo 1853) è stato un patriota italiano. Fu uno dei martiri di Belfiore.

Discendente dell'antica famiglia Montanari di Verona[1], era figlio del conte Ferdinando Montanari e di Giulia Trevano[2], fu dedito alle scienze e benefattore. Nel 1842 si iscrisse alla Società Letteraria di Verona per poi diventarne Conservatore nel 1850. Nella letteraria incontrò personaggi di spicco della cultura e della politica, tra i quali: Aleardo Aleardi, Giulio Camuzzoni, Angelo Messedaglia, Gaetano Trezza, Cesare Betteloni e altri ancora.

Verona, lapide in ricordo

Di ideali risorgimentali e liberali, partecipò alla congiura mantovana che fallì. Arrestato nel veronese insieme ad altri patrioti fu condannato a morte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ V.Spreti Enciclopedia Storico-Nobiliare italiana, vol IV.
  2. ^ Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani (2011), vol.11.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]