Anoressia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'anoressia (dal greco ἀνορεξία anorexía, comp. di an- priv. e órexis 'appetito') è la mancanza o riduzione dell'appetito, quest'ultima a volte indicata come iporessia. Si tratta di un sintomo che accompagna numerose e distinte malattie, ed è dovuto a diverse cause.

Comunemente il termine è spesso usato come sinonimo di anoressia nervosa, ma in realtà esistono molteplici possibili cause di una diminuzione dell'appetito, alcune delle quali potrebbero risultare innocue, mentre altre sono indice di una grave condizione clinica o comportano un rischio significativo.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Principali cause cliniche[modifica | modifica wikitesto]

"Miss A—” ritratta nel 1866 e nel 1870 dopo la cura. È stata uno dei primi casi studiati di anoressia nervosa. Da una pubblicazione medica di William Gull.

Da sostanze[modifica | modifica wikitesto]

Molecola Metilfenidato (Ritalin), l'assunzione può portare a perdita di appetito.

Altre cause[modifica | modifica wikitesto]

  • Eventi emotivamente stressanti possono portare ad un temporaneo disinteresse per il cibo
  • I primi segni della carenza di zinco nei bambini poco nutriti sono la crescita subottimale, l'anoressia e l'alterazione del gusto.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby's medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina