Amaryllidaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amaryllidaceae
Snowdrop Galanthus elwesii.jpg
Galanthus elwesii, bucaneve
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Amaryllidaceae
J.St.-Hil., 1805
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Generi

vedi testo

Le Amarillidacee (Amaryllidaceae J.St.-Hil., 1805) sono una famiglia di piante monocotiledoni collocate tradizionalmente nell'ordine Liliales, ma attribuite dalla classificazione APG all'ordine delle Asparagales[1].
Hanno distribuzione per lo più tropicale e subtropicale, la loro presenza nelle aree temperate è meno significativa. La famiglia è composta essenzialmente da piante bulbose che nella stagione sfavorevole trascorrono un periodo di riposo completo perdendo tutta la loro porzione epigea, fusto e foglie, così da sparire completamente alla vista. Sono piante vigorose che amano il pieno sole e che possono raggiungere anche grandi dimensioni: crescono bene in poca terra e hanno grandi e forti radici. In Italia sono comuni generi come il narciso e il bucaneve.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Fiore di Narciso. In evidenza la paracorolla gialla e i 6 pezzi fiorali bianchi

La famiglia comprende piante erbacee.
Il fiore è formato da due verticilli di tre pezzi ciascuno spesso con aspetto petaloide ed indicati come perigonio. Il gineceo è formato da un ovario infero formato dalla fusione di tre carpelli (tricarpellare) e con 3 logge (triloculare). L'androceo è costituito da 6 stami, carattere fondamentale per distinguerle dalle affini Iridaceae. Nella famiglia è frequente la presenza di una paracorolla cioè un prolungamento di tipo petaloide saldato (es. genere Narcissus, Pancratium e Hymenocallis) o libero. La paracorolla è generalmente colorata concolore o meno rispetto alla corolla. L'impollinazione è zoofila.
Il frutto è una capsula plurisperma.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Queste piante sono strettamente imparentate alle Liliaceae e il sistema Cronquist le attribuisce all'ordine Liliales. Tanto le Liliaceae quanto le Amaryllidaceae tendono ad immagazzinare sostanze nutritive in bulbi o altri organi sotterranei. La differenza tra le due famiglie sta essenzialmente nella posizione dell'ovario: nelle Amaryllidaceae l'ovario è infero, nelle Liliaceae è supero (si trova quindi in posizione chiaramente superiore rispetto al ricettacolo).

In passato, la famiglia comprendeva anche alcune specie che appartengono alle piante succulente, come per esempio l'Agave, ma che poi sono risistematizzate (attualmente, l'Agave viene considerata come membro delle Agavaceae).

La Classificazione APG II (2003) prevedeva la possibilità di raggruppare tutte le Amaryllidaceae all'interno della famiglia delle Alliaceae. Alcune prestigiose organizzazioni come la Kew society accolsero questa rimarchevole proposta.[2], ma si trattava comunque di un'opzione facoltativa. La Classificazione APG III ha invece proposto la soluzione contraria, ossia quella di conservare il nome Amaryllidaceae al posto di Alliaceae per designare la famiglia allargata nel 2003.

Le circa ottocento specie sono raggruppate in una sessantina di generi:

Usi[modifica | modifica sorgente]

La famiglia ha interesse ornamentale con i generi Hippeastrum, Clivia, Narcissus.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG II in Botanical Journal of the Linnean Society 2003; 141: 399–436.
  2. ^ Kew

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Chase M.W., Reveal J.L., Fay M.F, A subfamilial classification for the expanded asparagalean families Amaryllidaceae, Asparagaceae and Xanthorrhoeaceae in Botanical Journal of the Linnean Society 2009; 161(2): 132–136. DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00999.x.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]