Bell UH-1 Iroquois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Huey" rimanda qui. Se stai cercando il nome proprio di persona maschile, vedi Ugo (nome).
Bell 204 o UH-1B/C Huey
Bell UH-1 Huey con razzi da 70mm
Bell UH-1 Huey con razzi da 70mm
Descrizione
Tipo elicottero leggero utility
Equipaggio 2
Costruttore Stati Uniti Bell
Data entrata in servizio 1956
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 12,98 m
Altezza 3,84 m
Diametro rotore 13,41 m
Superficie rotore 141,26
Peso a vuoto 2 300 kg
Peso max al decollo 4 309 kg
Propulsione
Motore 1 turbina Avco Lycoming T53-L-5
Potenza 716 kW (960 shp)
Prestazioni
Velocità max 204 km/h (110 kt)
Autonomia 383 km
Tangenza 3 505 m (11 500 ft)
Armamento
Mitragliatrici 4 da 7,62 mm
Lanciatori 24 razzi

[senza fonte]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia
« L'Huey è stato il B-17 della guerra del Vietnam[1] »
(Un pilota di UH-1, Riserva dell'Esercito, Fort Meade)

Il Bell UH-1 Iroquois, comunemente detto Huey, era un elicottero statunitense multiruolo famoso per il suo largo impiego durante la guerra del Vietnam.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Uno dei prototipi del Bell XH-40, qui testato dall'US Army

L'UH-1 era un elicottero leggero utility progettato dalla Bell Helicopter di Fort Worth, Texas e nacque da una gara indetta dall'US Army nella prima metà degli anni cinquanta. A seguito della vittoria, seguì il prototipo, denominato XH-40, che volò per la prima volta nello stabilimento Bell il 22 ottobre del 1956, spinto da un motore turboalbero Lycoming T53-L-1A da 860 shp. All'XH40, seguirono altri 6 prototipi di preserie, siglati YH-40 e consegnati dall'agosto del 1958.

I test di volo furono assai soddisfacenti e indussero l'US Army a farlo produrre su larga scala. Ridenominato dall'esercito statunitense prima HU-1 e poi UH-1 (H sta per "Helicopter", U per "Utility"), divenne il nuovo elicottero multiruolo dell'Aviazione dell'Esercito USA. Questo modello andava a soppiantare i tipi H-34 e H-21 a pistoni, mezzi affidabili ma lenti, pesanti ed onerosi sotto il profilo della manutenzione. La vera novità dell'UH-1 (come nel frattempo era stato ridenominato) era l'adozione del motore a turboalbero, che, oltre ad essere considerevolmente più leggero di un motore a pistoni, garantiva un maggiore rapporto peso/potenza. Ma in generale si può dire che l'aspetto era assai moderno rispetto alle macchine contemporanee e la Bell lo denomino' commercialmente model B-204.

Bell UH-1B
Un AB204B dell'Aeronautica Militare nel 1966.

Non ci volle molto tempo per rendersi conto che l'UH-1 era destinato ad entrare nella storia dell'aviazione. Nel giro di pochi anni non solo rivoluzionò il settore dell'ala rotante, ma anche le tattiche e le procedure d'impiego dell'elicottero stesso. Dopo il celeberrimo OH-13 Sioux (Bell Model 47, reso famoso dal film M*A*S*H, di Robert Altman) la Bell ancora una volta si apprestava ad essere la protagonista.

I primi modelli di serie[modifica | modifica sorgente]

Le prime varianti prodotte in grande scala furono la A (173 esemplari), capace di trasportare 5 soldati equipaggiati, e la B (1014 esemplari, motorizzati con il più potente turboalbero da 960 shp) in grado di ospitarne 7.

Mentre l'Esercito USA si apprestava ad equipaggiare le prime unità, la Bell faceva volare la versione a fusoliera allungata del 204, ovvero la 205. Il Model 205, conosciuto inizialmente nell'US Army come UH-1D possedeva una capacità di trasporto interna doppia rispetto al B, accomodando fino a 11 fanti (12 se l'equipaggio fosse costituito dal solo pilota), oppure 7-8 più una coppia di mitraglieri laterali armati di mitragliatrice M60 da 7,62 mm, installate su sottosistemi fissi tipo M23. I mitraglieri erano in genere adibiti a compiti di copertura durante le delicate fasi di sbarco delle squadre fucilieri. Altre differenze rilevanti erano l'adozione di un rotore di dimensioni maggiorate e la potenza del turboalbero, portata a 1100 shp. Della versione D ne furono prodotti 2000 esemplari, a cui vanno sommati i 7 prototipi YUH-1D. Le maggiori capacità e prestazioni della versione D, ne suggerirono l'impiego quale principale elicottero da trasporto tattico (in gergo "Slick"). Così, una buona parte dei 204, in particolare i B, furono gradualmente riconvertiti in aerocannoniere, con 2/4 membri d'equipaggio (in generale pilota, co-pilota addetto ai sistemi d'armi, più due mitraglieri laterali, ove disponibili). Nel ruolo di cannoniere, i 204B vennero sostituiti dai 204C (dotati di un più potente turboalbero) e poi dai successivi AH1 Cobra, mentre per il trasporto tattico, gli UH-1D vennero sostituiti dagli UH-1H (anch'essi dotati di turboalbero potenziato).

Il Vietnam e il concetto di Mobilità Aerea[modifica | modifica sorgente]

Il turboalbero Avco Lycoming T53.

Quando si pensa a un elicottero, o al Vietnam, istintivamente viene da pensare allo Huey, o meglio al UH-1, ufficialmente soprannominato Iroquois (da una tribù indiana, gli Irochesi appunto), ma universalmente e affettuosamente ribattezzato "Huey".

Huey, infatti, oltre a essere un nome di persona è anche il nome del primo dei nipoti di Paperino, il personaggio dei fumetti di Walt Disney, che nell'originale inglese si chiamano Huey, Dewey e Louie.

Durante quell'interminabile conflitto, l'inconfondibile e sgraziata sagoma dello Huey divenne familiare a chiunque si trovasse in quel paese. Per l'US Army rappresentò ben più che un semplice mezzo di trasporto. La sorprendente versatilità stupì ufficiali e soldati e persino il nemico, che inizialmente lo sottovalutò. Il compito principale era l'inserimento e l'estrazione delle squadre di fanteria, anche se i primi UH-1A che arrivarono in Vietnam nel 1962 furono destinati alla scorta armata degli elicotteri da trasporto utilizzati al tempo: i Piasecki CH-21 Shawnee.

Alcuni UH-1D in partenza per una missione in Vietnam nel 1966

In un terreno mutevole ed insidioso, contraddistinto da foreste, colline e vasti acquitrini, l'elicottero rappresentava senza ombra di dubbio il mezzo ideale per spostare le truppe da un punto all'altro. Ma questo non fu l'unico impiego. Già dai primi esemplari schierati in Vietnam, i militari compresero che lo Huey poteva essere efficace anche in ruoli prettamente offensivi come la controguerriglia.

In quel periodo infatti, l'Esercito USA stava conducendo in patria numerosi test sui sistemi d'arma compatibili. Furono provati con successo lanciarazzi multipli da 70 mm, lanciagranate automatici da 40 mm, complessi di mitragliatrici M60 e le allora nuove Minigun a sei canne rotanti da 7,62 mm da 4.000 colpi al minuto. Sull'onda di questo trend, che si stava sempre più affermando, nel corso degli anni successivi un gran numero di Huey finì a servire in compiti antinsurrezionali o nel supporto tattico ravvicinato (detto in gergo CAS, Close Air Support), finché tale ruolo non venne rilevato gradualmente dallo specifico AH-1 HueyCobra (Bell Model 209), il primo vero elicottero espressamente progettato per compiti di combattimento (sempre basato sugli organi meccanici dell'UH-1). Ciò nonostante l'impiego del "Huey" durante il conflitto divenne sempre più intensivo con il passare degli anni. Poteva quindi accadere che a cavallo tra la fine degli anni sessanta ed l'inizio degli anni settanta in un solo giorno gli UH-1 stazionati nel Vietnam del Sud compiessero oltre mille missioni, che potevano comprendere dall'evacuazione medica fino al trasporto truppe una ampia tipologia di operazioni.

La variante più importante in assoluto era la H (Bell Model 205A-1): questa in sostanza era una D, dotata di un più potente propulsore da 1400 shp, ancora una volta appartenente alla famiglia T53. L'arrivo della "Hotel" in Vietnam nel 1967 pose per sempre fine ai problemi di potenza che si erano manifestati fino ad allora. La prima unità ad esserne equipaggiata fu la 45th Medical Company (Air Ambulance) di stanza a Long Binh, nel luglio dello stesso anno. Un'altra novità consisteva in una completa strumentazione per il volo notturno e in condizioni meteo avverse (a differenza di buona parte dei D). L'UH-1H venne prodotto in 4.900 esemplari in servizio in più di 50 nazioni.

Bell 205 o UH-1D/H Iroquois
Un Bell UH-1D Huey dell'US Army.
Un Bell UH-1D Huey dell'US Army.
Descrizione
Tipo elicottero leggero multiruolo
Equipaggio 2
Costruttore Stati Uniti Bell
Data entrata in servizio 1961
Utilizzatore principale Stati Uniti US Army
Dimensioni e pesi
Lunghezza 17,62 m
Altezza 4,43 m
Diametro rotore 14,63
Superficie rotore 168,06
Peso a vuoto 2 363 kg
Peso max al decollo 4 309 kg
Propulsione
Motore 1 turbina Avco Lycoming T53-L-13
Potenza 1 044 kW (1 400 shp)
Prestazioni
Velocità max 204 km/h (110 kt)
Autonomia 511 km
Tangenza 3 840 m (12 600 ft)

[senza fonte]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia
Un AB-205A-1 dell'Esercito Italiano

Gli Angeli della Misericordia[modifica | modifica sorgente]

Il Vietnam non fu il primo conflitto ove l'elicottero venne impiegato nel ruolo MEDEVAC (MEDical EVACuation, Evacuazione Sanitaria). Durante la Guerra di Corea, per esempio, gli ospedali M.A.S.H. (Mobile Army Surgical Hospital - Ospedale da Campo) se ne servirono regolarmente per recuperare i soldati feriti sul campo di battaglia. Tuttavia la specialità delle aeroambulanze crebbe d'importanza solo a seguito dell'intervento USA nell'Asia Sudorientale. In Vietnam in particolare, vennero utilizzati estesamente gli UH-1 come eliambulanze, chiamate "Dustoff", aumentando sensibilmente il numero di vite salvate grazie alla tempestività con la quale i feriti venivano portati ai centri di soccorso ed agli ospedali da campo più vicini nei quali essere operati d'urgenza.

Vulnerabilità[modifica | modifica sorgente]

Lo Huey indubbiamente era un mezzo affidabile e dalle grandi capacità, ma non esente da difetti. Uno dei pochi talloni d'Achille (che però condivideva con gli elicotteri in genere) era la vulnerabilità al fuoco di terra: un semplice colpo di Kalashnikov era in grado infatti di perforare la sottile fusoliera metallica. Le uniche protezioni presenti, destinate all'equipaggio, erano costituite da seggiolini corazzati e, in certi casi, da corpetti antiproiettile che i piloti indossavano per proteggersi. Non era infatti possibile blindare l'elicottero, in quanto una simile soluzione ne diminuiva drasticamente il carico utile, nonché la velocità, l'autonomia e la maneggevolezza. Inoltre, il torrido clima caldo umido dell'Asia Sudorientale metteva sotto sforzo il motore a turboalbero, impedendo così di sfruttare completamente il carico utile dell'elicottero. A causa del suo intensivo impiego durante tutta la durata della Guerra del Vietnam e delle migliaia di missioni effettuate grazie all'ausilio di questi apparecchi, poco meno di 2000 esemplari delle Versioni B 204 e B 205 andarono persi.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Oltre ad essere stato utilizzato durante la Guerra del Vietnam dalle forze armate statunitensi e da quelle sud-vietnamite, l'UH-1 è stato esportato e prodotto su licenza in vari paesi. In molti di essi, compresa l'Italia, le versioni più aggiornate del modello 205 si trovano tuttora in servizio attivo.

Panamá Panamá
Stati Uniti Stati Uniti

Futuro[modifica | modifica sorgente]

Nonostante i molti anni di servizio che hanno accumulato questi velivoli, è probabile che nonostante la loro progressiva radiazione dal servizio attivo, essi rimangano ancora per un considerevole numero di anni in servizio. Anche se progetti come quello europeo dell'NHIndustries NH90 o quello statunitense del Sikorsky UH-60 Black Hawk, puntino ad offrire al mercato un degno sostituto del UH-1, questi velivoli se pure di dimensioni maggiori e di prestazioni decisamente migliori rispetto a quelle del UH-1D, non potranno sostituire completamente il loro predecessore. Con il passare degli anni sono state sviluppate di conseguenza versioni migliorate del B 205, quale ad esempio l'Agusta-Bell AB 212 e l'Agusta-Bell AB 412. A tutt'oggi infatti il corpo dei Marines statunitense si serve ancora degli UH-1, che essendo di dimensioni minori rispetto ai Black Hawk, risultano di maggiore maneggevolezza all'interno degli spazi angusti delle navi da sbarco anfibio.

L'Iroquois nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Thomasson-Grant, Total force, Istituto Geografico DeAgostini, 1989, p. 130.
  2. ^ http://impdb.org/index.php?title=We_Were_Soldiers IMPDB: We were Soldiers
  3. ^ http://www.impdb.org/index.php?title=The_Rock IMPDB: The Rock Aircraft

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrade, John M. U.S. Military Aircraft Designations and Serials since 1909. Hersham, Surrey, UK: Midland Counties Publications, 1979. ISBN 0-904597-22-9.
  • Chant, Christopher. Fighting Helicopters of the 20th Century (20th Century Military Series). Christchurch, Dorset, UK: Graham Beehag Books, 1996. ISBN 1-85501-808-X.
  • Debay, Yves. Combat Helicopters. Paris: Histoire & Collections, 1996. ISBN 2-908182-52-1.
  • Drendel, Lou. Huey., Carrollton, TX: Squadron/Signal Publications, 1983. ISBN 0-89747-145-8.
  • Francillon, René, J. Vietnam: The War in the Air. New York: Arch Cape Press, 1987. ISBN 0-517-62976-3.
  • Guilmartin, John Francis and Michael O'Leary. The Illustrated History of the Vietnam War, Volume 11: Helicopters. New York: Bantam Books, 1988. ISBN 0-553-34506-0.
  • Mesko, Jim. Airmobile: The Helicopter War in Vietnam. Carroltton, TX: Squadron/Signal Publications, 1984. ISBN 0-89747-159-8.
  • Mikesh, Robert C. Flying Dragons: The South Vietnamese Air Force. London: Osprey Publishing, 1988. ISBN 0-85045-819-6.
  • Mutza, Wayne: UH-1 Huey In Action Squadron/Signal Publications, Carrollton TX USA 1986. ISBN 0-89747-179-2.
  • Mutza, Wayne. UH-1 Huey in Color. Carroltton, TX: Squadron/Signal Publications, 1992. ISBN 0-89747-279-9.
  • Specifications for 204, 205 and 214 Huey Plus

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]