Assassin's Creed: Brotherhood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assassin's Creed: Brotherhood
Assassin's Creed Brotherhood logo.svg
Sviluppo Ubisoft Montreal, Ubisoft Singapore, Ubisoft Bucarest, Ubisoft Québec, Ubisoft Annecy
Pubblicazione Ubisoft
Ideazione Patrick Plourde
(Direttore)
Patrice Desilets
(Direttore creativo)
Vincent Pontriband
(Produttore)
Jeffrey Yohalem
(Scrittore)
Serie Assassin's Creed
Data di pubblicazione PlayStation 3, Xbox 360:
Giappone 9 dicembre 2010
Flags of Canada and the United States.svg 16 novembre 2010
Flag of Europe.svg 18 novembre 2010
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 18 novembre 2010
Flag of the United Kingdom.svg 19 novembre 2010

Microsoft Windows, Mac OS X:
Flags of Canada and the United States.svg 17 marzo 2011
Flag of Europe.svg 17 marzo 2011
Flag of the United Kingdom.svg 18 marzo 2011

Genere Avventura dinamica, Stealth
Tema Roma[1], Rinascimento italiano
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multigiocatore
Piattaforma Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3, Mac OS X
Distribuzione digitale Steam
Motore grafico Anvil Engine
Motore fisico Havok
Supporto Blu-Ray, DVD, Download
Requisiti di sistema OS: Windows XP, Windows Vista o Windows 7

CPU: 1.8 GHz Intel Core 2 Duo o 2.4 GHz AMD Athlon X2 64
RAM: 1.5 GB (Windows XP), 2 GB (Windows Vista/7)
HDD: 9 GB
GPU: Scheda compatibile DirectX 9 e Shader Model 3.0 con 256 MB di RAM
Audio: Scheda compatibile DirectX
Internet: Necessario per registrazione e identificazione (DRM)

Fascia di età ACB: MA15+
BBFC: 15
ESRB: M17+
PEGI: 18
USK: 16
Periferiche di input Tastiera, Mouse, Sixaxis o DualShock 3, Gamepad
Preceduto da Assassin's Creed II
Seguito da Assassin's Creed: Revelations

Assassin's Creed: Brotherhood è un videogioco pubblicato da Ubisoft per PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows e Mac OS X. Il gioco è la continuazione del secondo capitolo della saga di Assassin's Creed. Il gioco è disponibile dal 16 novembre 2010 negli Stati Uniti[2] e dal 18 novembre in Europa (eccetto Regno Unito, in cui è uscito il 19 novembre) e in Australia per PlayStation 3 e Xbox 360. Assassin's Creed Brotherhood supera i ventuno milioni di copie, succedendo anche il suo più grande rivale dell'anno Red Dead Redemption, di 5 milioni circa. Dopo Call of Duty: Black Ops è il gioco più venduto del 2010.

Informazioni sul gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista di Assassin's Creed: Brotherhood è di nuovo Ezio Auditore da Firenze (antenato fiorentino di Desmond Miles), già presente nel capitolo precedente della serie.

Il gioco presenta un'innovativa modalità multigiocatore che permette di impersonare agenti dell'Abstergo che si allenano con l'Animus, quindi Templari; il gioco ha come sfondo la città di Roma, nella quale il protagonista, uscito vittorioso dallo scontro con il Gran Maestro dell'Ordine Templare Rodrigo Borgia, dovrà guidare la Confraternita degli Assassini per uccidere Cesare Borgia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia riprende da dove si era concluso Assassin's Creed II: Ezio Auditore fugge dal Vaticano con lo zio Mario, subito dopo aver sconfitto Rodrigo Borgia ed essere entrato nella cripta, dove Minerva attraverso di lui invia un messaggio a Desmond Miles, esortandolo a trovare tutti i Templi con i Frutti dell'Eden prima del 21 dicembre 2012.

Tuttavia, il giorno dopo il ritorno di Ezio a Monteriggioni, le truppe papali guidate da Cesare Borgia, il figlio di Rodrigo Borgia, assediano la città. Monteriggioni, assieme a Villa Auditore, viene danneggiata e Mario viene ucciso per mano di Cesare. Ezio, ferito da tre colpi di archibugio, fugge assieme alla popolazione da una galleria sotto al Santuario. In cerca di vendetta, Ezio torna a Roma per sconfiggere i Borgia una volta per tutte.

Nel frattempo Shaun, Rebecca, Lucy e Desmond giungono nell'odierna Monteriggioni, tentando di entrare nel Santuario di Villa Auditore, ma non riescono ad entrare perché il passaggio è bloccato. Una volta entrati grazie alla galleria che Ezio usò per fuggire, Desmond rientra nell'Animus e torna ad accedere ai ricordi del suo antenato italiano.

Ciò che Ezio trova a Roma va al di là di ogni sua aspettativa. La città eterna è avvolta dal degrado per via della politica egoista e spietata dei Borgia, che soffoca e rovina tutta la città. Ad Ezio, quindi, spetterà il compito di liberare tutte le zone di Roma oppresse dai Borgia, distruggendo le torri tramite cui la famiglia del Papa controlla la città, contribuendo così alla rinascita delle botteghe e il restauro di monumenti importanti come il Colosseo o il Pantheon.

Dopo esser venuto a sapere di Caterina Sforza, catturata da Cesare, dalle gilde alleate (secondo cui Caterina sarebbe a Castel Sant'Angelo), Ezio decide di infiltrarsi nel castello con l'obiettivo di uccidere sia Rodrigo che Cesare. Tuttavia, Cesare ha già lasciato il castello per la conquista di Urbino, mentre Rodrigo non è presente. Ezio riesce a salvare però Caterina e a rinchiudere Lucrezia Borgia, (sorella di Cesare, con cui ha una relazione) nella cella della Sforza.

Mentre fa ritorno al covo, Ezio incontra Leonardo Da Vinci, costretto a lavorare per Cesare, che gli progetta nuove armi in cambio del suo aiuto nel distruggere le macchine belliche progettate da lui per i Borgia. Questo incarico lo porterà a compiere missioni sui Colli Albani, a Napoli, nella Valnerina, e sul Monte Circeo. Ezio decide di sfaldare l'influenza dei Borgia su Roma. Tornato al Covo, Ezio, assieme al suo Gran Maestro Niccolò Machiavelli, decide di ricostruire la Confraternita degli Assassini a Roma. Reclutati degli adepti, Ezio scova il suo primo bersaglio: Juan Borgia il Maggiore, banchiere di Cesare, che viene ucciso durante una manifestazione dove sono presenti sia Rodrigo che suo figlio. Dopo Juan, ora è il turno del barone francese Octavian de Valois, nemico di Bartolomeo ed alleato militare di Cesare. Octavian riesce a rapire la moglie di Bartolomeo, Pantasilea Baglioni, e nel tentativo riuscito di salvarla, Ezio uccide Octavian. In seguito, viene informato che Pietro Rossi, un attore che Lucrezia Borgia utilizza come pedina per ingelosire Cesare, ha con sé la chiave per entrare a Castel Sant'Angelo, ed Ezio vuole recuperarla, ma Cesare intende uccidere Pietro mandando il suo sicario Micheletto. Pietro è impegnato in una recita della Passione nel Colosseo, e Micheletto decide di avvelenare il vino che durante la recita l'uomo assaggia. Ezio si infiltra tra gli attori assieme ai suoi adepti, vestendosi da centurioni, e riesce a salvare l'attore portandolo da un medico, e decide di risparmiare Micheletto.

Schermata di gioco

Dopo aver preso da Pietro la chiave del castello, Ezio, sotto consiglio di Machiavelli, si reca ad uccidere definitivamente Cesare e Rodrigo Borgia; quest'ultimo viene però ucciso dallo stesso Cesare che lo soffoca mettendogli una mela avvelenata in bocca, la stessa arma che Rodrigo voleva usare per togliere di mezzo il figlio. Ezio fa così intrusione nella dimora, dove apprende da Lucrezia Borgia, ormai sotto shock, l'ubicazione del Frutto dell'Eden (il Cortile del Belvedere) e, dopo averla presa, la usa per neutralizzare le ultime forze di Cesare Borgia. Dopo un'ultima battaglia tra gli Assassini e gli ultimi soldati fedeli a Cesare, quest'ultimo viene arrestato da Fabio Orsini con le accuse di omicidio e di incesto. Ezio, consultando la Mela, va a Viana, dove ha la meglio su Cesare e lo getta dalla muraglia, lasciandolo nelle mani del fato. Tornato a Roma, nasconde la Mela dell'Eden all'interno di un Tempio sotto Santa Maria in Aracoeli, accessibile da una galleria segreta sotto al Colosseo: il Tempio di Giunone. Ha poi continuato il suo incarico come Gran Maestro dell'Ordine degli Assassini a Roma.

Desmond e gli altri assassini conoscono finalmente il nascondiglio della Mela dell'Eden, e partono per Roma. Il primo, quindi, entra nella galleria sotto al Colosseo, uscendone fuori a Santa Maria in Aracoeli, dove si ricongiunge con i compagni. Attivato una specie di ascensore nascosto nel pavimento, la squadra entra nel Tempio di Giunone, dove trovano la Mela. Tuttavia, appena Desmond la tocca, la dea Giunone prende il controllo del suo corpo. Desmond non riesce a reagire ed è costretto a pugnalare con la lama celata Lucy, che cade a terra in un bagno di sangue, morta. Partono i titoli di coda, durante i quali si sentono le voci di due uomini che decidono di mettere Desmond sotto shock dentro l'Animus, nonostante la riluttanza del primo. Attraverso il DLC La Scomparsa di Da Vinci, si può notare che, a un certo punto, uno dei due uomini in questione chiamerà l'altro William, l'uomo a cui scrive Lucy, nelle sue e-mail.

Ricordi di Cristina[modifica | modifica wikitesto]

Durante e dopo la fine del gioco è possibile incontrare Cristina Vespucci se la sincronizzazione totale è abbastanza alta. La figura di Cristina è stata importante nella vita di Ezio, e tramite questi ricordi è possibile capire cosa sia successo fra i due, dato che nel secondo capitolo la ragazza compare brevemente solo all'inizio.

Una seconda occasione
Il ricordo è ambientato pochi mesi prima dell'inizio delle vicende del secondo capitolo. Il giovane Ezio incontra Cristina nel 1476 e su consiglio del fratello Federico tenta un approccio ma viene liquidato dopo un sorriso della ragazza. Ezio non si dà per vinto e decide di riprovarci, e la segue fin sotto casa senza farsi vedere dalla fanciulla. Sotto il portone di casa ad aspettare Cristina c'è Vieri De Pazzi, che le salta addosso, stanco dei rifiuti della ragazza. Ezio interviene e per salvare la ragazza picchia Vieri, che poco prima di fuggire giura vendetta su Ezio e sulla sua famiglia. Cristina ringrazia Ezio dandogli un bacio sulla guancia e ciò crea le basi per una relazione tra i due.
Estrema unzione
Questo ricordo è ambientato subito dopo l'esecuzione degli Auditore. Ezio incontra Cristina che lo accompagna nella ricerca dei cadaveri dei suoi fratelli e del padre. Ezio picchia una guardia per sapere dove sono le salme dei suoi cari e dopo averlo scoperto si reca nei pressi del fiume Arno. Intenzionato ad uccidere le guardie che sono vicino alle salme (che hanno il compito di gettare nel fiume i cadaveri), cambia idea dopo che Cristina lo supplica di non prendere le loro vite. Ezio recupera le salme e le posa su una barca, potendo finalmente eseguire il rito funebre. Ezio chiede a Cristina di partire con lui, ma Cristina rifiuta perché non vuole lasciare la sua famiglia. Prima di partire per Monteriggioni, Ezio le dona un ciondolo che simboleggia la loro unione e la bacia prima di andare via.
Testimone dello sposo
Durante il 1478, Ezio torna a Firenze e scopre da Cristina che ormai la ragazza è promessa in moglie a Manfredo Soderini. La ragazza sceglie questo pretendente perché credeva che Ezio non sarebbe più tornato nella sua città natale. Durante il colloquio tra i due un uomo e una donna dicono a Cristina che Manfredo è assalito da alcuni uomini a cui doveva dei soldi. Ezio salva il fidanzato di Cristina. Dopo aver ucciso i giocatori d'azzardo, Ezio afferra Manfredo e su un ponte sospeso sul fiume gli chiede se lui ama veramente Cristina e Manfredo risponde di sì. Ezio gli ordina di smettere di giocare d'azzardo e di essere un marito ideale per Cristina, altrimenti gli avrebbe dato la caccia. In seguito, Ezio torna da Cristina e la bacia, dicendole che ha fatto in modo che Manfredo sia un buon marito per lei. La ragazza, delusa, accetta la decisione di Ezio.
Persona non gradita
Durante il Carnevale di Venezia, nel 1486, Leonardo da Vinci dice a Ezio che Cristina è in città per il Carnevale. Preoccupato che Cristina non voglia vederlo dopo tutti quegli anni, Ezio le dà una lettera, presentandosi come il marito e chiedendo di incontrarlo da sola in un vicolo. Cristina lo bacia credendolo suo marito Manfredo, ma appena gli toglie la maschera, la ragazza si arrabbia e gli dice che lo amava e che non poteva tornare dopo otto anni, e che non deve più cercarla perché ormai è sposata.
Pene d'amore perdute
Nel 1498, Ezio torna ancora una volta a Firenze e tra le strade fiorentine vi trova Manfredo morente, dopo un attacco dei seguaci di Savonarola. Poco prima di morire dice a Ezio che la Vespucci è in pericolo. Ciò allarma Ezio che subito la ritrova uccidendo i suoi inseguitori. Tuttavia Cristina è già ferita a morte e sofferente tra le braccia di Ezio gli mostra il ciondolo che aveva conservato durante gli ultimi 22 anni, e gli dice che avrebbe voluto che entrambi avessero avuto una seconda possibilità. Ezio capisce che ormai non può più far niente per salvare la sua amata e l'accompagna durante il suo viaggio sussurrandole "Riposa in pace... amore mio...".

I Cluster[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico Shaun Hastings dice a Desmond che, se osservate con l'occhio dell'aquila troverà alcune brecce nascoste su alcuni edifici storici. I simboli si rivelano essere complessi file lasciati dal Soggetto 16. Il giocatore viene aiutato nella ricerca dei glifi dalla presenza di un apposito marcatore sulla scheda dei monumenti corretti, all'interno del database delle informazioni.

Indipendentemente dall'ordine con cui il giocatore scopre i vari glifi, l'ordine degli enigmi non cambia, in un percorso tra enigmi di complessità crescente. Ogni file comprende un titolo, una breve traccia audio disturbata registrata dal Soggetto 16, e uno o più puzzle da risolvere per arrivare a un codice numerico con cui sbloccare alcuni fotogrammi di un filmato disturbato e oscurato.

I puzzle variano dalla selezione delle giuste immagini all'interno di un gruppo, alla ricostruzione di un'immagine, all'identificazione di un elemento nascosto all'interno dell'immagine di un personaggio o evento storico, a utilizzare la giusta mossa a una partita di scacchi che è paragonata alle azione degli uomini che hanno fatto la storia, alla ricerca di suoni legati a una luce rossa visibile solo quando con il cerca segnale vi è sopra. I cluster,più che spiegare come è stata l'eterna lotta tra assassini e templari nella storia spiegano come la Abstergo Industries dalla sua fondazione nel 1937 abbia controllato ogni cosa nel mondo e di come cercassero di eliminare fisicamente le persone che intralciavano il loro piano cercando di diffondere la verità.

Risolti tutti gli enigmi, i fotogrammi scoperti vengono riuniti e ordinati a formare un unico breve filmato, che comunque non sarà visibile perché è completamente oscurato e che rivela la frase "il miracolo sta nell'esecuzione". Interviene Lucy che apportando delle ricerche troverà il modo di visualizzare il contenuto nascosto. Così Desmond percorre uno strano percorso e giunge fino a una figura sconosciuta formata da dati grezzi che si rivelerà essere il Soggetto 16, gli dirà che una figura femminile (Lucy) è il suo nemico, che deve trovare un'altra discendente di Adamo e Eva.

« Tutto ciò che speri accada, tutto ciò che hai di caro è già perduto. »
(Soggetto 16 a Desmond Miles in Assassin's Creed: Brotherhood.)

Inoltre nella versione in lingua originale il 16 accenna anche a un probabile figlio di Desmond. Alla fine del messaggio il 16 scompare ma prima di farlo dice a Desmond che lo rincontrerà nell'oscurità. Infatti dopo la morte di Lucy, in Assassin's creed Revelations, Desmond si ritrova nel cuore dell'animus, dove incontra il soggetto 16 nell'«oscurità», perché nel cuore dell'animus i colori sono alterati, Desmond e Ezio hanno un vestito nero.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Assassin's Creed.

Assassini[modifica | modifica wikitesto]

  • Desmond Miles: discendente di Ezio, è il vero protagonista della serie.
  • Lucy Stillman: responsabile della fuga di Desmond dall'Abstergo, viene uccisa da quest'ultimo mentre è sottomesso al controllo della dea Giunone.
  • Shaun Hastings: storico, anche se non nacque nell'Ordine degli Assassini, si unì a loro quando Rebecca lo salvò dai Templari da giovane.
  • Rebecca Crane: un'Assassina, amica di Lucy e creatrice dell'Animus 2.0 che lei chiama affettuosamente Baby.
Leonardo da Vinci, alleato del protagonista Ezio Auditore
  • Ezio Auditore: è il protagonista del gioco. Il suo nome significa "aquila", dal latino Aetius, a sua volta derivante dal greco Aetos.
  • Claudia Auditore: sorella minore di Ezio. Responsabile del bordello La Rosa in Fiore, successivamente diventa un'Assassina.
  • Maria Auditore: madre di Ezio. Contrariamente al capitolo precedente, in cui rimane quasi sempre muta, incoraggia il figlio nella lotta con i Templari e gestisce la Rosa in Fiore assieme alla figlia Claudia.
  • Mario Auditore: fratello maggiore di Giovanni e zio di Ezio. Signore di Monteriggioni, viene ucciso da Cesare Borgia durante l'assedio del suo borgo il 2 gennaio 1500.
  • Cristina Vespucci: fidanzata di Ezio. Dopo la sua breve apparizione nel secondo capitolo, apparirà nei cinque Ricordi di Cristina.
  • Leonardo da Vinci: famoso genio rinascimentale. Grande amico di Ezio, costruisce per lui degli strumenti basandosi sul codice di Altaïr. Ha un carattere eccentrico e molto amichevole.
  • Niccolò Machiavelli: è considerato uno dei fondatori della scienza politica moderna. Opera insieme a Ezio nella ricrescita di Roma, non appoggiando del tutto le idee di Ezio. Lascia il suo posto di Gran Maestro ad Ezio dopo la Cerimonia di Iniziazione di Claudia.
  • Caterina Sforza: signora di Imola e Forlì, dopo esser fuggita durante l'assedio di quest'ultima viene catturata a Montereggioni da Cesare. Viene liberata a Roma da Ezio.
  • Altaïr Ibn-La'Ahad: protagonista del primo capitolo. È possibile interagire con la sua statua nel Santuario.
  • Giovanni Auditore: padre di Ezio, banchiere e Assassino. Appare in un ricordo di Cristina.
  • Federico Auditore: fratello maggiore di Ezio. Compare brevemente nelle missioni di Cristina Vespucci, che sono i ricordi di Ezio.
  • Petruccio Auditore: fratellino di Ezio, per il quale bisognerà trovare 10 piume d'aquila in memoria delle 100 del capitolo precedente.
  • Fabio Orsini: Ufficiale delle truppe papali, inizialmente è sotto gli ordini di Cesare, ma in fine sarà lui ad arrestarlo.

Templari[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Carnefice: Personaggio misterioso coperto da una maschera, alleato dei Borgia. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Malfatto: Un uomo che si traveste come un dottore, che assassina le proprie prede senza un motivo, infatti uccide alcune cortigiane. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Silvestro Sabbatini: operatore dei Borgia per migliorare il proprio stato sociale. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Lanz: un ragazzo che ruba tra le strade di Roma, il vero nome non è conosciuto. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Gaspar De La Croix: alleato dei Borgia, rappresenta la prima forma di cecchino conosciuto nella storia. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Donato Mancini: soldato al soldo dei Borgia, viene ucciso da Ezio per limitare le truppe di Cesare. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Auguste Oberlin: fabbro al servizio dei Borgia. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Fra Ristoro: monaco appartenente all'ordine dei Minimi, folle e spietato che non praticava la vita religiosa. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Lia De Russo: Una donna spietata che utilizza il contrabbando per comunicare con le aziende Templari. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Fiora Cavazza: Una delle cortigiane della "Rosa in Fiore", passa al servizio di Cesare perché attratta da lui, successivamente lo tradirà passando al fianco di Ezio. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
Cesare Borgia, nemico principale del protagonista Ezio Auditore
  • Juan Borgia il Maggiore: Banchiere della famiglia Borgia, viene ucciso da Ezio per limitare le possibilita economiche di Cesare.
  • Octavien De Valois: Alleato Francese di Cesare, viene ucciso da Ezio dopo aver rapito Pantasilea Baglioni, moglie del suo amico Bartolomeo.
  • Micheletto Corella: Amico di infanzia e successivamente braccio destro di Cesare. Viene risparmiato da Ezio, e fugge da Roma dopo l'arresto di Cesare.
  • Francesco Borgia: Cardinale e membro della famiglia dei Borgia, Francesco appare solo nella missione "Tana di Romolo", all'interno di San Pietro; viene eliminato da Ezio nel piano più alto della Cappella Sistina.
  • Rodrigo Borgia: Nemico storico di Ezio che appare anche nel capitolo precedente, tenta di uccidere suo figlio con una mela, ma rimane vittima della mela lui stesso dopo essere stato aggredito da Cesare. Nel capitolo precedente viene detto da Shaun che ha rapporti incestuosi con sua figlia Lucrezia.
  • Lucrezia Borgia: Donna forte che ha una relazione con il fratello Cesare. Dopo la morte del padre Rodrigo, rivela a Ezio dove sia la Mela dell'Eden per impedire a Cesare di prenderne possesso. Viene risparmiata da Ezio.
  • Cesare Borgia: La nemesi finale di Ezio, dopo essere stato arrestato con l'accusa di incesto, riesce a liberarsi e a fuggire. Tenta di riacquistare il suo comando combattendo a Viana nel 1507, dove è presente anche Ezio. Infine i due si battono sulle mura di un castello, e dopo esser stato sconfitto da Ezio gli dice di non poter morire per mano di uomini. Così Ezio lo lascia cadere dalla muraglia, affidando la vita di Cesare nelle mani del Fato: il Borgia muore.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

A differenza del secondo capitolo è stato aumentato il numero di armi disponibili, ed il modo di acquisirle. In alcuni casi bisognerà trovare degli oggetti sparsi per Roma per poter successivamente comprare un'arma, o nel caso delle armi lunghe, comprare precedentemente il fodero pesante dal Sarto.

Lama Celata
L'immancabile Lama Celata di Ezio, icona degli Assassini. Inizialmente ne avrà due, ma, dopo aver perso la prima durante l'assedio di Monteriggioni, la seconda sarà acquistabile da Leonardo da Vinci, che la riadatterà ricordandosi dei vecchi progetti del Codice di Altair.
Lama e Dardi avvelenati
La Lama Avvelenata è la stessa vista nel precedente capitolo, mentre i dardi sono un'ulteriore aggiunta al meccanismo. Ezio la otterrà dopo uno dei suoi incontri con Leonardo. Si tratta di un meccanismo che permette ad Ezio di sparare dardi avvelenati, senza correre il rischio di allarmare il bersaglio.
Pistola Celata
Rudimentale pistola a pietra focaia, nascosta all'interno della polsiera di Ezio. Incamera un massimo di 6 proiettili alla volta, aumentabili a 10 con 30 punti Uplay e, a differenza dello scorso capitolo, la velocità dell'agganciamento del bersaglio è aumentata. Inoltre, sarà utilizzabile più facilmente in combattimento.
Spade e martelli
Le armi classiche della serie. I modelli delle spade e dei martelli sono per la maggior parte nuovi, ma torneranno anche alcuni modelli del capitolo precedente.
Spada corta
L'arma più veloce ed agile del gioco. Essa è in grado di eliminare un alto numero di nemici in poco tempo. La sua mossa speciale consiste di lanciare pugnali da lancio in combattimento, mentre Ezio finisce una guardia con la spada corta. In base a quanti ne possederà Ezio (si può aumentarne il numero comprando dalla Sartoria gli ampliamenti dei foderi) potrà eliminare istantaneamente più guardie.
Balestra
Una nuova arma per ampliare l'arsenale di Ezio. Essa può portare con sé fino ad un massimo di 25 dardi, recuperabili dai cadaveri delle guardie uccise o acquistabili dal fabbro. Essa ha una gittata inferiore della pistola, ma uccide più silenziosamente.
Pugnali da lancio
Utili per eliminare silenziosamente gli arcieri, dotati di balestra, e gli archibugieri. Inizialmente ne possono essere portati solo 5 per volta, ma comprando le espansioni della cinta dei pugnali dal Sarto, se ne può arrivare fino ad un massimo trasportabile di 25.
Guanto da scalata
Può essere acquistato da Leonardo: è in grado di far scalare le pareti con più velocità, grazie al ripristino dell'abilità del salto ascensionale ad Ezio. Inoltre, funziona nei combattimenti a mano nuda da tirapugni.
Bombe fumogene
Acquisite già nel capitolo precedente saranno acquistabili come qualunque munizione da un fabbro, non prima di aver equipaggiato la borsa per le bombe fumogene.
Mitragliatrice
Una rudimentale mitragliatrice costruita da Leonardo Da Vinci per l'esercito dei Borgia. Chiederà lui stesso ad Ezio di distruggerla, per fare in modo che i Borgia non possano utilizzarla per i loro fini. Ezio, durante una delle missioni per Leonardo, dovrà inizialmente bruciarne il progetto per far sì che non ne vengano prodotte altre, poi dopo una rocambolesca fuga gli darà fuoco facendola esplodere tramite i barili di polvere da sparo situati accanto all'arma.
Cannone Navale
È un potente cannone a tre canne, situato sopra su di una gondola di grandezza triplicata. La gondola si muove naturalmente tramite il remo, e il macchinario spara 3 cannonate infuocate alla volta. Durante la missione, Ezio, dopo essere scappato dal luogo dove esso era custodito, lo utilizzerà per sbarazzarsi delle navi che lo assaliranno per recuperare il loro tecnologico ritrovato bellico. Dopo aver incendiato le navi, Ezio lo distruggerà indirizzando le canne del cannone lungo la stessa gondola, tuffandosi in acqua per non essere coinvolto nell'esplosione.
Bombarda
Si tratta di un miglioramento della macchina volante di Leonardo, equipaggiata di un cannone automatico con cui è possibile sparare in volo. La si usa nelle missioni di disarmo dei Borgia, Ezio la userà per distruggere il luogo dove vengono creati gli altri prototipi di tale arma, distruggendo le torri dove sono alloggiati. Uccisi anche gli uomini di Cesare, andati ad avvertirlo, Ezio si sbarazza del prototipo facendolo schiantare contro una torre, distruggendolo.
Carro Armato
Costruito da Leonardo per Cesare, è un mezzo su ruote corazzato, richiede tre uomini per essere manovrato, ed è armato di una corona di otto cannoni. Veloce e resistente alle armi da fuoco all'infuori dell'artiglieria, può essere utilizzato in una delle missioni affidate da Leonardo. Ezio lo userà per distruggere la fortezza dei Borgia dove vengono costruite le armi d'assedio per l'esercito di Cesare, e poi distruggerà l'arma con un cannone posto sulle mura.
Spada lunga
Al contrario di Assassin's Creed II, dove era esclusivamente utilizzata sottraendola dai bruti per un ridotto periodo di tempo, è acquistabile dai fabbri. Per utilizzarla bisogna però acquistare il "Fodero pesante" dal Sarto.
Mela dell'Eden
L'ultima arma che si ottiene nel gioco, utilizzabile solo nella sequenza 8, essa permette di uccidere all'istante i bersagli più deboli, farli impazzire, oppure confonderli e farli combattere tra di loro. L'unico svantaggio è che utilizzandola ripetutamente indebolirà la sincronia di Ezio, che la recupererà non usando la Mela per un breve lasso di tempo.
Armi bonus
Sono presenti delle armi bonus che si otterranno completando le sfide di gilda

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

  • Il gioco è stato annunciato da Ubisoft il 13 gennaio 2010.[3]
  • Il 23 aprile 2010, Ubisoft registra il dominio Assassin's Creed: Brotherhood.[4]
  • Il 6 maggio 2010, comincia a circolare sul web una cover promozionale destinata alla catena GameStop, relativa ad Assassin's Creed: Brotherhood. Dopo poche ore, Ubisoft conferma che il prossimo capitolo sarà chiamato proprio Assassin's Creed: Brotherhood.[5]
  • Il 10 maggio 2010, Ubisoft ha aperto il sito di Assassin's Creed: Brotherhood accompagnandolo da un teaser e un countdown.[6]
  • Il 18 maggio 2010, Ubisoft ha confermato che Assassin's Creed: Brotherhood avrà una beta multiplayer prima del suo rilascio.[7]
  • All'E3 2010, Ubisoft rilascia diversi video del gioco ed è stata ufficializzata la data di uscita: 16 novembre 2010.
  • Nella conferenza Sony dell'E3 2010, Ubisoft ha annunciato una beta multiplayer esclusiva per la console PlayStation 3. Il gioco avrà a disposizione dei contenuti extra che saranno disponibili solo su PlayStation 3.[8]
  • Ubisoft dichiara al Comic-Con che la beta multiplayer di Assassin's Creed: Brotherhood sarà avviata a settembre 2010 e il gioco sarà rilasciato il 18 novembre 2010 in Europa.[9]
  • Ubisoft ha confermato alla conferenza del Comic-Con di aver in programma dei contenuti aggiuntivi.[10]
  • Il produttore di Assassin's Creed Brotherhood, Sebastian Puel, dichiara che il gioco è entrato in fase gold e conferma la sua data di uscita per il 18 novembre 2010.[11]
  • Il 16 febbraio, Ubisoft Italia annuncia la data della versione PC: 17 marzo 2011.
  • Il 17 febbraio, Ubisoft annuncia l'uscita del DLC "La scomparsa di Da Vinci", in uscita l'8 marzo 2011 su Xbox 360 ed il 9 marzo per PlayStation 3, al costo di 9,99€ (800 Microsoft Points).[12]
  • Il 17 marzo viene rilasciata la versione PC, contenente numerosi miglioramenti alla grafica.

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ha superato il milione di copie vendute in meno di una settimana dal rilascio, record di miglior incasso in poco tempo. Assassin's Creed: Brotherhood è diventato così il titolo europeo di Ubisoft venduto più velocemente di sempre. È anche il titolo Ubisoft con il miglior lancio in Europa ed è stato anche il titolo più venduto al rilascio al novembre 2010. Nel maggio 2011 Ubisoft ha annunciato che il gioco aveva superato le 8 milioni di copie vendute[13] e aiutato la serie Assassin's Creed a raggiungere le 28 milioni di copie vendute.[14]

Sbloccabili[modifica | modifica wikitesto]

È possibile sbloccare dal server Uplay delle ricompense.

  • Tema di ACB (10 unità)
  • Vesti da nobile fiorentino (20 unità)
  • Armatura di Altaïr (20 unità)
  • Vesti di Altaïr (20 unità)
  • Potenziamento capienza della pistola (30 unità)
  • Arlecchina (40 unità)

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

  • Roma è tre volte più grande della Firenze (compreso Oltrarno) di Assassin's Creed II.
  • Le città sono: Roma, Viana (solo nella Sequenza 9), Nemi, Monte Circeo, Valnerina, Napoli (Missioni Macchina Belliche) e Monteriggioni (nella Sequenza 1 e in qualsiasi momento uscendo dall'Animus), ma si può tornare a Venezia e a Firenze in appositi ricordi che riguardano Cristina Vespucci.
  • Le guardie cittadine poste sui tetti hanno archibugi e balestre al posto degli archi.
  • Si può usare, in missioni specifiche, alcune macchine belliche progettate da Leonardo da Vinci. Le missioni sono dislocate in varie zone d'Italia. Per esempio, nei colli Albani si utilizza la Mitragliatrice, in Valnerina la Bombarda, a Napoli il Cannone Navale e nel monte Circeo il Carro Armato.
  • È possibile reclutare i cittadini che si ribellano ai Borgia nella Confraternita degli Assassini ed inviarli in missione in varie città d'Europa: Firenze, Venezia, Barcellona, Vienna, Roma, Mosca, Parigi, Londra, Calicut, Lisbona, Costantinopoli e Colonia. Tali missioni faranno guadagnare loro esperienza per potenziare le loro abilità e il loro equipaggiamento, mentre Ezio guadagnerà denaro ed oggetti di scambio.
  • Si possono gestire gli Assassini ed i Contratti di Assassinio attraverso delle colombaie sparse per la città e nel Covo di Ezio.
  • Sono presenti vari tipi di cavalli che potranno essere usati da Ezio, dai civili e dalle guardie per muoversi per le strade di Roma.
  • È possibile, dopo aver distrutto tutte le macchine belliche, utilizzare il paracadute, costruito da Leonardo da Vinci.
  • Roma è divisa in cinque distretti: il distretto del centro, il distretto del foro, il distretto rurale, Trastevere ed il Vaticano.
  • Si possono liberare i quartieri di Roma dall'influenza dei Borgia distruggendo le Torri dei Borgia, dopo aver ucciso i luogotenenti. Se si fallisce nell'impresa, si dovrà aspettare il cambio della guardia per riprovare.
  • La liberazione e ricostruzione dei quartieri ha un impatto concreto sugli edifici e sugli abitanti: le costruzioni decadenti diventeranno eleganti dimore, i cittadini riapriranno negozi e botteghe e mendicanti e ladri verranno sostituiti da artisti e commercianti. Dopo aver completato il restauro di Roma si avrà a disposizione la già presente nel II gioco cappa degli Auditore
  • Come collezionabili ritorneranno le bandiere, come nel primo Assassin's Creed e le piume dal secondo.
  • Le città che compariranno nel Multiplayer del gioco sono Roma, Siena, Firenze, San Donato, Venezia, Forlì, Monteriggioni e Castel Gandolfo. Mont Saint-Michel, Pienza saranno disponibili come DLC gratuiti.
  • Il DLC a pagamento "La scomparsa di Da Vinci", uscito l'8 marzo, comprende per il single player 8 nuove missioni, 2 scenari, 2 caratteristiche di gioco, e 10 obiettivi/trofei. Per il Multiplayer, invece, sono previste 2 modalità di gioco, una mappa, e 4 personaggi, 6 per i non-possessori della Codex Edition. Il DLC è disponibile a 9,99€ (800 Microsoft Points). Per i non-possessori della Codex Edition ci sono inoltre alcuni premi, prima esclusivi della Codex Edition, come 2 Rifugi Templari, l'Helmschmied Drachen Armor per il Single-player, mentre per il Multiplayer ci sono l'Ufficiale e l'Arlecchino.

Assassin's Creed: Ascendance[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Assassin's Creed: Ascendance.

Come già era avvenuto per Assassin's Creed II con Assassin's Creed: Lineage, il 16 novembre è stato rilasciato su PlayStation Store e Xbox LIVE Assassin's Creed: Ascendance un film d'animazione creato dall'Ubi Workshop ambientato prima della trama di Brotherhood, che racconta gli avvenimenti che hanno spinto Ezio a spostarsi a Roma.

Modalità Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

La modalità multiplayer di Assassin's Creed: Brotherhood, al momento disponibile solo su console, non è basata su server dedicati. La trama è abbastanza semplice: coloro che giocano sono in realtà dipendenti Abstergo costretti ad allenarsi per apprendere tramite osmosi le antiche tecniche degli Assassini rivivendo i loro ricordi. Sono giocabili 4 diverse modalità:

  • Ricercato: quella mostrata al Fan Day e presso altri eventi come il Lucca Comics and Games 2010. È una sorta di "tutti contro tutti" nella quale ad ogni persona viene assegnato un obiettivo da eliminare. Le cose si complicano in quanto il giocatore ha una preda da eliminare ma è nello stesso tempo preda di qualcun altro e deve evitare di dare nell'occhio. In caso di uccisione di un innocente si rimane senza obiettivo per alcuni secondi mentre uccidere la propria preda o stordire/scappare da chi ci vuole uccidere fa guadagnare punti. Più si sale in classifica, più aumentano le possibilità di essere obiettivo di qualcun altro.
  • Ricercato "avanzato": una versione con difficoltà aumentata del gametype precedente. Per esempio il radar è meno accurato e sarà più difficile e stimolante, di conseguenza, scovare il proprio bersaglio.
  • Alleanza: una modalità ricercato in coppie (tre team da due) in due turni.
  • Caccia all'uomo: partita in due turni in cui i giocatori vengono divisi in due squadre che si invertono a fine turno: una caccia, l'altra si nasconde. Il team che si nasconde guadagna punti restando nascosto (ad esempio buttandosi dentro mucchi di paglia o mimetizzandosi tra la folla), scappando o stordendo gli avversari. L'altro team ha il solo obiettivo di scovarli ed ucciderli.
  • Alleanza "avanzato": proprio come "ricercato avanzato" una versione con difficoltà aumentata del gametype "alleanza"
  • Caccia ai forzieri: modalità sbloccata con il DLC Animus Project 2.0, si gioca in due squadre che devono una conquistare e l'altra difendere i forzieri ubicati in tutta la mappa. È divisa in due round.
  • Assassinio: (Animus Project 3.0) Simile alla modalità "Ricercato". L'obiettivo è quello di identificare e uccidere i nemici e allo stesso tempo di non essere identificato da un altro templare.
  • Scorta: (Animus Project 3.0) Due squadre avversarie formate da 4 templari ciascuna: una deve scortare i due protetti fino a destinazione mentre l'altra deve uccidere i protetti senza farsi individuare.

Ci sono 14 personaggi utilizzabili più due acquisibili con l'acquisto della limited edition del gioco e uno sbloccabile tramite Uplay e altri personaggi che usciranno col nuovo contenuto scaricabile "La scomparsa di Da Vinci" che include anche delle nuove mappe per il multiplayer.

  • Il Monaco: Fra' Ristoro ha votato la propria vita alla devozione e alla povertà, ma non ha praticato né l'una né l'altra. Un uomo paranoico e pericoloso.
  • Il Cerusico: Malfatto si aggira per i quartieri più degradati di Roma e trucida tutti i poveracci che non stanno all'erta.
  • Il Masnadiero: il Lupo ha una lama studiata sui letali metodi degli Assassini e miete le sue vittime dall'ombra.
  • Il Nobiluomo: il nobile Silvestro Sabbatini è un delatore, deforme nel corpo e nella mente, che risponde solo a Cesare in persona.
  • La Cortigiana: gli straordinari talenti di Fiora Cavazza le hanno aperto le porte della cerchia di Cesare Borgia.
  • Il Barbiere: Baltasar da Silva, una spia dei Templari che si cela dietro le sembianze di un semplice barbiere, sa tagliare la carne meglio dei capelli.
  • Il Carnefice: Il Carnefice, un alleato naturale per i Borgia, ammazza suscitando il ruggito plaudente della folla.
  • L'Inventore: Gaspar de la Croix è un maestro armaiolo oltre che un tiratore esperto.
  • Il Capitano: Donato Mancini è uno dei migliori cavalieri di Cesare. Solo il suo ego riesce a superare la sua abilità.
  • La Trafficante: Lia de Russo fornisce ai Templari beni di contrabbando: uno dei migliori giri d'affari del secolo, in nome del quale ha mentito e ucciso ogni volta che serviva.
  • L'Arlecchina: Caha inganna le sue vittime grazie alle sue doti attoriali, per poi macellarle.
  • Il Fabbro: Auguste Oberlin diffonde la propaganda dei Borgia, spesso usando la testa del suo martello più che la propria.
  • La Ladra: A Roma, nessuna tasca e nessun chiavistello sono al sicuro dalle abili dita di Faustina Collari.
  • Il Grassatore: Lanz terrorizza Roma insieme alla sua banda brutale di ladri e omicidi, i Cento Occhi.
  • Il Mercenario: le straordinarie doti di Rocco Tiepolo avevano un prezzo e Cesare se le è assicurate pagandolo.
  • l'Arlecchino: Cahin inganna le sue vittime grazie alle sue doti attoriali, per poi macellarle.
  • L'Ufficiale: grazie alla sua uniforme nera, Teodor Viscardi si muove protetto dalle ombre, seguendo la sua preda. Deciso a proteggere l'ordine dei Templari ad ogni costo, non esita ad eliminare qualsiasi nemico. E la sua lista è fitta di nomi.
  • La Dama Rossa: Per Roma si aggira la Dama Rossa, una donna misteriosa, elegante e pericolosa, la cui arma è il suo fermaglio.
  • Il Cavaliere: Verulo Gallo, protettore di Roma, robusto, con una corazza resistentissima e con la sua anima gemella sempre accanto, la spada.
  • Il Reietto: Ilario Lombardi, uno degli uomini più ricchi e vanitosi, si aggira per le varie città d'Italia, con il volto nascosto dalla sua misteriosa maschera.
  • Il Marchese: Charles de la Motte sostiene il suo ego con una splendida spada.

Clan e Gilde[modifica | modifica wikitesto]

Nel panorama mondiale fin da prima della release ufficiale del titolo è sempre stato presente un forte interesse per la componente multiplayer di questo episodio, la parte più innovativa, e per il suo lato competitivo. Diretta conseguenza di questo è la nascita delle prime gilde e dei primi clan che, nonostante non supportati e previsti, si sono aggregati in piccole communities all'interno di forum e chat. I tornei e le clanwar, per il momento, sono autogestite e non hanno alcun supporto ufficiale ma Ubisoft si è già mossa in questa direzione con la release di un portale dedicato chiamato Assassin's Creed Network.

Censura[modifica | modifica wikitesto]

In Assassin's Creed: Brotherhood, la versione italiana, rispetto alla inglese, è meno volgare. Alcuni esempi di ciò, riguardano la moltitudine di parolacce pronunciate in italiano dai civili e dai personaggi nella versione inglese. Nella versione italiana esse sono assenti, o spesso sostituite con parole come "Diamine" o "Diavolo". Inoltre, se nella Sequenza 3 si interagisce con la statua di Altair nel presente, nella versione inglese Rebecca dirà a Desmond di essere un razzista, mentre in quella italiana gli dice semplicemente di essere stupido.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Limited Codex Edition[modifica | modifica wikitesto]

questi sono i contenuti per la limited di Assassin's Creed: Brotherhood:

  • La copia del gioco.
  • Lo scrigno Rinascimentale.
  • Un DVD del cortometraggio Lineage.
  • Una mappa di Roma
  • L'esclusivo Codex in pelle.
  • Due litografie esclusive.
  • Un DVD bonus.
  • Delle carte da gioco raffiguranti i personaggi della modalità multiplayer.
  • La colonna sonora.
  • 2 mappe esclusive per il Single Player: Giochi d'acqua e I Mercati di Traiano.
  • 2 esclusivi personaggi per il multiplayer: l'Arlecchino e l'Ufficiale.
  • 1 codice per sbloccare un'armatura chiamata Helmschmied Drachen per Ezio Auditore.

Questa edizione costa 89.90 euro per le console PlayStation 3 e Xbox 360 mentre la versione per Microsoft Windows costa 69.90 euro. La Limited Codex Edition è uscita sul mercato italiano il 14 novembre 2010 per Playstation 3 e Xbox 360, e il 17 marzo 2011 per Microsoft Windows.

Collector's Edition[modifica | modifica wikitesto]

Questa particolare versione è destinata al solo mercato americano mentre in Europa non sarà disponibile. Ubisoft ha svelato la Collector's Edition per Assassin's Creed: Brotherhood, completa addirittura di un pupazzo a molla che salta fuori dalla classica scatola quadrata. La confezione conterrà:

  • Disco di gioco.
  • Scatola con pupazzo a molla.
  • Codici per due esclusive mappe single-player (Aqueduct e Trajan Market).
  • Art Book.
  • Mappa strategica di Roma.
  • CD con la colonna sonora.
  • DVD con trailer, making-of e anteprima del fumetto di Assassin's Creed.

Auditore Edition[modifica | modifica wikitesto]

Questa versione è per il momento solo un'esclusiva americana, sebbene possa essere acquistata anche sul sito Ubishop italiano. L'Edizione consisterà in:

  • Disco di gioco.
  • Confezione olografica con il volto di Ezio ed effetto Animus.
  • Codici per una esclusiva mappa di gioco in singolo, ossia I Mercati di Traiano e per sbloccare un'armatura chiamata Helmschmied Drachen per Ezio Auditore.
  • Il DVD che riproduce il cortometraggio Assassin's Creed Lineage.
  • Carte dei personaggi utilizzabili nel Multiplayer Online in cui sono riportate tutte le loro caratteristiche, armi e storia.

Da Vinci Edition[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una sorta di edizione completa, quindi non limitata, che comprende tutti i personaggi per il multiplayer, le mappe per il giocatore singolo, tutte le missioni e i DLC rilasciati, compreso l'ultimo, ovvero "La scomparsa di da Vinci", che sarebbe stato reso disponibile su PS Store e Xbox Marketplace poco tempo dopo l'uscita di quest'edizione; il tutto sotto forma di contenuti scaricabili tramite codice.

Fan Day 2010[modifica | modifica wikitesto]

Ubisoft Italia ha organizzato un Fan Day esclusivo per promuovere questo videogame. Venti persone sono state selezionate tramite un contest email del sito ufficiale per prendere parte a questo evento della durata di due giorni (16 e 17 ottobre 2010) tenutosi a Monteriggioni, la città location del gioco dove la trama ha inizio. Sono stati organizzati dei giochi di ruolo attinenti al mondo di Brotherhood ed è stato fatto provare il titolo. Sono disponibili alcuni coverage dell'evento a cura dei presenti su GameSource, Inside the Netgaming, Lega Nerd, la rivista online Game e due blog.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante la storia principale, quando si incontra Leonardo Da Vinci, è presente un Easter Egg sulla famosa serie di videogiochi Metal Gear Solid. Compare infatti a terra una scatola di cartone molto simile a quelle usate dai protagonisti della saga per nascondersi dai nemici. Non è possibile raccoglierla o interagire con essa, ma risulta divertente vederla tra le strade di Roma, in quanto è allo stesso tempo anacronismo e cameo.
  • Tra le città in cui è possibile inviare gli assassini c'è Costantinopoli, città dove è ambientato il seguito Assassin's Creed: Revelations. Infatti nelle descrizioni delle missioni vengono nominati il sultano Bayezid II, che viene menzionato più volte nel gioco, e Piri Reis, un assassino ottomano che è uno dei principali alleati di Ezio Auditore.

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Assassin’s Creed: Brotherhood ha ricevuto valutazioni molto positive sia dalla critica italiana che da quella estera, in questo elenco i principali siti specializzati:

Pubblicazione Voto
GameInformer 9.25/10[15]
computerandvideogames.com 92%[16]
Gamesource.it 8.6/10[17]
Gameplayer.it 85/100[18]
Gamesurf.it 9/10[19]
EuroGamer 10/10[20]
Multiplayer.it 95/100[21]
Spaziogames.it 9,6/10[22]
RecensioniVideogiochi.it 9.5/10[23]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]