Bernardino Luini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna del Roseto, oggi a Brera

Bernardino Scapi detto Bernardino Luini (Dumenza, 1481 circa – Milano, giugno 1532) è stato un pittore italiano[1], di scuola rinascimentale lombarda, riferibile al gruppo dei Leonardeschi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e formazione veneta[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Dumenza, sul Lago Maggiore, Luini si formò forse a Verona in Veneto (come è stato dedotto dalla pala "Madonna col Bambino e i santi Agostino e Margherita" proveniente da quella città, firmata Bernardinus Mediolanensis, oggi al Museo Jacquemart André di Parigi e a lui attribuita) e che dimostra affinità stilistiche con la pittura di Gerolamo dai Libri. Alcune opere dei suoi primissimi anni (1513-1515) sono visibili alla Certosa di Pavia, nell'atrio (affreschi con "San Cristoforo" e "San Sebastiano"), nella chiesa della Certosa nel transetto destro l'affresco con la "Madonna col Bambino" e nel Museo (pannelli di polittico con San Martino e Sant'Ambrogio). All'interno della chiesa cemeteriale di san Pietro a Luino una delle sue prime prove ad affresco è l"Adorazione dei Magi". Nel Duomo di Monza gli viene attribuito l'affresco del presbiterio con "San Gerardo dei Tintori" e nell'oratorio di San Vittore a Meda le "figure a mezzo busto" dei tondi e dei rombi del fregio sul tramezzo.

L'affermazione a Milano e in Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Stabilitosi definitivamente in Lombardia, dipinse gli affreschi nell'oratorio di Santa Maria Nova detta del Pilastrello (pietra migliare sulla quale oltre a segnare le distanze indicava i luoghi di culto ed altro nelle vicinanze) a Vimodrone, sesto miglio da Milano; (la cappella della Beata Vergine è attribuita a Gian Giacomo Dolcebuono), quindi lavorò a Milano in Santa Maria della Passione ove nel 1510 lasciò il "Compianto di Cristo" e all'abbazia di Chiaravalle (la cosiddetta "Madonna della Buonanotte" nel transetto della chiesa, 1512), alla cappella del Santissimo Sacramento nella chiesa milanese di San Giorgio al Palazzo (1516), l'opera più importante di questo periodo. La più importante commissione di opere di carattere profano viene ottenuta dall'artista dalla nobile famiglia dei Rabia per i quali affrescherà il palazzo milanese e successivamente eseguirà diversi cicli di affreschi con "Storie dell'Esodo" e "Storie di Apollo e Dafne" nella Villa della Pelucca, (affreschi staccati oggi in gran parte a Brera). Lo stato frammentario degli affreschi, strappati all'inizio dell'Ottocento e venduti dagli eredi dei Rabia, ne rende difficile l'interpretazione dei soggetti di origine mitologica.

Nella parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo a Maggianico (Lecco) nella seconda cappella a sinistra dedicata alla Madonna, gli sono attribuite le pitture (trasferite su tela ed arbitrariamnete composte in polittico per adattarlo al nuovo altare della madonna disegnato da Giuseppe Bovara nel 1831) raffiguranti "Madonna col Bambino, santi, l'Eterno e Annunciazione" del 1515.

Il tramezzo di Santa Maria degli Angeli a Lugano

Altri dipinti di questi anni conservati nel Duomo di Como sono le tele coi "Santi Sebastiano e Cristoforo" al 2º altare della navata destra, al 3º altare "Epifania" sormontata da "Due Profeti", al 4º altare il "Sacra Conversazione" o pala di San Gerolamo o Raimondi (1517-1518) (la sua firma è sui gradini del trono), e gli affreschi per la chiesa francescano-amadeita di Santa Marta e Santa Maria della Pace a Milano raffiguranti le "Storie di San Giuseppe" ora conservati alla pinacoteca di Brera. I tre affreschi di "San Lazzaro", "Santa Marcella" e "Santa Marta", provenienti dalla distrutta chiesa di Santa Marta ora sono collocati a Busto Arsizio nel Santuario di Santa Maria di Piazza. A Ponte in Valtellina la parrocchiale di San Maurizio reca nella lunetta sovrastante il portale maggiore il suo affresco con la "Madonna col Bambino e san Maurizio". L'Accademia Carrara a Bergamo conserva una sua tavoletta con la "Madonna e San Giovannino" e un suo "Ritratto femminile" è esposto nella pinacoteca del Castello Visconteo di Pavia.

Le ultime commissioni[modifica | modifica wikitesto]

Susanna ei vecchioni, Isola Bella, collezione Borromeo

In queste opere, Luini mostra già le caratteristiche del suo stile maturo, costituito da un'originale sintesi tra lo sfumato di Leonardo e il rigore metafisico-prospettico di Vincenzo Foppa, Bramantino e Zenale. Nella città di Legnano la basilica di San Magno dietro l'altar maggiore conserva un suo bel polittico del 1523 con la "Madonna col Bambino, cinque angeli musicanti e santi" e nel timpano "Padre Eterno"; nella predella, nove scene della "Vita di Gesù", monocrome. Di seguito, negli anni venti del XVI secolo, la sua arte virò in direzione di un pacato, raffinatissimo classicismo, come è evidente nelle numerose sue "Madonne col Bambino" (la "Madonna del roseto" ora a Brera, proveniente dalla Certosa di Pavia), in quelli del Santuario di Saronno (1525) e nella grandiosa "Passione e Crocefissione" (il più famoso affresco rinascimentale della Svizzera sul tramezzo di Santa Maria degli Angeli a Lugano, del 1529), sulle spalle dell'arco mediano "San Rocco e san Sebastiano", sulla parete meridionale "Ultima cena", nella prima cappella laterale la "Madonna col bambino e san Giovannino" e su un pilastro "Cristo in Pietà coi santi Francesco e Bernardino".

La notevole fama di cui Luini gode negli anni della maturità è legata in gran parte anche alle tele di piccolo formato destinate alla committenza privata, assai apprezzate per la morbidezza e la delicatezza dei toni, oltre che per l'immediatezza nella resa dei soggetti. Ne sono esempi le numerose madonne col bambino, quali la Madonna col bambino e san Giovannino del Louvre, il Gesù bambino con l'agnello conservato alla Pinacoteca Ambrosiana, i ritratti, il più celebre dei quali è il Ritratto di dama della Washington National Gallery, e i dipinti a soggetto sacro o profano dotati di una sottile componente erotica quali la

Milano, chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, ritratto di Ippolita Sforza e santi

Susanna e i vecchioni della collezione Borromeo, la Venere del lago sempre alla Washington National Gallery, o le numerose Salomè.

Una commissione che scandì lunghi periodi della vita dell'artista fu quella della decorazione della chiesa benedettina di San Maurizio al Monastero Maggiore, uno dei più importanti centri religiosi femminili della città, iniziata nei primi anni venti con le pitture del tramezzo e terminata con gli affreschi con le "Storie di Santa Caterina" della cappella Besozzi (1530), compiuti dai figli dopo la sua morte.

Negli ultimi anni, una fonte coeva come Cesare Cesariano testimonia anche un suo viaggio di aggiornamento a Roma, evidente in alcune citazioni dall'arte di Raffaello. La cultura degli ultimi anni dell'artista fu però caratterizzata anche da una più puntuale ripresa di temi e stilemi di Leonardo da Vinci, come testimonia la Sacra Famiglia con sant'Anna e san Giovannino della Pinacoteca Ambrosiana, ripresa dal celebre cartone vinciano oggi alla National Gallery di Londra, che non a caso, sul finire del XVI secolo, apparteneva al figlio Aurelio[2].

Nel Santuario della Beata Vergine dei Miracoli di Saronno la cappella del cenacolo ospita i suoi affreschi del 1531, sulla porticina della sagristia "San Rocco" e accanto "Sant'Antonio Abate"; su quella del campanile "San Sebastiano e san Cristoforo"; nella passaggio alla cappella della Madonna "Sposalizio di Maria" e "Disputa di Gesù coi Dottori"; nella cappella "Adorazione dei Magi", "Presentazione al Tempio" del 1525; nei pennacchi delle arcate "Sibille"; nei lunettoni "Evangelisti" e "Quattro Dottori della Chiesa"; nella parte absidale "Santa Caterina" e "Santa Apollonia" coi due committenti.

Agli ultimi anni della sua attività risale anche l'incarico di affrescare una sala del Palazzo degli Atellani, in cui viene realizzata la volta a motivi vegetali e quattordici lunette che rappresentano la genealogia della famiglia Sforza fino al duca ancora regnante all'epoca, Francesco II, in cui Bernardino si avvale dell'aiuto della sua ormai folta bottega.

Fortuna critica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un momento di grande fortuna all'inizio del XVII secolo (era uno dei pittori preferiti da Federico Borromeo, che raccolse molte sue opere alla Pinacoteca Ambrosiana), in seguito la fama di Luini tramontò. Considerato fino a non molti decenni fa un artista minore o uno stanco epigono di Leonardo (Bernard Berenson lo aveva definito "il meno intellettuale dei pittori famosi"), Luini fu rivalutato solo con la revisione critica dell'arte lombarda nel XX secolo, iniziata da William Suida.

Tra i figli va ricordato Aurelio Luini, che fu un importante esponente del tardo Manierismo milanese, amico di Giovan Paolo Lomazzo ed affiliato all'Accademia dei Facchini della Val di Blenio.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Madonna col bambino e san Giovannino, Lichtenstein Museum
Bernardino Luini, San Sebastiano, collezione Borromeo all'Isola Bella

Lista delle principali opere di Luini.

Opere scomparse[modifica | modifica wikitesto]

  • Madonna con il bambino (ex- collezione privata milanese, 1512 ca.)
  • Ultima cena (Collez. Brocca, Milano, 1525 ca.?)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bernardino Luini in Dizionario storico della Svizzera.
  2. ^ Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Bernardino Luini e i suoi figli, Officina Libraria, Milano, 2014

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wilhelm Suida, Leonardo und sein Kreis, München, 1929.
  • Janice Shell, Bernardino Luini's lost altarpiece for the church of San Vincenzo at Gravedona, in Arte Lombarda, 90-91, 1989, 189-191.
  • Pietro Cesare Marani, in Pittura tra Ticino e Olona. Varese e la Lombardia nord-occidentale, a cura di Mina Gregori, Cinisello Balsamo, 1992.
  • Verio Pini, Grazioso Sironi, Bernardino Luini. Nuovi documenti biografici, Milano 1993.
  • Andrea Di Lorenzo, in Pittura a Como e nel Canton Ticino dal Mille al Settecento, a cura di Mina Gregori, Milano 1994.
  • Francesco Frangi, Bernardino Luini, in Pittura a Milano. Rinascimento e Manierismo, a cura di Mina Gregori, Milano, 1998, 229-235.
  • Maria Teresa Fiorio, Bernardino Luini e la pittura del Rinascimento a Milano: gli affreschi di San Maurizio al Monastero Maggiore, Milano, 2000.
  • Giulio Bora, Bernardino Luini, in I Leonardeschi: l'eredità di Leonardo in Lombardia, a cura di Maria Teresa Fiorio, Pietro Cesare Marani, Milano, 2000, 325-370.
  • Paola Barbara Picone Conti, Dario Rondanini (a cura di), Bernardino Luini e la Pittura nell'Alto Milanese dal Rinascimento al Manierismo, Edizioni de La provvidenza, Busto Arsizio 2005.
  • Pietro Cesare Marani, Bernardino Luini, in Dizionario Biografico degli Italiani, 2006, ad vocem.
  • Maria Teresa Binaghi Olivari, Bernardino Luini, 5 continents Editions, Milano 2007.
  • Fabiola Bertassi, Incontro con l'Arte di Bernardino Luini, Mandello del Lario 2010.
  • Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Bernardino Scapi, detto Bernardino Luini. San Sebastiano; San Cristoforo, in Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Marco Tanzi (a cura di), «Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini», Officina Libraria, Milano 2010.
  • Victor Rafael Veronesi, Bernardino Luini in San Giorgio al palazzo, 2007.
  • Edoardo Rossetti, «Chi bramasse di veder il volto suo ritratto dal vivo». Ermes Visconti, Matteo Bandello e Bernardino Luni: appunti sulla committenza artistica al Monastero Maggiore,“Archivio Storico Lombardo” 2012
  • Bernardino Luini e i suoi figli, catalogo della mostra (Milano, Palazzo Reale, 11 aprile-13 luglio 2014), a cura di Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa, 2 voll., Officina Libraria, Milano 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64275349 LCCN: nr88009491