Linneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carl von Linné)
(LA)

« Nomina si nescis, perit et cognitio rerum. »

(IT)

« Se non conosci il nome, muore anche la conoscenza delle cose. »

Carl Nilsson Linnaeus

Carl Nilsson Linnaeus, divenuto Carl von Linné in seguito all'acquisizione di un titolo nobiliare e noto ai più semplicemente come Linneo (dalla forma latinizzata del nome, Carolus Linnaeus) (Råshult, 23 maggio 1707Uppsala, 10 gennaio 1778), è stato un medico, botanico e naturalista svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi.

Firma

La lettera L., posta spesso a seguire delle indicazioni di nomenclatura binomiale nei cataloghi di specie, identifica il cognome dello scienziato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 23 maggio del 1707 in una fattoria nella provincia di Småland (sud della Svezia, contea di Kronoberg), da Nils Ingemarson, un contadino, e Christina Broderson, figlia del locale pastore protestante. Alla morte del suocero, quando il piccolo Carlo aveva solo 18 mesi, Nils ereditò la carica di pastore e assunse la guida religiosa della comunità. Il padre di Carl era interessato alla botanica, tanto da adottare come cognome, all'inizio degli studi in teologia, "Linnaeus" ovvero la latinizzazione della parola dialettale lind (tiglio) traendo spunto da un grosso tiglio situato nei pressi della sua casa natale. Questa stessa scelta era stata fatta precedentemente da due fratelli della nonna paterna di Linneo, quando dovevano intraprendere gli studi per diventare sacerdoti. Tale pianta di tiglio è tutt'oggi esistente a Vittaryd, Småland, seppur in cattive condizioni.

Anche Carl, per il quale era prevista una carriera ecclesiastica, sviluppò fin dall'infanzia un grande interesse per la botanica, tanto che il suo insegnante di scienze nonché medico locale, Johann Rothman, convinse suo padre a fargli frequentare l'università di Lund. Nel 1727 si iscrisse così all'Università dove iniziò lo studio della medicina, ma molto probabilmente il suo vero interesse era quello di studiare le sostanze mediche usate a quei tempi, la stragrande maggioranza dalle quali era costituita da vegetali. L'anno successivo (1728) si trasferì all'Università di Uppsala, la migliore della Svezia, dove divenne studente di Olaus Rudbeck il Giovane. Linneo trascorse la maggior parte del suo tempo a raccogliere e a studiare vari tipi di piante.

Già dal 1730 iniziò a prendere forma il suo metodo di classificazione tassonomica. Ancora studente, giunto alla convinzione che gli organi riproduttivi delle piante, ovvero le parti del fiore (petali, stami e pistilli) potessero essere utilizzati come base per la loro classificazione, scrisse un breve trattato sull'argomento, Preludia Sponsaliorum Plantarum ("Nozze delle piante"), che gli fece ottenere ancora durante gli studi la posizione di docente presso il giardino botanico. Ciò gli procurò, purtroppo, anche una condanna: poiché ebbe l'imprudenza di basare la classificazione su quello che osò chiamare "il sistema sessuale" delle piante, esaminando i loro "organi riproduttivi". Ebbene, per questo ebbe una denuncia dallo Stato svedese per "immoralità" e la condanna della Comunità luterana per "sospetto di libertinismo".

Nel 1731 l'Accademia delle Scienze di Uppsala finanziò la sua spedizione in Lapponia, in quanto Linneo era in ristrettezze economiche. Scrisse il resoconto della sua spedizione etnografica e botanica nell'opera Lachesis lapponica (pubblicata postuma nel 1811); nel 1734 organizzò un'altra spedizione nella Svezia centrale. I risultati scientifici furono illustrati nell'opera Flora Lapponica Exhibens Plantas per Lapponiam Crescentes, secundum Systema Sexuale Collectas in Itinere Impensis[1] (1737). Nel 1735 si trasferì in Olanda e terminò i suoi studi di medicina all'università di Harderwijk.

Successivamente però si iscrisse anche all'Università di Leida per continuare i propri studi. In questa fase della sua vita la sua reputazione di botanico era già ampia e affermata. Nel 1738 tornò in Svezia dove iniziò a esercitare la professione di medico, dedicandosi principalmente alla cura della sifilide.

Nel 1739 fu uno dei fondatori dell'Accademia Reale Svedese delle Scienze. Nello stesso anno sposò Sara Morea, figlia di un medico. Due anni dopo, nel 1741, ottenne una cattedra presso la facoltà di medicina all'università di Uppsala ma l'anno successivo la scambiò con la cattedra di botanica, dietetica e materia medica (che conservò fino alla morte). A Uppsala restaurò il giardino botanico, disponendo le piante secondo il suo ordine di classificazione.

Linneo continuò a organizzare spedizioni in tutto il mondo, con il fine di scoprire e classificare tutti gli esseri viventi e i minerali della Terra. Molti dei suoi studenti presero parte alle spedizioni e alcuni addirittura perirono durante i viaggi. Nel 1758 acquistò l'azienda di Hammarby dove creò un modesto museo destinato ad accogliere la sua collezione privata. Nel 1761 il re Adolfo Federico di Svezia gli conferì un titolo nobiliare a seguito del quale Linneo convertì il suo nome in Carl von Linné. I suoi ultimi anni di vita furono caratterizzati da un crescente pessimismo e dalla depressione; nel 1774 fu colpito da una serie di piccoli infarti e morì nel 1778.

Venne sepolto presso la Cattedrale di Uppsala.

Nomenclatura binomiale[modifica | modifica wikitesto]

Copertina di Systema Naturæ (1758).
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nomenclatura binomiale.

Il merito maggiore dello svedese fu la definizione e l'introduzione nel 1735 della nomenclatura binomiale, basata sul modello aristotelico di definizione mediante genere prossimo e differenza specifica, nel sistema di classificazione delle piante, degli animali e minerali.[2] Con questo metodo tassonomico (concepito poco più di un secolo prima da Bauhin) a ciascun organismo sono attribuiti due nomi (di origine latina): il primo si riferisce al Genere di appartenenza dell'organismo stesso ed è uguale per tutte le specie che condividono alcuni caratteri principali (nomen genericum); il secondo termine, che è spesso descrittivo, designa la Specie propriamente detta (nome triviale o nome specifico).

La portata dell’innovazione fu enorme; precedentemente alla nomenclatura binomiale il sistema di nomenclatura era semplicemente basato su un'estesa descrizione di ogni pianta, in latino, per i caratteri distintivi ritenuti di rilievo, in modo del tutto arbitrario, da ogni classificatore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Systema Naturae. Rotterdam, editore Theodorum Haak, tipografia Joannis Wilhelmi de Groot, 1735. Prima edizione.
  • Systema Naturae per Regna Tria Naturae, secundum classes, ordines, genera, species, cum characteribus, differentiis, synonymis, locis. Stoccolma, Imprensis Laurentii Salvii, 1758. Decima edizione.
  • Species Plantarum. Exhibentes plantas rite cognitas, ad genera relatas, cum differentiis specificis, nominibus trivialibus, synonymis selectis, locis natalibus, secundum systema sexuale digestas, prima edizione, pp. 1200, + XXXI. Stoccolma, Imprensis Laurentius Salvius, 1753.
  • Fungus melitensis, 1755
  • Fondamenta botanica, 1736
  • Classes plantarum, 1738

Taxa classificati[modifica | modifica wikitesto]

Avvantaggiato dall'aver inventato il sistema di nomenclatura binomiale delle forme di vita, è ad oggi il descrittore più prolifico, vantando quasi 3000 taxa descritti.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Taxa classificati da Linneo.

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Uno dei tanti musei a lui dedicati è il Museo di Storia Naturale di Lugano (Svizzera).
  • In Italia i musei a lui dedicati più conosciuti sono quello di Pisa e quello di Milano.
  • La porzione più antica dell'Orto botanico di Palermo (1789) è organizzata secondo il sistema di classificazione descritto da Carl von Linné in Species Plantarum (1753).[3]
  • A Pistoia, Capostrada, Via Bolognese, è collocata una statua in cotto raffigurante Carl Linneo, eretta nel XIX secolo per volontà di Niccolò Puccini.
  • La riserva culturale Rashult, in Svezia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biblioteca universitaria di Colonia - Flora Lapponica
  2. ^ L. è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Linneo.
  3. ^ Orto Botanico di Palermo, Ordinamento di Linneo URL consultato il 5 febbraio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Frans. A. Stafleu. Linnaeus and the Linneans. The Spreading of Their Ideas in Sistematic Botany, 1753-1789. Utrecht, 1971.
  • (EN) Sten Lindroth. The Two Faces of Linnaeus, in Tore Frängsmyr, Linnaeus. The Man and His Work. Berkley, University of California Press, 1983.
  • (EN) Studies in Linnaean Method and Nomenclature, Marbuger Schriften zur Medizingeschichte. Vol. VIII, Frankfurt am Main, Lang, 1983.
  • (FR) Pierre Louis. La Classification des végétaux dans le corpus aristotelicien (in "Documents pour l'histoire du vocabulaire scientifique". VIII, 1986.
  • Fabrizio Bigotti. La Mente che Ordina i Segni. Ricerche sui problemi della forma nella filosofia naturale da Aristotele a Linneo. Roma, Aracne Edizioni, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]



Linnaeus è l'abbreviazione standard utilizzata per le specie animali descritte da Linneo.

Consulta la lista dei nomi degli autori in zoologia


Controllo di autorità VIAF: 34594730 LCCN: n79109333 SBN: IT\ICCU\IEIV\004353