Amor mío (telenovela argentina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amor mío
Paese Argentina
Anno 2005
Formato serie TV
Genere sitcom
Stagioni 1
Episodi 160
Durata 60 min. ca.
Lingua originale spagnolo
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Ideatore Cris Morena, Romina Yan
Regia Tomás Yankelevich
Soggetto Lily Ann Martin, Alejandro Sapognikoff, Renato D´Angelo
Interpreti e personaggi
Fotografia Adrián Díaz
Produttore Cris Morena Group, RGB Group
Prima visione
Prima TV Argentina
Dal 9 marzo 2005
Al 9 novembre 2005
Rete televisiva Telefe

Amor mío è una sitcom argentina prodotta da Cris Morena Group e RGB Entertainment nel 2005.

Ha come protagonisti principali Romina Yan e Damian De Santo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia gira intorno ad Abril e Marcos, due persone con caratteri totalmente diversi. Lei è agitata, estroversa, allegra, mentre lui è amante dell'ordine, della tranquillità e di una vita organizzata. La convivenza non è facile e diventa peggiore quando entrambi cercano di nascondere l'attrazione che emerge tra di loro. I due si sono conosciuti durante il periodo dell'infanzia.

Ángeles, madre di Marcos, si innamora di Andrés, padre di Abril, dopo che entrambi hanno perso il proprio coniuge e si vogliono sposare. Questo succede anche tra Abril e Marcos. Ma per diversi anni, precedenti alla narrazione, i due si lasciano per prendere strade diverse.

Il destino però li riunisce, ma, adesso sono adulti. Alla lettura del testamento, poiché il padre di Abril è morto in un'incidente automobilistico ed entrambi ereditano un dipartimento; nonostante, ai due, non piaccia l'idea di lavorare assieme. Da qui, inizia la storia, con conflitti irrisolti e un passato comune.

Personaggi ed interpreti[modifica | modifica sorgente]

Principali[modifica | modifica sorgente]

Ha 26 anni, ritorna nel suo paese natale, Buenos Aires, dopo aver vissuto 8 anni negli Stati Uniti. Dopo la relazione finita male con Gustavo, in quanto quest'ultimo, proprietario di un ristorante, in cui Abril dava una mano, fino a che lei ha scoperto il fidanzato con una aiutante del posto e si sono lasciati. Per questo motivo, si vuole prendere una pausa di riflessione prima di ricominciare una storia d'amore. Nello stesso periodo, viene a sapere della morte del padre, Miguel, fotografo, e prende la decisione di ritornare nella capitale argentina, cercando di avviare una nuova tappa della sua vita.

Ha 32 anni, è un'ingegnere. Figlio di Andres. Si innamora di Abril, anche se è tutto l'opposto di lei. Ha studiato in una scuola militare come allievo. Ha un brutto rapporto con il padre, poiché Marcos considera il genitore colpevole dell'abbandono della madre. L'ambito militare è il luogo che lo ha consolidato nei suoi hobby e tradizioni. Ha iniziato la sua carriera d'ingegnere grazie a suo padre, ma, in realtà, non è la vera passione del figlio. Adora la routine, l'ordine e le regole. Nel suo lavoro, ha una brutta relazione con il suo capo, Donado.

Ha 50 anni, madre di Abril. È stata sposata con Miguel, ma, adesso prova qualcosa per il padre di Marcos, Andrés. La sua migliore amica è Ines. È egocentrica e preferisci occuparsi di se stessa invece che della figlia. Fa parte della classe media, anche se si considera un'aristocratica.

Ha 55 anni, padre di Marcos, ingegnere e cartografo; oltre che un'autoritario e severo militare. Lavora nell' "Istituto Geografico Militare". Si è sposato due volte, la seconda con Laura, con cui ha avuto una figlia, Violeta, il punto debole di Andrés. Sogna una fidanzata diversa, da Abril, per suo figlio. Viene definito razzista, poiché odia gli ebrei, quelli di colore nero e gli omosessuali.

Altri personaggi[modifica | modifica sorgente]

Ha 25 anni, migliore amica di Abril. Si conoscono dai tempi dell'asilo. Ama collezionare oggetti antichi. Durante l'evoluzione della storia si innamorerà di Felipe.

Migliore amico di Marcos. È proprietario di un bar, in un piano terra di una antica casa dove vive. Lui è donnaiolo e ingenuo. Durante l'evoluzione della storia si innamorerà di Vera.

Collega di Marcos e il suo principale avversario, sia nel campo lavorativo sia in quelle personale. Anch'egli è un'ingegnere ed è appena tornato dagli Stati Uniti dopo aver fatto una perizia in una prestigiosa università del posto. Lui è attratto da Abril. Ha una sorella di nome Gloria, ambiziosa come il fratello e di professione coreografa.

Ha 14 anni, è sorellastra minore di Marcos, figlia del secondo matrimonio di Andres. È una adolescente ribelle e maliziosa.

Capo, in campo lavorativo, di Marcos e Santiago. Fa tutto il possibile per non retribuire i suoi lavoratori, cercando anche di sfruttarli.

La segretaria di Donado. È innamorata di Marcos, però, sente che non è il tipo di uomo adatto a lei. La sua aspirazione è essere una mantenuta ed è delusa da Marco perché non fa valere i propri diritti.

Portinaia dell'edificio in cui vivono Abril e Marcos. Assolutamente indiscreta e pettegola. Più tardi nella storia svolgerà le pulizie in casa dei due, contribuendo alla loro riconciliazione. Soffre di cleptomania.

Migliore amica di Maggie e madrina di Abril. È la voce della coscienza che cerca di agire, sempre, con saggezza; ma non ci riesce. Nelle discussioni con l'amica, difende sempre la figlioccia.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

L'idea della serie nasce nel 2002, quando Cris Morena e Gustavo Yankelevich, rispettivamente la produttrice e il direttore della commedia, decisero di creare un'unitario, cioè una serie televisiva, ma, nel 2005 i due decisero di trasformarlo in una sitcom. Nel marzo dello stesso anno è stata presentata al pubblico, durante una conferenza, dove hanno preso parte il cast della serie.

Ha iniziato le trasmissioni il 9 marzo 2005, con rating di 25.8 diventando il programma più visto della giornata[2]. Nel luglio, la sitcom era la seconda più vista della televisione argentina di quell'anno, con 24.9 secondo i dati IBOPE, dietro a Showmatch, superando fenomeni come Casados con hijos e ¿Quién es el jefe?. Viene anche qualificato come unica sitcom argentina di quell'anno, cioè che non è un'adattamento ad altre serie, come è successo per le altre serie citate in precedenza[3].

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Dallo sceneggiato sono stati creati alcune versioni locali in altri paesi[4]:

Distribuzioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Paese Canale/i
Venezuela Venezuela
Rep. Dominicana Rep. Dominicana
Paraguay Paraguay
Messico Messico Canal de las Estrellas
Malesia Malesia
El Salvador El Salvador
Corea del Sud Corea del Sud Cartoon Network Giappone
Israele Israele

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

La serie ha ricevuto recensioni positive da parte dei critici, segnato anche dagli ascolti ricevuti. Secondo il quotidiano La Nación: "vicino allo stile di Son amores rispetto ad una sitcom a tutti gli effetti come La niñera, Amor mio, pare contare di più su un clima generale dove troviamo gags e situazioni varie. A suo favore la capacità, Tomas Yankelevich, sottolinea, in ogni sequenza, il dinamismo e la freschezza della storia"[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (ES) Personajes, telefeinternacional.com.ar. URL consultato l'8 settembre 2013.
  2. ^ a b (ES) Marcelo Stiletano, El eterno juego de los equívocos de comedia in La Nacion, lanacion.com.ar. URL consultato il 10 settembre 2013.
  3. ^ (ES) Verónica Bonacchi, La sitcom despierta in La Nacion, lanacion.com.ar, 21 luglio 2005. URL consultato il 9 settembre 2013.
  4. ^ (ES) Amor mio, telefeinternacional.com.ar. URL consultato l'8 settembre 2013.
  5. ^ (ES) Carlos Sanzol, La TV, cada vez más global, 19 agosto 2006. URL consultato il 9 settembre 2013.
  6. ^ (ES) Ternados para los Premios Clarín Espectáculos 2005 in Clarin, 23 novembre 2005. URL consultato il 9 settembre 2013.
  7. ^ In quell'anno il premio "Miglior fiction giornaliera" è stato vinto da Sin código e invece "Artista rivelazione" da Griselda Siciliani, come riporta questa fonte.
  8. ^ (ES) 2005 Aire, aptra.org.ar. URL consultato il 10 settembre 2013.
  9. ^ (ES) Premio Martín Fierro 05, solomardelplata.com.ar.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione